Jump to content

Renault

Members
  • Posts

    3,188
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    1

Everything posted by Renault

  1. Confermo è lui, su altri canali dicono che probabilmente è una FOX senza gli adesivi, ma per me si tratta di una Base allestimento '89 con i copricerchi unificati alla FOX.
  2. Eccovi qualche storica da parte mia. Iniziamo con un'auto che da qualche anno sta letteralmente sparendo dalle strade in questa specifica configurazione di carrozzeria, ovvero una Renault Megane 1.6 RN 5p I Serie Ph.1 '96 ma ritargata nel 2014, come dicevo la versione a cinque porte non è affatto comune da beccare, rispetto a qualche Wagon e Classic che invece ancora si vede. Condizioni molto fatiscenti nel complesso, temo non abbia lunga vita. Altro mezzo francese, che però non è mai stato comune per motivi di contingenza delle vendite, questo Peugeot 806 2.0 HDI Ph.2 '99 in un bel blu ma in condizioni veramente precarie, è stato difatti demolito poco dopo lo scatto (tra l'altro non venuto benissimo a causa del sole forte, me ne scuso). Ve ne ho proposte un paio recentemente, ecco ancora un'altra Mercedes C180 W202 '94 con targhe provinciali, in questo caso abbiamo un esemplare praticamente perfetto nel classico blu scuro della prima Classe C. Notiamo come tutte le ''C'' provinciali da me beccate siano C180, sembrano quasi non esistere in altre motorizzazioni. Ora un duo di piccoli commerciali "a cubo" concorrenti tra di loro. Il primo è un Ford Courier 1.8 TD II Serie MY99 '00, commerciale basato sulla quarta serie di Fiesta (in questo caso restyling) che ereditava comunque tutto il pezzo posteriore del Courier basato sulla terza serie di Fiesta, condizioni abbastanza sfruttate ma meno peggio della media di questi mezzi. Il secondo è invece un Renault Express 1.9D RL Ph.3 '96, questo basato originariamente sulla Supercinque coi vari restyling si è abbastanza distaccato da quest'ultima, l'esemplare in foto è incredibilmente tenuto benissimo, qui abbiamo l'ultimo restyling presentato, mi sembra, proprio nel '96. Rimaniamo nel marchio della losanga con questa Renault Clio 1.2 RT 5p I Serie '91, immatricolata il 3 Gennaio '91 è la Clio più vecchia del mio archivio, per ora. Non certamente in ottime condizioni ma conserva i mitici copricerchi originali dal bellissimo disegno che io ho sempre adorato. La regina dei fuoristrada ripresa in città e al volissimo, Land Rover Range Rover 2.5 TDI II Serie '96, mezzo che da me è affatto comune a causa delle grosse dimensioni e dei consumi affatto adatti ad una città. Non ho avuto modo di esaminarla bene ma sembrava in eccellenti condizioni. Un tempo una visione quotidiana, oggi tutt'altro che comune questa Alfa Romeo 33 1.3 IE II Serie '93 nel classicissimo verde scuro che credo sia nettamente il colore più comune su questa serie di 33. Non male le condizioni generali, necessiterebbe di una lavata e di qualche piccola riparazione per tornare perfetta. Ripresa ad almeno 300 metri di distanza e con 38x di zoom questa Fiat Tempra 1.4 SX I Serie '90, immatricolata a Marzo risulta essere un esemplare assai anziano. Il colore è quello più bello di tutta la gamma ma che ricordo non essere mai stato molto comune e soprattutto era prerogativa quasi totale delle ricche SLX. Le condizioni ahimè non sono affatto buone e l'aria è assai decadente nel complesso. Anche lei è stata ripresa al volo e se non fosse per l'orrendo cartellone spartitraffico sarebbe stata fotografata anche con discreto successo questa Fiat 128 1100 II Serie '73 nel classico quanto bello verde palude (non sono sicuro che si chiamasse così su 128). In mano ad un signore parecchio anziano, probabilmente unico proprietario da sempre, risulta essere in ottime condizioni. Condizioni che definire catastrofiche è poco per questa ormai rara Opel Corsa A 1.0 TR '84 ma recentemente ritargata, lascio parlare le foto per descrivere al meglio le condizioni, temo che per lei non ci sia alcuna speranza di recupero anche a causa del appeal bassissimo del modello. Se escludiamo il paraurti posteriore leggermente rientrato invece questa Volkswagen Polo 1.0 II Serie '89 è in condizioni praticamente PARI AL NUOVO, ancora lucidissima, con la vetrofonia dello storico concessionario Volkswagen/Audi AUTOEMME ancora perfetta e con appena 60 mila km all'ultima revisione. Questo modello di Polo, in particolare la pre-restyling come questa, si è letteralmente diradata dalle nostre strade, pensate che prima di questa non ne vedevo da quasi un anno (si intende sempre nella versione precedente al MY90, sia chiaro). Concludo con un'auto della quale molti avranno dimenticato la presenza nei listini italiani a causa della scarsa diffusione all'epoca nonché praticamente nulla oggi. Una Chrysler Neon 2.0 I Serie '95, vettura nata a marchio Dodge e che in USA viene ricordata per la sua scarsa qualità, veniva venduta a marchio Chrysler solo in Europa dove il marchio Dodge non era presente, e se lo era non era adatto al tipo di vettura. Devo dire che anni fa ne ricordo qualcuna, addirittura una a targhe provinciali NA-W (è uscita nel '93), sono però tutte durate non tantissimo e prima di questa non ne vedevo da una decina d'anni. Il colore rosso era sicuramente il più comune e sbadiva, diventando un rosa-bianco, in pochissimo tempo, questo dell'esemplare in foto è invece ancora molto carico e lucente, le condizioni generali non sono proprio perfette ma sono di facilissimo ripristino, andrebbe assolutamente salvata in virtù della sua rarità nel nostro paese e delle targhe di prima immatricolazione.
