Jump to content
News Ticker
Benvenuto su Autopareri!

Search the Community

Showing results for tags 'vision'.

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Autopareri Answers
    • Autopareri On The Road - Emergency while driving
    • Consigli per l'Acquisto dell'Automobile
    • Riparazione e Manutenzione dell'Automobile
    • Assicurazioni RCA - Contratti e Finanziamenti - Garanzie
    • Codice della Strada e Sicurezza Stradale
    • Tecniche e Consigli di Guida
  • Scoop e News about cars
    • New Car Models
    • Rumors and Spies Cars
    • Funzionamento della sezione Novità ed Anteprime
  • Mondo Automobile
    • Prove e Recensioni di Automobili
    • Tecnica nell'Automobile
    • Mercato, Finanza e Società nel settore Automotive
    • Car Design e Automodifiche
    • Vintage Car​
  • Case Automobilistiche
    • Auto Italiane
    • Auto Tedesche
    • Auto Francesi
    • Auto Britanniche
    • Auto del resto d'Europa
    • Auto Orientali
    • Auto Americane
  • Mondo Motori
    • Due Ruote
    • Veicoli Commerciali-Industriali e Ricreazionali
    • Altri Mezzi di Trasporto
    • Sport Motoristici
    • Motori ed Attività Ludiche
  • Mobility
    • Mobility and Traffic in the City
    • Traffic on Highways
  • Off Topic on Autopareri
    • Off Topic
    • TecnoPareri
  • Venditori Convenzionati
    • Vuoi farti pubblicità su Autopareri?
  • Il sito Autopareri

Product Groups

There are no results to display.

