Jump to content

PaoloGTC

Utente Registrato Plus
  • Posts

    10,564
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    28

Everything posted by PaoloGTC

  1. Fra questa e certe Ferrari, in mezzo stan le Bitter
  2. Stessa cosa che penso della mia GTC. E' diventata vecchia quando la generazione successiva si è presentata tonda e cicciona in stile Insignia, ma con tutto l'insieme di tagli e spigoli che è venuto fuori oggi nel mondo del design automobilistico, sembra più adatta al circolante oggi che 10 anni fa Se non si fosse mai vista prima e la presentassero oggi la venderebbero Riguardo le plastiche o dettagli come la strumentazione non ho nulla da dire, a me non è mai andata giù quella consolle centrale un po' a uovo di Pasqua. Ma io sono terribilmente tradizionale per quel che riguarda lo stile dei cruscotti, tanto che ho citato la plancia del Coupè come la più bella in assoluto e che vorrei vedere ancora oggi sull'auto che comprerò un giorno. Amavo la plancia di Astra F così come amavo (e amo) le plance Bmw di E30, E46 e via dicendo. Già mi fecero incazzare quando levarono quella della E30 per fare la monobocchetta di E36. Per inciso per me è brutta pure la consolle della GTC che ho, che sembra un frigo, anche se incredibilmente con tutto ciò che è venuto fuori negli ultimi anni come design d'interni, con quel grosso schermo sopra le bocchette oggi la plancia di Astra H sarebbe attualissima Tutte le foto fan parte del materiale divulgato ufficialmente da Fiat alla presentazione di B&B e pubblicato da A&D nella design story. Ciò non toglie che certe idee scartate siano state sicuramente riutilizzate in seguito...
  3. Ecco la tre porte. Aggiungo inoltre: - la tre porte Italdesign (il frontale è diverso.... non so se Giugiaro avesse proposto di realizzare due frontali differenti per 3 e 5 porte oppure avesse semplicemente usato le due maquettes per mostrare due idee, delle quali poi ne sarebbe stata scelta una) - la tre porte CS Fiat proposta in questo confronto di inizio '92 in cui la 5 porte aveva la fanaleria "classica" vista sopra: ad inizio anno la proposta del CS era questa. La maquette della Bravo come l'abbiamo conosciuta arriverà nell'autunno di quell'anno - studi del CS Fiat sulla 3 porte risalenti al 1991.
  4. Le vetture sullo sfondo sono altre proposte: per quella presentazione del 1992 furono costruite tantissime maquette in scala reale. Infatti come ho scritto secondo me globalmente non lo era affatto. Semplicemente si poteva fare di meglio riguardo la grafica del posteriore. La stessa Croma (ben più vecchia e sulla strada davanti agli occhi dell'uomo della strada tanto quanto la Tempra negli anni '90) vista da dietro era risolta meglio. Tante vetture della sua categoria e della sua epoca erano risolte meglio nella vista posteriore, a partire dalla cugina Dedra. Vista a 360 gradi comunque non era affatto un'auto orribile. A volte basterebbe poco.. è un po' il discorso della Duna. Va bene che l'innesto di un terzo volume su una vettura squadrata e dalla larghezza studiata per una compatta di 3,6-3,7 metri circa non sarebbe stato cosa facile per nessuno (ricordiamoci che l'ha fatta Giugiaro che non era esattamente l'ultimo degli scemi) ma quel piattume posteriore e quei fari verticali ai lati di un lamierato interrotto solo dal pulsante per aprire lo sportello erano la mazzata finale. Dei fari più contenuti in altezza e più larghi, magari con due porzioni sul portello unite da un pannello portatarga nero in stile Croma potevano già migliorare la situazione. I dettagli fanno... non sono solo i volumi a far bella o brutta un'auto. Prendi una Vectra 1.4 GL base con i faretti colorati ed il pannello portabagagli vuoto, in lamiera. Poi prendi una 2000 16v con i fari fumè ed il pannello portatarga scuro. Cambia.
