Jump to content

The.Doc

Members
  • Posts

    404
  • Joined

  • Last visited

Profile Information

  • Car's model
    Ex Citroen C2 VTS '05
    Alfa Romeo Giulietta 1.4 Multiair '10
    Jeep Renegade 1.4 Gpl '17
  • City
    Pavia
  • Professione
    Medico
  • Interessi
    Auto/moto "albioniche" e auto storiche in generale

Recent Profile Visitors

4,566 profile views

The.Doc's Achievements

Giovane Promessa

Giovane Promessa (4/8)

304

Reputation

  1. Hanno presentato un mouse in pratica 😬🤣 Scherzi a paete voglio vedere cosa ne faranno di questo marchio...
  2. La penso uguale... poi a me quelle finte griglie sembran fatte con le plastiche dell'ovetto Kinder... e non capisco perchè tenere quello splitter frontale bianco, sembra un pezzo di plastica che si son dimenticati di colorare... almeno fosse in tinta o scuro
  3. Sara' l'aria austriaca ma MV e' in raffica di news oggi 😅 Presentata la versione definitiva https://www.motociclismo.it/mv-agusta-lucky-explorer-95-55-veste-definitiva-tutti-dati-tecnici-81653
  4. Facile, lui in primis non la voleva
  5. Il non essere stata partorita direttamente da chi comandava ai tempi in Ferrari...
  6. La 921S e' un prototipo di stile per lo sviluppo di nuovi modelli, la Superveloce 1000 invece la faranno in serie limitata... il suo motore e' quello della Brutale 1000RR/RS
  7. Non penso che il marchio Cagiva sia di proprieta' di MV ma ancora in mano ai Castiglioni
  8. Intanto MV e' ad Eicma, contrariamente a come pensavo, e presenta 2 moto molto interessanti, la prima una tiratura limitata e la seconda un prototipo https://www.motociclismo.it/nuova-mv-agusta-superveloce-1000-serie-oro-ipersportiva-neo-retro-208-cv-81649 https://www.motociclismo.it/nuova-921-s-futuro-mv-agusta-81651 E c'e' pure uno scooter elettrico MV 😬 https://www.motociclismo.it/ampelio-primo-scooter-elettrico-mv-agusta-81650
  9. Si' ed e' praticamente il trend di tutte le Case far produrre i modelli di bassa gamma da quelle parti...
  10. E' da tempo che di Castiglioni in societa' non c'e' piu' traccia... da allora e' 100% in mano a Sadarov https://heavyrider.corriere.it/2019/10/03/mv-agusta-giovanni-castiglioni-esce-di-scena-una-storia-si-chiude-e-si-apre-il-ciclo-russo/
  11. Una nuova F4 o Brutale 1000 fatta in Austria non la vorrebbe nessuno ovviamente, la produzione di gran parte della gamma restera' qui (discorso diverso sulle cilindrate piu' piccole ma gia' l'attuale proprietario ha progetti di joy venture/delocalizzazione). Credo che MV con capitali freschi e un Gruppo alle spalle riusciura' a vendere piu' moto, ad avere piu' rivenditori e un servizio post vendita migliore in toto. E fa niente (per me si intende) se mi trovassi su una MV in futuro un motore sviluppato da KTM (spero pure migliorino la ciclistica spacca schiena di certi modelli 😬)
  12. Vero, ma credo stavolta sarebbe diverso... Husqvarna non e' MV. L'attuale proprieta' non ha le risorse (o non vuole piu' mettercele) per far crescere il marchio. Aggiornamento: il Gruppo Pierer (KTM) rileva il 25,1% di MV Agusta https://www.moto.it/news/pierer-mobility-ktm-rileva-il-25-1-di-mv-agusta.html