Blogs

  • Autopareri News

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


Car's model


City


Professione


Interessi


Biografia


Quotes


Website URL


Facebook


Twitter


YouTube


Skype


AIM


ICQ

Found 6 results

  1. Concept in arrivo prefigurante l'idea di nuova mobilità di BMW. Press Release: BMW L'approccio al Circular Design secondo il BMW Group Abbiamo considerato attentamente il concetto di circolarità fin dall'inizio durante il processo di progettazione della BMW i Vision Circular. Di conseguenza, questo Vision Vehicle è ricco di idee innovative per combinare la sostenibilità con una nuova estetica ispiratrice - questo approccio lo chiamiamo design circolare. Il design circolare abbraccia i quattro principi di RE:THINK, RE:DUCE, RE:USE e RE:CYCLE Adrian van Hooydonk, Head of BMW Group Design Ad esempio, il "classico" doppio rene BMW qui è stato RE:THINK e RE:USE. Invece di avere un rivestimento cromato con barre, il doppio rene è stato recentemente interpretato come una superficie digitale. Le superfici della griglia, si estendono su tutta la larghezza del frontale, fondendo i fari e la griglia in un'inconfondibile "doppia icona" che continuerà ad essere un chiaro identificatore BMW. Allo stesso tempo, le superfici renali vengono trasformate in un'interfaccia grafica. Inoltre, è stata creata una nervatura digitale, che dona profondità al frontale, che è stata già utilizzata in passato sul doppio rene "fisico". Questa linea grafica forma un tema ricorrente che si ritrova anche nelle finestre, nella parte posteriore, nel tetto, nelle ruote e nei rivestimenti per pavimenti. La BMW i Vision Circular non ha altri elementi aggiuntivi o distintivi del tipo attualmente utilizzato per indicare la qualità. Il logo del marchio sulla parte anteriore è inciso e il distintivo del veicolo è inciso a laser per evitare di utilizzare ulteriori componenti aggiuntivi. Le superfici sotto il parabrezza sono realizzate in alluminio secondario. Un ulteriore cluster di sensori tra i due elementi del rene, raggruppa caratteristiche tecnologiche, consentendo un semplice smontaggio all'interno di un singolo elemento rimovibile. L'area del paraurti più in basso è realizzata in plastica riciclata con una sofisticata superficie marmorizzata. La superficie laterale...un nuova fiancata per BMW La BMW i Vision Circular ha un chiaro design mono-volume composto da un piccolo numero di parti, con la gamma di diversi materiali utilizzati ridotti al minimo. Il veicolo si estende in un volume ininterrotto dall'assale anteriore a quello posteriore, offrendo una generosa vivibilità interna in un piccolo ingombro. Anche in posizione di arresto, il tetto rialzato ed il design "cab-forward", conferiscono alla silhouette compatta l'aspetto di un'impennata dinamica. Le ruote sono posizionate quasi ai limiti esterni del veicolo, combinandosi con i passaruota sporgenti per produrre un hunkered-down, tipicamente sportivo. Insieme alla sua architettura elettrificata, il Vision Vehicle offre un interno di lusso su una piccola impronta di auto. L'ampio vano passeggeri vetrato a filo conferisce ai fianchi un senso di modernità e leggerezza. Invece di utilizzare una striscia di finitura cromata come contorno per la grafica dei finestrini, c'è una superficie digitale sottile che si estende come un nastro intorno al gomito di Hofmeister. Questo non è solo un elemento stilistico, ma anche una superficie utilizzata per mostrare informazioni sullo stato del veicolo e guidare gli utenti verso l'apriporta utilizzando la luce mentre si avvicinano all'auto. Quando l'apriporta viene toccato, le due porte del veicolo si aprono in direzioni opposte, rendendo facile per il conducente e i passeggeri salire a bordo. Un posteriore "granitico" Il posteriore è compatto e muscolare e tutte le superfici dei display e le funzioni di illuminazione sono integrate in modo invisibile nel portellone di vetro scuro, replicando l'approccio adottato all'estremità anteriore. Quando l'auto è spenta, solo il logo BMW bidimensionale nella superficie di vetro scuro è visibile. L'accensione dell'auto attiva sia gli elementi di luce funzionali che la grafica della linea all'estremità anteriore. Sotto il portellone, una superficie chiaramente scolpita in acciaio secondario crea un movimento orizzontale sorprendente. Spostandosi più in basso, il paraurti nero perfettamente ottimizzato aerodinamicamente - anch'esso realizzato in plastica riciclata - completa il design della parte posteriore nel punto più basso rispetto alla strada. Pneumatici sostenibili Gli pneumatici in "Vivid Blue Rubber" sono realizzati in gomma naturale certificata, coltivata in modo sostenibile e hanno un aspetto leggermente trasparente. I cerchi sono progettati e realizzati con materiali minimi. I centri del cerchio con la massima permeabilità garantiscono il raffreddamento dei freni, mentre le superfici più chiuse al raggio esterno delle ruote garantiscono la massima efficienza aerodinamica possibile. Visibile solo guardando dall'alto, una pinna stretta è integrata centralmente nella sezione posteriore del tetto in vetro. Contiene la tecnologia di comunicazione e antenna e fornisce informazioni sullo stato del veicolo (aperto/chiuso, livello di carica della batteria, ecc.). Integra anche la luce del freno centrale alta montata. Gli interni "circolari" All'interno, la BMW i Vision Circular cerca di creare un ambiente lussuoso, utilizzando materiali e processi di produzione che sono indicativi di un approccio responsabile all'ambiente e alle sue risorse. Al fine di ridurre al minimo la quantità di rifiuti e scarti, tutti i componenti e i materiali saranno fabbricati esattamente utilizzando processi come la stampa 3D. Qualsiasi materiale eccedente sarà sistematicamente reinviato nel ciclo dei materiali. Lo schema cromatico di base per la cabina è composto da elementi in grigio tortora e la tonalità verde menta chiaro ("Monochrome Mint") utilizzato per il pavimento