Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuto su Autopareri - il forum dell'automobile!

Renault

Members
  • Content Count

    1,376
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

782 Excellent

About Renault

  • Rank
    Pilota Ufficiale
  • Birthday 02/11/2000

Profile Information

  • Car's model
    Renault Scenic 1.9 Dci (2005)
  • City
    Casoria (NA)
  • Interessi
    Auto, Modellismo, Riviste d'auto, Targhe d'auto, Musica
  • Professione
    Studente
  • Gender
    Maschio

Recent Profile Visitors

3,808 profile views
  1. Tempo fa feci una ricerca tra svariate leggi e ho concluso che non coprire le targhe non è reato ne violazione della privacy in nessun caso, sia su strade pubbliche che in manifestazioni, in quanto la targa appartiene allo stato e non all'automobilista, e i dati sensibili non sono ''visibili'' a tutti (eccetto attraverso una visura, ma li si entra in un altro ambito), l'importante e non citare mai pubblicamente il luogo esatto ove è stata scattata la foto (ad Esempio: Via Alighieri Milano) ma può essere citato lo stato dove è stata fotografata.
  2. Vi mostro qualche veicolo storico abbandonato. Iniziamo da questo curiosissimo Chevrolet Chevy Van Camper abbandonato ormai da minimo venti anni questo terreno in una zona boschiva, non conosco l'anno ma ha targhe italiane bianche di fine anni '80, le condizioni sono quelle che sono, i venti anni di abbandono sono dimostrati tutti. Uno spettacolare Fiat 40NC usato come insegna pubblicitaria che ricordo parcheggiato li almeno da dieci anni, curioso il colore giallo, che a occhio direi originale, anche se veramente poco comune. Condizioni disastrose, con fioriture di ruggine ovunque. Concludo con questa Fiat 500R che pare montare i paraurti della L, ma il colore (o quello che ne rimane) e i cerchi son quelli della R, e tendo a dare per veritiera questa opzione. Condizioni disperate, non so da quanto sia ferma, ma non mi sorprenderebbe se lo fosse da oltre trent'anni; Purtroppo è parzialmente coperta da dei piumoni che ne nascondono il fascino completo dell'abbandono.
  3. L'ho pensato anche io, ma ho l'impressione che la probabile officina dove ha effettuato la revisione sia di un parente del proprietario della Uno, avendo lo stesso cognome.
  4. Oggi vi propongo qualche avvistamento, nulla di eclatante per oggi, ma qualche chicca l'abbiamo. Iniziamo da una Fiat 126 FSM, la ''prima'' versione prodotta in Polonia che era un restyling della Personal; Questo esemplare è in condizioni assolutamente perfette (una cosa abbastanza rara, visto che spesso sono ancora in uso quotidiano), immatricolata nell' '87, un anno prima che uscisse la BIS, prodotta sempre in Polonia ma con motore a ''sogliola''. Se non ve ne bastasse una di 126, eccone un'altra! Una più anziana Fiat 126 Personal 4 650, con personalizzazioni abbastanza ''pesanti'' e davvero di dubbio gusto, esemplare anche piuttosto anziano essendo immatricolato nel '78. Notiamo che curiosamente ha le targhette posteriori nuovissime, probabilmente sostituite al momento della personalizzazione con dei fondi di magazzino. Ora uno degli avvistamenti più curiosi che abbia mai fatto, non tanto per il soggetto, non comune ma neanche rarissimo, ma per le condizioni, che sembrano d'abbandono, ma in realtà circola. Questa Fiat Uno CS versa appunto in condizioni catastrofiche, con pezzi mancanti, graffi, ammaccature, ma nonostante ciò non demorde e viene usata quotidianamente, addirittura risulta revisionata e assicurata, gran coraggio pagare l'assicurazione a questo catorcio. Immatricolata nel '90, quindi si tratta già di una CS MY90, con carrozzeria della Uno I Serie (brasiliana) ma con frontale Fiorino. Apparentemente questo può sembrare un avvistamento ''banale'', ma questa Fiat Cinquecento 900 ha su mezza linea accessori, a partire dai cerchi in lega. Esemplare molto anziano, immatricolato nel '92, e in condizioni abbastanza trascurate ma non certo da catorcio come la Uno. Esemplare fantastico per condizioni questa BMW 318i E36, versione estremamente basica e dal colore ''neutro'' (che le dona in modo incredibile) in condizioni assolutamente pari alla perfezione. Immatricolata nel '92, ormai non comune trovare esemplari con tanti anni sulle spalle. Quest' Autobianchi Bianchina Panoramica Decappottabile di anni sulle spalle ne ha davvero tanti, infatti è del '66 in condizioni veramente apprezzabili. Tra l'altro è come