Vai al contenuto

Cerca nel Forum

Mostra i risultati del/dei TAG ''bmw'' .



Opzioni Ricerca Avanzate

  • Ricerca via TAG

    I TAG sono delle "parole chiave" che permettono di distinguere l'argomento e ricercarne rapidamente altri di analoghi. Usa la funzione con criterio!
    PS. Usa la virgola per confermare un TAG e separarlo dagli altri.
  • Ricerca secondo Autore

Tipo di contenuto


Forum

  • Autopareri OnTheRoad
    • Emergenze in Strada - SOS Autopareri
  • Il sito Autopareri
  • Mondo Auto
    • Scoop e Anteprime Auto
    • Consigli e Pareri sul mondo dell'Auto
    • Prove Auto e Recensioni
    • Tecnologie ed Innovazioni nell'Auto
    • Mercato, Finanza e Società nell'Automotive
    • Car Design e Automodifiche
    • Auto Epoca
  • Case Automobilistiche
    • Auto Italiane
    • Auto Tedesche
    • Auto Francesi
    • Auto Britanniche
    • Auto del resto d'Europa
    • Auto Orientali
    • Auto Americane
  • Mondo Motori
    • Due Ruote
    • Veicoli Commerciali-Industriali e Ricreazionali
    • Altri Mezzi di Trasporto
    • Sport Motoristici
    • Motori ed Attività Ludiche
  • Mobilità
    • Mobilità e Traffico nelle Città
    • Traffico Autostrade
  • Off Topics on Autopareri
    • Off Topic
    • TecnoPareri
  • Venditori Convenzionati
    • WithCar.it

Blog

  • Autopareri News

Cerca nel...

Cerca risultati che...


Data di creazione

  • Inizio

    End


Ultimo Aggiornamento

  • Inizio

    End


Filtra per numero di...

Iscritto il

  • Inizio

    End


Gruppo


Marca e Modello Auto


Città


Interessi


Professione


Biografia


Citazioni


Sito Internet


Facebook


Twitter


YouTube


Skype


AIM


ICQ

Trovato 194 risultati

  1. xzzz9097

    BMW Serie 8 Coupé 2018

    BMW M850i xDrive con Carbon Package Dichiara Markus Flasch, Project Manager della BMW Serie 8. L’estetica BMW M Performance La linea estetica è già nota ed anticipata dalla BMW Serie 8 Concept. A questo si aggiungerà: Impianto frenante sportivo BMW M Performance Differenziale posteriore BMW M Performance Spoiler posteriore Sterzo attivo Volante BMW M Performance Nuovi sedili I freni BMW M Sport, il volante M, i nuovi sedili migliori e lo spoiler posteriore sono tutti prodotti standard BMW M Performance.Inoltre, lo sterzo attivo è un comune tra le auto M Performance di fascia alta, come la BMW M550i. Il plus che mancava è il differenziale attivo BMW M, che di solito è riservato solo alle “pure” BMW M. Anche altri accessori BMW M Performance Ci saranno altri accessori BMW M Performance che aiuteranno a rendere la BMW M850i un po’ più speciale. Niente di estremo, ma abbastanza per aggiungere un po’ di pepe alla più calda Serie 8. Sono costituiti da: Cerchi in lega leggera in diversi “Style” da 20 “ Cinture di sicurezza BMW M Sospensione sportiva regolabile BMW M Tetto in fibra di carbonio Elementi esterni in fibra di carbonio Cartella stampa completa Listino BMW Serie 8 Coupe G15 Via BMWNews TOPIC SPY
  2. MotorPassion

