Jump to content
News Ticker
Benvenuto su Autopareri!

Bosco

Members
  • Posts

    2,583
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by Bosco

  1. Che sia una versione per oltre oceano lo si vede dai manettini dedicati al semi rimorchio. In U.S.A. i cabover non hanno mai attecchito, e questo Eurostar elettrico non so quanto possa piacere agli americani abituati a ben altre cabine (superiori solo per la cuccetta). Sarebbe l'occasione giusta per fare finalmente capolino nel mercato statunitense, anche se in quell'ottica sarebbe stato molto più remunerativo elettrificare l'Eurocargo .... categoria di autocarro ben presente sul mercato. Non so, sembra più una sfida verso Tesla da parte di Nikola, che un reale progetto di mercato.
  2. Anche costi tagliando non capisco perché così alti, 432€ all'anno per scarsi 65000km in 5anni. Grafico fantasioso e di parte. Bollo auto elettriche credo sia scontato, per adesso hanno tagliato il tagliabile per spingere la mandria ad acquistare le elettriche.... a discapito di chi usa auto a combustibile fossile
  3. Prendi un generatore ad inverter da 1000€ a kw e in un quarto di secolo hai la ricarica minima per sgattaiolare a casa a ricaricare l'auto (spegnendo la lavatrice ovvio). Anche quì in Abruzzo benzinaio ad ogni paese. Da dove abito nel raggio di 4 km ho tre distributori di carburante di cui uno anche GPL. Non serve nemmeno credere alle parole di chi scrive su forum, ma basta farsi un giro con maps.
  4. La corrente non salta solo per il caldo, ma soprattutto perchè non reggono il carico improvviso, con continui attacca/stacca nel tentativo di riarmarsi. Succede la stessa cosa quando viene meno per qualche frazione di secondo l'energia apportata dagli impianti fotovoltaici ..... la rete va in sofferenza e non tiene il carico.
  5. LA “SVOLTA GREEN” CI COSTERÀ MOLTO CARA – IL GREEN DEAL EUROPEO STABILISCE CHE ENTRO IL 2035 LE AUTO A MOTORE ENDOTERMICO VERRANNO MESSE FUORI MERCATO, MA SENZA LE TASSE SULLA BENZINA LO STATO FARÀ UN BUCO DI CIRCA 37 MILIARDI - L'INCASSO DELLE ACCISE SUI CARBURANTI FINANZIA L'INTERO SISTEMA SANITARIO NAZIONALE E PER COMPENSARE, LE IMPOSTE FINIRANNO ALTROVE La Corte dei conti europea ha già detto che per cogliere gli obbiettivi posti da Ursula von der Leyen bisognerebbe installare 3.000 colonnine al giorno considerando (è uno studio dell'Acea) che a oggi il 70% degli impianti di ricarica è concentrato in soli tre Paesi. La spesa? Una colonnina domestica che ricarica l'auto in una giornata costa 9.000 euro più Iva, una pubblica non meno di 40.000. Chi paga? Ah saperlo! https://www.dagospia.com/rubrica-29/cronache/ldquo-svolta-green-rdquo-ci-costera-molto-cara-ndash-green-277395.htm
  6. A parte che dalla tabellina si evince che il GPL (al netto della vettura non paragonabile, ma margine c'è ne per altre scelte) o metano sono più convenienti dopo 10 anni, poi non capisco perchè la Compass Diesel costi €2000 in più del listino mentre la E-Niro €2000 in meno ......... a parità di cv veri e presunti
  7. Si parlava di creazione di nuovi posti di lavoro grazie all'elettrico. Effettivamente il settore estintori potrebbe trovare nuovo sbocco commerciale 😄, anzi finalmente verrà preso in considerazione anche dagli automobilisti.
