Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'polestar'.

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

    • Consigli per l'Acquisto dell'Auto
    • Riparazione, Manutenzione e Cura dell'Auto
    • Assicurazioni - Contratti e Finanziamenti - Garanzie
    • Codice della Strada e Sicurezza Stradale
    • Tecniche e Consigli di Guida
    • Autopareri On The Road - Emergency while driving
  • Scoop e News about cars
    • New Car Models
    • Scoops and Rumors
  • Mondo Automobile
    • Prove e Recensioni di Automobili
    • Tecnica nell'Automobile
    • Mercato, Finanza e Società nel settore Automotive
    • Car Design e Automodifiche
    • Vintage Car​
  • Mondo Motori
    • Due Ruote
    • Veicoli Commerciali-Industriali e Ricreazionali
    • Altri Mezzi di Trasporto
    • Sport Motoristici
    • Motori ed Attività Ludiche
  • Mobility
    • Mobility and Traffic in the City
    • Traffic on Highways
  • Case Automobilistiche
    • Auto Italiane
    • Auto Tedesche
    • Auto Francesi
    • Auto Britanniche
    • Auto del resto d'Europa
    • Auto Orientali
    • Auto Americane
  • Off Topic in Autopareri
    • Off Topic
    • TecnoPareri
  • Venditori Convenzionati
    • Vuoi farti pubblicità su Autopareri?
  • Il sito Autopareri

Product Groups

There are no results to display.