    BMW M2 Competition 2018

    La BMW M2 Competition sostituisce la precedente BMW M2 in toto. Sotto al cofano il 6 cilindri TwinTurbo della BMW M3 e BMW M4 depotenziato a 410 CV e 550 Nm di coppia Estetica affinata e trazione esclusivamente posteriore attraverso il cambio manuale a 6 rapporti o DCT a sette marce La BMW M2 rappresenta attualmente la vettura BMW M purosangue del 21° secolo e con la nuova BMW M2 Competition – presentata al Salone dell’Auto di Pechino – provvede a spostare più in alto il limite. Sotto al cofano il 6 cilindri in linea da 3.0 litri con doppio turbocompressore della BMW M3 e BMW M4. In versione depotenziata – of course – per non ledere la noblesse delle “sorelle” maggiori. Dai 431 CV si è scesi ad appena 410 CV costanti tra 5’250 e 7’000 rpm. Mentre la coppia motrice rimane stabile a 550 Nm costante tra 2’350 a 5’230 rpm. Un risultato che comunque garantisce circa 40 CV e 100 Nm in più rispetto alla M2 di serie, che con il precedente N55 si ferma a 370 CV e 465 Nm di coppia (500 in overboost). Questo le consente di limitare di un decimo di secondo lo scatto da fermo a 100 km/h, che scende a 4.2 secondi (4.4 con il manuale a 6 rapporti). La velocità massima è limitata a 250 km/h che sale a 280 km/h (sempre limitati) con l’adozione del BMW M Driver’s Package. Il sei cilindri delle M3 ed M4, ma rivisto completamente Il 6 cilindri 3.0 litri BMW M TwinPower Turbo S55 che equipaggia le BMW M3 e BMW M4 non è stato trapiantato “tout-court” all’interno del vano motore della BMW M2, ma ha subito alcuni affinamenti importanti. Prima di tutto abbiamo una linea di scarico specifica, progettata ex-novo che utilizza sempre il sistema di controllo delle valvole “anti-rumore” per cambiare timbro quando è necessario. Una diversa logica di gestione della ECU si associa all’adozione di un Filtro Anti Particolato che BMW chiama Otto Particulate Filter (OPF) in grado di garantire le normative Euro6d-Temp per la BMW M2 Competition. Il sistema di lubrificazione è stato ripreso dalle BMW M impegnate nel Motorsport con il medesimo propulsore, mentre il sistema di raffreddamento è mutuato integralmente dalla BMW M4 con Competition Package. Quindi la BMW M2 Competition utilizza sistemi di raffreddamento e lubrificazione “pronto corsa” derivate dall’esperienza BMW Motorsport. Ad esempio, una paratia supplementare della coppa dell’olio aiuta a limitare il movimento dei lubrificanti quando l’auto cambia improvvisamente direzione. Sotto estrema accelerazione e decelerazione longitudinale, una pompa di estrazione dell’olio ed un sofisticato sistema di ritorno dell’olio situati vicino al turbocompressore contribuiscono anche a mantenere una circolazione dell’olio ininterrotta. Pertanto, l’olio viene fornito continuamente a tutti i componenti del motore in tutte le situazioni di guida, sia durante la guida quotidiana o durante la guida impegnativa in pista. Se la BMW M2 Competition è equipaggiata con la trasmissione doppia frizione a 7 rapporti, è previsto un ulteriore radiatore dell’olio per la trasmissione. Estetica che segue la funzione L’utilizzo di un doppio rene maggiorato – e dall’estetica completamente rinnovata – provvede a far incamerare una maggior quantità d’aria al propulsore. Questo vale anche per i flap laterali sulle feritorie anteriori che hanno una maggior sezione e finitura in Dark Shadow. Nella stessa finitura è il quadruplo scarico, tipico delle BMW M. Il badge M Competition abbellisce la parte posteriore dell’auto. Il design dei nuovi specchietti laterali a doppio braccio migliora l’aerodinamica e sono caratteristici della nuova BMW M2 Competition. Gli ingegneri della BMW M hanno anche adattato le dinamiche di guida della BMW M2 Competition per tenere conto delle maggiori prestazioni. Il telaio sopra-motore realizzato in CFRP della BMW M3 / M4 (dalla massa di 1.5 kg) è immediatamente visibile nel vano motore. Ciò migliora la rigidità della sezione anteriore ed aumenta la precisione dello sterzo. Anche le curve caratteristiche del servosterzo elettromeccanico, il differenziale Active M e il sistema Dynamic Steering Control (DSC) sono state regolate. Telaio completamente rivisto Il telaio è stato completamente stravolto. Si sono presi i due telaietti anteriori e posteriori – in alluminio – della BMW M3 e BMW M4. Per garantire una precisione di guida senza paragoni, vengono utilizzati giunti a sfera senza giochi in accoppiamento. Le forze longitudinali che passano attraverso il telaio vengono trasmesse direttamente nei montanti di torsione tramite speciali cuscinetti in elastomero, che offrono contemporaneamente il comfort di rotolamento desiderato. Tutti i bracci sospensivi e di tenuta dell’asse posteriore a cinque bracci sono realizzati in alluminio forgiato. Inoltre, una connessione rigida derivata dalle corse, con boccole in gomma, viene utilizzata per fissare il sottotelaio dell’assale posteriore a griglia in acciaio leggero al corpo vettura. Questo migliora ulteriormente la posizione della ruota e la stabilità del tracciamento. Gli ingegneri della BMW M hanno adattato le curve caratteristiche del servosterzo elettromeccanico per migliorare le prestazioni ed aumentare la rigidità