e pannelli di assetto laterali. Questo si coordina perfettamente con la finitura taupe/viola "Monochrome Taupe" per i sedili anteriori e posteriori per creare un'atmosfera moderna e familiare. Accenti in metallo oro-bronzo nello stesso paralume Anodized Mystic Bronze utilizzato per gli esterni aggiungono un contrasto caldo e sofisticato. Il tetto in vetro con una pronunciata collocazione all'indietro della testata del parabrezza dà a coloro che si trovano nella parte anteriore l'impressione di essere seduti all'aperto e massimizzare la sensazione di spaziosità sperimentato all'interno di un piccolo ingombro. I quattro sedili sono stati appositamente progettati per assomigliare più a mobili. I sedili poggiano su una sottile base mono-palo con regolazione anteriore/posteriore. Insieme all'omissione di una console centrale, questo design ha l'effetto di creare grandi quantità di spazio per le gambe per i passeggeri nella seconda fila. Riducendo il numero di componenti e raggruppando insieme le funzioni si crea un'esperienza "phygital", crasi di Fisica e Digitale. Il pannello strumenti classico viene trasformato in un'interfaccia utente phygital di nuova generazione. Qui, assume la forma di una scultura sospesa a forma di V che si proietta nella cabina. Al suo centro c'è un corpo in cristallo stampato in 3D con strutture nervose che lo attraversano, grande profondità visiva e un effetto di luce coinvolgente. Inoltre, l'HUD è l'intero parabrezza: tutte le informazioni pertinenti sono proiettate sulla superficie inferiore del parabrezza per tutta la sua larghezza. Le informazioni possono essere spostate direttamente nel campo visivo dell'utente o nascoste, come desiderato. L'uso intelligente delle tecnologie trasforma quindi il parabrezza esistente in una fonte di informazione, eliminando la necessità di qualsiasi altro display all'interno allo stesso tempo, ed è un altro esempio di applicazione della tecnologia timida al lavoro. V2G - Vehicle to Grid e mobilità urbana Oltre a tutte le innovazioni di materiali e design, la BMW i Vision Circular offre anche la possibilità di utilizzo in uno scenario di ricarica bidirezionale. In questo caso, il veicolo fungerebbe da dispositivo mobile di accumulo di energia e alimenterebbe l'energia verso l'ambiente circostante, ad es. edifici e infrastrutture. Può anche essere immesso nella rete elettrica per aiutare ad assorbire i picchi della domanda. Mobilità intelligente basata sui dati per la massima efficienza nel traffico urbano Un'altra misura chiave nella spinta verso una mobilità urbana sostenibile si estende oltre il veicolo reale: utilizzare in modo intelligente i dati sul traffico disponibili in tempo reale e a lungo termine per ottenere la massima efficienza nella mobilità. Ad oggi, il BMW Group ha prodotto ben oltre 14 milioni di veicoli connessi che sono ora sulle strade del mondo. Inoltre, il grado di connettività e la precisione della tecnologia dei sensori utilizzati sono in costante miglioramento. Le informazioni raccolte da ogni veicolo non è solo utilizzato per sostenere le proprie funzioni però. Con il consenso dell'utente, è condiviso con l'intera flotta collegata, consentendo a tutti i veicoli di beneficiare di questa intelligenza diffusa. Le raccomandazioni in materia di velocità potrebbero essere ottimizzate per utilizzare meglio la viabilità semaforica ("onda verde"), i flussi di traffico previsti con maggiore precisione e i periodi di congestione ridotti al minimo grazie alla comunicazione tra veicoli e ambiente. Le emissioni di CO2 causate dal traffico di stop-start o addirittura la ricerca di un parcheggio potrebbero essere ridotte in modo significativo in un gran numero di utenti. Cartella stampa completa Lo vedremo a Monaco
  2. Il dipartimento N di Hyundai ci anticipa una vettura sportiva a idrogeno. Ne sapremo di più il 7 Settembre
  3. Dopo il „giorno della strategia“ per investitori oggi si parla di EQG e EQGLS per i due Suv. Presentato anche la Vision EQXX - autonomia dichiarata 1200km 🤔
  4. Evoluzione del precedente Vision Gran Turismo Coupé, vuole esserne la sua variante Endurance. Press Release: JULIAN THOMSON DESIGN DIRECTOR, JAGUAR JAGUAR VISION GRAN TURISMO SV Designed as the ultimate virtual endurance racer, the Jaguar Vision GT SV pays homage to its illustrious forebears not only in a host of styling and surfacing references but in its unique circuit board livery which nods to milestones such as the Le Mans debuts of the C-type and D-type in 1951 and 1954 respectively. ENGINEERED BY EXPERTS The streamlined, lightweight composite body structure now houses four Jaguar Racing and SV-designed electric motors to the Coupé’s three, generating a combined output of 1,903PS (1,400kW) and 3,360Nm of instant torque with the traction and dynamics benefits of intelligent all-wheel drive and torque vectoring. Acceleration from 0-60mph takes just 1.65 seconds, on the way to a maximum speed of 255mph. The task of harnessing the Gran Turismo SV’s power to deliver an even more exhilarating racing experience for gamers fell to Jaguar’s SV engineering team. JAMAL HAMEEDI ENGINEERING DIRECTOR, JAGUAR SV JAGUAR VISION GRAN TURISMO SV The Vision GT Coupé’s elegant silhouette is still clearly recognisable in the GT SV, including the curvature of the C-type and D-type-inspired fenders, and – even with the additional motor driving the front axle – the wheelbase remains unchanged at 2,721mm. Measuring 5,540mm from nose to tail, the GT SV is 861mm longer overall – a change driven entirely by aerodynamics. To deliver the increased downforce needed for greater traction for faster cornering and increased high speed stability on long straights, the GT SV has a new front splitter and a new deployable rear wing. To solve the often conflicting requirements of increasing downforce while also minimising drag, the SV team worked with Jaguar’s designers to develop a full suite of features which work together to improve