  8. Non lo sconsiglio, al contrario, ma deve funzionare con il giusto impianto altrimenti d'inverno oltre a consumare un botto non ti riscaldi nemmeno. Se deve lavorare ad alta temperatura con dei normali radiatori lascia perdere la pompa di calore, lavorano fino a 55/60 gradi ma stanno nei limiti e con un rendimento scarso. Devono essere abbinati a impianti a bassa temperatura, come ad esempio pavimento radiante, soffitto radiante etc. Se possiedi un impianto a bassa temperatura, le pompe di calore sono l'ideale, considerando il fatto che ti permettono il raffrescamento estivo con un benessere senza pari, e a costi in bolletta assai più bassi del classico climatizzatore a parete. Ecco perchè c'è bisogno prima di un termotecnico. Installare nuove apparecchiature solo per usufruire di una detrazione, senza sapere se sono adatte o meno all'abitazione, non è molto saggio. L'ultima che abbiamo montato, una 16 kw trifase, lavora in abbinamento a fotovoltaico da 10kw. Riscalda 280 mq di giorno e appena cala il sole si spegne. Settata in raffrescamento a fine maggio.
  9. Guai a chi li manda in pensione questi mezzi!!! Per inciso stando al passo con i tempi ne avrebbero cambiati 5 di camion con moooooolto piu inquinamento per smaltimento. Personalmente ho un pickup di 21 anni euro2 (il top, altro che gli elettrodomestici di carta velina di adesso) che conto di tenermelo altri 20.... d'altronde si li porta talmente bene che non azzeccano mai l'età
  10. Anche le pdc, caldaie etc hanno subito aumenti. La pompa di calore prendila in considerazione solo se disponi (o disporrai) di un impianto di riscaldamento a bassa temperatura. Considera inoltre che per fare l'acqua calda dovrai abbinarci un accumulo, per cui ti servirà spazio. Non fare nulla senza un termotecnico, commercialista e geometra che ti seguano. Sinceramente per 60mq non mi imbatterei nel 110% con tutte le complicazioni che si porta dietro, per mettere alla fine fotovoltaico e PDC.
  11. Su che tipo di impianto riscaldamento lavorerà la PDC? Non snobbare la questione isolamento, è la parte più importante soprattutto se andrai a riscaldarti con una PDC. Perchè poi caldaia ibrida?
  12. ....... che devono essere collegati alla rete nazionale. In quei remoti casi basta e avanza un gruppo elettrogeno a gasolio. Poi se proprio diventa una fissa basterebbe mettere uno di questi
  13. Questo lo pensi solo tu 😄 https://www.quattroruote.it/news/industria-finanza/2021/05/12/daimler_mobilita_elettrica_addio_endotermiche_posti_di_lavoro.html https://www.milanofinanza.it/news/il-boom-delle-auto-elettriche-puo-far-saltare-piu-di-100-000-posti-di-lavoro-in-germania-202105061229173878 https://www.autoblog.it/post/usa-auto-elettrica-indotto-perdera-30-posti-di-lavoro
  14. Ma più complesse in cosa? Se fino ad ora entrare nei mercati europei e nord americani era estremamente difficile e infinitamente costoso per un nuovo costruttore orientale privo di tecnologia propria, con l'elettrico sarà una passeggiata, banali motori elettrici che li fanno già in Cina, tecnologia batterie sempre in asia ...... cosa rimane di così complesso che un costruttore qualsiasi cinese non possa superare? Più un prodotto è semplice da costruire (e le auto elettrice a confronto delle termiche lo sono) e maggiori saranno le possibilità di farle costruire dove costa meno con mano d'opera meno specializzata. La storia del "creare nuovo lavoro" la devo ancora capire. Già per la produzione di auto elettriche servirà molta meno manovalanza, e queste benedette "gigafactory" (banalissimo assemblaggio) assorbiranno semplicemente il personale in eccesso dai vari siti produttivi di motori termici. Non è certo un caso che la "grande fabbrica" Stellantis nascerà in centro-sud Italia ...... dove guarda caso ci sono già le maggiori fabbriche di motori termici. Ripeto ..... non nuovo lavoro ma solo cambio di "tuta". MODIFICA A tal proposito, visto che parliamo di ambiente e occupazione https://www.repubblica.it/green-and-blue/2021/04/30/news/auto_elettrica_che_fine_fanno_le_batterie_esauste_-298780530/
  15. Siamo (Europa) più leader e autonomi adesso con i motori a combustione che con l'elettrico, e potrà solo andare peggio visto che la tecnologia è ben più banale, e le materie prime per la produzione di batterie da li vengono e verranno. Il grosso limite da superare per questi elettrodomestici a pile è l'autonomia, batterie, e di sicuro gli asiatici sono molto più avanti di noi su questo campo, al massimo potremmo contribuire al reparto imballaggio.