della sezione anteriore. La funzione Servotronic integrata con caratteristiche specifiche M controlla il livello dell’assistenza dello sterzo elettronicamente in base alla velocità dell’auto e alle impostazioni effettuate con Drivelogic, che consentono ai conducenti di regolare l’assistenza del servosterzo in qualsiasi momento secondo le proprie preferenze. Una M2 personalizzabile a piacimento La BMW M2 Comeptition è il primo modello ad essere dotato di selettori sulla consolle centrale che consentono il controllo istantaneo delle caratteristiche e delle impostazioni per le funzioni motore, sterzo e Drivelogic, se equipaggiata con la trasmissione M DCT. Le varie configurazioni possono essere combinate tra loro in qualsiasi modo il guidatore preferisca; inoltre possono esser memorizzate per un facile accesso utilizzando i pulsanti M1 e M2 sul volante. La gamma standard di equipaggiamenti include ora il pulsante rosso di Star Engine, i fari adattivi a LED e il Park Distance Control (PDC) anteriore. Interni completamente rinnovati ed accessori unici I nuovi sedili M Sport (optional) sono il primo colpo d’occhio che si osserva all’interno dell’abitacolo della nuova BMW M2 Competition. La forma avvolgente è di chiara ispirazione Motorsport ed offre ai guidatori un supporto ottimale, mentre ipoggiatesta sono integrati nello schienale del sedile. Lo schienale presenta anche un logo M2 illuminato all’altezza delle spalle. Il rivestimento in pelle nera presenta perforazioni di design nella seduta e nello schienale, disponibile in blu o arancione. I sedili sportivi standard sono disponibili anche con rivestimento in pelle nera, con cuciture a contrasto in blu o arancio. Impianto frenante con dischi “monstre” I numerosi anni di esperienza nel motorsport della BMW M GmbH si riflettono nella disponibilità dei nuovi freni sportivi M, che offrono le massime prestazioni dei freni grazie ai dischi dei freni più grandi (asse anteriore: diametro 400 mm, asse posteriore: diametro 380 mm) e pinze dei freni verniciato grigio (asse anteriore: pinza fissa a 6 pistoncini, asse posteriore: pinza fissa a 4 pistoncini). I cerchi in lega forgiati da 19 pollici (asse anteriore: 9J x 19, asse posteriore: 10J x 19) sono disponibili anche con il nuovo design Y-Spoke. Inoltre, un nuovo colore della vernice metallizzata è ora disponibile esclusivamente per la BMW M2 Competition: Hockenheim Silver. Differenziale a controllo attivo – Active M – di serie Il differenziale a controllo attivo – Active M – è un differenziale a slittamento limitato a più piastre controllato elettronicamente che porta la trazione e la stabilità ad un nuovo livello di precisione e velocità. L’effetto di bloccaggio può variare tra 0 e 100 percento, in base alla situazione di guida, e reagisce all’angolo di sterzata della vettura, alla posizione dell’acceleratore, alla pressione del freno, alla coppia del motore, alla velocità della ruota e alla velocità d’imbardata. L’unità di controllo utilizza questa analisi della situazione di guida per rilevare la minaccia di perdita di trazione su un lato della vettura e calcola l’effetto di blocco richiesto, che è impegnato da un motore elettrico. La piena capacità di chiusura di 2.500 Nm è disponibile entro 150 millisecondi. Ciò consente al sistema di impedire a una ruota di girare in condizioni estreme su superfici stradali scivolose o quando le due ruote posteriori presentano differenze significative nel coefficiente di attrito. In determinate situazioni, Active M Differential funziona anche in modo proattivo. Quando si viaggia su superfici scivolose, il bloccaggio viene chiuso di una percentuale definita ancor prima che una ruota possa iniziare a pattinare, per assicurare che entrambe le ruote si muovano all’unisono. Il bloccaggio è anche chiuso della percentuale richiesta attraverso gli angoli di imbardata, in base ai livelli di accelerazione laterale e di guida. Questo impedisce alla bassa trazione all’interno della ruota di iniziare a girare troppo velocemente. Questo controllo attivo del differenziale permanente e infinitamente variabile aumenta anche l’agilità, evita il sottosterzo e migliora la stabilità direzionale in frenata e cambi di carico. MDM – M Dynamic Mode per ogni situazione del sistema DSC M Dynamic Mode (MDM) è una sottofunzione del Dynamic Stability Control (DSC) che può essere attivata automaticamente in modalità SPORT + o attivata manualmente. In determinate situazioni, ad es. guida sportiva e dinamica in pista: consente un maggior grado di pattinamento delle ruote. Le misure di stabilizzazione familiari dalla modalità DSC ora intervengono in ritardo, aumentando la libertà a disposizione dei conducenti al limite dinamico. Lo slittamento extra della ruota migliora la trazione e quindi la prontezza. Sono possibili sovrasterzo e sottosterzo più significativi, così come sbandate moderate e controllate, ma gli ausili di sicurezza attiva del controllo dinamico della stabilità possono ancora essere considerati affidabili in situazioni critiche. Dati tecnici completi Cartella stampa completa Via BMWNews Topic Spy -> http://www.autopareri.com/forums/topic/64384-bmw-m2-competition-prj-f87m-spy
  3. 4200blu

