Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuto su Autopareri - il forum dell'automobile!

Wilhem275

Moderators
  • Content Count

    18,461
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    28

Wilhem275 last won the day on August 21 2018

Wilhem275 had the most liked content!

Community Reputation

6,809 Excellent

About Wilhem275

  • Rank
    HALL OF FAME
  • Birthday 05/25/1986

Profile Information

  • Car's model
    1997 Lancia Y
  • City
    Genova & Venezia/Padova
  • Interessi
    Treni, auto, viaggi e fermodellismo

Contact Methods

Recent Profile Visitors

12,282 profile views
  1. A quanto pare questo bidoncione arriverà al babbo in sostituzione di Freemont, a meno di ripensamenti dell'ultim'ora da parte del leasing. Dovrebbe venire fuori allestita abbastanza bene. Per mio padre c'è sempre il problema di riuscire a stare comodo nel posto guida (gambe XXL), e su questa nuova piattaforma lo spazio sembra gestito molto bene.
  2. Niente rubinetto separato calda/fredda? Era davvero una pietra miliare per l'ingegneria inglese!
  3. Gran bello spot. E' in effetti la vera tuttofare, molto più delle finte fuoristrada. Comunque è migliorata tanto.
  4. Qualcuno diceva che è finito nei manuali di come NON si fa
  5. Non è propriamente aviazione civile... ma ci sono i TG che stanno ripetendo a pappagallo che non si capisce il mancato arrivo dei Canadair per spegnere Notre Dame. Certo, se vuoi raderla al suolo e far sparire anche la polvere mi sembra un ottimo metodo
  6. Beh, mi fa piacere che i difetti riscontrati fossero colpa di un esemplare messo male. Stai provando anche delle Abarth?
  7. Qui diventa molto interessante un confronto sul campo tra le soluzioni Toyota, H/K, Honda e Renault-Nissan. In particolare tra le ultime due.
  8. E' un problema che affligge la cara vecchia Y (1997) da ormai qualche mese, ma ultimamente è diventato più evidente [nota: non c'è l'ABS]. Se premo il pedale ho la normale azione del servofreno che mette in pressione il circuito, e l'impianto funziona correttamente. Finché tengo premuto l'impianto mantiene la pressione, e se premo di più la pressione aumenta com'è normale che sia. Se però a pedale già premuto lo sollevo un minimo, anche di pochi millimetri, l'impianto si scarica subito come se avessi lasciato del tutto, e a quel punto ho perso tutta la pressione e non si ricarica più. Per riavere maggiore forza frenante o schiaccio a fondo (ma praticamente senza il servo) oppure ricomincio da zero con una nuova frenata e in quel caso la pressione c'è tutta. L'effetto più evidente è che non posso eseguire la frenata degressiva, perché appena arretro il piede mi perdo tutta l'azione frenante e a quel punto devo ridare un pestone. Non essendomi del tutto chiaro lo schema di un servofreno non riesco a capire perché finché tengo premuto la pressione resti stabile (no perdite), ma appena rilascio un minimo si perda tutta l'aria e non venga ricaricata finché il pedale non risale del tutto. Vorrei quindi capire se magari c'è solo qualche valvola bloccata, visto che in generale il servo funziona bene.
  9. Puoi eccome! ...così come puoi andare a piedi a Linate
  10. Halt, stiamo mischiando un mucchio di cose 1) il traffico delle spiagge non tocca l'aeroporto, viene drenato tutto dall'A27 prima di passare di là. L'unico ostacolo lungo via Orlanda è appunto Campalto e sarà risolto entro qualche mese. Il mio orarista di fiducia mi conferma che nei momenti più carichi il 5 gli passa con un ritardo di 3-4 minuti. 2) Nella progettazione dei trasporti, in ferrovia soprattutto, prima devo capire cosa serve, poi come mettere in piedi i servizi e infine come costruirlo. Non serve a niente costruire un ramo di infrastruttura dove è più facile farlo se poi il traffico vuole andare da un'altra parte (anche se è uno sport in cui siamo particolarmente bravi...). Costruire un pezzo di linea per mettere in piedi un treno che rimbalza tra Venezia e l'aeroporto mi costa una barca di soldi e: è più lento, è meno frequente (ma MOLTO meno), ruba spazio a cose più importanti, è scollegato dal mondo tanto quando lo è oggi, e rischia di non fare meglio neppure come capacità. 3) Una linea di TPL si misura sulla capacità, cioé quanta gente può spostare in un certo tempo (di solito si misura ora per ora). Il motivo per passare da un bus 12 metri a un 18 e poi un filobus e poi un tram e poi un treno è soprattutto per aumentare la capacità. Se un bus ogni 30' non è sufficiente, il primo step è aumentare la frequenza, e solo dopo aumento la taglia del mezzo. I costi crescono in maniera esponenziale. Altrimenti è come dire "Questo vicolo è un po' stretto, sarebbe meglio un'autostrada a 8 corsie" 4) Il motivo per collegare il VCE a Mestre da est e non da ovest è che il VCE è già ben collegato a Venezia ma malissimo a qualunque altra cosa, ed è lì che bisogna lavorare. Bisogna portarci dentro treni non tanto da Trieste, ma da Padova, Verona, Bologna e tutto l'hinterland veneziano. Il successo di una stazione aeroportuale sta nell'allargare il bacino di utenza dell'aeroporto ad un'area molto vasta. Il collegamento in treno tra aeroporto e città serve quando questi sono molto lontani tra loro, e se c'è una fortuna a Venezia è proprio che il VCE è attaccato, rispetto alla media europea
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.