Vai al contenuto
Autopareri news
  • Benvenuti sul nuovo tema grafico! Scegli il tuo tema preferito in fondo alla pagina: chiaro (light) o scuro (dark).

johnpollame

Utente Registrato
  • Numero contenuti pubblicati

    864
  • Iscritto il

  • Ultima visita

Reputazione Forum

1635 Excellent

3 Seguaci

Su johnpollame

  • Rank
    Giovane Promessa
  • Compleanno 26/07/1976

Informazioni Profilo

  • Marca e Modello Auto
    Alfa Romeo Duetto

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. johnpollame

    Volkswagen Polo 2017

    Sì, fa fede la sola misura e il tipo, marca e modello di pneumatico variano a seconda delle contingenze di fornitura del momento della produzione. Certe Case forniscono in prova vetture in allestimenti neppure ordinabili, figurarsi se si fanno scrupolo a riservare pneumatici particolari per le vetture date alla Stampa...
  2. johnpollame

    Auto media per l’italiano medio

    A mio modestissimo sentire, forse non è il fintofuoristrada più emblematico: il medioitaliano non comprerebbe volentieri Fiat perché: - "La Regata di mio nonno ne aveva sempre una" - "Con tutti i soldi che gli ha dato lo Stato..." - "Le Fiat sono auto per chi non si può permettere altro di meglio" -"Vuoi mettere con le tedesche?" -"A quel prezzo mi compro una ( marca alla moda a piacere in allestimento desolante )" -"E poi se la rivendo non mi danno niente" et. al.
  3. johnpollame

    Avvistamenti vari di auto storiche o quasi-storiche

    Oftopic non troppo: In Germania le auto nipponiche erano invece assai diffuse per la loro alta/altissima qualità (ai tempi -fine anni 70/primi 80- nettamente superiore alle produzioni europee) cosa che ha costretto gli alemanni, in primis Borgolupo, ad investire pesantemente per tornare competitivi, specie nella fascia media del mercato.
  4. johnpollame

    Maserati: sbagliata la strategia di mercato

    E aggiungiamoci un relativo basso potere d'acquisto del mercato interno, a confronto con quello tedesco...
  5. johnpollame

    Maserati: sbagliata la strategia di mercato

    Ma negli Anni Settanta il prodotto automobile era tutt'altro, e la allora Fiat lavorava benissimo. Il problema è che dopo Fiat/FGA non è stata in grado di capire i cambiamenti e non si è in sostanza mai adattata ad un mercato di pura sostituzione e con maggiore capacità di spesa, sperperando tutto nel giro di vent'anni, per poi esser rianimata all'ultimo colpo del massaggio cardiaco, giusto un'istante prima che il medico constatasse l'avvenuto decesso... Oggi FCA non ha certo più le risorse della Fiat degli anni 70 e 80, e soprattuto forse non ha il coraggio imprenditoriale per stabilire e soprattutto perseguire senza ripensamenti un piano di rilancio nel lungo termine, che non sia il gettare sul mercato modelli eccellenti lasciati isolati ad appassire fino all'obsolescenza, riprovarci con un modello nuovo al top per poi abbandonarlo, riprovare... ( uroboricamente ad libitum )...
  6. johnpollame

    Maserati: sbagliata la strategia di mercato

    Il problema è ache i Quattro Anelli poterono poggiar le basi su di un colosso finanziario sostanzialmente inattaccabile, oggi in grado, per dire, di assorbire un Dieselgate qualunque sanza quasi batter ciglio, figurarsi qualche investimento in perdita per immagine... Maserati (ma anche gli altri marchi, Alfa in prima fila) è in mano a chi è convinto che se sbaglia qualcosa porta i ibri in tibunale. Certo è che stanno facendo troppo poco e soprattutto con discontinuità: il segreto del successo di Audi sono state ai miei occhi la costanza e la coerenza nel proporsi e riproporsi di volta in volta come vetture di eccellenza, partendo dal dover fare vetture ancor più curate della concorrenza da proporre a prezzo inferiore, arrivando fino al punto di potersi permettere di vendere come oro colato anche fuffa imbellettata. Ecco, costanza e coerenza sono attributi che ho sempre visto mancare nella gestione dei prodotti all' italiana...
  7. In realtà questi tastini si usano bene, intuitivamente, per carità, il Cetaceo Aziendale non è certo vettura da edonisti, pur se con un buon piglio su strada, e l'automatico svolge egregiamente il lavoro da solo, ma francamente, per quelle poche volte che ho preferito scegliere io il rapporto, non ho mai sentito la necessità di averli spostati sul volante. Su altra tipologia di vetture, se ben progettati, le alette al volante sono invece una spezia in più ad esaltare il gusto del guidare, a volte sono essi stessi un oggetto che impreziosisce il posto di comando, belli da vedere e toccare. Ma su vetture dall'utilizzo utilitario li metterei tra le cose del tutto prescindibili. PS La nuova Focus automatica ha ora manopolone e levette al volante... PPS Per puro divertimento al posto dei paddles preferirei addirittura avere da usare una bella leva del cambio sequenziale, avanti in scalata, indietro a salire, sarà forse per via del fatto che la eva del cambio è un evidente simbolo... ehm... -Un'altra cosetta. Se io parlo con te, e tu mi dici che sono finocchio, io t'ammazzo. Ci siamo intesi?" -Vogliamo definire "finocchio"? Perché certe inclinazioni possono... -Io finocchio, tu morto. Intesi?
  8. johnpollame