  3. Ho visto sistemi di sorveglianza degli anni '70 più discreti della retrocamera di questa Ypsilon.
  4. Mi è venuto in mente stanotte, assolutamente a caso ( ), che le auto rubate non risultano mai radiate, nemmeno se sono state rubate 30 anni fa...ovviamente nel caso in cui vengono ritrovate a telaio nudo vengono sì demolite, ma questa è una situazione rara dato che spesso non hanno più targhe e numero di telaio, e quindi è impossibile riconoscerle. Se rimasta come in foto, ci sarebbero tutti i preposti per un ripristino...sui social ho visto una Escort Cosworth ridotta al nulla a causa di un incendio che è stata totalmente restaurata...nulla è impossibile.
  5. Hai ragione, aveva il frontale della seconda serie e l'ho automaticamente identificata come tale senza soffermarmi sui dettagli. No no, era la versione automatica della gamma '94, quella che prima si chiamava Selectronic.
  6. Vediamo qualche avvistamento. Iniziamo con un mezzo che sino a poco tempo fa era ancora discretamente visibile ma che nell'ultimo biennio è diminuito enormemente come diffusione. Una Ford Galaxy 1.9 TDI I Serie '99 in un bel colore azzurro grigiastro che non ricordo molto comune, condizioni veramente sfruttate, è anche lei compresa tra quelle ''scomparse'' dato che è stata recentemente demolita. Tempo fa ve ne avevo proposto una di Dicembre additandola come ''la più vecchia in archivio'', ovvi vi propongo una MCC Smart I Serie '98 immatricolata il 15 OTTOBRE, quindi di ben due mesi più vecchia della precedente e le ruba di diritto il primo posto, ovviamente a targhe bianche. Questo esemplare era molto ben tenuto ma è stato demolito, cosa molto curiosa dato che da me le Smart hanno ampissimo mercato anche in condizioni tragiche. Targhe pratesi per questa Renault Twingo 1.2 I Serie Ph.1 '98, una delle ultime targhe di questa provincia nuova tra l'altro. L'auto è discretamente tenuta seppur molto probabilmente riverniciata data la mancanza del logo Twingo adesivo, peccato anche la mancanza dei copricerchi che danno quel tocco in più alla linea che adoro. Una delle ultime targhe provinciali capitoline invece per questa distruttissima Autobianchi Y10 1.1 Junior III Serie '94, non ho la certezza che sia una Junior della gamma '94 dato che non ha la targhetta posteriore, ma è probabile, in caso contrario è una ''semplice'' Fire. Di Fire, seppur nella sua versione nativa, è dotata anche questa bellissima Fiat Panda 1000 Super '91 in eccellenti condizioni ripresa dal balcone, dalla foto si nota bene come l'auto abbia ancora una vernice estremamente lucente e per niente scolorita, se avesse avuto il doppio tetto apribile sarebbe stata la Supernova ''definitiva''. Mi scuso per la qualità della foto fatta al volo per questa Fiat Tipo 1.4 i.e. 5p II Serie '94, ormai rara la seconda serie con le targhe provinciali, questo esemplare ci appare in condizioni sfruttate ma essenzialmente non distrutte. Anche per questa Lancia Dedra 1.6 LE II Serie '95 una foto al volo, versione decisamente base coi paraurti neri (non ricordo se fossero disponibili sulla seconda serie) e dotata di copricerchi provenienti dalla prima serie che le stanno molto bene, nel complesso ci appare anche lei abbastanza sfruttata. Questa Citroen AX 1.0i TRE 3p Ph.2 '93 è comparsa da circa un annetto nella mia zona, dobbiamo dire che è una comparsa veramente curiosa data l'età, e soprattutto le fatiscenti condizioni, dell'auto. La versione TRE, che a quanto pare sulla Ph.2 era la base, è solo presunta, ha infatti il portellone di un'altra AX di colore nero e riporta la scritta 1.1 TZX. Una Youngtimer che metterei volentieri in garage, anche in virtù delle buonissime condizioni, è questa Opel Corsa B 1.4 16V Sport 3p MY97 '97, versione dalla caratterizzazione sportiveggiante molto gradevole che prevedeva vernice metallizzata e cerchi in lega di serie, motore 1.4 che mi risulta non essere affatto male su Corsa come prestazioni. Un tempo non era rara da beccare questa versione, ma oggi è sparita, probabilmente anche a causa dei costi di gestione più elevati rispetto alle canoniche 1.2. Veramente bella e molto anziana, nonché in condizioni praticamente pari al nuovo questa Fiat Campagnola Benzina I Serie. Non mi è stato possibile risalire all'anno originale, probabilmente è un ex mezzo militare riesumato e restaurato nel 2001 (anno della targa). Concludo con questa fantastica Fiat 131 1300 Mirafiori CL II Serie '81, una delle ultime seconda serie prima dell'uscita della terza avvenuta proprio a fine '81. Condizioni eccezionali da persona che ne capisce, negli ultimi dieci anni avevo visto solo un'altra seconda serie oltre a questa che è stata una piacevolissima sorpresa.
