Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di : Motor.it

Fedo

Utente Registrato
  • Numero contenuti

    106
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

143 Excellent

Su Fedo

  • Rank
    Collaudatore

Informazioni Profilo

  • Marca e Modello Auto
    Fiat Grande Punto T-jet 2009
  • Città
    Pesaro
  • Professione
    Programmatore
  • Genere
    Maschio
  1. Alfa Romeo torna in Formula 1 Alfa Romeo torna in Formula 1 dopo un'assenza di oltre 30 anni Alfa Romeo e Sauber F1 Team hanno siglato una partnership pluriennale che prevede una cooperazione a livello strategico, commerciale e tecnologico Il nome ufficiale della squadra sarà Alfa Romeo Sauber F1 Team Il prestigioso brand del Gruppo Fiat Chrysler Automobiles (FCA) ha siglato oggi una partnership tecnico-commerciale pluriennale con il team svizzero Sauber F1 Team a partire dalla stagione 2018 di Formula 1. La livrea delle monoposto sarà caratterizzata dagli inconfondibili colori Alfa e dal marchio del brand in qualità di Title Sponsor. Le monoposto saranno motorizzate con le power unit Ferrari 2018. L'accordo prevede inoltre una cooperazione strategica, commerciale e tecnologica in tutte le possibili aree di sviluppo anche attraverso la condivisione di ingegneri e personale tecnico specializzato di Alfa Romeo. La partnership costituisce la base di ulteriori opportunità per le due società in Formula 1 e per il settore automotive in generale. La squadra si chiamerà Alfa Romeo Sauber F1 Team. "L'accordo con Sauber ­F1 Team - ha spiegato Sergio Marchionne, AD di FCA - è un passo significativo nella ricostruzione del brand Alfa Romeo che, tornando in Formula 1 dopo un'assenza dalle corse di oltre 30 anni, restituisce al campionato uno dei marchi che hanno fatto la storia di questo sport, andando ad aggiungersi ad altre importanti aziende automobilistiche che partecipano alla Formula 1. Il brand stesso, inoltre, potrà beneficiare dello scambio tecnico e strategico con un partner di esperienza indiscussa come Sauber F1 Team e gli ingegneri e i tecnici dell'Alfa Romeo, che hanno già dato prova delle loro capacità con la progettazione dei nuovi modelli Giulia e Stelvio, potranno ulteriormente ampliare la loro esperienza portando al Sauber F1 Team competenze tecniche di assoluta avanguardia. Contemporaneamente, tutti gli appassionati di Alfa Romeo potranno di nuovo tifare per un costruttore di automobili che è determinato a scrivere un nuovo capitolo della sua unica e leggendaria storia sportiva". Pascal Picci, Presidente di Sauber Holding AG, ha dichiarato: "Siamo molto contenti di dare il benvenuto a Alfa Romeo in Sauber F1 Team. Alfa Romeo ha una lunga storia di successi nei Gran Premi e siamo orgogliosi che un'azienda del calibro internazionale di Alfa Romeo abbia scelto di lavorare con noi per il suo ritorno nel massimo campionato automobilistico. Lavorare a stretto contatto con un'azienda automobilistica rappresenta una grande opportunità per il Gruppo Sauber di sviluppare ulteriormente i propri progetti tecnologici e ingegneristici. Siamo all'inizio di quella che siamo certi sarà una partnership duratura e di successo, fiduciosi che lavorando insieme potremo portare Alfa Romeo Sauber F1 Team a raggiungere traguardi prestigiosi". Il ritorno di Alfa Romeo restituisce a tutta la F1 uno dei marchi che hanno fatto la storia del massimo campionato automobilistico e porterà in pista non solo una grande tradizione ma soprattutto fornirà un contributo significativo allo sviluppo della competizione sotto il profilo sportivo, tecnologico e di coinvolgimento dei tanti appassionati del marchio, senza contare il riflesso dell'investimento in termini di trasferimento tecnologico e sicurezza stradale di cui potrà beneficiare il brand. Alfa Romeo è sinonimo di corse e prestigio tecnologico in tutto il mondo. Regina indiscussa dei Grand Prix d'Anteguerra (nel 1925 la GP Tipo P2 aveva dominato il primo Campionato del Mondo), Alfa Romeo ha preso parte alla Formula 1 dal 1950 fino al 1988, sia come costruttore che come fornitore di motori. Già al suo debutto nel 1950 e nel 1951, Alfa Romeo vinse il primo campionato mondiale piloti con Nino Farina e Juan Manuel Fangio. Dal 1961 al 1979 Alfa Romeo ha partecipato come fornitore di motori per diversi team di F1. Dopo essere tornata nel 1979 come costruttore, Alfa Romeo si è classificata al sesto posto come miglior risultato nel campionato costruttori nel 1983. La società si è successivamente ritirata dalla