Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuto su Autopareri - il forum dell'automobile!

Search the Community

Showing results for tags 'elettronica'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Autopareri Answers
    • Autopareri On The Road - Emergency while driving
    • Consigli per l'Acquisto dell'Automobile
    • Riparazione e Manutenzione dell'Automobile
    • Assicurazioni RCA - Contratti e Finanziamenti - Garanzie
    • Codice della Strada e Sicurezza Stradale
    • Tecniche e Consigli di Guida
  • Scoop e News about cars
    • New Car Models
    • Rumors and Spies Cars
    • Funzionamento della sezione Novità ed Anteprime
  • Mondo Automobile
    • Prove e Recensioni di Automobili
    • Tecnica nell'Automobile
    • Mercato, Finanza e Società nel settore Automotive
    • Car Design e Automodifiche
    • Vintage Car​
  • Case Automobilistiche
    • Auto Italiane
    • Auto Tedesche
    • Auto Francesi
    • Auto Britanniche
    • Auto del resto d'Europa
    • Auto Orientali
    • Auto Americane
  • Mondo Motori
  • Mobility
  • Off Topic on Autopareri
  • Il sito Autopareri
  • Venditori Convenzionati

Product Groups

There are no results to display.

Blogs

  • Autopareri News

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


Car's model


City


Interessi


Professione


Biografia


Quotes


Website URL


Facebook


Twitter


YouTube


Skype


AIM


ICQ

Found 4 results

  1. Buongiorno a tutti, bellissimo forum, sono sicuro che trovero' le risposte alle mie domande! Sono chiamato a fare una ricerca/tesi di approfondimento sul tema di utilizzo di fili di rame smaltati (ovvero fili di rame ricoperti di uno smalto/lacca che ne permette l'isolamento) nelle automobili. Quello che ingenuamente viene subito in mente a me, ingegnere industriale e non elettrico, sono vari avvolgimenti che possono essere presenti in macchine come l'alternatore e lo starter di avviamento. Corretto? Vi sono altri utilizzi nell'auto "tradizionale" (non elettrica/ibrida) che mi sfuggono? Parallelamente il mio obiettivo e' anche quello di fare una ricerca piu' approfondita dell'utilizzo di questi fili smaltati nelle auto elettriche/ibride e della differenza con l'utilizzo in macchine con motore ICE. Quindi dove vengono utilizzati e perche', in che quantita', etc etc. Anche qui, a primo avviso la mia mente va subito sull'inverter ed ovviamente sul motore elettrico che contengono avvolgimenti. Corretto? Altre applicazioni? Probabilmente ogni risposta scaturira' altre mie x domande quindi per ora puo' bastare cosi'. Ogni tipo di materiale/link e' piu' che ben accetto. Ringrazio anticipatamente chiunque contribuira'! A
  2. Salve a tutti! E' da un po' di tempo che volevo aprire questo topic per scoprire se ci sono altri autopareristi svapatori e aiutare chi vuole diventarlo! Cominciamo col dire che la e-cig è un dispositivo che funziona attraverso l'evaporazione di un liquido apposito, una soluzione a base di acqua, glicole propilenico, glicerolo, aromi ed eventualmente nicotina. Il liquido è vaporizzato da un atomizzatore, un dispositivo alimentato da una batteria ricaricabile. Questo atomizzatore è composto in buona sostanza da una spirale di filo resistivo, che si scalda con il passaggio della corrente. Intorno o dentro questa spirale si trova del cotone (che deve essere organico e non trattato), che assorbe il liquido, il quale a contatto con la coil, si scalda e viene vaporizzato. L'insieme di cotone e filo viene chiamata build, ma spesso si usa coil per indicare tutto, non solo il filo. Gli atomizzatori si dividono in due grosse categorie: rigenerabili e non-rigenerabili. La differenza è che nel primo la build viene fatta a mano dall'utente, che quindi la "genera" ogni volta che vuole: esempio Negli atomizzatori non-rigenerabili (i più semplici e adatti per cominciare), si comprano le testine già fatte, che vanno sostituite ogni tot tempo (dipende dall'atomizzatore e dal liquido che si usa, però intorno alle 2-3 settimane di solito) e costano intorno ai 2-3-5 € l'una.. queste contengono tutto al loro interno, e vanno solo avvitate nella sede opportuna: Gli atomizzatori si dividono ancora in due categorie: tank e dripper. I dripper sono tutti rigenerabili, non hanno un serbatoio e li liquido va "sgocciolato" sopra (to drip, appunto) ogni volta che il cotone è asciutto.. I tank invece sono quelli più classici composti appunto da un serbatoio da 2-3-4 ml di liquido, che alimenta da solo la resistenza. Possono essere sia rigenerabili che non. Ci sono ancora due categorie di atomizzatori: quelli da tiro di guancia e quelli da tiro di polmone. Questa caratteristica è indipendente dalle altre, ma è il modo in cui l'atomizzatore va usato. Per intenderci, il tiro di guancia è quello classico delle sigarette, detto anche Mouth to Lung, perchè il vapore finisce in bocca e poi successivamente viene buttato giù nei polmoni. Con il