  5. (guarda questo che si leva la possibilità di dargli il like e tocca fargli un messaggio con le faccine... uè Principe??!!)
  6. Quello andato in produzione resta indubbiamente il migliore, ma debbo dire che il frontale della Giugiara non mi sarebbe dispiaciuto. Più standard ma non male, elegante. Avrei invece accettato di buon grado una Brava (per il resto per me molto bella) con una fanaleria più classica come quella della maquette. Scusa Nicketto, ma a me quelle sei banane sul comò non sono mai andate giù Sempre a titolo moooolto personale, spero nessuno s'offenda, ma di Bravo & Brava avrei rivisto da zero la plancia. De gustibus, maa.. in quegli anni Fiat ha messo in produzione la plancia per me più bella di tutta la storia dell'auto (quella del Coupè) e anche la più brutta. (vorrei dire che per me è una cosa orrenda ed inguardabile anche quella della 75... ma non voglio morire oggi )
  7. Ricordavo addirittura 0.28 per Tempra, magari mi confondo. Tornando alle curiosità Fiat (spero di non postare cose già viste di recente... andare indietro a rivedere pagine e pagine tra banner vari e lentezza della mia linea mi fa venire l'orticaria)... - una Brava più "moderata" (gennaio 1992) - la Brava di Giugiaro (idem) - la Brava di chi aveva fatto la Tipo (idem)
  8. A mio parere il bozzetto cui fa riferimento Abarth03 (penso soprattutto al secondo che ha quotato) lascia intendere anche un bagagliaio leggermente più lungo e di altezza più contenuta. Inoltre non sappiamo se la soluzione scelta per i fanali posteriori avrebbe potuto essere la stessa oppure un'altra. Secondo me Tempra era una bella vettura fino al terzo vetro laterale (che era secondo me molto ben disegnato). Poi esagerava con l'altezza del bagagliaio ma soprattutto aveva una vista posteriore grossolana, poco ricercata. Due grossi fari rossi piazzati lì a fare family feeling con la Tipo (lo fecero anche sull'Ulysse) e un portatarga piuttosto grezzo. Ci sarebbe da accanirsi anche su quella stupida marmitta ma ora non stiamo guardando quello... penso si potesse fare meglio nella finitura del posteriore. Probabilmente le grandi dimensioni di fanaleria e portatarga furono un tentativo di riempire bene un volume lamierato enorme... l'alternativa poteva essere farla con qualche centimetro in più di bagagliaio (si fermava a 435 mentre Vectra ad esempio andava fino a 443) e con un'altezza più contenuta dello stesso. Il problema è che senza terzo vetro sarebbe stata un'altra Dedra, con il terzo vetro un'altra Vectra, la quale a detta di moltissimi, pur essendo abbastanza asettica perchè Opel l'aveva fatta pensando soprattutto all'efficienza aerodinamica, era più bella della Tempra. La stessa 155, che se osserviamo bene è la più simile a Tempra per volumi, senza terzo vetro e con altre soluzioni riguardo fanaleria e portatarga, è per me più bella della Tempra al posteriore. Sicuramente non è un capolavoro manco lei, ma è già meglio della torinese. Curioso comunque notare come ai tempi avesse colpito positivamente quel bagagliaio così alto e se vogliamo un po' shoccante, al punto da far sorvolare ampiamente su mancanza di finezza o altro. Le riviste dei tempi che ogni tanto sfoglio sono tutte piene di titoli che la definiscono la Fiat più bella di tutte. Secondo me molte rivali erano più carine: lasciamo stare la solita Vectra perchè io sono di parte e anche la Passat del 1988 che presa berlina a mio parere era una discreta cassapanca pure sproporzionata... ma ad esempio - e andiamo a parlare di una vettura che in quanto a bellezza non è stata secondo me celebrata a sufficienza - la 405 era un'altra cosa. Va bene, vinceva facile perchè (senza andare a scavare nei meandri Pinini sul perchè e percome) somigliava ad un'ammiraglia italiana molto riuscita... ma la 405 era una bellissima vettura che oggi è praticamente dimenticata.