    BMW M5 Competition 2018

    BMW M GmbH has sharpened the race-inspired character of its BMW M5 high-performance sedan with an even more powerful model. The new BMW M5 Competition (fuel consumption combined: 10.8 – 10.7 l/100 km; CO2 emissions combined: 246 – 243 g/km)* sets new performance benchmarks in its segment. The market launch of the new BMW M5 Competition creates a new product category. In future, BMW M GmbH will offer the most powerful variants of its high-performance cars as standalone models. This new status reflects the individual character of the BMW M5 Competition. It also heralds the latest chapter in a history of success which began with the M Competition package (including power boost) configured specifically for the predecessor to the current BMW M5 – and which the exclusive new BMW M5 Competition builds on convincingly. The new BMW M5 Competition combines an ever-present sense of the race track and a suitably rarefied aura with the unruffled ease in everyday use for which BMW M models are renowned. A 19 kW/25 hp hike in engine output over the standard version of the new BMW M5 (to 460 kW/625 hp), even more direct responses and bespoke chassis tuning combine to maximise dynamics, agility and precision. The 4.4-litre V8 engine with M TwinPower Turbo technology has been modified specifically for this new application and develops peak torque of 750 Nm (553 lb-ft) across an even broader rev range – from 1,800 rpm to 5,800 rpm. The thrust generated by the new BMW M5 Competition’s engine enables acceleration of 0 to 100 km/h (62 mph) in 3.3 seconds and 0 to 200 km/h (124 mph) in 10.8 seconds. Like the engine’s responses, the aural character of the standard-fitted M Sport exhaust system can be adjusted at the touch of a button. The driver can also use the M Sound Control button to initiate an extremely discreet soundtrack. Model-specific engine mounts with a higher spring rate provide a much firmer connection between the drive unit and vehicle structure in the new BMW M5 Competition. This has a noticeable effect on the car’s responses, the sharpness of its turn-in and the experience of the engine’s soundtrack inside the car. The engine’s power is channelled to the road via an eight-speed M Steptronic transmission with Drivelogic. Added to which, the new BMW M5 Competition is specified with the M xDrive M-specific all-wheel-drive system and the Active M Differential at the rear axle. The centrally controlled interaction between the two systems optimises traction, agility and directional stability. The M xDrive system’s rear-wheel bias provides the ideal basis for a full-blooded performance-driving experience. Added to which, the new BMW M5 Competition supplements M Dynamic Mode with three driving programs honed for use on the track: 4WD, 4WD Sport and 2WD, which switches to pure rear-wheel drive and deactivates the Dynamic Stability Control (DSC). Chassis technology meticulously adapted to the engine’s performance profile ensures precisely controllable on-limit handling. Model-specific features of the chassis include a seven-millimetre drop in ride height, special damper hydraulics and stiffer springs, an increased camber at the front axle and modified toe links and anti-roll bars at the rear. Standard specification for the new BMW M5 Competition also comprises exclusive 20-inch forged M light-alloy wheels with mixed-size tyres. Eye-catching design cues emphasise the exclusivity of the new BMW M5 Competition. BMW Individual high-gloss Shadow Line trim is complemented by the use of high-gloss black for the kidney grille surround, decorative grating of the signature BMW M gills, rear spoiler and exterior mirror caps. “Competition” lettering is added to the likewise black “M5” badge on the boot lid. Black seatbelts with an understated stripe design in BMW M GmbH colours and model-specific floor mats bring a distinctive flavour to the interior of the new BMW M5 Competition. An “M Competition” graphic appears in the instrument cluster when it is starting up. Via BMW Nostra discussione e foto https://www.bmwnews.it/ufficiale-la-nuova-bmw-m5-competition/
  4. Pandino

