Jump to content

M86

Members
  • Posts

    141
  • Joined

  • Last visited

Profile Information

  • Car's model
    Punto

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

M86's Achievements

Collaudatore

Collaudatore (3/8)

167

Reputation

  1. Ma se Binottto TP non è in grado di capire il problema del team e minimizza gli errori dei suddetti, è evidente che non abbia sufficienti capacità per coprire quel ruolo. E' un buon tecnico e potrebbe rimanere come DT, ma non credo che accetterebbe questo "demansionamento"
  2. A me sembra di capire che la Jazz consumi meno rispetto alla civic in un contesto collinare (motore sotto sforzo), quindi il motore della jazz è correttamente dimensionato rispetto alla sua massa. Stesso discorso sul pano urbano, dove i consumi simili mi fanno pensare che il motore della civic non abbia potenza sprecata inutilmente.
  3. A livello di abitabilità, come sarà messa in confronto alla 500X? Confrontando le dimensioni di 500X vs Avenger, noto che che questo CMP non è poi così terribile come viene detto
  4. M86

    Honda Civic e:HEV 2022

    Ma con l'ibrido non dovrebbe essere il sistema batteria a fare questa "compensazione" di potenza? A velocità costante, in salita la batteria da il plus necessario, mentre viene ricaricata con la maggiore energia disponibile in discesa
  5. Per privacy: anche i volti sono visibili quando uno va in giro, ma se viene fatta una foto lungo una strada pubblica e riprendi persone senza il loro consenso, prima di divulgare la foto i volti dovrebbero essere oscurati
  6. Credo che con il motore all'anteriore sia più efficace il sistema di frenata rigenerativa
  7. Prendo la tua affermazione per buona, perché onestamente non sono informato più di tanto (non ne ho mai sentito il bisogno, per ora 🤞). Però mi sembra strano perché posizionano la pattuglia a qualche decina di metri dall'autovelox, non hanno modo di fermare in tempo uno che supera il limite (e la strada non ha esenzioni del prefetto, dato che gli hanno fatto rimuovere gli autovelox fissi qualche anno fa). Che si possano appellare a scuse tipo "stavamo facendo accertamenti su un'altra auto "?
  8. A Firenze hanno ridotto la velocità sui viali con i semafori ad onda verde: 30, 40, 50km orari a seconda della zona (la velocità da tenere è indicata sul semaforo). Per quelle poche volte che ho guidato in centro, direi che il traffico è sufficiente come calmierante. Dalle mie parti ci sono dei paesini che hanno messo i gabbiotti degli autovelox, belli evidenti in modo da dissuadere, e la municipale ha un solo autovelox da mettere a rotazione (loro si appostano poco dopo il velox, ma la multa è valida anche se non ti fermano).
  9. E' vero che prima degli anni 60 la mobilità privata era molto diversa, ma c'è anche da dire che era diversa l'organizzazione della società. Pre anni 60 i piccoli nuclei abitati avevano servizi che oggi scarseggiano in paesi di 2000 abitanti: Poste, scuola, alimentari, sanità ecc... Poi per ridurre i costi della macchina pubblica si è iniziato ad accorpare le classi e poi chiudere le scuole, ridurre gli orari degli uffici postali e poi chiuderli, ridurre le funzioni degli ospedali fino a renderli inutili, e poi chiuderli. Con la centralizzazione dei servizi si è spinto le persone verso i centri cittadini, per poi lamentarsi che i centri sono congestionati, gli uffici postali hanno code interminabili e al pronto soccorso le attese sono di ore (da me non si contano più le donne che hanno partorito lungo la strada per raggiungere l'ospedale, da quando hanno chiuso il punto nascita nell'unico ospedale a metà vallata). La richiesta di abitazioni in centro ha portato un aumento dei prezzi dei locali, e molte attività si son spostate fuori dai centri al punto tale che per andare a fare la spesa è necessario prendere l'auto. Quindi la scelta è: abitare fuori dai grandi nuclei e usare l'auto per raggiungere i servizi, o risparmiare sull'auto, spendere di più per trasferirsi e aumentare il caos delle città (sperando di trovare lavoro in una zona servita dai mezzi pubblici)?
  10. Almeno dare un senso a questi anni di attesa: perché è stato necessario tutto questo tempo per cambiare un gruppo ottico quando era stato previsto un'aggiornamento sostanzioso in tempi più brevi? Su cosa hanno lavorato in questi anni? Solo sulla riduzione dei costi? Quella poteva essere attuata impoverendo l'auto da un MY all'altro come fanno di solito con i modelli a fine vita. Mentre adesso hanno tirato fuori un'auto "nuova", ma già abbandonata, non proprio il massimo per un marchio che vorrebbe essere "premium".
  11. Se l'auto fosse ad uso e consumo dei soli "appassioniati" non ci sarebbe stato bisogno di depurare strade e mercato: ti sogneresti l'infrastruttura stradale di oggi, in quanto lo Stato non avrebbe avuto motivo di investirci a favore di 4 gatti. E senza economie di scala, ti sogneresti anche una Giulia a 40.000€
  12. La riduzione del prezzo dei carburanti è stata fatta lavorando sulle accise, un sostanzioso plus che lo stato applica al prezzo di mercato (ed ancora non sono state rimosse tutte, ci sono ancora 0,478€ per ogni litro di benzina e 0,367€ per il diesel). A livello di costo dell'elettricità, sono stati ridotti gli oneri di sistema, ma il grosso del prezzo è definito dal mercato delle energie. Mercato che è stato strutturato con il meccanismo del prezzo marginale (*) per favorire gli investimenti nelle fonti rinnovabili. Poi in Italia produciamo il 46% dell'elettricità con il metano, quindi un raddoppio del prezzo lo avremmo comunque avuto ( fino alla prima metà del 2021 il metano costava meno di 25€/kWh, nei mesi scorsi è decuplicato e adesso stiamo comunque a 4 volte il prezzo "standard"). La riduzione delle accise ha fatto scoprire che l'auto elettrica non è poi cosi conveniente senza i vari drogaggi di Stato. E il giorno che ci sarà una prevalenza di auto elettriche, i soldi che lo Stato attualmente incassa con i carburanti verranno comunque riversati sulle auto a pile. (*) Per chi non conoscesse il discorso del prezzo marginale 👇
  13. A meno che non si voglia abbracciare la mentalità del dirigismo di Stato, sta alla dirigenza delle aziende capire cosa vuole il mercato. Anche se a giudicare dal catalogo FCA sembra che quella dirigenza abbia fatto di tutto per ignorare quello che il mercato chiedeva, e non c'è protezionismo che regga quando hai distrutto le fondamenta dei tuoi marchi. OT
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.