  9. La seconda immagine che posto oggi invece non è esattamente una pubblicità, ma è comunque legata al ricordo di un evento pubblicitario che tantissimi di noi ricordano. La voglio condividere perchè è secondo me decisamente curiosa e mi ha fatto sorgere una divertita domanda che poi lascerò come chiusura. Dunque... come dicevo moltissimi di noi conoscono l'espressione "Porte Aperte" e la utilizzano quando parlano del fatto che nel tal weekend ci sarà il concessionario della tal marca aperto per presentare il tal modello. Questa espressione è oggi di uso comune, tanto come la parola "ferodi" quando si parla di freni (dalla marca Ferodo) oppure, nel gergo dei meccanici con i capelli bianchi, il definire "fispino" il filtro benzina (perchè negli anni '60-70 una delle marche italiane più famose a produrli era la Fispa). Questo "Porte Aperte" come molti di voi sapranno arriva dal celebre "Porte Aperte alla Renault", iniziativa nata all'inizio degli anni '80 per volere di Renault Italia ed in collaborazione con Gente Motori (le famose chiavi per provare a vincere la vettura). "Porte aperte" quindi sembrerebbe oggi una definizione di uso comune, nata all'inizio degli anni '80 per battezzare i weekend di apertura di una certa Marca di automobili. Andando a ritroso, sembrerebbe che nasca tutto lì. Però. L'altro giorno sfogliavo un numero di una rivista degli anni '60, che si chiamava Automark3; non so quanti di voi la ricordino, perchè credo sia sparita durante la decade successiva. Ne ho parecchi numeri in archivio, ma i più "recenti" si fermano infatti al 1971. Sul numero che stavo sfogliando c'era un articolo che raccontava di una visita agli stabilimenti Renault da parte dei giornalisti del suddetto mensile, con particolare attenzione alla linea di produzione della R16. Bene: la curiosità quale sarebbe? La vedete qui sotto. Questo articolo era intitolato (siamo nel marzo del 1969) "Porte Aperte alla Renault". La domanda finale quindi è: MA DA QUANTO TEMPO ESISTE L'ESPRESSIONE "PORTE APERTE ALLA RENAULT"?
  10. Credo che in certi posti quella discutibile maniera di gestire queste cose (parlo dei prototipi messi via ora, non del modo in cui hanno messo giù l'HUB) non cambierà mai. Bisogna purtroppo tenere presente che chi lavora con queste cose non sempre ne è appassionato come noi che ne stiamo fuori e le seguiamo; per parecchi di loro è semplicemente lavoro e quindi gettano oggetti che noi amiamo come in altri posti ne gettano altri di cui non ci importa nulla. Onestamente, non mi cambia la giornata vedere, che so, che la Sony rottama i prototipi di televisori fantascientifici mai messi in produzione, perchè la TV per me è un elettrodomestico. L'auto invece mi tocca certe corde e vedere certe cose mi fa male. Loro vedono le auto che non sono state prodotte semplicemente come roba da gettar via ad un certo punto. Fosse per noi sicuramente sarebbe molto diverso, ma perchè amiamo l'automobile. Molti di quelli che ci lavorano la vedono come... un televisore o un frigorifero. Ad esempio io avrei salvato, almeno, un esemplare di quelle automobili che sono arrivate ad uno stadio di progettazione così avanzato da finire su strada con una carrozzeria completamente definita anche se destinata al cestino: ad esempio l'Unone che ha preceduto la Tipo, oppure la cosiddetta Bino che ha preceduto la Punto... ma è una mia visione personale, perchè amo queste cose e ho seguito da vicino (anche se da lontano) questi progetti. Idem per i prototipi di 164 con la carrozzeria di Cressoni. Ne avrei tenuto uno. Capisco però che facendo parte in qualche modo di un board aziendale e manifestando questo desiderio mi sarei scontrato con qualcuno sopra di me che mi avrebbe detto "e perchè dovremmo? E' solo uno studio che non è andato in produzione, non fa parte della storia conosciuta della Casa".