    BMW X5 2018

    Via BMWNews Topic Spy: https://www.autopareri.com/forums/topic/62238-bmw-x5-iv-spy/ Sfuggite le prime immagini della nuova X5. Di male in peggio secondo me
  5. Pandino

    BMW Serie 8 GranCoupé Concept 2018

    Adrian van Hooydonk, Vicepresidente senior del BMW Group Design. Senza giri di parole Van Hooydonk mette un bel punto fermo sulla direzione che sta per prendere BMW con questa nuova BMW Concept M8 Gran Coupe’. Un linguaggio unico che anticipa tutti i futuri stilemi del marchio e che si pone come punto di riferimento per il lusso e la sportività. Il frontale è mutuato da quella della BMW Concept Serie 8, ma con alcune mirate modifiche. I contorni della griglia del radiatore si allargano man mano che scendono verso il basso, sottolineando il centro di gravità della vettura vicino al suolo. Come sui primi modelli BMW coupé, gli elementi del doppio rene sono collegati da una cornice circolare ininterrotta, creando un grande elemento singolo. Mentre i fari sono posizionati leggermente più in alto rispetto ai reni e danno loro l’impressione di esser più vicini al suolo, il che enfatizza ulteriormente la vicinanza dell’auto all’asfalto. Sguardo preso dalla BMW M8 GTE Uno sguardo diverso anche per i fari anteriori, che utilizza la tecnologia di illuminazione Laser già utilizzata dalla BMW M8 GTE, con il tipico design esagonale a “quattro occhi“. Un chiaro elemento distintivo tra la versione racing e quella “stradale”, che si contrappongono ai lussuosi interni della Concept. Nel frattempo, prese d’aria muscolose in plastica rinforzata con fibra di carbonio (CFRP) guidano l’aria dove è richiesta. La linea laterale La fiancata laterale della BMW Concept M8 Gran Coupe’ mette in risalto un enorme lunghezza del passo e del cofano motore. La linea del tetto scorrevole e la coda corta creano una silhouette coupé molto sportiva ed elegante. Dopo il montante C, il tetto degrada verso il baule con due pinne, che enfatizzano la muscolosità della vettura. Più in basso, i passa ruota svasati offrono un’espressione visiva della potenza che attraversa l’asse posteriore. Il posteriore La parte posteriore della BMW Concept M8 Gran Coupé trasuda lo slancio dinamico e l’impatto visivo per cui M è rinomata, e l’ampia carreggiata e gli archi passa ruota svasati accentuano le prestazioni della vettura. Le linee orizzontali spezzano stilisticamente la parte posteriore, consentendo all’area sotto lo spoiler posteriore di catturare più luce e aggiungere ulteriore agilità visiva. Non mancano gli scarichi a quadrupla uscita, tipici delle vetture BMW M. Un anticipo dei modelli di serie Il nuovo modello vede il BMW Group guardare avanti verso la BMW Serie 8 Gran Coupé e la BMW M8 Gran Coupé, che saranno presentate nel corso del 2019 e completeranno la famiglia BMW Serie 8. Cartella stampa completa
  6. superkappa125