Formula 1 nel 1985 come team e oggi, dopo oltre 30 anni, vuole tornare con un ruolo da protagonista. Alfa Romeo e FCA Alfa Romeo è uno storico brand del Gruppo FCA. Dalla sua fondazione nel 1910 a Milano, Alfa Romeo ha progettato e realizzato alcune delle vetture più eleganti ed esclusive della storia dell'automobilismo. Questa tradizione vive ancora oggi grazie all'approccio unico e innovativo che Alfa Romeo continua ad adottare nella progettazione di automobili. In ogni Alfa Romeo tecnologia e passione convergono a creare un'autentica opera d'arte: ogni dettaglio è essenziale, ogni design è la perfetta armonia tra bellezza e funzione, tra meccanica ed emozione. Dare nuova vita allo spirito Alfa Romeo ed esaltarne il fascino internazionale è stato uno degli obiettivi prioritari del Gruppo FCA. Seguendo una strategia precisa e ben delineata, il marchio sta scrivendo un nuovo capitolo di una storia che dura da oltre un secolo e ha davanti a sé una straordinaria opportunità per realizzare appieno il suo potenziale. Oggi Alfa Romeo è un'autentica vetrina delle migliori risorse, talenti e competenze tecniche del Gruppo. Prima con Giulia, e più recentemente con Stelvio, Alfa Romeo ha creato due modelli che catturano appieno lo spirito originale e il carattere distintivo del marchio. Questi modelli sono l'espressione tangibile di quella che è la meccanica delle emozioni e l'esempio perfetto di ciò che ci si aspetta da un marchio tanto prestigioso. Alfa Romeo sta conquistando i cuori di una nuova generazione e si sta riprendendo il posto che le spetta di diritto come uno dei marchi premium più desiderati al mondo. È nuovamente uno dei simboli più rappresentativi dell'ingegneria e dello stile italiani, un'icona dell'eccellenza tecnica e dello spirito creativo del nostro paese. Il Gruppo FCA progetta, sviluppa, produce e commercializza in tutto il mondo veicoli e relativi servizi post-vendita e ricambi, componenti e sistemi di produzione attraverso 162 stabilimenti produttivi, 87 centri di Ricerca e Sviluppo e concessionari e distributori in oltre 150 Paesi. Oltre che con Alfa Romeo, Il Gruppo opera nel mercato automotive con i marchi Abarth, Chrysler, Dodge, Fiat, Fiat Professional, Jeep, Lancia, Ram, Maserati e Mopar, il brand che offre servizi post-vendita e ricambi. Le attività del Gruppo includono anche Comau (sistemi di produzione), Magneti Marelli (componenti) e Teksid (fonderie). Il Gruppo FCA è quotato al New York Stock Exchange ("FCAU") e al Mercato Telematico Azionario di Milano ("FCA"). Sauber Motorsport Nel 1970 Peter Sauber fonda la sua azienda e costruisce la sua prima vettura da corsa nello scantinato della casa dei suoi genitori. Il suo team ha continuato a crescere negli anni, raggiungendo i primi successi internazionali alla fine degli anni Ottanta. Nella veste di team ufficiale Mercedes, nel 1989 Sauber conquista il primo e secondo posto nella 24 Ore di Le Mans e si aggiudica entrambi i titoli Costruttori e Piloti nel Campionato del Mondo Sportprototipi per due anni consecutivi, nel 1989 e nel 1990. Il 1993 segna l'ingresso di Sauber in Formula 1. Tra i traguardi raggiunti in F1, nel 2001 Sauber conquista il quarto posto nella classifica Costruttori come team indipendente e, in partnership con BMW, si aggiudica il primo e secondo posto al Gran Premio del Canada del 2008, finendo la stagione al terzo posto nel Campionato Costruttori. Nel 2010 Sauber torna ad essere un team indipendente. Il 2012 è un anno molto positivo per Sauber F1 Team, che conquista il podio quattro volte, finendo la stagione con 126 punti e il sesto posto nel Campionato Costruttori. L'11 ottobre 2012 rappresenta una data storica per il team, con il ritiro di Sauber da Team Principal e l'arrivo di Monisha Kaltenborn. Dal 1993 alla fine del 2016 il team ha partecipato a 424 Gran Premi in Formula 1. Nel 2017, Sauber F1 Team celebra un altro traguardo storico: la sua 25° stagione in Formula 1. Inizia così una nuova era per il quarto team più vecchio della Formula 1, con il passaggio della proprietà alla Longbow Finance S. A. e l'arrivo di Frédéric Vasseur in qualità di Direttore Generale e Amministratore Delegato di Sauber Motorsport AG e Team Principal di Sauber F1 Team. La sede centrale di Sauber è a Hinwil, nel cantone svizzero di Zurigo, dove l'azienda ha uno stabilimento all'avanguardia e uffici che occupano una superfice di 15.600 metri quadri e una delle gallerie del vento più avanzate della Formula 1.
  2. Suzuki Ignis 2016