  11. Esatto, intendevo proprio quella. Domanda rivolta a chi c'è già stato... ma dell'epoca Tipo/Tempra/Dedra c'è qualcosa? Esemplari nuovi messi via ai tempi (come le 75 rosse ad Arese), speciali, conservate, maquettes? Nulla?
  12. Stavo osservando ora con un po' più di tempo tutte queste bellissime foto ed in effetti, come spesso accade nei lavori del Gruppo mi vien da dire "bene ma non benissimo". Non per criticare sempre il lavoro altrui, perchè comunque tutto ciò è "tantissima roba" se penso a ciò che è accaduto in passato, e poi perchè c'è sempre tempo per migliorare un progetto che in fondo è abbastanza giovane. Però.... si poteva fare quel "trentuno" che ci manca tanto quando vediamo che si son fermati al "trenta". In certi punti mi sembra di vedere un filo logico, in altri è come se certi pezzi non sapessero dove metterli e come abbinarli, ed abbiano optato per la "paracula" soluzione della miscellanea. La cosa più triste per me è che manchino delle descrizioni, delle spiegazioni. Quella Thema grigia (che mi pare di vedere sia correttamente esposta insieme ad altre Thema) base base è una Thema molto molto particolare, che meriterebbe una descrizione lì a fianco, perchè altrimenti per chi non sa essa passa per una Thema "qualunque", e non lo è affatto (se è quella che dico io... mi pare di sì). Tornando un attimo alla Pandamurai, ecco un paio di foto scattate ai tempi, per mostrare che c'erano più varianti di questa fuoristradina. Curiosamente, quella in livrea più "militare" conserva maggiormente la fisionomia Panda, con una portiera identica a quella della versione base. La bianca, invece, ha un altro sviluppo dell'abitacolo, con un parabrezza e dei finestrini più alti e un longherone più corposo che porta verso l'alto la soglia della portiera. Forse, a colori invertiti, avremmo potuto definire la prima la versione civile e la seconda quella militare... oppure erano semplicemente due varianti allo studio, oppure ancora la prima è solo un embrione e la bianca invece rappresenta ciò che sarebbe stata se messa in produzione. Chissà. Non ho mai capito se avessero scelto una certa zona dell'Emilia per i collaudi, oppure ci fosse qualche collaborazione con un'azienda del posto riguardo questo progetto, ma molti dei prototipi sorpresi durante i collaudi (non questi due, che sono chiaramente a Torino per chi conosce i background delle foto-spia Fiat) erano in targa prova BO (vedi terza foto). Infine, parlando di piccole arrampicatrici Fiat mai arrivate sul mercato, da ricordare anche questo scricciolo fotografato da Gente Motori negli anni '80 (ricordavo nella seconda metà della decade, ed infatti vedo ora che nella prima foto sta passando di fianco ad una Croma nel piazzale di stoccaggio del prodotto finito).
  13. Sarebbe un discorso interessante da approfondire, primo perchè la Pandamurai è esistita in varie versioni (i prototipi erano assai diversi fra loro e non solo per via di parti provvisorie o camuffate... c'erano differenze strutturali proprio) e poi perchè se non ricordo male si parlava di una versione per le nostre Forze Armate. Appena trovo le foto metto qualche esempio.
  14. Che poi c'è... perché quando siamo andati con la Limited per il dossier R5 anni fa abbiamo mangiato in un signor salone da pranzo... nelle cascine di fronte alle officine sono già ben attrezzati.
