Jump to content
News Ticker
Benvenuti su Autopareri!

Mazinga76

Members
  • Content Count

    9,746
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    2

Mazinga76 last won the day on April 26 2020

Mazinga76 had the most liked content!

Community Reputation

3,019 Excellent

6 Followers

About Mazinga76

  • Rank
    HALL OF FAME
  • Birthday 02/14/1976

Profile Information

  • Car's model
    Uno 1988
  • City
    Casoria (NA)
  • Interessi
    Automobilismo, automodellismo, calcio, lettura
  • Gender
    Maschio

Recent Profile Visitors

7,698 profile views
  1. Non potrei pensare altrimenti. Orrendo!
  2. Gli specchietti sono semplicemente quelli delle versioni successive FSM/Bis.
  3. Probabilmente sì, dal punto di vista strategico/logistico forse non era granchè conveniente produrre un mezzo che era nient'altro che un clone di un altro in un sito differente. Ma d'altra parte non è che bisogna stupirsi più di tanto; quando di mezzo c'è lo Stato (L'Alfa Romeo dell'epoca era ancora un'azienda dell'IRI) la storia ci insegna che è possibile tutto e il contrario di tutto. Ad ogni modo vale la pena ricordare che gli stabilimenti A.Pomi. (Alfa Pomigliano) poi in seguito ribattezzati A.R.Ve.Co. (Alfa Romeo Veicoli Commerciali) erano operativi a Pomigliano d'Arco fin da
  4. Sarà quel vago sapore USA, poi sempre più annacquato nelle serie successive.
  5. Sì, come per tutta la serie FIAT/IVECO Daily e OM Grinta, anche per l'AR8 i propulsori erano SOFIM. La divisione Commerciali dell'Alfa Romeo si trovava invece a Pomigliano d'Arco; lì venivano assemblati.
  6. Trattasi di Alfa Romeo AR8, in pratica il gemello dell'IVECO Daily prodotto dall'Alfa Romeo.
  7. Non lo escluderei. Al punto che ho come l'impressione che tu, come si dice dalle mie parti, "Sia entrato di secco e ti stai mettendo di chiatto", nel senso che sei entrato quasi in punta di piedi e adesso pare quasi tu stia considerando questa discussione come uno spazio di tua pertinenza, da monopolizzare a tuo piacimento, al punto da sentirti autorizzato a dettare regole e linee guida anche agli altri. Personalmente ti esorto a continuare nella tua opera di condivisione, che trovo sempre apprezzabile e interessante. Altro non ti compete. A me personalmente non darebbe n
  8. Fotografata fuori un'officina. Chiesi informazioni al titolare e mi disse che è stata acquisita da un collezionista del posto. Sarà restaurata.
  9. E' praticamente perfetta; tenuta in uno stato eccellente. D'altra parte appartiene a un meccanico di un paese vicino; uno che è del ramo, ne capisce e non ha problemi di ricambi e manutenzione. Non è di sicuro un Doblò; propendo anche io per un Mercedes. Forse un Vito passeggeri o una Viano o una classe V.... Boh, si somigliano un po' tutti con quelle forme squadrate da minivan.
  10. ... Ma come?!... i primi tempi in cui comparisti su questi lidi fui proprio io a difenderti dal "linciaggio" per le auto comuni e/o catorciate che postavi, apprezzando e rispettando l'impegno e la passione di andare in giro a caccia di foto, a prescindere dai modelli che pubblicavi.... E adesso proprio tu mi fai la morale? ......
  11. Seconda parte: Lancia Fulvia, del gennaio '72 Lancia K 2.0, del febbraio '99 Nissan Micra, del '00 Piaggio Ape; anno sconosciuto, ma approssimativamente tra la fine dei '70 e i primi '80. Toyota Land Cruiser 4WD Turbo, del luglio '90 Terza e ultima parte: Volkswagen Vento GL, del '95 Yamaha XT 600, del luglio '88
  12. Ecco un mio contributo variegato, credo il primo del 2021. Si tratta di un reportage variegato: roba comune; altra decisamente meno; qualche auto del vicinato; qualcosa anche di motociclistico. Alfa Romeo 155 1.8 T.Spark, del '95 Autobianchi Y10 fire Missoni, del maggio '88 FIAT 128 1100/CL, dell'aprile '79 FIAT Tempra 1.4 i.e. SX, dell'agosto '93 Hyundai Atos, del '99 Hyunday Atos Prime GLS, del '00
  13. Era tutt'e tre. Nel senso che nacque come sostituto dei piccoli OM della serie zoologica (Orsetto, Lupetto...); ma essendo la OM ormai una consociata di FIAT Veicoli industriali, le denominazioni che assunse furono OM 40 e FIAT 40 NC. Dal 1975 in poi, essendo confluiti tutti i marchi di veicoli industriali del gruppo FIAT (FIAT, OM, Magirus Deutz, UNIC...) nella nuova nata IVECO, i marchi di origine furono dapprima affiancati dal marchio IVECO e poi, mi pare verso il finire degli anni '80 o inizio '90, definitivamente soppiantati da IVECO e basta. Ne consegue che questo piccolo a
  14. Siam sicuri che ci sia un loghetto sui cerchi della Croma? Certo, dalla foto non se ne ha la certezza ma a me sembrerebbe che manchino proprio i tappi che coprono i mozzi.
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.