    Qualcuno sa se il 1.2 è frutto di un prestito Fiat come accade per il 1.6 diesel della vitara? O è solo un caso che il 1.2 della Ignis e il Fire abbiano la stessa identica cilindrata?
  3. Alfa Romeo Giulietta M.Y. 2016

    E invece parrebbe proprio di sì! qui tutta la descrizione: http://www.alfaromeo.it/giulietta/sport#_ Questa versione sta diventando sempre più interessante...!
  4. Alfa Romeo Giulietta M.Y. 2016

    Al via gli ordini della nuova Alfa Romeo Giulietta Sport Aspetto grintoso grazie ai cerchi in lega da 17" a cinque fori, minigonne laterali, cristalli posteriori privacy, paraurti sportivi con modanature rosse e terminali di scarico maggiorati. Sportività senza rinunciare al comfort: di serie infatti Giulietta Sport offre climatizzatore, cruise control, UconnectTM Live da 5", bracciolo anteriore, fendinebbia e selettore Alfa DNA (con differenziale elettronico Q2 e DST) e sistema ESC con ASR e Hill Holder. A richiesta il nuovo Pack Carbon Sport che ne esalta l'anima sportiva attraverso esclusive finiture interne ed esterne con trattamento carbon look. Gamma Giulietta Diesel a partire da 18.500 euro, e con il finanziamento MenoMille a 17.500 euro Porte Aperte Alfa Romeo nel mese di settembre nei fine settimana 16-17 e 23-24. Per continuare a giocare un ruolo da protagonista nel suo segmento, l'Alfa Romeo Giulietta presenta il nuovo allestimento Sport che vanta una caratterizzazione estetica più marcata e una dotazione di serie completa, il tutto offerto con un significativo vantaggio per il cliente. In particolare, il nuovo allestimento si contraddistingue per i cerchi in lega da 17" a cinque fori, le minigonne laterali, i paraurti sportivi con modanature rosse e i terminali di scarico maggiorati. La caratterizzazione degli esterni è completata da cristalli posteriori privacy e fendinebbia. Sportività confermata anche negli interni grazie all'imperiale scura, di serie come nella versione top di gamma Veloce, i tappeti in velluto neri ed i sedili in tessuto con logo Alfa Romeo su poggiatesta. Infine, con la Giulietta Sport fa il suo debutto la nuova livrea Blu Misano che veste con classe e dinamismo il design sportivo della berlina compatta Alfa Romeo. Le novità stilistiche sono accompagnate da una ricca dotazione di serie: include volante in techno-pelle, climatizzatore, cruise control e sistema multimediale UconnectTM da 5" con i servizi UconnectTM LIVE che consentono, tramite il proprio smartphone, di essere sempre connessi mentre si guida. Nel campo della sicurezza, poi, la Giulietta Sport offre sei airbag, il selettore Alfa DNA, con differenziale elettronico Q2 e DST, oltre al sistema ESC con ASR e Hill Holder. Di serie anche il bracciolo anteriore con vano portaoggetti e gli alzacristalli elettrici anteriori e posteriori. Per accentuare ulteriormente l'aspetto "racing" della nuova versione, a richiesta è disponibile il nuovo Pack Carbon Sport che include "carbon look": dalla griglia anteriore alle calotte degli specchi retrovisori, dalle minigonne laterali al paraurti anteriore con linea decorativa rossa, fino alle cornici dei proiettori. Completano il nuovo pacchetto alcuni elementi "carbon look" presenti su pannelli porte e plancia mentre sono verniciati di nero le maniglie delle porte e le cornici dei fendinebbia. La Giulietta Sport può essere equipaggiata con i propulsori 1.4 Turbo Benzina 120 CV, anche nella versione a doppia alimentazione benzina/GPL, 1.4 MultiAir Turbo Benzina 150 CV e 1.4 MultiAir Turbo Benzina 170 CV con cambio automatico doppia frizione Alfa TCT. Inoltre, sono disponibili i potenti turbodiesel 1.6 JTDm 120 CV, con cambio manuale o automatico TCT, 2.0 JTDm 150 CV e 2.0 JTDm 175 CV con trasmissione automatica TCT.
  5. Fiat Tipo S-Design 2017

