Jump to content
News Ticker
Benvenuto su Autopareri!

Renault

Members
  • Posts

    2,521
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    1

Renault last won the day on May 26 2020

Renault had the most liked content!

6 Followers

About Renault

  • Birthday 02/11/2000

Profile Information

  • Car's model
    Renault Scenic 1.9 Dci (2005)
  • City
    Casoria (NA)
  • Professione
    Studente
  • Interessi
    Auto, Modellismo, Riviste d'auto, Targhe d'auto, Musica
  • Gender
    Maschio

Recent Profile Visitors

8,654 profile views

Renault's Achievements

World Championship Winner

World Championship Winner (7/8)

2.2k

Reputation

  1. No aspetta, non fu fatta su licenza, Kia acquistò proprio Lotus nel 1994. (Poi che la rivendettero dopo pochi mesi è un altro discorso).
  2. Sono andato a verificare e incredibilmente a Agosto '94 non è presente la Punto D a listino (di Auto), non capisco se fosse una loro mancanza o se ci fu solo per pochi mesi del '95 (io me le ricordo solo del '95 appunto).
  3. Ma quindi fatemi capire, partiranno da esemplari esistenti e non saranno fatte da zero? Se così devono assolutamente essere boicottati. E pensare che è pure gradevole di aspetto...
  4. No no, le scritte dei cavalli/motore ci furono da subito, le avevano addirittura le pre-serie. Solo verso la fine si persero con il MY98 (e comunque restarono su alcune versioni, tipo la 16V). Ecco questa cosa mi mancava, quindi di fatto tennero in produzione due stampi diversi, chissà se ci fosse un reale risparmio di costi di produzione sulle versioni coi vecchi paraurti (comunque molto più guardabili di quelli estesi in plastica della MY90). Ci fu mi sembra per tutto il ciclo di vita della Phase 1, affiancando anche la 1.4 16V, il problema è che dati i costi di gestione alti e il prezzo abbastanza elevato, furono vendute praticamente solo al lancio (spesso vetture per concessionari) e successivamente finì nel dimenticatoio come versione, penso che ne vendessero una ventina l'anno tipo. Ahimè non è colpa mia, l'app ACI coi vecchi commerciali è molto tirchia coi dati, ti ringrazio per le specifiche in ogni caso.
  5. Torno questa sera a proporvi qualche storica, oggi spazieremo molto tra i vari segmenti e decenni, mettetevi comodi e iniziamo. Iniziamo subito abbastanza soft come al solito, la prima che vi propongo è una Fiat Punto D 5p I Serie, di solito le Punto non le fotografo, se non il allestimenti e o versioni rare e interessanti, questa è una di queste. Difatti il diesel aspirato durò abbastanza poco a listino (mi sembra sino al 1996) e in ogni caso al giorno d'oggi ne sono rimaste veramente poche, negli ultimi 8 anni a memoria ne ho viste solo due sicure. Questa è del '95 e versa in condizioni veramente decenti, purtroppo la foto in notturna non proprio messa fuoco non permette di apprezzarla appieno, credo però che abbia le frecce non originali, mi sembra infatti che la D (basata sull'allestimento S) le avesse arancioni. Mi ha sempre affascinato la D sola soletta al posto dei canonici cavalli delle altre versioni vicino la freccia. Ora vi propongo qualcosa che non mi sarei aspettato nemmeno io di pubblicare tra le storiche (almeno per ora), ma la colorazione rarissima le da questo onore. Parlo di questa Mercedes A160 CDI W168 nella colorazione Flora Violet, disponibile solo dal '97 al '98, Personalmente penso che questa sia l'unica che abbia mai visto dal vivo con questa colorazione, almeno negli ultimi quindi anni. E' stata importata nel 2019 e mi risulta già radiata, non escludo però che il proprietario sia semplicemente ritornato in patria, anche considerando le condizioni veramente ottime dell'esemplare. Terza vettura che vi propongo è anche lei non proprio adatta alle storiche secondo il mio concetto (assolutamente opinabile), ma anche lei ha una particolarità che la rende degna di essere postata. Questa Audi TT 1.8T 20V I Serie immatricolata a Novembre '98 (quindi con le rare targhe bianche), appartiene al primissimo lotto di TT prodotte, quelle ancora prive di alettoncino posteriore, ma la cosa più clamorosa è che nonostante il richiamo che lo aggiungeva gratuitamente (avvenuto a Maggio '99, e pare fosse necessario per la tenuta di strada), il proprietario non l'abbia fatto mettere, il che la rende un'autentica rarità. Le condizioni non sono proprio ottime, mi risulta anche lei radiata ma non escludo che l'abbiano ritargata dato che aveva la targa posteriore molto deteriorata. E ora vi propongo un'altra auto che risulta radiata (nonché l'ultima di questo reportage), quella che è anche la più probabile sia passata davvero a miglior vita. L'auto è un affatto comune Volkswagen Golf MK2 1.6 5p Madison, versione speciale che concludeva il MY87 della Golf poco prima che uscisse la MY90 coi paraurti aggiornati. Aveva dei vistosi e affascinanti adesivi laterali che sul nero spiccano molto, più un tessuto interno specifico. Questo esemplare, che versava in condizioni tutt'altro che buone, risulta immatricolato a Settembre '90, e questo mi pone dei dubbi, difatti all'epoca mi sembra ci fosse già