    Fiat 124 Spider America d’epoca

    Ebbene, non sono grande esperto del modello (avendone in rimessa la Concorrente d'elezione) ma dico la mia da sempre più curioso appassionato di vecchiette: per le versioni americane dipende dall'annata, da metà anni Settanta sono state costrette ad adottare grossi ed antiestetici paraurti sovradimensionati e motori soffocati nelle prestazioni per rientrare nelle normative statunitensi, quindi sono meno appetibili ma probabilmente più economiche all'acquisto, se già importate nel nostro continente. L'ultimissima serie, da noi a solo marchio Pininfarina, tenta di dare modernità ad una vettura nata due decadi prima, ma lo fa con un gusto e uno stile molto americano, un po' tradendone l'essenzialità originale, all'inglese, e ai miei occhi risulta come una bella donna ancora più che piacente ma poi ricorsa malamente alla chirurgia per sembrar ancora la giovinetta che mai più sarà. Riguardo alla targa, sì il valore di una vettura ritargata tende ad essere inferiore per gli appassionati, ma a questo punto si innesta la domanda: lo scopo dell' acquisto è di investire in un bene che secondo le proiezioni alla peggio manterrà il valore negli anni a venire, o quello di avere per proprio diletto una vetturetta adorabile da guidare e possedere? Perchè per il secondo caso conta il solo gusto personale, non tanto considerazioni collezionistiche... E attenzione ad andare ben preparati e documentati a valutare l'acquisto: come ebbi già modo di scrivere, sulle macchine di una certa età dall' "affarone" al "bagno di sangue con pianto e stridore di denti" il passo è brevissimo...
  9. johnpollame

    Lamborghini Huracan Evo 2019

    Oddio, io da piccolo preferivo la sfacciataggine e l'appariscenza arrogante della 500, icona assoluta d'esagerata Decade, ma la 400 è quanto di fabbricabile più si sia potuto avvicinare al gandiniano assoluto archetipo, e con gli occhi d' oggi non posso che darle ogni favore.
  10. johnpollame

    Avvistamenti vari di auto storiche o quasi-storiche

    Ricordo quando uscì la Tipo, ero poco più che uno scolaretto, mi sembrò un gran passo avanti per modernità: finalmente una Fiat al passo coi tempi! Ricordo la plancia digitale, che oggi fa quasi tenerezza, allora come la cosa vista dal vivo più vicina all'abitacolo di un Xwing. Ricordo che quando vidi il portellone avvolgente con i fari così tridimensionali allo spigolo rimasi colpito. Ricordo un abitacolo incredibilmente spazioso. Ricordo un restyling peggiorativo. Ricordo l'abbandono e lo stanco trascinarsi di un modello che avrebbe dovuto già lasciare il listino tempo prima. Poi ricordo che arrivò la Bravo. Ricordo che mi sembrava perfetta per i tempi, finalmente una Fiat di carattere! Ricordo un bell'assetto e una guida piacevolissima. Ricordo dei motori gustosi, belli da tirare in zona rossa. Non ricordo un vero restyling. Ricordo l'abbandono e lo stanco trascinarsi di un modello che avrebbe dovuto già lasciare il listino tempo prima. Poi arrivò la Stilo. Ricordo che tutto quello che il marchettaggio potè sbagliare, lo sbagliò. Perchè in fondo la base era di una buona macchina. Il resto è meglio non ricordarlo. E difatti ricordo che su quella base tirarono fuori una nuova Bravo. Ricordo che quando uscì, diamine, sembrava finalmente una Fiat di livello! Ricordo una bella linea, degli interni piacevoli e curati, una buona guida, un ottimo motore Diesel. Non ricordo un vero restyling. Ricordo l'abbandono e lo stanco trascinarsi di un modello che avrebbe dovuto già lasciare il listino tempo prima.
  11. johnpollame

    Porsche 911 Carrera S e 4S Cabriolet 2019

  12. johnpollame

    Porsche 911 Carrera S e 4S Cabriolet 2019

    Il posterior rigonfio grava all'occhio, plumbea come sfera a caviglia di galeotto.
×

INFORMAZIONE IMPORTANTE

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Termini e condizioni di utilizzo.