  7. Nel vano portaoggetti trovi già tutti i documenti per il modello ISEE. 😐
  8. Pensavo di essere entrato per errore nel topic dove si sponsorizzava un robot aspirapolvere DYSON di ultima generazione... Per entrare dentro immagino si debba assumere una posizione tipo quella in foto:
  9. Qualche moderna. Iniziamo da questo pachiderma di dubbio gusto, una Lamborghini Urus 4.0 V8 Auto '20 fotografata in una zona ricca di studi professionali di alto rango. Un altro suv (scherzo), una Great Wall Voleex 1.5 Cross '13 in eccellenti condizioni che appartiene ad una donna, in questa configurazione la comprerei molto volentieri se la trovassi a basso costo. Vi ho recentemente proposto una Volvo DRIVe, eccone un'altra. Una più classica Volvo C30 1.6D DRIVe '10 in una colorazione affatto scontata ma veramente bella, la comprerei subito. Fotografata a sgamo data la presenza del proprietario nei paraggi questa Jaguar F-Type 2.0 Coupé '20, vettura che mi piace ma che non prenderei mai in bianco. Anche di questa vi ho proposto relativamente recentemente un esemplare praticamente gemello, una Skoda Superb 2.0 TDI II Serie '08, il logo sarà stato oscurato per spacciarla per una Volkswagen? Qui ci vuole un discreto occhio per capire la particolarità essendo poco visibile a livello estetico ma molto incisiva a livello meccanico. Estremamente poco comune questo Renault Kangoo 1.9 DCI VAN 4X4 I Serie Ph.2 '05, versione a quattro ruote motrici che sulla versione passeggeri era molto caratterizzata da un allestimento molto ricco, qui invece abbiamo un allestimento particolarmente basico, chi lo comprò nuovo doveva avere l'effettiva esigenza di un mezzo del genere, possiamo senza ombra di dubbio definirlo un ''fantasma'' a listino. Concludo con una vettura particolare e che ha lo stesso motore del Kangoo appena postato, una Nissan Primera 2.0 DCI 5p III Serie '05, versione con portellone della terza generazione di Primera dal design particolarmente strano (come le altre due versioni) ma dal mio punto di vista gradevole, senza ombra di dubbio la versione più rara di un'auto già di per se molto poco visibile. L'esemplare, come nuovo, appartiene ad un signore molto anziano che viene a trovare qualche parente nella mia zona nel periodo natalizio.
  10. Ancora non ho la capacità di rendere invisibili le aiuole.
  11. Hai dimenticato quello più particolare a mio gusto: Mai vista una dal vivo di Ville tra l'altro. Pensa che io la maggioranza di Y10 Igloo le ho viste proprio in questo blu.
  12. Qualche foto anche oggi. Iniziamo con questa Fiat Punto 55 SX 5p I Serie '94 fotografata per le targhe provinciali, in questo caso particolarmente clamorose essendo di Aosta, provincia che da me è praticamente inesistente. L'esemplare gira da anni nella mia zona ed è in condizioni semplicemente catastrofiche come si evince dalla foto. Mamma della Punto è questa Fiat Uno 45 5p II Serie '89, questo esemplare è probabilmente la Uno seconda serie più vecchia che abbia mai visto, è stata immatricolata il 27 Settembre 1989, praticamente in contemporanea con l'entrata a listino, molto probabilmente si tratta di un esemplare dato ai concessionari per i test drive. Condizioni sfruttate ma decenti, allestimento basico in tinta bianca molto standard. Direttamente dall'Antartide ( ) questa Autobianchi Y10 1.1 Igloo III Serie '95, ormai rara questa versione con aria condizionata di serie dell'ultima gamma, sempre fantastica la targhetta stilizzata qui parzialmente scolorita, l'esemplare con poco tornerebbe veramente perfetto. Un catorcio usato per lavoro è invece questa Audi 80 1.6 B3 '89 che resiste nonostante il passare degli anni e la motorizzazione discretamente ''polmone''. Altro catorcio, in questo caso passato a miglior vita è questa rarissima Hyundai Accent 1.3 GLS 4p I Serie '98, se di Accent di questa serie qualcuna se ne vede ancora, è assolutamente un evento unico beccarne una a quattro porte come questa. Allestimento GLS top di gamma che prevedeva i bei cerchi in lega di cui questo esemplare era ancora dotato. Demolizione assolutamente inspiegabile, ancorché pare fosse in mano ad un appassionato per questa Toyota Paseo 1.5 '97, coupé di fascia bassa giapponese che andava a posizionarsi contro le europee Ford Puma e Opel Tigra, riscosse