da mesi la versione coi paraurti rinnovati, possibile che la Madison sopravvisse a listino coi vecchi paraurti? Lascio la parola a chi ne sa più di me. Torniamo con le auto in vita (si spera a lungo) con questa spettacolare Renault Clio 1.6 Si 3p II Serie, versione da noi alquanto tosta da beccare, questa ha difatti targhe Svizzere del Canton Ticino. Notiamo i clamorosi cerchi in lega optional che furono utilizzati anche per la presentazione della Clio seconda serie e che sono maledettamente rari, li avrò visti su massimo due esemplari in totale. Condizioni pari al nuovo seppur la polvere oscura un po' la bellezza dell'esemplare. Questa la promisi a qualcuno che qui su che citò questi cerchi e questa versione, non ricordo chi però. E si torna in Italia con questa sempre bellissima Alfa Romeo 164 Super 2.0 TS immatricolata nel '96, questo esemplare abita in una zona di mare e lo vedo praticamente tutte le estati, versa in condizioni di usura quotidiana seppur generalmente non pessime. Ha la targa estremamente rovinata che temo la porterà ad una ritargatura. Ora un mezzo commerciale del quale in realtà so molto poco, provo ad azzardare che si tratti di un Fiat 70NC immatricolato nel '73 (con targhe quadre originali!), nonostante i quasi 50 anni di lavoro versa ancora in condizioni eccezionali (forse è stato soggetto ad una verniciatura data la mancanza di qualsiasi targhetta identificativa). Dato che ho dubbi sul modello, vi lascio i dati, magari qualcuno più ferrato riesce a confermare o meno il modello: 4561 cc Diesel e 35CV fiscali, purtroppo non ho altri dati disponibili. Penultima è un'auto che di anni di utilizzo quotidiano alle spalle ne ha ben 54, difatti questa Fiat 1100R è stata immatricolata nel '67, ancora con le sue belle targhe originali versa in condizioni ''usurate'' ma decenti, con quella patina del tempo che la rende estremamente affascinante. Curiosità: era posteggiata sul retro di una specie di ristorante, io l'ho vista dalla strada adiacente a piedi, e per raggiungerla ho dovuto scavalcare un piccolo muretto, inciampandoci su sia all'andata che al ritorno. Concludo questo intenso reportage con questa spettacolare BMW 733i E23, la prima serie 7 in assoluto in una delle colorazioni più rare (da noi). Immatricolata nel '78 (secondo anno di produzione), pare appartenga ad una ragazza appassionata che è abbastanza famosa nel giro, magari ci legge anche. Versa in condizioni veramente pari al nuovo, unica pecca è che ha il GPL, ma dato i costi di gestione tutt'altro che contenuti, possiamo perdonarlo.
  6. Decisamente interessante come design, seppur quel vetro posteriore così piccolo indica che la visibilità posteriore sarà da treno Intercirity nei posti affossati tra due finestrini. Il design è decisamente giappo con tutte quelle occhiaie nere pandose.
  7. Dio mio la Golf IV 2.3 V5, un essere mitologico prodotto solo per un anno da metà '99 a metà 2000, dovrei averne vista una sola a Rimini una quindicina d'anni fa. Penso che seriamente ne hanno vendute meno di un centinaio.
  8. Il problema generale è che si sono ispirati a Kadett D, una delle peggiori auto mai create secondo me. In ogni caso non è nemmeno tragica in generale, ma la larghezza da autobus è in primis ingiustificabile e in secundis inutile, probabilmente avrà anche meno abitabilità di un'Astra H. Colore di presentazione scelto assolutamente inadatto per un'Astra che persino in Germania ha sempre venduto in grigio/bianco e nero sin dai tempi di Astra F. Aspetto di vederla dal vivo comunque, ma ho aspettative pari a ZERO.
  9. Che poi la Espero per essere uscita nel '90 ed essere un modello di un marchio secondario (per non dire terziario), era di una modernità allucinante. Poi il pianale anni '70 passava in secondo piano.
  10. Mi sembra in ogni caso che nemmeno la precedente sia mai arrivata da noi, e anzi in Germania ad un certo punto la resero disponibile solo ''su ordinazione''.
  11. Il problema è che gli ape vengono presi per fare le veci di un mulo, vengono caricati all'inverosimile e sfruttati senza la minima manutenzione. Cose incompatibili con delle batterie di un'auto elettrica, sarebbe troppo rischioso girare con un Ape elettrica distrutta, le batterie so roba pericolosa oh, mica come i due litri di benzina che di solito hanno nel serbatoio medio...
  12. Nessuno ha elogiato le maniglie stile ''economico'' (come le definì un tizio, mi sembra proprio qui su, riferendosi alla Grande Punto) in pieno stile anni '80/'90. 😍 Per me solo per questo dettaglio guadagna dieci punti in estetica, il frontale coi fari ridotti non mi dispiace, idem il posteriore. Ottima la proposta del Diesel. I paraurti sono totalmente da rifare su tutte le versioni.
  13. Speriamo di no...che la facciano morire in santa pace.
  14. Mi chiedo se prima della cinesata, in Piaggio avessero valutato di fare un nuovo Porter in casa.
  15. Tra l'altro da me le vendite dopo il 2017 sono crollate vertiginosamente, post 2019 ne ho visti due di numero. Puma lo ha ammazzato letteralmente.
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.