detto la versione con tetto apribile denominata decappottabile, molto meno comune della già rara Panoramica. Penultima questa curiosa Fiat 850 Sport Spider Racer, non si merita la ''pole position'' solamente perché ho dei dubbi sul fatto che si tratti di una Racer originale, essendo parecchio personalizzata mi vien da pensare che l'Hard Top sia stato aggiunto in seguito, ipotesi avvalorata dalla presenza del frontale ''classico'', le condizioni non sono male, purtroppo non conosco l'anno esatto ma ha una targa del '76 già con provincia arancione. Concludo con questa fantastica Rover 213SE MK1 in condizioni praticamente perfette, interessante berlina di casa Rover di derivazione Honda, trovo che ha un design molto caratteristico nella sua semplicità. Esemplare nelle mani di una persona molto anziana, immatricolata nell' '87, non è da escludere che sia nelle mani di questo anziano da sempre.
  5. Si ma il segmento è B, mica C. Andrebbe al posto di Mito.
  6. Non ho mai amato la vecchia, ma questa devo dire che mi colpisce molto positivamente. Se non fosse per quel faro anteriore leggermente strabico e per quella bestia di gioco di lamiera che ''continua'' il faro la riterrei una delle più belle auto di nuova presentazione. Mi piace tantissimo la console sospesa, peccato sia possibile adattarla al solo cambio automatico, ma d'altronde in quella manuale la scatola del cambio la devi piazzare da qualche parte.
  7. Per legge non dovrei dirti dove si trova, ma diciamo che ci hai visto giusto.
  8. Devo dire che rispetto la ''merda'' presentata negli ultimi tempi dai concorrenti questa è oro, al contrario di molti io trovo veramente bello il frontale, estremamente ''puccioso'', da vedere dal vivo comunque, credo che questa possa risultare molto gradevole tra il traffico contemporaneo. I fari anteriori mi danno leggermente idea di quelli Porsche, sembrano tipo incastonati nella carrozzeria, che forse è la cosa che gradisco di più.
  9. Hai ragione su tutto, inoltre aggiungo che l'auto è unipro' di un signore che ormai ha di gran lunga superato i 90 anni, e complice sicuramente la vista non più come quella di una volta, peggiora le condizioni ogni giorno che passa. Curiosamente questa Jetta la guerriglia urbana non l'ha mai vista, essendo anche lei unipro' ha sempre vissuto in un paese marittimo del basso Lazio che in inverno conta poco più di dieci mila abitanti, è l'incuria del (ricco) proprietario, che possiede un circolo di tennis che si intravede anche nelle foto. I gruppi ottici credo siano quelli originali estremamente scoloriti, ho una foto di sei anni fa (mai passata su questi lidi perché di scarsissima qualità) in cui si vede che oltre all'alettone e la scritta posteriore ancora presenti, i fari avevano la parte alta in una tonalità di arancione chiarissimo. In realtà il problema non lo ha solo il faro posteriore destro, ma anche il sinistro, essendo entrambi scoloritissimi, che dovrebbero essere in tinta ''unita'' rossa, ma credo che quasi non esistano più Duetto e 164 con i fari posteriori originali e non scoloriti. Per la cronaca dovrebbero essere cosi:
  10. Ho fatto l'errore di sommarli mentalmente con i colori della gamma normale, per questo me ne trovavo più di 120. In ogni caso oltre alla gamma normale e ai Kaleidos era disponibile anche un opzione per farla in un colore a tua scelta non in gamma (costosissimo, ti fornivano una placchetta a forma di Y e tu la dovevi portare verniciata del colore scelto e loro te lo riproducevano), fatto che portava i colori della Y ad essere praticamente infiniti. La 126 hai ragione, tendo a confondere le varie tonalità come mio solito, lo faccio anche con i vari verdi dello stesso periodo sempre di mamma Fiat. Non comune la Clio con questi copricerchi, dovrebbe essere una versione abbastanza alto di gamma, probabilmente una RTi.
  11. Si ha idea di quando si farà il porte aperte? Ho contattato la Peugeot sia su Facebook che su Instagram ma non mi hanno risposto...