all'epoca un flebile successo anche da noi. Questo esemplare era molto ben tenuto. Ora una doppia sfida tra segmento D degli anni '90, chi vincerà? La prima è una BMW 318i E36 '95 nell'allestimento base e nella colorazione tipica degli esemplari post '94, nel complesso è molto ben tenuta anche se decisamente sporca, notiamo gli interni in pelle. La seconda è invece questa DIVINA Alfa Romeo 155 1.8 TS '95 in condizioni semplicemente PARI AL NUOVO, con appena 79 mila km all'ultima revisione, notiamo ancora il portatarga originale come nuovo. Per me, in questa sfida, vince lei a mani basse! Inseriamo anche una segmento E degli anni '90 ma proveniente dal decennio prima, questa Mercedes E250D W124 MY93 '93 non mi è ben chiaro se sia una Classe E originale o una W124 aggiornata, è stata immatricolata a Marzo '93. Foto scattate al volo dal balcone, condizioni non eccellenti ma parliamo di un esemplare alla soglia dei 500 mila km. Intrusione anche di una D degli anni '80 con questa fascinosa BMW 318i 2p E30 '89, la motorizzazione, la tinta e l'allestimento sono molto classici, decisamente meno la scelta del proprietario di prenderla a due porte, chissà cosa lo spinse all'epoca. Condizioni molto decenti, molto probabilmente in uso quotidiano. Andiamo in Francia con questa bella Renault Supercinque 1.1 GTL 5p Ph.1 '87 in buonissime condizioni, anche lei è nella configurazione più classica di tutte, dovrebbe essere anche una delle ultime Ph.1 prima dell'aggiornamento con la nuova gamma e il nuovo frontale. Concludo con un avvistamento che definirei unico sul territorio italiano, una Volkswagen Polo Classic 1.4 III Serie '99 e importata nel 2001, questa versione sedan della Polo di terza generazione non è mai stata importata in Italia né tantomeno nei paesi occidentali, era presente solo in EST Europa, Sud America e Messico (con nomi diversi a seconda dei paesi). Questa era in condizioni veramente catastrofiche ed è stata demolita, personalmente l'avrei salvata in virtù dell'enorme rarità, mi sarebbe piaciuto molto conoscere la storia della vettura e com'è arrivata da noi.
  13. Confermo che il logo e le frecce sono una licenza poetica del proprietario, le frecce bianche le trovo anche più adatte alla mole ''lussuosa'' della versione. Per quanto riguarda il montante è obiettivamente curioso effettivamente, dobbiamo dire che in quegli anni i montanti neri Fiat tendevano a scolorire e spelacchiarsi in poco tempo, non escludo che il proprietario abbia deciso di eliminarlo verniciando la porteria per togliere il brutto effetto antiestetico. Potrebbe anche essere una dimenticanza, questa Seicento è comunque dei primi mesi di produzione e all'epoca Fiat cambiava spesso idea durante il corso d'opera nei primi mesi di produzione. Quello che è poco ma sicuro è che si tratta di una Suite originale, difatti è 1.1, e sono abbastanza sicuro che da noi i primi tempi la 1.1 non Sporting ci fosse solo inversione Suite; La Base, la Citymatic e la SX mi pare ci fossero solo 900.
  14. Recentemente ha fatto una specie di teschio sul posteriore con le bombolette... Infatti confrontandomi con altri è uscito fuori che dovrebbe essere una delle primissime Super prive di fascia laterale, assente solo nei primi mesi di produzione della stessa.
  15. Mi accodo a me stesso con qualche avvistamento. Iniziamo con questa Renault Megane 1.6 Classic I Serie Ph.1 '97, ultimamente ve ne ho già proposte due, questa è quella più anziana anagraficamente ma anche quella in condizioni più sfruttate, apparteneva ad una signora di mezz'età che l'ha recentemente sostituita (demolendola) con una Suzuki Alto del 2010. Un duo di Punto nella ricca versione ELX. La prima è una Fiat Punto 75 ELX 3p I Serie '94 impreziosita dalle targhe provinciali originali, rara in configurazione a tre porte in tale allestimento. Viene utilizzata per lavoro ma risulta ancora in condizioni decenti. La seconda è una fantastica Fiat Punto 75 ELX 5p I Serie '95 in condizioni quasi pari al nuovo e in una spettacolare tinta verde affatto comune ormai, questa ha anche il raro optional dei poggiatesta posteriori. E visto che siamo in tema Punto, ecco anche una bella Fiat Punto 60 SX Cabriolet I Serie '99 in un bianco latte non comune su questa versione ma che trovo molto