Jump to content
News Ticker
Benvenuto su Autopareri!

JackSEWing

Members
  • Posts

    5,539
  • Joined

  • Last visited

3 Followers

About JackSEWing

  • Birthday 04/29/1986

Profile Information

  • Car's model
    Alfa Romeo Giulietta (2013)
  • City
    Busto Arsizio (VA)

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

JackSEWing's Achievements

HALL OF FAME

HALL OF FAME (8/8)

516

Reputation

  1. Per quanto mi riguarda, io avevo semplicemente auspicato che l'affare non andasse in porto. Posso continuare a votare?
  2. dai, per favore cerchiamo per una volta di non fare i Guelfi vs i Ghibellini trincerati gli uni contro gli altri. Io sono sempre stato un grande estimatore di marchionne e ho quasi sempre condiviso le decisioni della dirigenza FIAT da un decennio a questa parte. e anche la fusione con renault in se non sarebbe un problema. Io sto solo avanzando dubbi secondo me più che legittimi sulla presenza dello stato francese e delle sue istanze nell'accordo
  3. Ok, ma partendo dal presupposto che l'accordo vada in porto cosi come è configurato, come incastri la clausola "O si tutelano i miei lavoratori o non se ne fa niente" con l'impostazione di un qualsiasi piano industriale? Tradotto: se l'accordo nasce con la conditio sine qua non che, qualsiasi cosa succeda, gli stabilimenti francesi non devono essere toccati, quali possono essere le uniche mosse della dirigenza dell'ipotetico gruppo FCA-Renault in materia di investimenti e di eventuali ristrutturazioni?
  4. secondo me è inutile fare la conta delle azioni quando a monte di tutto ci sono le condizioni poste dal governo francese (il quale in sostanza afferma che il suo 15% PESA più del restante 85%) O Elkann rispedisce al mittente la proposta (cosa che auspico) oppure acconsente per puro calcolo personale (comprensibile, d'altronde è un uomo d'affari, non è ne un politico ne un filantropo) e quindi poi, chi vivrà vedrà. Unica certezza è che, qualora l'accordo dovesse andare in porto a queste condizioni, nascerebbe con una "piccolissima" distorsione delle regole del mercato e sinceramente veder in futuro chiudere o ridimensionare Melfi/Cassino non perchè sono anti economici ma solo perchè, per accordi presi SI DEVE dare priorità agli stabilimenti francesi, mi farebbe girare non poco i "cabbasisi" (cit) Una terza opzione è che il governo francese si piega ai voleri di elkann... scena che nella storia noi italiani abbiamo visto più o meno qui
  5. certamente, aspettiamo il mio commento era riferito qualora la cosa andasse in porto
  6. ecco la quadra sede operativa NAFTA LATAM ecc: Detroit sede operativa EMEA: Parigi sede legale: Olanda e fin qui, sebbene mi dispiaccia che torino venga scalzata da parigi, non ci sarebbero grandi problemi. Il guaio sono le clausole sull'occupazione (che riguarda esclusivamente gli stabilimenti francesi) e il posto nel CDA assegnato ad un rappresentante del governo francese, non controbilanciato in alcun modo dagli italiani. In pratica in quel di Parigi, la direzione di renault-FCA discuterà insieme a membri del governo d'oltralpe i piani industriali del gruppone in Europa, con relativa allocazione degli investimenti. Chissà mai cosa succederà...proprio impossibile prevederlo, guarda
  7. Basterebbe un accordo tra due aziende private che si muovono secondo le leggi del mercato, poi chi ha le gambe sta in piedi, chi non è in grado di stare sul mercato va KO e la nazionalità delle controparti diventa solo argomento di conversazione al bar "severo ma giusto" (cit) Ma fondersi con un'azienda parastatale che pone fin da subito come paletto il non toccare l'occupazione francese, vuol dire di fatto condizionare ogni scelta strategica e di investimento. Tutta la vita la fusione FCA Nissan con i franzosi lasciati alla finestra
  8. anche io voglio essere ripetitivo, il campanello d'allarme nell'accordo è suonato dalla presenza dello stato francese. Se FCA, ora come ora, dovesse chiudere in italia, lo farebbe sulla base delle leggi del mercato e quindi, sebbene triste e dolorosa, sarebbe una scelta giusta. Ma nell'ipotetica FCA/Renault una controparte ha già detto "va bene tutto ma i nostri posti di lavoro non si toccano e la direzione del gruppo deve essere in francia" Sono paletti che vanno a distorcere il sistema, il gruppo nasce già zavorrato
  9. è quello che succede quando da un lato hai un soggetto privato che legittimamente persegue i suoi interessi, mentre dall'altro uno stato, che altrettanto legittimamente, persegue i suoi. Solo che i due soggetti hanno concezioni di interesse profondamente differenti
