Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuto su Autopareri - il forum dell'automobile!

DENDI

Members
  • Content Count

    428
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

521 Excellent

About DENDI

  • Rank
    Foglio Rosa
  • Birthday 04/10/1980

Profile Information

  • Car's model
    BMW 318 TOURING
  • City
    Genova
  • Professione
    impiegato

Recent Profile Visitors

3,618 profile views
  1. rettifico: mai visto un restyling così profondo "nell'ultimo decennio" Più o meno da quando l'effetto matrioska è l'evoluzione del vecchio prodotto hanno preso il sopravvento sull'inventiva stilistica di tutto il marchio. Quello citato da @mmaaxx, a differenza di quello attuale, veniva proposto su una serie decisamente di gran successo, ma era stato imposto non tanto per "aggiustare i tiro" ma per denotare le nuove linee guida del futuro family feeling del marchio caratterizzato dalla cosidetta "sigleframe" di cui ancora oggi ci portiamo dietro lente evoluzioni. Pochissimo dopo toccò ad A3 (al tempo ancora molto fresca ed attuale) e ad A8. A6, se non sbaglio ai tempi era già a fine ciclo, quindi il problema non sussisteva. Forse quello fu l'ultimo vero punto di rottura col precedente corso stilistico, da li in poi si visse principalmente di rendita (ma anche di contenuti tecnologici).
  2. mai visto un restyling così profondo in casa Audi. Solo per BMW serie 1 avevo visto una simile operazione... E questo la dice lunga. Nonostante tutto l'auto rimane bella, attuale, tecnologica e discretamente dinamica. Ma zero effetto "wow" da giustificarne l'impegno economico. Hanno cercato di "tamarrizzare" un prodotto eccessivamente piatto ed anonimo, onestamente trovo nel risultato lo stesso prodotto impersonale ma leggermente più pasticciato. Per me è sempre NO.
  3. inconcepibile il disegno della palpebra superiore del cruscotto. All'altezza del quadro strumenti rimane una sorta di visiera come se dovesse riparare il classico quadro analogico. Vedo una gran confusione ed un insolito disordine per essere una VW. La Golf è sempre stata caratterizzata da uno stile degli interni molto conservatore. Qua vedo un pò tanta forzatura.
  4. un copia incolla del genere lo avrei sopportato da un marchio generalista qualunque, ma non da BMW. Ultimamente brancolano completamente nel buio. Non trovo più nulla che identifichi lo stile del marchio, solo tanti spunti disordinati e scopiazzati qua e la e idee decisamente confuse sul corso da seguire.
  5. DENDI

    Ford Kuga 2020

    Ci vedo un goffo tentativo di scopiazzamento nei confronti di Mazda. E già l'ambizione ed il termine di paragone preso, lascia, a mio avviso, parecchio a desiderare. Tra l'altro veramente imbarazzante quel cofano allungato (con importante sbalzo anteriore annesso) abbinato ad un padiglione leggermente arretrato come per voler dare un tono di.. sportività? ad un mezzo che altro non risulta che una fiesta gonfiata. Nell'insieme (interni compresi) sembra una vettura studiata più per i paesi in via di sviluppo che per far "carriera" in Europa.
  6. Credo che nell'insieme abbia un equilibrio proporzionale perfetto, manca però l'effetto WOW. trovo nel frontale la perfetta evoluzione del corso Lancia, ma il problema sta proprio nel fatto che ne è l'evoluzione fin troppo naturale (e scontata). L'incastro tra gruppo ottico e mascherina centrale è appunto un qualcosa di visto e rivisto da decenni. Servirebbe un punto di rottura, un qualcosa di più azzardato, squadrato, più sfacciato. Una lavorazione più complessa delle profondità sia della mascherina che di tutto il paraurti in è (prese d'aria comprese). Ma è anche vero che tutto il resto appare talmente equilibrato (e teutonico) da rischiare di cozzare un po' con un frontale più "coraggioso". Appoggerei anch'io l'idea delle diurne all'interno del gruppo ottico.
  7. Tecnologia Giorgio tramandata su Maserati e "made in FIAT/Jeep" per le future Alfa con conseguente riduzione di segmento. Tra 20 anni parleremo di Giulia come l'ultima Alfa a TP (vedi 75 oggi).
  8. -Darsi un tono premium, orientato SI al piacere di guida ma anche alla classe e l'eleganza andando a rompere le uova nel paniere della triade tedesca. -Togliersi di dosso quella reputazione di tamarragine tipica dell'immaginario collettivo delle Alfa che si dividevano tra quelle "da rapina" o di "Paolo Bitta". Certe cose lasciatele fare ad ABARTH.
  9. DETTAGLI. Ma per quanto l'estensione della griglia anteriore sappia un po' troppo di "artificiale" apprezzo un sacco il passo avanti rispetto alla penultima versione. Interni invece sempre ineccepibili ed al passo coi tempi. Della precedente purtroppo non riuscivo a digerire i vecchi gruppi ottici ne per forma ne per dimensione. Peccato solo che dopo 3/4 anni costi ancora come una A6 nuova.
  10. Non sono d'accordo. parlo della plancia dell'attuale serie 3 (F31) ed onestamente la trovo ben sotto la media del livello premium che si trova in giro. Tolto il design a mio avviso troppo asettico, (ma questo è un parere del tutto soggettivo), riscontro di continuo scricchiolii provenienti sia dai pannelli porta che dal mobiletto. La cornice della sede della leva del cambio non è perfettamente incollata al tunnel, stessa cosa per il guscio argentato della razza inferiore del volante (Msport) che non trasmette alcun senso di solidità. Gli interni della mia ex A3 sportback dopo 7 anni di vita erano oggettivamente meno provati. Non posso dire se Kia o FCA siano migliori o meno, dico solo che per un marchio come BMW certe leggerezze sono imperdonabili, soprattutto ora che il cavallo di battaglia della sportività del marchio sta andando a farsi benedire.
  11. la clientela M di adesso richiede X5 ed X3. Forse dovrebbero rivedere certe politiche perché temo che i puristi di una volta comincino a scarseggiare. Vedi anche la recente introduzione del 4WD, cosa che fino ad un decennio fa avrebbe fatto scandalo.
  12. Qualcuno mi spieghi perché in BMW si ostinino a sfornare M3 solo in versione sedan mentre in Audi il mito RS4 esiste (e vende) solo con carrozzeria SW. Perché una spiegazione dev'esserci per forza.
  13. Il faro posteriore è oggettivamente triste ed anonimo. Zero lavorazione delle plastiche ed una "piattosità" da coreana di penultima generazione. Stesso difetto che ritrovo su Stelvio. Ammetto però che da accesi migliorano nettamente l'impatto visivo dell'insieme.
  14. DENDI

    Jeep Renegade S 2019

    La Trailhawk c'è già. Alla Jeep va riconosciuta la coerenza nel presentare sempre versioni maggiormente declinate al off road, cosa che altri marchi non fanno. Una versione S(port), non credo possa nuocere, anzi. Anche i fighetti sono i benvenuti.
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.