Blogs

  • Autopareri News

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


Car's model


City


Occupazione


Interessi


Twitter


Facebook


Website URL


YouTube


Website URL


Website URL

  1. È il caso di aprire il topic sulle scelte strategiche del Gruppo Geely che possiede marchi già presenti in Europa come Volvo, Lynk & Co, Polestar, LEVC e Lotus, le cinsesi Geely, Farizon (commerciali) Geometry (marchio elettrico) e la malese Proton e questa estate ha rilevato il Gruppo Lifan. Nel campo motociclistico attraverso la controllata QJIAN JIANG possiede QJMOTOR, KEEWWY e l'italiana Benelli. Inoltre è attiva anche nel campo della ricerca della auto/droni per il trasporto aereo di persone con due società: la Terrafugia e la Volocopter con il 10%. È anche attiva nei servizi di sharing con StarRides e CAOCAO. Geespace nel settore aerospaziale. Possiede inoltre il 50% di smart. Oltre a questo è il primo azionista del Gruppo Daimler con il circa il 10% ed è anche il primo azionista di Volvo Group (società separata dalla Volvo Cars che possiede tra l'altro Volvo Trucks e Renault Trucks) Ha all'attivo ad oggi diverse JV con Daimler: la cogestione di smart dove Geely si occuperà della produzione e fornirà la base per i nuovi modelli che nasceranno sulla piattaforma SEA, StarRides un servizio simile a Uber, con Volocopter per lo sviluppo taxi-drone, con Volvo per lo sviluppo congiunto di motori e sistemi ibridi, con Volvo Trucks per lo sviluppo dell'idrogeno a cui si aggiunge un'altra JV che comprende anche IVECO e Shell sempre legata al mondo dell'idrogeno e dell'autotrasporto. Questa settimana sono state annunciate anche queste JV: con il "Google cinese" Baidu per l'uso della piattaforma EV SEA per la prima vettura del motore di ricerca cinese con Foxconn che fornirà e produrrà per contro di terzi auto basate sulla piattaforma SEA (Foxconn ha siglato in passato due JV con FCA e Byton per la fornitura e lo sviluppo di una piattaforma EV, non si sa se sarà la SEA a questo punto) con il Gruppo Renault che svilupperà insieme a Lotus una sportiva a marchio Alpine che dovrebbe anche questa nascere su base SEA C'è da aggiungere anche che nel 2019 ha cercato di rilevare IVECO da CNH ma l'offerta è stata ritenuta troppo bassa da EXOR. C'è del movimento e credo che siamo solo all'inizio
  2. Probabilmente uno dei più conosciuti in Europa per i suoi trascorsi storici, Geely nasce nel 1986 a Taizhou Zheijang ma soltanto nel 1997 comincia a produrre vetture. Ad oggi è il brand cinese più attivo in Europa, avendo sotto la sua ala brand di spessore come Volvo, Polestar, Smart e Lotus. Di proprietà anche la recente Lynk & Co., la malese Proton e l'inglese The London Electric Vehicle Company, atta alla produzione di veicoli per il trasporto pubblico. Restano in Cina il brand omonimo Geely, Zhidou ed il nuovo Geometry (veicoli elettrici). Anche il brand di veicoli volanti, Terrafugia, fa parte del gruppo Geely
  3. https://media.polestar.com/global/en/media/pressreleases/666140 Foto live da Shangai Topic Spy -> Clicca qui!
  4. Polestar 4 sarà un SUV Coupe' EV di Polestar. Ecco il primo mulo. Il codice interno non l'ho recuperato ancora PS, la carrozzeria è un Frankestein di XC40
  5. Polestar rilascia la prima foto del nuovo modello, nonché primo crossover del brand! Debutto definitivo ad ottobre Press Release: Polestar Topic Spy ▶️ Polestar 3 2023 - Prj. P519 (Spy) Credo mi piaccia tanto 🥺
  6. Il my 2023 presentato ad Aprile scorso é giá obsoleto: arrivano aggiornamenti estetici ma soprattutto di sostanza per la piccola Polestar. Il principale cambiamento sta nella posizione dei motori: la 2 é adesso a trazione posteriore nel caso della single motor e a prevalenza TP per la dual motor, un cambio radicale dettato da necessitá di aumentare l'efficienza globale. Sono migliorate anche le logiche di gestione della trazione integrale, capace di ridurre la perdita di efficienza rispetto alla single motor. La potenza dei motori aumenta e arriva a 220 kW per la single motor e 310 kW per la dual motor. Aumenta anche la capacitá della batteria, di 4 kWh fino ad un totale di 82 kWh, insieme pure alla potenza di picco in ricarica DC (205 kW). L'autonomia sale a 635 km (+94km) per la single motor e 591 km (+105km) per la dual motor. Cambiamenti di dettaglio fuori, con il solo aggiornamento della calandra allo stile della 3, cosí come il disegno dei cerchi della versione Performance. PRESS RELEASE Topic Spies: Polestar 2 facelift 2024 (Spy)