bello, condizioni decenti ma andrebbe riparata la fiancata un po' ammaccata, ottime le condizioni della capote. Andiamo nel segmento minore con questa Fiat Cinquecento 900 '93 capitolina, anche questa risulta in buone condizioni e con ancora le sue targhe provinciali originali, il colore bordeaux è molto molto tipico dell'annata '93 e '94, ne ricordo e ne vedo ancora oggi veramente tante! La sua diretta progenitrice è questa Fiat 126 Personal 4 650 '82 in quello che all'epoca era identificato come ''Verde Salvia'', un colore che fa la sua figura e che è molto particolare, questo esemplare appartiene ad un elettrauto della mia zona (curioso prendere un'auto praticamente priva di elettronica ), ottime le condizioni. Notiamo ai fari le cornici antifurto tipiche del sud della penisola. Dopo due utilitarie e due citycar ecco anche una media torinese, una Fiat Tipo 1.4 SX I Serie '92, questa Tipo gira da anni nella mia zona ed è un incredibile accozzaglia di pezzi a partire dalla mascherina della seconda serie arrivando ai cerchi in lega della Punto seconda serie, rare le targhe perugine da me. Voliamo in Germania con questa bella e ormai non comune così vecchia BMW 320d E46 '98, nello specifico è immatricolata il 27 Luglio '98, è quindi una delle primissime, allestimento basico e tinta verde veramente gradevoli. Restiamo in terra tedesca ma con una ben più proletaria Opel Astra F 1.4i Caravan '92, questo esemplare è veramente anziano e lo vedo ogni tanto, è di un signore che ci fa i mercati ma che non la tiene in pessime condizioni, è particolare anche la targa napoletana che inizia per Z, di Astra così ''basse'' ne sono rimaste veramente poche, da me le prime erano targate circa NA-Z4, mai vista precedente a NA-Z6 in ogni caso. Progenitrice dell'Astra è questa Opel Kadett E 1.4i Sedan MY89 '91, una delle ultimissime Kadett poco prima dell'uscita dell'Astra, questo esemplare lo becco da un paio di anni nella mia zona, è tenuto benino e mi chiedo da dove sia uscito...ormai è un evento clamoroso la comparsa di una Kadett ''fissa'' o quasi in zona, ormai sono veramente rare da beccare in generale. Più piccola della Kadett ma più o meno contemporanea questa Opel Corsa A 1.2 S GL 4p MY90 '92, come si può vedere si tratta di una rarissima versione ''con la coda'' dell'ultimissimo restyling, quando da noi praticamente la compravano pochissimi coraggiosi. Incredibilmente si mantiene anche parecchio bene e la tinta nera le dona una certa eleganza. Pongo il beneficio del dubbio sul motore, un'app mi da che è 1.0 ma la targhetta riporta 1.2...non so a chi credere. Dopo questo trittico di Opel, vi invito a notare che hanno tutte e tre il portatarga e gli adesivi del concessionario Opel ''Officine Pell', storico concessionario che forniva le Opel a tutta la Campania e all'epoca attivissimo...ha chiuso tristemente sei o sette anni fa dopo sessant'anni. Più nostrana questa Autobianchi A112 Elitè VII Serie '84, l'ultimissimo restyling della piccoletta di Desio con la gradevole fascia tra i fari con la scritta del modello, chiedo perdono per le foto un po' mosse e non definite di questo ottimo esemplare che era in mano a qualche appassionato. Possiamo parlare, in via teorica, della stessa casa automobilistica per questa Lancia Prisma 1.5 LX II Serie '88, versione strafull con cerchi in lega e tantissime cromature, peccato che la tinta blu non le faccia risaltare, ahimè condizioni parecchio sfruttate, temo che prima o poi verrà demolita. Concludo con questa Seat Fura 900 3p GL '84 che tempo fa vi ho proposto già con due foto tutt'altro che belle, avendola ribeccata varie volte in zona (ho scopeto anche dove abita) sono riuscito a scattarle un paio di foto decisamente migliori. L'esemplare non versa in cattive condizioni e nel lasso di tempo tra gli scatti e il post è stata anche riparata la zona anteriore visibilmente danneggiata, segno che l'anziano proprietario ancora ci tiene e che probabilmente la terrà sino alla fine.
  16. Quando l'ho vista ho avuto la stessa reazione di tutti voi: Comunque se proprio devo trovare il pelo nell'uovo, il posto guida mi sembra troppo stile ''play station'' e potrebbe quasi distrarre alla guida. Nell'universo Prius la mia preferita resterà sempre il concept ''Prius C'' di una dozzina d'anni fa.