  12. Oggi vi propongo anche io qualche avvistamento. Iniziamo da questa Renault 19 1.4 TRE Chamade, versione con la coda della 19 uscita un anno dopo la sua versione a 3/5 porte, con estetica molto gradevole per essere derivata da una due volumi. Questo esemplare è immatricolato nel '90 e versa in condizioni non proprio eccellenti, nonostante ciò sono presenti i copricerchi e le parti ''danneggiate'' sono poche, anche la carrozzeria non è ne scolorita ne molto rigata, con pochi soldi tornerebbe perfetta. Di per se non è un' auto rara questa Lancia Y 1.2, ma questo esemplare, da poco storico essendo stato immatricolato nel '98, ha su un colore della gamma Kaleidos, la famosa gamma colori super costosa della Y, con oltre 120 tonalità diverse tra cui scegliere, questa è in un giallo evidenziatore che ricorda molto quello delle palline da tennis estremamente bello. Le condizioni non sono male ma avrebbe bisogno di una rinfrescata per essere perfetta. Le foto sono dello scorso anno, cercandola non risulta a bollo ma ha la revisione regolare, sono fiducioso che non sia stata demolita ma che sia stata semplicemente ritargata, ipotesi plausibile visto che la targa posteriore era molto scolorita. Un curioso gruppetto formato da due Fiat 126 Personal 4 Base, quelle con i paraurti cromati anziché in plastica e senza paracolpi laterali, che si riconoscevano dalla prima serie per il cofano motore con alloggio targa rettangolare; Quella ''Turchese Farfalla'' è immatricolata nell'80 ed è in ottime condizioni, quella rossa è chiaramente in restauro e non ha le targhe. Nella foto è presente anche un Fiat 900 Coriasco e in fondo, molto poco visibile, una Ford Fiesta MK1 con il tetto schiacciato, forse a seguito di un ribaltamento, ferma da almeno 20 anni. Ormai raro questo Renault Espace 2.0i II Serie, seconda generazione della madre di tutte le monovolume, molto bella secondo me, sopratutto per determinate soluzioni di design, come gli specchietti, che sono tutt'altro che scontate. Questo esemplare versa in condizioni catastrofiche, usato da degli ambulanti per vendere mercanzia sulle spiagge, è targato Bulgaria, ma ha il portellone di una rarissima V6 proveniente dalla Svizzera. L'anno di immatricolazione purtroppo non lo conosco, ma a occhio direi che è del '91 o '92. Ora una bella Alfa Romeo 33 1.5 Quadrifoglio Oro I Serie in condizioni catorciose, un vero peccato essendo la non comune top di gamma della 33 pre MY86, questa è immatricolata nell'84 ed ha quindi ancora le sue belle targhe nere, il colore è estremamente tipico della Q.Oro, gran bel mezzo che purtroppo ha ben poche speranze di essere salvato. Eccezionale questa Lancia Appia II Serie, gran macchina nobile degli anni '50 in un colore chiaro che anche all'epoca doveva essere tutt'altro che comune, questa è in vendita in un parcheggio sotterraneo ma versa in condizioni tutto sommato buone seppur' molto impolverata, purtroppo dall'angolazione delle foto (fatte praticamente incastrato tra un'auto e un muro) non sono riuscito a vedere la targa, quindi non conosco l'anno di immatricolazione, che è comunque collocabile nel triennio '56/'59. Avanti di quarant'anni ma pur sempre ben poco comune questa Fiat Coupe 2.0 16V 190CV, il motore più prestante della prima gamma della Coupe, questa infatti è immatricolata nel MAGGIO '94 risultando cosi essere una delle primissime immatricolate, ancora con targhe provinciali, non escludo possa aver fatto parte del lotto di quelle date alle concessionarie per il porte aperte. Condizioni tutto sommato buone, si trovava nello stesso spiazzale dell'officina delle varie 126, quindi era chiaramente in riparazione. Concludo con quello che potrebbe sembrare un avvistamento banale ma che in realtà è tutt'altro. Vi propongo una Volkswagen Jetta MK2 1.6 GT, versione specifica per il mercato Italiano prodotta SOLO nell'85, con estetica identica alla 1.8 Gti ma con motore più piccolo per adattarlo alle ''nostre'' esigenze, rispetto la 1.8 inoltre aveva anche gli interni della versione normale e il terminale di scarico piccolo. Questa ovviamente è immatricolata nell'85 (purtroppo già a targhe bianche), versa in condizioni catastrofiche però, vernice malandata, scritta GT assente, alettone venuto via (con conseguente fioritura di ruggine sulla carrozzeria), un esemplare veramente malconcio ma che per l'estrema rarità (penso ne siano rimaste meno di 20 al mondo) andrebbe assolutamente salvato.
  13. A sto punto il dubbio mi sorge spontaneo...da Centoventi vorranno tirarci fuori prossimo Fiorino invece che Panda?
  14. Io onestamente non prederei nessuna delle tre, semmai andrei su una 3008 KM0 che è ancora nei limiti del guardabile. Temo purtroppo che questa la metteranno assai cara, secondo me per una versione mediamente allestita si parlerà di un 28 mila di listino...
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.