  7. Novità per Polestar 2 con il M.Y. 2023: la Standard Range Single Motor riceve una nuova batteria da 69 kWh in sostituzione della precedente da 64 kWh, il ché aumenta la percorrenza WLTP da 440 a 474 km a ricarica completa e i cavalli che adesso sono 231. Tra le altre novità troviamo i nuovi colori Space e Jupiter rispettivamente in sostituzione di Void e Moon, il Magnesio come tinta base senza sovrapprezzo, nuovi cerchioni da 19'' e 20'', nuova Pelle Nappa color Zinco e nuovi inserti per gli interni. Viene anche aggiornato il Performance Pack per il mercato europeo, adesso più prestante con 350 kW e 680 Nm, così come la pompa di calore che adesso funziona con temperature tra i -7 ed i + 25 gradi. Press Release: Polestar Da un punto di vistat meramente estetico, è l'unica auto elettrica che comprerei ad occhi chiusi. I MY non fanno altro che migliorarla di volta in volta anche nei contenuti: benone.
  8. Immagini quasi definitive della Zeekr 003 che arriverà in Europa verso metà anno, condivide la piattaforma SEA con le Smart #1 #3 e con la Volvo EX30. La lunghezza è sotto i 4,38 metri, il passo di almeno 2,7 metri.
  9. Ad occhio sembra identica, in realtà oltre alla nuova griglia frontale, cambia il disegno del paraurti anteriore, ora più avvolgente, e senza gli ugelli lavafari (non necessari con i Matrix LED) Una lievissima modifica all'esterno che sarà completata da miglioramenti all'interno, che influiscono sulla qualità dei materiali e da un migliore assetto della ciclistica, a giudicare dai test che sono in corso sulla resistenza degli ammortizzatori e delle sospensioni, oltre ad una nuova taratura più energica dei freni, uno degli elementi che soffre di più la fatica nelle auto elettriche, visto il peso elevato. Gli ingegneri del marchio testano la velocità di rotazione delle ruote e il funzionamento dell'ABS. Nessuna modifica alla "meccanica".
  10. Polestar approfitta del nuovo model year per ampliare la gamma della sua 2. Debuttano le varianti a motore singolo: Long Range con batteria da 78 kWh, 231 hp ed autonomia compresa tra i 515 e i 540 km, Standard Range con batteria da 64 kWh, 224 hp ed autonomia compresa tra i 420 e i 440 km; la Polestar 2 con doppio motore offre anche un allestimento meno ricco, così da potere lasciare spazio alle configurazioni; vengono introdotti tre pacchetti opzionali: Plus Pack (un'ode al lusso sostenibile in cui figura anche una pompa di calore meccanica), Pilot Pack (incetta di ADAS), Performance Pack (esclusivamente per la dual motor). Press Release: Polestar Andrò un po' controcorrente, probabilmente, ma a me lei piace davvero tantissimo
  11. Volvo/Polestar conferma la produzione della O2 Precept Concept, che sarà declinata come Polestar 6. Il modello roadster con alimentazione elettrica, verrà messa in produzione nel 2026. Ingenlath, inoltre, dice che il telaio space frame in alluminio, appositamente realizzato per la O2 Precept Concept, non è "appannaggio di Polestar, ma può esser richiesto da chiunque ne faccia richiesta all'interno del gruppo (Geely)". Quindi, aspettiamoci una controparte Lotus. La parte elettrica, sviluppata in house da Volvo, sarà focalizzata alle massime prestazioni: rumors veleggiano su una declinazione bi-motore con architettura ad 800 V, da 650 kW / 885 CV e 900 Nm di coppia. La Polestar 5, ben più grande e pesante, è in grado di scattare da 0 a 100 km/h in 3.2 secondi e raggiungere una velocità massima di 250 km/h.
  12. Il posteriore definitvo della 5 Press Release: Polestar Topic Spy: ▶️ Polestar 5 2024 (Spy) Che bella lei!
  13. Al Salone di Pechino, il CEO Thomas Ingenlath avrebbe confermato ufficialmente la messa in produzione della Precept dato l’ottimo hype creato dalla show car. Il modello di serie sarà molto vicino a quanto abbiamo già visto e riproporrà alcuni elementi sostenibili visti all’interno.
  14. Polestar 3 sarà un SUV ed il suo design sarà altamente influenzato dal concept Precept, parola di Maximilian Missoni, Head of Design di Polestar. Cito parti dell’intervista rilasciata mesi fa a Motor1:
  15. Registrati i bozzetti dell'ipotetico concept che anticipa il prossimo SUV di casa Lotus. Secondo i media cinesi dovrebbe essere su telaio Volvo CMA con motore benzina piu elettrico, io invece credo che utilizzerá il telaio Volvo SPA gia visto su S90 ed XC90 con il powertrain T8 rivisto! In ogni caso dovrebbe essere una piccola bomba visto il recente debutto Polestar nella galassia marchi della Geely. Essendo di base un derivato Volvo niente trazione posteriore, ma non vedo il problema, Porsche sono anni che proprone i suv di casa VW vestite a festa! Fonte https://carnewschina.com/2017/10/26/leaked-patent-drawings-new-lotus-suv/