dynamics, stability, performance and efficiency. In addition to the larger, more effective splitter – which produces downforce over the front axle –apertures in the front valance channel air across the face of the front wheels to reduce turbulence and help air to flow cleanly towards the rear of the car. Air passing through the wheel wells is also smoothed towards the rear via exit vents in the fenders. The completely enclosed, sculpted underbody – which includes a keel element behind the front axle to aid high-speed stability – accelerates airflow, reducing its pressure and therefore helping to reduce lift, before it exits at the rear via a large venturi. JAGUAR VISION GRAN TURISMO SV The single most effective aero feature developed for the GT SV is its deployable rear wing, inspired by endurance racing cars from Jaguar’s rich lineage, including the XJR-14. Meticulously developed from concept to final design through many iterations, the wing’s main, fixed, section wraps over and around the back of the car, blending smoothly into the rear haunches. The wing is designed as an integral element of the sculpted bodywork while also providing the aerodynamic performance required for endurance racing: two moveable sections automatically rise at speed to deliver extra downforce when needed but drop back to their nominal positions to minimise drag. As a result, the GT SV has a drag coefficient of Cd 0.398 – remarkably low for a race car – but also generates 483kg of downforce at 200mph. MICHEAL O’REGAN AERODYNAMICS SENIOR ENGINEER, JAGUAR SV ELECTRIFYING PERFORMANCE Jaguar Racing engineers developed the GT SV’s extraordinary quad-motor all-electric propulsion system. They also designed the system for the first Jaguar Vision GT car, applying all of their knowledge and experience from developing the Jaguar I-TYPE over six successive seasons. The work was split into two main projects: A second 407PS (300kW) motor to the front axle to deliver the higher power and torque ratings required. Then the thermal management system was further improved to cope with the higher loads and to ensure that sustained high speeds and extreme acceleration could be maintained throughout an endurance race. With one motor driving each wheel, the GT SV’s propulsion system generates a combined output of 1,903PS (1,400kW) and 3,360Nm torque. Each motor has its own single-speed transmission: these are designed to give the strength and robustness needed for the high torque ratings, together with minimal mass and friction for optimum efficiency, and the capability to deliver the car’s 255mph top speed. As well as electric all-wheel drive the one motor per wheel configuration also enables infinite control of lateral and longitudinal torque distribution, delivering a step-change in torque vectoring capability for even greater traction, agility, and control. Power comes from a state-of-the-art lithium-ion battery pack which is housed low down in the GT SV’s light, stiff body structure, delivering a low centre of gravity, a low roll centre and near-perfect weight distribution. JAGUAR VISION GRAN TURISMO SV JAGUAR VISION GRAN TURISMO SV INTERIOR IMAGE FOR NEWS RELEASE - CHRIS REQUEST INTRODUCING THE JAGUAR VISION GRAN TURISMO SV: THE ULTIMATE ALL-ELECTRIC GAMING ENDURANCE RACE JAMES BARCLAY TEAM DIRECTOR, JAGUAR RACING The thermal management system is enhanced by an additional liquid nitrogen circuit which provides extra capacity to enable the battery to provide maximum power for longer while remaining within its ideal temperature range. The nitrogen cooling is also linked to the boost button within the cabin to ensure that even during the most demanding operating conditions the battery will not exceed its upper temperature limit. THE ULTIMATE VIRTUAL DRIVING EXPERIENCE The unique, powertrain soundscape so fundamental to the visceral driving experience of the Jaguar Vision GT Coupé has been further enhanced for the GT SV version. Reflecting the increase in power and torque from the four electric motors to its precursor’s three, the GT SV generates a sound that is even more purposeful and distinctive, and is authentically yet futuristically Jaguar. Building to a crescendo at the 40,000rpm redline, it reflects the GT SV’s true racing DNA and delivers unrivalled driver reward. The experience is heightened by an interior designed for racing. The pure, sweeping surfaces within the cockpit truly envelop the driver and position the instruments and perfectly weighted controls exactly where they need to be. Every component is beautifully crafted with absolute precision from advanced lightweight materials, including the new TYPEFIBRE fabrics used to cover the two sculpted composite seats. TYPEFIBRE is an innovative system of performance materials being developed by Jaguar to deliver a lighter alternative to leather with outstanding comfort and durability. TYPEFIBRE fabrics will be tested by Jaguar Racing in the I-TYPE 5 during season 7 of the ABB FIA Formula E World Championship.
  5. BMW festeggia così i suoi 100 anni. IMHO molto esplicativo di dove sta andando la sportività del marchio.
  6. E' una rielaborazione del concetto di Efficient Dynamics. Per il momento è solo un muletto su una strana Serie 6 E63, ma sottopelle ha il vero tesoro della tecnologia. Da anni, dopo aver battuto con successo la strada della propulsione ad idrogeno - ed ora focalizzandosi sulle modalità di stoccaggio - BMW abbraccia la filosofia dell'ibrido, non disdegnando però le prestazioni. Sotto la scocca muscolosa della Serie 6, 2 motori elettrici ed il "piccolo" 3 cilindri a gasolio da 1.5 litri sovralimentato con turbocompressore Twin-Stage, riescono a far balzare da 0-100 Km/h il prototipo in 4.8s , il tutto percorrendo mediamente 26 Km con un litro di gasolio. La potenza erogata di picco sarà di 355 Cv, ma con una coppia monstre di 800 Nm. Necessaria per poter strappare l'asfalto dal suolo senza problemi.
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.