  15. Mah io penso che finchè ci sarà 4R ci sarà anche la pista... è il classico elemento che in una gestione ti dà dei costi ma anche dei ricavi... se lo lasci andare tagli i primi ma perdi i secondi.... e finchè ci sono certi sponsor che... apprezzano... non credo sia in pericolo. Sicuramente a mio parere potrebbero sfruttarla meglio tramite RC. Vedo che negli ultimi anni nel settore epoca hanno organizzato, sotto la gestione Giudici, diversi eventi dedicati all'audience in occasione di Fiere come quella di Padova (se non erro... Padova o Milano? O entrambe? Boh)... beh perchè aspettare le fiere? Un mese organizzate con tutti i Renaultisti, un mese coi Peugeottisti, un mese coi Mercedesisti... e bla bla. Siete anche comodi che in Lombardia di auto d'epoca ce ne sono fin sopra le orecchie... non rischiate di non vedere nessuno ai cancelli perchè devono venire tutti da Catania...
  16. Uh la Pandamurai quanto ha girato su strada ai tempi, quanti prototipi di vari colori e quante pagine di scoop... poi nulla. Ricordo che ad un certo punto una rivista (forse Auto Oggi ma non sono sicuro) pubblicò una scheda completa con tutti i dati e le prestazioni, e addirittura il prezzo al centesimo. Mai capito se se lo fossero inventato di sana pianta (ma mi sembra strano spingersi così in là, anche perchè Fiat ed Auto Oggi avevano già "dialogato" in maniera aggressiva in precedenza per vari motivi) oppure questa vettura fosse arrivata così vicina all'essere messa in vendita da avere anche un prezzo ben definito e che fosse scappato fuori da qualche parte.
  17. La pista costa ma che io sappia negli ultimi anni è stata anche un reddito perchè quando aveva iniziato ad essere pesantuccia nei conti (se non erro) erano passati all'affittarla alle Case nelle occasioni in cui avevano bisogno di fare "delle robe" (Audi - ma va'?- e Citroen son le prime due che mi tornano in mente) Che poi non è certo un discorso sballato, perchè va bene che una rivista abbia il pistino tutt'altro che ino per fare le sue prove ma nell'arco di un mese di realizzazione di un fascicolo, per quanto possa essere utilizzata per ciò che andrà in stampa, ci saran stati anche dei bei tempi morti in cui rotolava il classico cespuglio dei western. Non avevano fatto poi diversamente a Balocco dando la possibilità ad Automobilismo d'Epoca (per citare un altro mensile che diventa sempre più sottile e sempre più caro e sempre più fermo in edicola, di conseguenza) di fare i suoi raduni e ad Auto di fare i suoi tempi sul giro. Di certo non la davano gratissss.
  18. Allora... a questo punto... resto io con il mio scanner. Va' che mi parte il bisnes stavolta. E finisco in tribunale 🤣
  19. Il listino 4R secondo me oggi è ingombrante e anche piuttosto inutile... ha ancora senso andare a leggere i prezzi e le caratteristiche delle auto se poi le possiamo configurare su internet, vederle nei vari colori ed allestimenti, motorizzazioni, e soprattutto, ha ancora senso leggere prezzi che tra campagne, finanziamenti, sconti, km zero, non sono mai quelli da cui si parte o a cui si arriva stando seduti alla scrivania con il venditore? Mio padre nel 1991 comprò una Vectra 1.4 GLS che 4R dava per 20.464.000 Lire, ed il prezzo in concessionaria era quello. A cosa mi serve oggi leggere quanto costa un'Astra 130cv se poi devo confrontarmi con l'offerta del mese, la campagna tal dei tali, lo sconto si no ma boh, lo sconto solo se finanzio e quanto mi costa il tutto se finanzio... è tutto un altro mondo che scopro solo quando vado a sedermi là. Il listino potrebbero tranquillamente toglierlo. Una bella idea sarebbe quella di ristampare in toto i vecchi numeri, basterebbe digitalizzarli (non so se abbiano continuato a