  16. Al debutto un inaspettato concept di Polestar, che ci propone (e speriamo anche anticipi) una roadster elettrica 2+2 con hard top se non ho capito male retrattile La piattaforma è la stessa di Precept, in alluminio, ma il passo è stato ridotto a 2792mm. Press Release: Polestar Io innamoratissimo 🥰😍
  17. Dai primi rumor, si ipotizza una potenza di picco di 408 CV, 660 Nm di coppia ed un'autonomia di circa 500 km (WLTP). Il modello di lancio sarà prezzato a circa 59'000 Euro. Il modello di base, avrà un prezzo di ingresso di 39'000 Euro. INTERNI VIDEO LIVE Electric motors 2 electric motors (rear and front axle) Power 300 kW / 408hp Torque 660 Nm Range Target: 500 km (WLTP) Batteries 78kWh in 27 modules 0 to 100 Kilometers per hour Target: 4,7 sec Specifications Length 4607 mm Height 1478 mm Width 1800 mm Wheelbase 2735 mm Via Polestar
  18. Polestar 2 Arctic Circle è una nuova one-off basata sulla Long Range Dual Motor e come la precedente Experimental offre più potenza rispetto al modello di partenza. All’esterno troviamo luci supplementari a led, slitta in fibra di carbonio e cerchoni OZ da 19” + ruote da rally 245/35 R19. Le news di Polestar 2 Arctic Circle non finiscono qui perché offre un set di sospensioni a tre regolazioni di Öhlins, per un assetto più morbido del 30%, freni Brembo a quattro pistoni dal Performance Pack, un Launch Control attivabile tramite Paddles al volante e purtroppo non ne è prevista la produzione in serie.
  19. Volvo Cars, il maggiore azionista della Casa costruttrice di veicoli elettrici di fascia alta Polestar, accoglie oggi con favore il piano annunciato da quest'ultima di quotarsi al Nasdaq di New York. La prevista quotazione avverrà attraverso una business combination con Gores Guggenheim, Inc, una Special Purpose Acquisition Company - SPAC (società veicolo destinata alla raccolta di capitali di rischio) costituita da affiliate di The Gores Group e Guggenheim Capital LLC. La transazione prevede un valore aziendale di circa 20 miliardi di dollari per la risultante società aggregata. Si veda l'annuncio di Polestar sotto riportato. Si prevede che i proventi della business combination saranno utilizzati per finanziare un investimento significativo per l'espansione dei prodotti, delle attività operative e dei mercati di Polestar, in modo da creare un'azienda leader nel mercato globale dei veicoli elettrici premium, in rapida crescita. "Volvo Cars è orgogliosa e solidale azionista di Polestar, che abbiamo fondato e contribuito a sviluppare sin dal suo lancio come società specializzata in veicoli elettrici, nel 2017", ha dichiarato Håkan Samuelsson, CEO di Volvo Cars. Samuelsson, che è anche presidente di Polestar, ha aggiunto: "La valutazione stimata di Polestar riflette lo straordinario potenziale di crescita dei veicoli elettrici, per i quali riscontriamo un forte aumento della domanda". Nell'ambito della business combination, Volvo Cars effettuerà ulteriori investimenti di capitale fino a 600 milioni di dollari in Polestar. Al termine dell’operazione, Volvo Cars dovrebbe detenere quasi il 50% della società aggregata. Come annunciato in precedenza, Volvo Cars sta valutando una potenziale Offerta Pubblica Iniziale (IPO) nel corso di quest'anno. Questo processo continua a procedere secondo quanto previsto.
  20. Messaggio Aggiornato Polestar 1 sarà una sorta di faro per il futuro brand Polestar. Polestar 1 è una Grand Tourer Coupé due porte, 2 posti più 2, spinta da un propulsore Electric Performance Hybrid. In pratica un’auto elettrica supportata da un motore a combustione interna capace di un’autonomia di 150 km in puro utilizzo elettrico – la più estesa autonomia in full electric rispetto a qualsiasi altro ibrido oggi sul mercato. La sua potenza di 600 CV e la coppia pari a 1000 Nm la collocano di diritto – e saldamente – nel segmento delle vetture ad alte prestazioni. Polestar 1 è basata sulla Scalable Platform Architecture (SPA) di Volvo, ma circa il 50% dell’auto è inedito e realizzato specificamente dagli ingegneri di Polestar. Per rendere ancora più efficaci le sue caratteristiche dinamiche, Polestar 1 trae beneficio da una serie di nuove tecnologie mirate a renderla una vera auto tutta da guidare. Polestar 1 è la prima auto al mondo a essere