  17. Da carspotter ormai più che decennale ho fatto decine di ricerche negli anni su questo argomento. La conclusione è che SI POSSONO PUBBLICARE LE TARGHE ma solo seguendo delle linee guida di base. Partendo dalla base, la legge dice che tutto ciò che è su strada pubblica può essere fotografato, questo ovviamente è riferito agli oggetti inanimati quali strutture e monumenti, dato che non vi è alcuna precisazione sulle auto possiamo desumere che queste siano comprese, vi è invece il limite delle persone, queste ultime TEORICAMENTE non possono essere fotografate a loro insaputa. Da questa legge dobbiamo passare a quella della privacy, in realtà il nostro ordinamento è (tanto per cambiare) estremamente ambiguo e abbiamo poche disposizioni e tutte fatte rigorosamente sulle persone e sui volti o azioni delle stesse (tipo azioni imbarazzanti), tali disposizioni indicano che qualora in una foto sia presente una persona a quest'ultima va ''oscurato il viso completamente in modo da renderlo irriconoscibile'', vi è anche una strana precisazione sugli abiti, questi ultimi se indicano un ruolo preciso o l'appartenenza a qualche corpo (in pratica se sono per esempio dei carabinieri o anche dei portantini) devono essere resi irriconoscibili insieme al volto (non si spiega il perché...ma questa è la legge italiana). Vi è poi qualche disposizione mai attuata e più precisa emanata dall'UE, ma non essendo attuata nel nostro ordinamento non la analizziamo nemmeno dato che non vi è alcun obbligo di rispettarla. Venendo alle targhe, la legge non dice ASSOLUTAMENTE NULLA, né a livello nazionale né a livello europeo, qualche interpretazione la possiamo desumere fa alcuni regolamenti interni del PRA (che comunque non sono legge, chi ha fatto diritto pubblico 1 sa perfettamente di cosa parlo). Questi regolamenti dicono che le targhe non appartengono al proprietario e sono dello stato e pertanto rientrano negli elementi di pubblico dominio, la disposizione è ambigua ma addirittura sembra che sia vietato COPRIRLE essendo ''di pubblico dominio'', ovviamente è un eufemismo ma essendo in Italia ci possiamo aspettare davvero che qualche esponente del PRA ci denuncia per aver fotografato e pubblicato una targa coperta (fa ridere, lo so). A tutto questo però va aggiunta la privacy delle azioni delle persone che vi ho citato, che si interseca alle persone che possono apparire nelle foto sia ai proprietari delle auto, questa dice che la persona fotografata, seppur con volto coperto, deve poter godere della privacy su cosa stesse facendo e su dove si trovasse, pertanto è vietato dire quando e dov'è stata scattata la foto (mi pare però che si può citare la nazione). Quindi, facendo una conclusione generale possiamo dire che non si configura alcun reato a pubblicare le targhe, purché non si citi MAI il luogo e la data dello scatto e che tutte le persone in foto abbiano il volto coperto, e che ovviamente lo scatto sia stato fatto in luogo pubblico o in luogo privato aperto al pubblico (parcheggi dei supermercati, per esempio). Poi ovviamente se ci si vuole evitare rotture di coglioni da parte della gente in generale la scelta è rimessa a chi pubblica, io qui sui forum le pubblico con alcuni numeri coperti dato che le foto poi finiscono in automatico su Google Immagini, ma su Facebook, nei gruppi privati, le pubblico scoperte, idem su Flickr che ha addirittura una disposizione precisa sulla possibilità di postare le targhe scoperte (o almeno l'aveva prima della riorganizzazione dei profili, ora sono vari anni che non controllo). PS: tutte queste cose le ho lette negli anni su fonti quasi sempre ufficiali, sono un po' arrugginito sugli ultimi due anni di legiferazione ma non dovrebbe essere cambiato nulla, almeno a livello nazionale.
  18. Un po' di avvistamenti. Iniziamo molto soft con una vettura ancora DECISAMENTE diffusa da me (seconda auto più diffusa in assoluto dai dati del circolante), ma questo esemplare mi ha colpito particolarmente per le ottime condizioni e la particolarità della configurazione. Questa Fiat Seicento 1.1 Suite '98 è infatti nella versione più ''lussuosa'' di tutte, con addirittura i cerchi in lega optional (una vera rarità) e nella tinta, affatto comune, Beige Juta. Unica incongruenza che riscontro è il logo anteriore della MY01. Segue un'altra utilitaria Fiat ancora oggi diffusa, ma questa Fiat Panda 750 CL '86 è immatricolata nel primo anno di produzione della Supernova ed è quindi degna di nota, la colorazione è molto tipica della prima annata, le condizioni non sono eccezionali ma di facile ripristino. Chiedo innanzitutto venia per la foto mossa per questo Toyota Rav4 2.0 3p I Serie '99, ma è degno di essere pubblicato per la particolarità che nasconde la targa, difatti quest'ultima è del 25 Febbraio 1999, ultimo lotto di targhe senza bande blu napoletane ed è la quintultima assegnata (996), facendo una veloce ricerca è quasi sicuramente la targa bianca napoletana più nuova esistente! Il mezzo lo vedo ogni tanto, è in ottime condizioni e va assolutamente fotografato meglio per tale particolarità. Appena uscita di concessionaria