tiro di polmoni invece si aspira direttamente con i polmoni, gonfiando il petto diciamo.. per chi ha provato, la modalità di tiro è simile a quella usata per narghile, bong o strumenti similari E' chiaro che il tiro di guancia è quello più adatto per iniziare in quanto molto simile a quello della sigaretta, essendo chiuso e leggermente contrastato L'altro invece è un tiro molto più arioso ( e di solito fa anche molto più vapore) Ho spiegato penso il 10% di quello che è lo svapo, c'è davvero un mondo dietro.. per me è diventata una passione Allora, ricapitolando, ad un neofita, che vuole smettere di fumare, consiglio una sigaretta elettronica con atomizzatore non rigenerabile, tank e per il tiro di guancia. Spesso i kit entry-level hanno anche la box incorporata, in sostanza, il pacco batterie + circuito. Alcuni dispositivi adatti possono essere: Justfog Q14: è stata la mia prima e-cig, pagata all'incirca 35 € in negozio (su intenrnet si trova intorno ai 20), batteria da 900 mAh e 2 ml di capienza.. entrambi più che sufficienti per una giornata (anche 2 o 3, dipende ovviamente da quanto si svapa).. Joyetech eGo AIO Box: l'atomizzatore è all'interno della box stessa, fatta di plastica.. questo le permette di essere molto resistente agli urti, piccola e leggera.. come durata di batteria siamo piu o meno sugli stessi livelli di quella precedente Entrambe dispongono di attacco micro-usb per la ricarica: si può usare quindi il caricabatterie del telefono (comodissima come cosa) Un consiglio: da evitare le e-cig in vendita nei tabacchini o nelle farmacie.. sono prodotti cari e poco performanti, con hardware vecchi e scomodi.. molta gente le prova, vede che fanno cagare, le butta via e da quel momento in poi pensa che tutte le sigarette elettroniche facciano cagare. E' sbagliatissimo! Andate sempre da un rivenditore indipendente, non dalle catene tipo smooke, o blu perche vi fregano! Negli ultimi anni c'è stata un'evoluzione pazzesca, e questi vi rifilano cose del 2012, ovvero risalenti alla prima ondata dello svapo.. Sono stato davvero sbrigativo, ma è davvero lunga.. meglio sciogliere i vari dubbi che vengono man mano.. E se c'è qualche vaper appassionato si faccia avanti!
  3. Praticamente dice che da quanto è arrivato lo sterzo elettronico, le persone richiedono sempre di più la facilità d'uso a discapito della piacevolezza. Aggiunge che comunque è migliorata la precisione grazie allo sterzo elettrico, però si è perso il feeling con l'auto e le ruote insomma... http://blog.caranddriver.com/steer-me-feel-me-exploring-why-bmws-no-longer-excel-in-steering-feel/
  4. Carissimi, sicuramente molti qui dentro sanno cos'è l'OBD-II o OBD2 e come venga utilizzato per diagnostiche in officina. Altri sapranno anche che esistono strumenti (il più famoso è lo "scan gauge") che permettono di leggere in tempo reale i parametri che arrivano alla porta OBD2, come velocità giri motore, rapporto a/f, carico, percentuale di pressionde dell'acceleratore ecc... un'infinità di parametri che possono essere mostrati su display digitale per una chiara lettura o perché semplicemente non sono mostrati dalla strumentazione di bordo. Esistono poi degli adattatori OBD2 -> USB o OBD2 -> Bluetooth che permettono di inviare il segnale ad uno smartphone o tablet e con apposite app per iOS o Android (esempio: DashCommand e Torque) vedere rappresentati questi dati in tempo reale con interfacce piacevoli e immediate. I dati possono essere raccolti (log) e poi visionati successivamente, tutto ciò può essere utile per verificare i propri tempi in pista o, magari, la propria capacità di viaggiare in risparmio energetico se utilizzato insieme ad un ricevitore GPS si può costruire una mappa associata alla lettura dei vari parametri. Io ad esempio ho un adattatore OBD2 -> BT che utilizzavo con DashCommand in occasione di lunghi viaggi e di giri allegri per monitorare soprattutto i consumi (dato che la mia auto non ha indicazioni relative al consumo o al range nel CDB) Per i più nerd di tutti (io) esistono anche dei progetti opensource e openhardware realizzati con Arduino o con Raspberry Pi (per approfondimenti: Jeby e il suo RasPi) che implementano il log e la visualizzazione di dati da OBD2. Ad esempio io sono molto interesseto ad un affare del genere: Arduino OBD-II Logger Kit #2 che però vorrei farmi da me con il RasPi associando anche una dashcam Attualmente c'è anche una campanga su kickstarter per finanziare un adattatore OBD2 "intelligente" che integra accelerometro, giroscopio e gps https://www.kickstarter.com/projects/stanleyhuang/freematics-vehicle-telematics-with-open-source-har?ref=live Voi cosa ne pensate? Avete esperienza di utilizzo di questi dispositivi? Vi interessano? Faccio presente che l'utilizzo di questi strumenti non dovrebbe costituire una violazione del CdS. Uso volutamente il condizionale...
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.