  10. Ma è proprio questo il punto che ritengo negativo dal mio punto di vista "italiano", per quello che può valere (e cioè zero) Agli Agnelli importa essere gli azionisti principali della società, poi se il gruppone è a trazione francese a loro non interessa. Una bella Legion d'honneur appuntata al petto, cospicui dividendi a fine anno con cedoloni ogni tot, e via. I Francesi invece hanno obiettivi più ad ampio spettro e secondo me molto più paganti nel lungo periodo. Salvaguardare l'occupazione sul loro territorio e tenere le teste pensanti della nuova società a casa loro. Difatti non si parla di sede legale (che sarà probabilmente, come è ovvio che sia, olandese) ma di sede operativa. Poi magari tutto filerà liscio, stabilimenti italiani non toccati, politica sui marchi intelligente, tanti investimenti e tutti felici e contenti. La cosa che mi fa storcere il naso sono le condizioni di partenza dell'accordo, che sono distorte dalla scomoda presenza dello stato francese. Se pensiamo anche solo per un momento che i francesi, di qualsiasi colore politico, possano anche solo pensare di firmare un accordo che non tuteli il loro interesse nazionale ci sbagliamo di grosso.
  11. Oddio sempre perso... nel recente accordo Fincantieri-Naval Group hanno ottentuto condizioni incredibili facendo carta straccia di accordi già firmati e infilandoci dentro il loro colosso della difesa (Thales) a discapito di Leonardo. Non hanno "vinto" ma hanno comunque ribaltato le carte in tavola a loro favore strappando un più che dignitoso pareggio (che può diventare una vittoria colossale nel tempo se noi italiani non riusciremo a riequilibrare la presenza di Thales nell'elettronica e nei sistemi d'arma delle future navi) Ora vogliono di fatto creare un colosso a evidente trazione francese (a partire dalla composizione del board e dalla location della sede) imponendo alla controparte garanzie contro le leggi del mercato che non possono in nessun modo essere riequilibrate, visto che FCA è un soggetto completamente privato e sovra-nazionale
  12. ok, ma questo è un qualcosa che riguarda gli Elkann (a cui basta essere azionisti di maggioranza della società) mentre dall'altra parte c'è un soggetto istituzionale che ha già posto dei vincoli ben precisi riguardo all'occupazione sul suo suolo nazionale. Se ci sarà da tagliare in EU, dove mai si taglierà? E' una fettina molto scomoda quella in mano al governo francese, per quanto potrà essere diluita a livello percentuale sono comunque in posizione di forza per dettare condizioni nelle scelte strategiche
  13. A me preoccupa proprio l'assetto societario di una ipotetica FCA-Renault. Le fusioni al 50-50 non funzionano mai (maglionne stesso lo sosteneva) e necessariamente secondo me si dovrà procedere ad una acquisizione per fasi, in stile FIAT Chrysler, in cui si parte con una partnership per poi arrivare anni dopo all'inglobamento della controparte debole in quella più forte. E con lo stato francese da una parte e la famiglia agnelli dall'altra non ho nessun dubbio su chi sia la controparte debole in questo matrimonio. PS chiedo scusa se sono considerazioni già fatte nelle pagine precedenti (non ho avuto tempo di leggere tutta la conversazione)
  14. un interessante articolo di RID sui Typhoon tranche 1 RAF http://www.portaledifesa.it/index~phppag,3_id,3025.html notare i seguenti, amari, passaggi (utili anche per capire determinate scelte nostrane) IX (B) Sqn è il quarto reparto TYPHOON della base scozzese, ed il settimo Sqn di linea della RAF equipaggiato con il caccia europeo (a cui si aggiungono il 41 Sqn come Operational Evaluation Unit e il 29 Sqn come Operational Conversion Unit). La sua formazione è stata resa possibile dalla decisione, presa nella Defence Review del 2015, di mantenere in servizio una parte dei 52 “vecchi” TYPHOON Tranche 1 in organico, così da avere abbastanza velivoli da formare 2 squadroni aggiuntivi. In precedenza, con i tagli del 2010, si era deciso di ritirare tutti i Tranche 1, stante l'impossibilità di retrofittarli allo standard Tranche 2 o superiore. Stante l'impossibilità di installare il METEOR sui Tranche 1, questi continueranno ad impiegare l'AIM-120 AMRAAM. Sembra che la limitata capacità aria-suolo dei Tranche 1 andrà invece a scomparire: al momento possono impiegare pod LITENING III e bombe Paveway II, con le seconde che però potrebbero lasciare il servizio attivo con la RAF già l'anno prossimo. Le ben più moderne e capaci Paveway IV non sono infatti compatibili con i Tranche 1.
  15. perchè considerare "tolti" quelli in USA? sono comunque operativi, in caso di necessità possono essere richiamati in patria senza problemi
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.