questa sempre spettacolare Alfa Romeo 156 1.8 TS I Serie '98, all'ultima revisione riporta un chilometraggio di circa 150.000 km, nemmeno pochi considerate le eccezionali condizioni. Anche questa Fiat Tipo 1.4 i.e. SX I Serie '92 ha come particolarità la targa, difatti le targhe di Matera da me sono estremamente rare, questa è la prima che entra nel mio archivio. Quanto alla Tipo è un bell'esemplare di una bella tinta e in ottime condizioni, necessiterebbe solo di quattro copricerchi e torna come nuova. Neostorica, nonché definibile Youngtimer questa Renault Megane Coach 1.9 DCI I Serie Ph.2 '02, la motorizzazione diesel era una novità assoluta su una coupé quando fu lanciata nel 1997 (all'epoca il motore era il 1.9 DTI), in realtà andava a riprendere la particolarità della Fuego Turbo Diesel di quindici anni prima, dobbiamo dire che la Coach non che fosse particolarmente comune con questa motorizzazione, si diffuse solo verso fine produzione in concomitanza con lo scoppio del fenomeno ''diesel''. Condizioni non eccelse, per pochi spiccioli la prenderei volentieri come auto da usare tutti i giorni. Molto più esotica questa Daewoo Nexia 1.6 4p '97, classica ''na macchina'' venduta all'epoca da GM sul nostro mercato come auto low-cost che derivava direttamente dalla Kadett E, da noi riconobbe un flebile successo in tutte e tre le versioni, oggi sono praticamente scomparse tutte. Questo esemplare superstite risulta in condizioni abbastanza buone, chiedo scusa anche qui per la pessima foto non messa a fuoco dell'anteriore. Decisamente meno ''na macchina'' è questa Mercedes 190E W201 MY89 '92 nella classica configurazione ''finale'' in bianco coi cerchi in lega, qualche imperfezione di carrozzeria ma non risulta malaccio come condizioni. A mio gusto ADORABILE questa Renault Twingo 1.2 Summer I Serie Ph.1 '95 ma con recente ritargatura, questa versione lanciata proprio nel '95 aveva la particolarità del doppio tetto in tela apribile, una vera chicca, era poi disponibile in belle tinte vivaci (alcune dedicate) come questo bel blu. Questo esemplare risulta ahimé veramente distrutto, se ne avessi la possibilità lo salverei dato che mi piace veramente tanto. Sempre in tema ''auto della losanga'' questa più anziana Renault Clio 1.2 RT 3p I Serie Ph.1 '92, ormai raro beccare una Clio prima serie dei primi anni di produzione, questo esemplare è anche a tre porte, carrozzeria che ha avuto una sparizione nettamente più forte della cinque porte, sicuramente dovuto alla minore comodità di accesso. Colore bianco molto francese e condizioni abbastanza trascurate. Questa ve l'ho già proposta qualche anno fa ma solo con una vista anteriore, ora abbiamo anche la vista posteriore di questa bellissima Fiat 127 2p I Serie '74 in giallo Tufo, colore che a memoria andò a sostituire il meno carico Giallo Tahiti proprio nel 1974, quando ci fu l'ingrandimento del lunotto. Condizioni trascurate ma di gran fascino. Anche questa ve l'ho proposta vari anni fa in una fugacissima e non proprio bella foto dell'anteriore, eccone quindi una ben più decente del posteriore di questa Fiat Nuova Campagnola 2.0 Benzina che risulta immatricolata per la prima volta nel '95, mi sento di dire che molto probabilmente si tratta di un mezzo ex FdO. E' tenuta relativamente bene ed è in mano ad un ''medico di base'' della mia zona che ha anche una Kadett E Caravan rossa e una Volvo S80 prima serie (che non usa praticamente MAI, avrà poche decine di migliaia di km). Concludo questo reportage con questa Opel Kadett D 1.0 4p '80, questa Kadett è in mano ad un signore molto anziano che la tratta come se fosse una figlia, la rivernicia con le sue poche abilità ogni anno e cerca di renderla il più possibile presentabile (forse se stesse fermo farebbe meglio, ma chi siamo noi per giudicare), tempo fa è diventato anche virale sui social grazie ad un signore che lo riprendeva mentre era intento a fare i classici ritocchi di vernice a bordo strada. Credo sia da sempre sua, la ricordo in zona da quando son nato ma queste sono le prime foto che sono riuscito a farle bene in tanti anni, la usa veramente tanto e infatti non la becco mai nello stesso posto. Quanto all'esemplare, è una basica 1.0 senza alcun optional con i fari tondi (per me abbastanza bruttini su questo frontale nato per i fari quadrati) e con la tinta originale più tipica della Kadett D.
  19. Non ho mai amato la soluzione della mascherina di Bravo/a e Marea, devo dire che questa con il logo alto mi piace anche se forse l'avrei fatta meno sporgente, però secondo me sdoppiarla dal logo era la strada giusta da seguire.
  20. Come dice Andrea, questa era diversa e non aveva nessun pezzo in comune (a livello di carrozzeria) con la Wagon R+ che era la base dell'Agila. Il pianale dovrebbe essere molto simile ma comunque non uguale. Questa da noi fu venduta solo dal 1997 al 2000 (o 2001), ma in Giappone ha affiancato la R+ per tantissimi anni, mi pare sia arrivata tipo al 2011 o giù di lì. In Cina esistono dei rebadge ancora regolarmente venduti, come anche di R+ (che in Giappone dovrebbe essere scomparsa dai listini 4 o 5 anni fa).