  13. Da alcuni mesi girano rumour a riguardo, prima con la notizia di un accordo pluriennale per la vendita e l'assistenza di MV in US e Messico tramite la rete di vendita KTM https://www.moto.it/news/mv-agusta-si-appoggia-a-ktm-per-crescere-negli-usa.html poi questo lunedi' e' apparso un articolo su Speedweek (per chi sa il tedesco https://www.speedweek.com/motogp/news/200460/Kauft-Pierer-Mobility-AG-die-Nobelmarke-MV-Agusta.html) e ripreso da alcuni siti italiani circa la probabile cessione a breve di MV al gruppo Pierer, proprietario di KTM https://www.moto.it/news/mv-agusta-e-l-interesse-di-ktm-alla-sua-acquisizione.html https://www.inmoto.it/news/anteprime/2022/11/03-5865548/ktm_fa_spesa_e_compra_mv_agusta In particolare moto.it segnala una conferenza stampa martedi' 8 novembre, al di fuori di Eicma (a cui non parteciperanno ne' KTM ne' MV), sul futuro della Casa italiana e che oggi Timur Sadarov, CEO di MV, avrebbe incontrato le maestranze...
  14. Presentata oggi la nuova Diavel V4 Riporto l'articolo di presentazione da moto.it La nuova Diavel V4 sarà disponibile nel classico rosso Ducati al prezzo di 26.390 euro oppure in nero lucido Thrilling Black a 26.690 euro. Lo stile è muscoloso, grintoso, con spalle larghe e scarico a quattro uscite a vista, che dichiarano l'architettura del motore. Come la prima V2, la Diavel V4 si ispira al mondo delle muscle car e, nella vista di profilo, ripropone l’immagine di un atleta pronto allo scatto ai blocchi di partenza. La nuova firma dei gruppi ottici anteriore e posteriore è a doppia C e gli indicatori di direzione sono full Led. La luce DRL anteriore cambia forma, con un profilo a doppia C, evoluzione del precedente disegno. In maniera originale il gruppo ottico posteriore è firmato da una matrice di Led puntiformi alloggiata sotto il codone; anche in questo caso la firma ottica rende la moto riconoscibile immediatamente. Gli indicatori di direzione dinamici sono integrati nel manubrio, davanti ai serbatoietti dei comandi idraulici di freno e frizione. E' confermato è l’imponente pneumatico posteriore da 240/45-17, altro elemento distintivo delle Diavel Ducati. I cerchi sono in lega leggera a cinque razze, con un profilo impreziosito da superfici lavorate di macchina. E nell'immagine della moto, oltre che nel caratterizzarne le prestazioni, ha un ruolo centrale la motorizzazione, che abbandona il V2 1260 desmo a fasatura variabile per il V4 Granturismo già adottato dalla Multistrada V4. Con i suoi 1.158 cc fornisce 168 cavalli a 10.750 giri e con la coppia massima di 12,8 kgm (0,5 in più rispetto alla versione Multistrada) a 7.500 giri è capace di unire linearità ai bassi regimi a una coppia sostenuta su tutto l’arco dell’erogazione. Il V4 Granturismo (derivato dal Desmosedici Stradale di Panigale V4 e Streetfighter V4) ha l'albero motore controrotante, l'ordine degli scoppi Twin Pulse e ha gli interventi di manutenzione più importanti a intervalli di 60.000 km. E' efficiente nei consumi e nelle emissioni grazie al sistema di deattivazione estesa: la funzionalità che spegne la bancata posteriore a veicolo fermo e anche nella marcia a bassi regimi in caso di ridotto carico del motore. Il sistema di deattivazione estesa dei cilindri posteriori, che permette al motore di funzionare come bicilindrico o come quattro cilindri con una transizione impercettibile, genera una variazione nella tonalità del rumore di scarico al passaggio da una modalità all’altra: un suono più profondo quando solo i due cilindri anteriori sono attivi, a frequenze più elevate quando tutti e quattro i cilindri sono in funzione. https://www.moto.it/news/cambia-in-tutto-la-nuova-ducati-diavel-v4-2023.html https://www.motociclismo.it/nuova-ducati-diavel-v4-2023-dati-caratteristiche-prezzo-81509
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.