  16. Non puoi prendere in considerazione solo il nuovo che verrà, ma anche il "vecchio" che se ne va. Se prima si produceva e installava pompe rifornitrici per carburante, man mano si produrranno e installeranno colonnine elettriche, sostituendo e non creando nuovo lavoro. Saldo negativo considerando l'indotto che ruota attorno alle stazioni di servizio. Stesso dicasi per la produzione di energia, dove si andrà a rinforzare e ampliare la produzione già esistente ........... non si sta partendo mica da un foglio bianco. Saldo negativo anche quì visto che tutto ciò che ruota attorno ai carburanti fossili subirà una vistosa contrazione (benzina o gasolio non esce già pronta da un pozzo artesiano ...)
  17. Secondo me succederà l'esatto opposto. Questo passaggio POLITICO e non evolutivo all'elettrico comporterà innanzitutto un'aumento del costo dell'energia elettrica, e una contrazione delle vendite di auto. Molte persone non potranno permettersi la sostituzione totale graduale di tutti i veicoli in possesso, sia per un fattore costo che per un fattore logistico (media di 3 auto a famiglia parcheggiate lungo la strada, non oso immaginare il casino per mantenerle cariche e pronte all'uso). Questa condizione unita alla spinta sostenuta verso l'utilizzo di mezzi pubblici, noleggio o condivisione porterà appunto ad un numero minore di veicoli in circolazione. Produzione di veicoli elettrici e servizi annessi impiega già adesso molto meno personale, sommiamo quindi il fatto che ne produrranno meno .......... mix perfetto per l'involuzione occupazionale. Costruttori di auto e componenti, fornitori di energia, gestori di infrastrutture e stazioni, comuni provincie regioni stati e comunità Europea ...... tantissimo sforzo da compiere in pochi anni per fare cosa? Perdere indubbiamente posti di lavoro e presidi industriali. E alla fine della fiera il pianeta continuerà ad ammalarsi guadagnando forse qualche ora di vita .... In conclusione parlare di ambiente e auto elettriche é come smettere di sporcarsi la mano destra per passare a quella sinistra perdendoci un dito...
  18. Piccolo appunto .... Si é sempre ragionato considerando una vettura elettrica a famiglia, consci del fatto che le altre vetture in famiglia (moglie, figlio/a etc) siano a petrolio ammazza vita. Tra meno di 15 anni tutti in famiglia ognuno con la propria auto a batteria..... Povera Enel e Terna già sanno cosa gli aspetta 😄 https://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/qualcuno-dovra-39-pagare-transizione-ecologica-saranno-dolori-276671.htm
  19. Parlando di provincia Chieti e Pescara, se consideriamo una stazione con quattro pompe carburante ogni 8km circa, circa 5minuti a vettura facendo quasi la fila..... ne conviene che per essere poco traumatico ci vorrebbero almeno 6 colonnine ogni 8km nelle zone periferiche, mettendo in conto che il 20/25% degli utilizzatori possono ricaricarselo in casa (una vettura.... Se ne mettiamo due a famiglia già molto piu complicato).
  20. Ma infatti la cara vecchia UE non sa cosa inventarsi ogni giorno per tirare fuori iniziative da prima della classe rimettendoci poi l'osso del collo. Stati Uniti, India e Cina ci seguiranno (per modo di dire ...) a distanza di anni lasciandoci abbastanza tempo per fare fare da cavia, con l'UE a gonfiarsi il petto a danno di noi sempliciotti cittadini comunitari. Stanno allestendo un bel deserto industriale. La gatta frettolosa fa i gattini ciechi ......