  21. Vediamo oggi qualche storica, perlopiù tutti avvistamenti soft. Iniziamo con una vettura che da me ancora riesce a beccarsi, non con facilità come un tempo ma un minimo ancora si vede, parlo di questa Suzuki Wagon R 1.0 '98, versione precedente a quella che andò poi ad essere venduta anche a marchio Opel, questa devo dire che l'ho sempre gradita abbastanza, la colorazione verde è sicuramente quella più comune in assoluto, condizioni di usura quotidiana ma non certamente pessime, si tratta di una versione base come si evince dai paraurti non in tinta. La seconda è un'altra auto in verde scuro, decisamente più nostrana, una Fiat Punto 85 16V Star 3p I Serie '99, le Punto ammetto che sono ancora estremamente comuni, questa mi ha attratto perché è una delle ultime e soprattutto per la motorizzazione che a memoria fu messa solo a fine produzione sulle versioni ''normali'' e che non è affatto comune. E' in mano ad un ragazzo della mia zona che l'ha presa recentemente appena fatto la patente e che non la sta trattando benissimo, temo non farà una bella fine. Altra auto da città questa Renault Twingo 1.2 I Serie Ph.1 '98, di solito in tema Twingo fotografo solo quelle a targhe provinciali o altri esemplari di mio gradimento (le adoro tutte, è difficile scegliere infatti :lol:), che tengo esclusivamente per il mio archivio personale. Questa ho deciso di proporvela sia per la colorazione rosso pastello, non comune, sia perché quando l'ho fotografata pensavo fosse vicina alla demolizione, l'ho però successivamente vista (anche un paio di giorni fa) ed è stata sistemata e le hanno anche messo un finestrino nuovo, bene così! Di solito non le fotografo, ma ormai in città i Pandini così vecchi non sono comuni, soprattutto se in versione Super, questa è infatti una Fiat Panda 750-S '88, è veramente un bell'esemplare tenuto anche benino, all'epoca il top sarebbe stato prenderla con il doppio tetto apribile, elemento oggi molto ricercato e raro da trovare sulle versioni che l'avevano optional e non di serie. La sorella spagnola della Panda è questa basica Seat Marbella 900 '93 che risultava in buonissime condizioni, forse anche leggermente restaurata data la mancanza delle scritte posteriori che erano adesive (segno di una probabile rivernciatura parziale del posteriore, all'anteriore c'è ancora il logo adesivo quindi lo escluderei), peccato che sia stata demolita. Due cittadine d'antan, la prima è una Fiat 500 L '70, di solito non le fotografo ma mentre passeggiavo me la son trovata davanti parcheggiata sola soletta e, complice il bel colore, ho deciso di scattarle una foto. L'esemplare, al di là del bel colore, è il classico restauro un po' alla buona con i tipici paraurti tubolari della L mancanti, mancano anche le fasce sottoporta cromate. L'erede della 500 è questa assai anziana Fiat 126 I Serie '73 che di originale ha ben poco, mi astengo da qualsiasi commento e vi dico solo che nel tempo è peggiorata...un peccato data l'anzianità dell'esemplare. Un'altra coppietta di Fiat in ordine generazionale. La prima è una Fiat Uno 45 5p I Serie '89, una delle ultime prima serie in una tinta molto gettonata a fine produzione qui leggermente rimaneggiata, condizioni non propriamente buone. La seconda è la sua erede Fiat Uno 45 S 5p II Serie '94, anche qui parliamo di un esemplare tra gli ultimi della seconda serie assemblati in Italia, in questo caso la tinta, estremamente bella, è molto rara, anche le condizioni al contrario della precedente sono ottimali. Un bel Nissan Serena 1.6 SLX '93 di un azzurro molto classico dei primi esemplari e che io trovo molto gradevole, l'esemplare non è in condizioni molto buone ma un ripristino non sembra essere molto oneroso. Non abita nella mia zona (l'ho visto solo la volta in cui l'ho fotografato), la particolarità è che arreca la targhetta di ''Nissan Scandisud'', concessionario Nissan molto conosciuto e con varie sedi (con nomi diversi, come Scandinord) che dista poche centinaia di metri dal luogo della foto e che è appunto in zona mia. Altra auto familiare in azzurro, ma decisamente più elegante questa Lancia Dedra 1.9TD SW II Serie '97, auto, la Dedra, che negli ultimi anni si sta sempre più diradando, soprattutto in versione SW, questa è infatti l'unica rimasta fissa in zona, e dire che sino ad sei o sette anni fa ne avevo una decina fisse. L'esemplare non è tenuto benissimo ma anche in questo caso un ripristino non sembrerebbe troppo costoso. Una coreana molto famosa in Italia, e non solo per il design di Giugiaro (ripreso da una proposta di stile dell'Alfa 156) è questa Daewoo Nubira 2.0 I Serie '98, la sua fama è dovuta anche appunto alla partecipazione di un esemplare in versione SW nel film ''Tre uomini e una Gamba'' che tutti noi abbiamo certamente presente. Quanto a quella fotografata, è veramente in ottime condizioni (ora ha però una botta sul parafango posteriore...) ad eccezione di un po' di usura sui paraurti, la motorizzazione 2.0 a benzina è praticamente quasi unica per questa vettura già di suo molto rara. E concludo con questa clamorosa Giannini Cinquecento 900 SX Topline '98, una delle ultime vetture a marchio Giannini, questa Cinquecento Topline era votata al lusso e non alla sportività essendo basata sulla, già di suo, ricca versione SX. La Giannini l'arricchiva di cerchi in lega specifici, volante in legno e degli incredibili interni in pelle chiara. L'esemplare, usato come se fosse una Cinquecento qualunque, non versa in buone condizioni, andrebbe assolutamente salvata per la sua rarità.
  22. Il colore è l'ultimo dei problemi in questo caso, il modello è un'elaborazione di quello da Edicola della Polizia (unico Magnum esistente in scala), pertanto ha tutti i particolari della versione in divisa totalmente diversi dalla versione civile.
  23. Ho trovato quelli della versione ''La Forza'', credo siano comunque pari pari quelli della versione nostrana.
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.