Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuti su Autopareri! La community italiana che dal 2003 riunisce gli appassionati di automobili e di motori
  • EMERGENZA COVID-19
  • Rimanete al sicuro! Rispettate le distanze e le misure igieniche
  • Autopareri è sempre attivo e vi è virtualmente vicino per tenervi compagnia durante la fase di lockdown!

aboutdas

Members
  • Content Count

    1,393
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

622 Excellent

About aboutdas

  • Rank
    Pilota Ufficiale
  • Birthday 09/07/1989

Profile Information

  • Car's model
    Fiat Bravo 1.9 Mjt Emotion (2007)
  • City
    Verona
  • Professione
    Studente
  • Gender
    Maschio

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Non voglio parlare di ciò che non mi piace, quindi mi concentrerò su ciò che c'è di bello: Finalmente sono finiti quei fastidiosi teasers.
  2. Sembrano cambiare la scocca, non è così frequente per Mercedes. Non so, non mi convince per ora, ma io personalmente apprezzo molto l'attuale.
  3. Paraurti ancora un po' complessi, ma molto più lineari della media recente BMW. Direi che è un progresso notevole!
  4. Diciamo che fino a poco fa i disequilibri interni all'Alleanza non erano così prominenti, e lo stesso vale per la crisi di redditività di Nissan.
  5. Sono andato a cercarmi i dettagli, "Renault potrebbe non sopravvivere" è una storpiatura della traduzione del New York Times, che a sua volta è una traduzione della vera frase di Le Maire: "Renault si gioca la sua sopravvivenza", o "Renault joue sa survie" La differenza è sottile, ma importante. Ora i conti tornano meglio, non mi sembrava una frase da ministro dell'economia. Comunque, solleva un punto interessante ed assolutamente valido. (fonte: https://www.google.com/amp/s/amp.france24.com/fr/20200522-renault-joue-sa-survie-s-inqui%C3%A8te-le-ministre-de-l-%C3%A9conomie-bruno-le-maire )
  6. A me personalmente piace, anche se ha un griglione esagerato e troppi livelli al posteriore. Con un po' meno di volgarità sarebbe la reginetta estetica del segmento. Non dimentichiamoci anche la Honda Odyssey! In particolare i volumi del gruppo fari-calandra anteriore è molto interessante. Non è facile far sembrare interessante un monovolume di questo tipo. Nessun van della categoria, peraltro, ha un bel posteriore, purtroppo, dimostrando la grande complessità della zona posteriore. Internamente invece per me vince su Pacifica. Non pensavo di poter fare questo complimento ad una Toyota, ma questo 2020 è ricco di sorprese!
  7. Brutta era, brutta rimane. Il trattamento di alcune parti è più moderno, comunque, ma sempre molto legato all'esperienza BMW. C'è parecchio caos tra parti verniciate e non verniciate di questo paraurti... Bah. Comunque, LED attorno ai fendinebbia: che facciano il cerchio sia nel gruppo ottico principale che nel fendinebbia??
  8. Fuori non mi convince molto, specialmente il posteriore. Dentro aspetto le foto ufficiali, ma se quel pozzetto dietro la strumentazione è il head-up display spero bene che sia olografico
  9. Eh sì, è invecchiata parecchio nel mentre. Lo scenario è mutato molto! Rispondendo ai tuoi vari punti: 1) Se ne uscirà quando verranno creati dei gold standard, come i crash test ci hanno insegnato. Chissà se NCap prima o poi riuscirà ad assumere questo ruolo. Il rischio sarà, a quel punto, che la sicurezza sia sviluppata specificamente per i test e non per le circostanze reali (vedasi i primi risultati negli small overlap del IIHS) 2) Il limite di velocità dipende dal tipo di tecnologia e dal rischio che il costruttore si vuole assumere. Musk è notoriamente uno scavezzacollo: usa tecnologie di machine learning applicate a videocamere, assumendosi dei rischi elevatissimi. Infatti la quantità di incidenti con adversarial examples che hanno coinvolto le Tesla non è affatto trascurabile. Il primo incidente mortale su una vettura con sistemi di Livello 2/3 è avvenuto proprio su una Tesla Model S nel 2016. Anche qua, serve un ente sovranazionale che definisca un obiettivo per le case. 3) Ancora più che la "visione" dei panorami stazionari è l'identificazione a rappresentare un problema. Abbiamo la capacità di calcolo per processare molte più delle informazioni necessarie, ma il difficile è far capire ad un'auto, o per meglio dire alla sua "IA", cosa sta vedendo. Per esempio, la Volvo XC90 che investì Elaine Herzberg aveva identificato Elaine 7 secondi prima dell'impatto, ma i sistemi di serie Volvo erano disattivati. I LiDAR di cui la vettura era equipaggiata hanno visto Elaine molto prima. Elaine non è stata riconosciuta dal sistema perché portava una bicicletta con sè. L'unione dell'elemento umano e della bicicletta creavano un "soggetto" difficile da comprendere per i sistemi Uber, programmati per dare solo un warn all'interno in caso di non-identificazione e non di procedere ad una frenata di sicurezza. Nel caso Tesla del 2016, la Model S non riuscì, per colpa del suo sistema basato su telecamere, a distinguere il rimorchio di un camion in inserimento nell'autostrada: il sole era alle spalle dell'auto e, riflettendo sul rimorchio, risultava per il sistema completamente indistinguibile dal cielo. La Model S non rallentò neppure, infilandosi sotto il rimorchio e scoperchiandosi interamente prima di uscire di strada ed incendiarsi. Non è la quantità di elementi, ma la loro identificazione, il difficile. Il mondo è difficile da decodificare. Noi ci basiamo sui colori e su una visione prospettica, oltre che su anni di esperienza e sull'immane potenza del cervello di decodificare plasticamente gli oggetti anche come somma di parti diverse. I sistemi di AI non hanno questa abilità.
  10. Ahahah grazie, sei davvero gentile! La mia tesi constava proprio in un'analisi dell'industria, del contesto e dei competitors nel settore delle AV (autonomous vehicles), per quanto risalga a Marzo 2018 era aggiornata al meglio possibile ai tempi (il caso di Elaine Herzberg è accaduto il 18 Marzo 2018 ed io ho avuto circa una settimana per rivedere tutto il paragrafo centrale. Nella tesi parlo, ovviamente in termini relativamente generici, di ADAS, quadro normativo EU ed USA, analisi etiche, costi, innovazione tecnologica, criticità tecnologiche (con analisi dei casi Uber e Tesla), Errori software e adversarial examples, MaaS e poi una analisi dell'industria, dei leaders (GM, Waymo, Ford, Daimler-Bosch, FMC, BMW-Intel_FCA, VAG, Aptiv, Renault-Nissan) e dei contenders (PSA, Autoliv, Volvo, Ericcson, Zenuity, Toyota, Tesla, Uber). In realtà mi era stata richiesta per delle procedure interne in università per via delle collaborazioni con Maserati sulla guida autonoma: Maserati stava sperimentando in un circuito apposito proprio la sensoristica delle AV su una Quattroporte ed una Levante (e per un altro progetto abbiamo messo le mani su entrambe). se vuoi avere qualche argomento o passaggio, volentierissimo!
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.