    BMW Serie 5 2016

    Luxury Line M-Sport M550i Interni PRESS RELEASE --------------------------------------------------------- Station: BMW Serie 5 Touring 2017 Spy: BMW Serie 5 VII - Prj. G30 (Spy) ---------------------------------------------------------
  7. Beckervdo

    BMW M5 2017

    Eccola qua https://www.bmwnews.it/ufficiale-bmw-m5-m-xdrive-2018/ Il cuore pulsante: il nuovo BMW S63TU4T da 600 CV e 750 Nm Il V8 da 4.4 litri con tecnologia BMW M TwinPower Turbo è declinato nella versione più potente mai rilasciata. E’ in grado di offrire una potenza di 441 kW / 600 CV a 5.600 – 6.700 giri / min, mentre la straordinaria coppia massima di 750 Nm (553 lb-ft) è disponibile ad appena 1.800 giri / min e rimane costante fino ai 5.600 giri / min. Rispetto al modello uscente, la coppia massima ha subito un aumento di 70 Nm (52 lb-ft). Le caratteristiche del motore possono essere modificate premendo un pulsante che enfatizza la risposta e la potenza totale del comparto termico. Inoltre, ne consegue un risposta ancora più veloce ai movimenti dell’acceleratore. Gli ingegneri di Garching hanno realizzato per la BMW M5 M xDrive F90 una revisione completa del propulsore. Nuovi turbocompressori TwinScroll e una pressione di iniezione massima di 350 bar, consentono tempi più brevi di iniezione e una migliore atomizzazione del carburante, così da ottenere una risposta più fluida del motore e una preparazione più efficace delle miscele. Sono stati inoltre migliorati i sistemi di lubrificazione e raffreddamento, tra cui una nuova coppa dell’olio con una pompa di pescaggio ed un sistema di raffreddamento dell’aria indiretta. Il sistema di alimentazione dell’olio utilizza una pompa completamente controllata dalla centralina motore ed è stato progettata anche per garantire una perfetta efficienza in caso di trackdays. Modifica importante per affrontare le forti accelerazioni longitudinali e laterali. E’ stato riprogettato ex-novo il collettore di aspirazione CBEM (Cross-Bank Exhaust Manifold) così da aumentare i rendimenti dei due nuovi turbocompressori TwinScroll. Inoltre un nuovo risuonatore di Helmholtz tra i due silenziatori dello scarico a doppio ramo, ha consentito agli ingegneri M di ridurre ulteriormente la massa. Il suono che fuoriesce dallo scarico è “filtrato” da un sistema di flap che – a seconda della modalità di guida scelta – variano le onde sonore dello stesso. Così da passare alla modalità “cittadina” a quella “urlo” quando si è in pista. Una dinamica di guida completamente personalizzabile: 4WD, 2WD e 4WD Sport Ogni volta che si avvia il motore, le impostazioni predefinite della BMW M5 F90 M xDrive si attivano in modalità 4WD con DSC on. Anche in questa configurazione di base, che permette inizialmente una certa quantità di slittamento alle ruote posteriori per produrre l’agilità per cui modelli M sono rinomati, il sistema di trazione BMW M xDrive offre vantaggi tangibili in situazioni quali l’accelerazione in uscita di curva. La BMW M5 F90 completa lo 0 a 100 km / h in appena 3.4 secondi o lo sprint da fermo a 200 km/h in appena 11 secondi! I guidatori che vorranno assaporare tutte le potenzialità della nuova BMW M5 M xDrive, potranno settare la vettura in M Dynamic Mode (MDM) con modalità 4WD Sport del sistema M xDrive. Di conseguenza la nuova BMW M5 F90 diventa molto più agile rispetto alla configurazione standard ed inoltre la maggior frazione di coppia viene inviata alle ruote posteriori. Allo stesso tempo, MDM ha una soglia di intervento del sistema antispin più elevata, permettendo un drift controllato e saggiare appieno la dinamica della nuova BMW M5 xDrive. L’insorgenza di sovrasterzo è telegrafato in tempo utile, l’incremento lineare