equipaggiata con la sofisticata tecnologia applicata al telaio resa possibile dalle nuovissime sospensioni elettroniche a controllo continuo della Öhlins – Continuously Controlled Electronic Suspension (CESi). Il telaio in fibra di carbonio riduce il peso e aumenta la rigidità torsionale del 45%, contribuendo nel frattempo ad abbassare il baricentro dell’auto. In aggiunta, Polestar 1 utilizza un doppio motore elettrico sull’asse posteriore che permette una distribuzione ottimale della coppia motrice a ciascuna ruota. Questo dà a chi guida un’accelerazione precisa ed efficiente che permette di mantenere aderenza e velocità di percorrenza in curva. Polestar 1 verrà prodotta nel Centro di Produzione specifico di Polestar in via di realizzazione a Chengdu, in Cina. Un impianto all’avanguardia tecnologica che verrà completato per la metà del 2018. Inoltre, Polestar si staccherà dal tradizionale modello di proprietà dell’auto che conosciamo oggi. Le auto verranno ordinate al 100% on line e offerte sulla base di abbonamenti di due o tre anni. La formula, che non prevede alcun apporto o deposito iniziale e sarà del tipo all-inclusive, prevede servizi quali ritiro e riconsegna dell’auto a casa in caso di manutenzione e la possibilità di utilizzare un altro modello della gamma Polestar, il tutto compreso nella rata mensile. L’abbonamento con rata fissa significa che avere una Polestar diventa un’esperienza priva di problemi per il cliente. Ulteriormente facilitata dalla tecnologia Phone-As-Key, che consente al proprietario dell’auto di condividere una chiave virtuale – e quindi l’utilizzo dell’auto – con altre persone di sua scelta e di accedere a una serie di servizi on-demand. Tali servizi di concierge semplificano l’esperienza di utilizzo del cliente, che si può concentrare esclusivamente sul piacere di guida. Tutte le future Polestar avranno motorizzazioni completamente elettriche. Polestar 2 inizierà a essere prodotta sempre nel 2019 e sarà la prima battery-electric vehicle (BEV) di Volvo Car Group. Sarà una BEV mid-size ed entrerà in competizione con prodotti come Tesla Model 3; di conseguenza, avrà volumi di produzione più elevati rispetto a Polestar 1. La fase iniziale della proposta di prodotti Polestar si completerà quindi con il successivo arrivo di Polestar 3, un ulteriore BEV in stile SUV di maggiori dimensioni, che definirà una moderna espressione di prestazioni elettriche e dinamica di guida. Gli ordini e la configurazione delle auto Polestar avverrà on line attraverso una app Polestar o un portale dedicato. Tuttavia, Polestar non è insensibile al fatto che i clienti vogliono ancora venire a contatto con un brand e con i suoi prodotti. Per questo, Polestar aprirà una rete di Spazi Polestar in tutto il mondo. Sono questi i luoghi nei quali i futuri clienti Polestar potranno interagire con il brand e con i suoi prodotti. I Polestar Spaces saranno strutture indipendenti e non collegate a concessionari Volvo. Gli ordini della nuova Polestar 1 si aprono nella giornata di oggi 17 ottobre 2017. Polestar sarà quindi in grado di valutare immediatamente il livello di interesse dei potenziali clienti. Volvo Cars ha creato una joint venture con due aziende all’interno dell’azienda madre, Zhejiang Geely Holding. Tale JV capitalizzata con 640 milioni di Euro di capitale sociale per supportare lo sviluppo di Polestar. Polestar rimane una sussidiaria di Volvo Car Group e sarà interamente consolidate all’interno di Volvo Car Group. Si prevede che oltre il 40% delle vendite globali di auto entro 20 anni sarà dato da veicoli elettrici. Via VolvoCars Spy: http://www.autopareri.com/forums/topic/63851-polestar-volvo-coupé-spy
  21. Polestar, il marchio ad elevate prestazioni di Volvo, si prepara a rivelare la nuova Coupè ibrida/elettrica. Qualcuno afferma che sarà basata sul pianale della lotus Evora, ma ho i miei dubbi. Debutto il 17 Ottobre
  22. Per ora due immagini. Ma la mano di "polestar" non fa decadere la garanzia ufficiale Volvo.Il 2.0 litri D5 da 235 CV con tecnologia PowerPulse, passa da 235 a 240 CV e la coppia sale da 480 a 500 Nm già disponibili da 1500 rpm.un decimo in meno per entrambe nel classico 0-100 (6.9 S90, 7.1 per V90)C'è un rumor per T6 e T8 AWD.T6 dovrebbe arrivare a 340 CVmentre per la T8 ci sono in ballo 600 CV Altre immagini
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.

 

Please, disable AdBlock plugin to access to this website.

Or register (free) and login, to remove this warning.