farlo negli ultimi anni, ma ricordo che a cavallo del millennio uscirono i CD di alcune annate... quindi la cosa è fattibile) e ovviamente sostituire le vecchie pubblicità (che sarebbe bello rivedere anche quelle, ma per i millemila catzo di motivi burocratico-economici-stapippa non si può) con altre attuali. Tutto come una volta, copertina compresa. Senza partire da un anno preciso, perchè dovresti scegliere se partire dall'inizio e perderesti per anni quelli che aspettano i numeri dell'84; scegliendoli magari in base a quel che sta in copertina, che ai tempi era l'auto del mese e oggi potrebbe compie gli anni, per dirne una. Siamo nel 2022, tot vetture compiono gli anni, a partire dall'Alfetta. Bene: ristampa i numeri con l'Alfetta in prova e/o in copertina (perchè c'è la presentazione). Li metti a 5 euro (non hai bisogno di chiederne 24, non devi muovere il centro prove e tutto l'ambaradan, devi solo scannerizzare e stampare, un numero di 4R te lo scannerizzo io in una giornata con il mio scanner da 50 euro comprato 12 anni fa.. sveglia!) e lo vendi... perchè mica tutti perdono la domenica ai mercatini dell'antiquariato (dove spesso un 4R del genere non lo paghi mica più 5 euro). Però.... però bisogna aver voglia di fare le cose.
  20. Lo spunto con cui era partito Auto Italiana era quello giusto, dimostrare che in mezzo al digital c'era ancora lo spazio per del cartaceo fatto bene, che andasse là dove il "guazzabuglio moderno" veloce aveva trovato la dimensione di Al Volante a 1-2 euro perchè la massa guarda due foto e due prezzi. Infatti Auto Italiana l'ho comprato, lo letto e collezionato con estremo piacere ed è stata l'unica rivista che è entrata negli ultimi anni in questa caverna piena di carta che sta per scoppiare e che parte dagli anni '50, a parte 4R e RC che ho continuato a comprare per curiosare un po' e per motivi di collezione. E' l'unica per cui sono dispiaciuto nell'apprendere che sparirà. Per il resto... l'auto che noi abbiamo amato (l'età media del forum non credo certo sia 15 anni, per cui veniamo più o meno tutti dallo stesso posto...) è finita. Era ovvio che prima o poi la carta la seguisse. Ho sempre pensato, riguardo le dinamiche Domus, che non fosse il caso di creare uno spin-off dedicato alle youngtimer. Come ha detto Tony, certe auto sono state trattate fino alla nausea, mentre altre col passare del tempo si aggiungono perchè invecchiano (e molte si aggiungeranno proprio perchè l'auto che abbiamo conosciuto è finita); capisco che RC aveva lo scopo di continuare a raccontare anche gli anni '30 perchè altrimenti qualcuno poi si sarebbe arrabbiato se ogni tanto non spuntava una Lambda o una 6C, ma bisogna anche ammettere che col passare delle generazioni questa fetta dell'audience si fa sempre più ristretta perchè ahimè la gente se ne va... e la prova ne era (secondo voci da edicole che frequento da anni) il tangibile il calo di vendite quando in copertina e negli occhielli c'erano troppe "troppo vecchie", mentre saliva di botto se c'erano auto dagli anni '70 in avanti. Senza voler mancare di rispetto alla Storia dell'Auto, evidentemente il mondo va avanti e l'audience si modifica. Ben per quello un giorno gli sarà venuto in mente di creare una testata che parlasse di ciò che stava iniziando a tirare (parecchio) di più. Però a quel punto stavi cercando di vendere due riviste invece che una, che già vendevi a fatica. Conosco parecchi che quando è uscito Youngtimer hanno smesso di comprare RC, dato che lo compravano perchè da un po' li stava facendo contenti mettendo su roba young. Io ho letto sempre tutto, ma credo di rappresentare parecchi se dico che davanti alla scelta di andare ad un raduno di Lambda o a uno di