  21. L'auto elettrica non conviene a nessuno, nemmeno all'ambiente visto che l'inquinamento derivato dalla produzione di queste vetture, componenti e energia elettrica prenderanno il posto di quello prodotto dai combustibili fossili, oltre al fatto che elettrificare le autovetture lasciando tutto il resto com'è ora non serve a nulla, se non a tirarsi la zappa sui piedi come piace fare all' UE. Per l'utilizzatore finale non ci saranno vantaggi nemmeno sui costi di rifornimento visto che le accise sui carburanti in qualche modo dovranno recuperarli, se non tassando ulteriormente l'elettricità o qualche altro materiale di consumo. Unica tecnologia che possa garantirci energia elettrica COSTANTE a basso costo rispettando l'ambiente (se si fanno le cose per bene)? Nucleare....... ma purtroppo a noi italiani a volte non piacciono le cose logiche
  22. Credo intendesse il diametro, che poi continua a credere che gli italiani non siano capaci di trivellare "qualsiasi cosa" purtroppo è inutile, è il suo mondo fatato, molto diverso dal mio dove per le banali sonde geotermiche da anni sempre a ditte italiane mi sono rivolto ...... Ma sai livio78 che mi stai quasi convincendo? Quasi quasi vendo i furgoni, mi faccio un paio di belle bici a pedalata assistita con dei bei borsoni di juta e vado in giro a lavorare nudo con solo due foglie di fico a coprire le parti sacre ..... sicuramente se tutti tornassimo all'età della pietra (tranne le biciclette a pedalata assistita sia chiaro) saremmo tutti più "greeeen" ..... fino a quando non si scaricherà la batteria ovvio ..... Ha giusto per confermare il sadismo della UE vi lascio questo articolo e scappo via, ho un'altra mestruata in arrivo 😆 https://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/tasse-verdi-ci-puliamo-coscienza-ma-ammazziamo-nostre-aziende-276146.htm La Geotermia è un'ottima alternativa, ma oramai una PDC aria-acqua abbinato a impianto fotovoltaico ti fa risparmiare in realizzazione, sempre tenendo conto della superficie abitabile e del tipo di impianto riscaldamento. In una casa di 80mq con impianto ad alta temperatura (e bassa) caldaia a metano senza dubbio
  23. Purtroppo chi non ci é passato non puó capirlo, per loro tutto si riduce al banale mezzo di trasporto come soluzione universale..... Avere la presunzione di insistere sul concetto che il proprio modo di vivere e le proprie idee sono corrette mentre quello di altri no.... fa proprio pena. Tra l'altro visto che sei così pollice verde (puoi permettertelo.... Beato te), perché non cominci a utilizzare una bici a trazione umana piuttosto che un elettrica. Un po di sforzo fisico in una vita così spensierata e tranquilla come la tua non fa certo male, sicuramente inquini meno di un catenaccio a pedali con la batteria. PS: Non sparare stronzate sulla geotermia, te ne porto quante ne vuoi di ditte "specializzate" italiane, ricade nel mio settore per cui niente scemenze. Poi sei libero di fare il professorino dando lavoro all'estero.... scommetto che vanno al lavoro con bici elettrica e carrellino al seguito...... Comunque ennesimo articolo https://www.repubblica.it/motori/sezioni/tecnologia-e-ambiente/2021/07/03/news/la_battaglia_della_co2_cosi_la_corolla_batte_la_tesla-308741298/?rss
  24. Così la prossima volta impara a giocherellare con i pulsantini del volante mentre lavora 😄 Purtroppo Ferrari é dietro su vari fronti. Assettare la monoposto pensando alla qualifica in una pista come Baku... di certo non ha dato una mano. Poi ogni volta che Binotto loda qualcosa, nella gara appena dopo fanno cagare
  25. Se i cinesi ti offrono robaccia a minor prezzo Rampini (per dirne uno) sta fresco a concorrere. Purtroppo la loro offerta é troppo conveniente a livello economico, specie se il compratore non ha una visione geopolitica nemmeno elementare
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.