    LED drl già di serie su tutte nelle versioni non base, con questa nuova versione arrivano i bi-xeno optional
  6. now i'll try to extort some information that's not obvious at all, at least for me... ok, T4 is actually obvious but I can't understand what M and D stand for... does this mean that NA Firefly will be confined to Brazil?
  7. Esattamente. Ottimo chiarimento, grazie! 1.6, 2.0 e 2.2 appartengono alla stessa famiglia, con dimensioni dei cilindri e soluzioni tecniche differenti ma il motore "progettualmente" è lo stesso. Riporto similitudini e differenze nella dimensione dei cilindri e conseguenti cubature: 2.0: Bore=83mm, Stroke=90.4mm => cilindrata=1956 cm3 2.2A: B=83mm, S=99mm => cilindrata=2143 cm3 2.2J: B=83.8mm, S=99mm => cilindrata=2184 cm3 si capisce bene come i 2.2 nascano come evoluzione del 2.0... Inoltre se il 2.0 Alfa è closed deck pare che l'Hurricane sarà open deck.
  8. Non avrà 3 cilindri. È espressamente indicato nella slide che ho riportato prima: 4 cilindri con cilindrata inferiore al 2.0; anche un qualche pezzo grosso aveva poi dichiarato che Alfa non sarebbe più andata sotto i 4 cilindri. Infine non sarà un nuovo motore ma della stessa famiglia dei Firefly con alesaggio e corsa maggiorati e con soluzioni tecniche di più alto livello, proprio ricalcando le differenze che ci sono fra il 2.0 Alfa e il GME (l'hurricane che vedremo fra meno di 3 mesi) e concettualmente in modo analogo alle differenze fra il 2.2 Alfa e il 2.2 Jeep; sono essenzialmente lo stesso motore ma di diverso "lignaggio", prestazioni e finalità.
  9. Stando alle ultime "fughe ufficiali", Alfa (NB: non Giulia nella fattispecie) avrà un motore 4cil sotto il 2.0 che starà al firefly come il 2.0 sta all'Hurricane, ma con cilindrata maggiore di 1300. Conferma, se possiamo ancora ritenerlo valido, è questa slide del p.i.2014:
  10. Jeep Compass 2017

    Si può, è stato fatto. Ma non è una gran cosa, tanto che anche le stessa Fiat continua ad usare il t-jet per il GPL. Il motivo risiede proprio nella diversa gestione delle valvole che è il Multiair. Se poi ci aggiungi un poco meno che perfetto installatore, allora stanne alla larga...
  11. Fullfillati no ti prego...! 😅 Bello albionici! è un termine che non conoscevo... Momento "l'ora di italiano" finito...
  12. Alfa Romeo Stelvio 2017

    MM a Bologna ha rilevato anni e anni fa la Weber che faceva carburatori. Adesso MM lì ha un grosso stabilimento che progetta e fabbrica le centraline motori e non solo (sviluppo sui propulsori elettrici)
×