Thema/Delta/164 ecc. vado al secondo. Hai fatto lo spin-off, hai segato parzialmente le gambe alla rivista madre. Adesso torni indietro. Mio modesto parere, si poteva fare una cosa: mettere RC "sul pezzo" evitando di creare Youngtimer perchè a mio modo di vedere è un po' forzata questa divisione fra classiche e young... sono auto d'epoca. Punto. Per le super-vecchiette, si poteva scegliere di fare ciò che faceva AUTO negli anni 80-90: anticipazioni, novità, prove verità, le supercar vabbè era cosa loro ed oggi non è più un tema, e poi alcune pagine sulle classiche. Su ogni numero di auto c'era una vecchietta. Queste vecchiette le trasportavi su 4R e indirizzavi RC su un cammino più vicino al mondo che va avanti ed ogni anno annuncia che un tot di auto è diventato d'epoca. In fin dei conti, hanno già cercato di rimembrare i tempi andati anche sull'attualissimo 4R con queste prove comparative tra il modello moderno e quello di una volta. Son comunque discorsi tanto per, perchè son convinto che ormai tira di qua tira di là ma l'ora del cartaceo è scoccata. Son contento di aver collezionato di tutto e di più negli anni in cui valeva la pena. Sono memorie che restano lì, come l'amore per un'auto che non c'è più.
  21. Verissimo, c'è molto di Giugiaro, anche se così "a pelle" lo stile del figurino non mi sembra quello delle "mani" Italdesign. Inoltre, la proposta per Clio che viene a lui accreditata è assai diversa, una specie di primordiale Punto situata più negli anni '80 che nei '90. Chissà... purtroppo non conosciamo l'autore (designer singolo o studio) di quel bozzetto.
  22. Nice stuff Max! I see you are doing something finally Turbogimmo, you should change your signature because after 9 years it seems they didn't sell Cherokee "a secchiate" Tornando all'italiano e alle avventure di 145-146 prima di essere 145-146, abbiamo da aggiungere alla lista questa maquette, conosciuta come proposta per il progetto 433 da parte di Pininfarina. Questa 433 faceva coppia (e il frontale lo dice chiaramente perchè ha avuto modo di vedere la sua sorella sul libro di Fumia) con la proposta 434 che egli aveva realizzato dopo la 164: la cosiddetta "Albertina" (chè 164 era conosciuta, come sanno anche i sassi, come "Alberto" - ALfa BERlina TOrino). Riassumendo: sul libro di Fumia si vede la 434 a tre volumi, dalla design story di 145-6 spunta anche questa 433, che praticamente fu messa in concorrenza con la 433 del CS Alfa, ossia la maquette spigolosa/futuristica vista poi in pessime condizioni al Portello. Entrambe ovviamente furono cassate. Questo frontale è molto simile alla 434 di Fumia, ma non so chi l'abbia realizzata in Pininfarina, perchè Enrico nel libro non ne parla. Non ho bene idea di come si sviluppasse quel triangolo nero che si vede in coda (purtroppo non abbiamo la vista posteriore): forse una porzione vetro/tetto nero con attacco del portellone avanzato come poi ebbe 145? Chissà. Dovrei chiedere ad Enrico se si ricorda di questo "coso" e del suo autore. Tornando ora invece agli studi che prevedevano l'utilizzo del solo pianale Tipo, senza carry over, abbiamo anche questa proposta che si ricollega al discorso precedente, cioè alla soluzione del portellone con attacco avanzato. Ci fu infatti anche questo studio che inseriva nel progetto l'idea di un tipo di apertura simile a quello che poi ebbe 145. Per concludere il passaggio di oggi, una proposta (sempre del CS Alfa) per la variante fastback, che personalmente non getterei nel cestino. Il tutto è abbastanza spigoloso, la cintura che sale sul montante posteriore fa molto "33" ma tutto sommato la trovo anche migliore di altre cose viste negli ultimi giorni.
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.