dell’angolo di deriva rende di conseguenza più facilmente controllabile la vettura. E se volessimo maggior coinvolgimento? Con DSC disattivato, v’è una scelta di tre modalità (4WD, 4WD sport e 2WD). In modalità 4WD, la trazione BMW M xDrive ha un assetto neutro che si presta ad una controllabilità elevata ed una trazione ottimale. Di conseguenza è di particolare beneficio su strade che si trovano in condizione di mediocre o scarsa aderenza. Con la modalità 4WD Sport la trasmissione M xDrive si sposta si valori di maggiore agilità e sportività. Mentre in modalità 2WD attivata, la nuova BMW M5 M xDrive offre al driver avido di “driving experience” la guida di una berlina ad alte prestazioni con sola trazione posteriore, fornendo una forma pura di piacere di guida che cattura nel suo modo unico. In parole povere un mostro da quasi 2 tonnellate, con 600 CV, cambiate fulmine ed un’agilità da primato nella sua categoria. Questa è la nuova BMW M5 M xDrive. Una dinamica di guida di primo livello Dinamica di guida imbattibile con massima stabilità direzionale – questo era l’obiettivo della squadra incaricata di mettere a punto il nuovo telaio della BMW M5 M xDrive. Come sempre Per BMW M GmbH, la messa a punto ha avuto luogo in parte sul circuito di test personale di Miramas nel sud della Francia, così come alla Nordschleife del Nürburgring. La gestione precisa e agile che i driver hanno sviluppato dalle precedenti generazioni dell’M5 sono state ulteriormente ottimizzate per la nuova vettura. Anche questa M5 ha la possibilità di esser cucita addosso attraverso una vasta gamma di personalizzazioni e setup meccanici. Si parte con la trazione BMW M xDrive, il cambio ad otto velocità M Steptronic con Drivelogic, il sistema BMW M Variable Damper Control (inclusi tre modi di guida: Comfort, Sport e Sport Plus) con ammortizzatori controllati elettronicamente e M Servotronic (inclusi tre modi di guida: comfort, sport e sport+). Priorità assoluta: uno sterzo senza pari Una priorità assoluta era ottenere uno sterzo neutro, anche ai limiti dinamici. Un importante fattore tenuto in considerazione è l’accumulo lineare di carichi trasversali in tutta la gamma di accelerazioni laterali. Qualunque sia la situazione di guida, lo sterzo elettromeccanico offre esattamente la giusta quantità di coppia di sterzo. Ciò garantisce che la nuova BMW M5 M xDrive abbia un controllo eccellente e preciso, in grado di fornire sempre chiari feedback. Inoltre, l’auto è ottima da guidare sulla lunga distanza così come in città. Sospensioni riprogettate ex-novo Il quadrilatero anteriore della BMW Serie 5 è stato usato come base per quello della nuova BMW M5. Gli ingegneri M hanno ridisegnato ogni componente della vettura riadattandola alle specifiche cinematiche ed elastocinematiche che si confanno ad una BMW M. La stabilità direzionale è migliorata grazie alla maggior impronta a terra. La sospensione posteriore, multilink a 5 bracci, è stata ridisegnata anch’essa. Nuovi bracci di collegamento con supporti in teflon più rigido, aiutano ad accomodare l’aumento di precisione richiesta dalla nuova BMW M5. Anche la precisione della sterzata, così come un anti-roll più efficace sono stati ottimizzati per la rigidità. Appositamente sviluppati per l’M5, i cuscinetti dell’elastomero sui montanti dell’assale posteriore assicurano che non vi sia alcun ritardo nel trasferire le forze del telaio, così da migliorare la sensazione di controllo. Un nuovo ancoraggio in acciaio dal disegno ad “X” ed uno strato trasversale in alluminio, aumentano la rigidità dei collegamenti del telaio sull’assale posteriore, con conseguente miglioria della risposta dinamica. Inoltre è stata inserita una nuova paratia in alluminio che aumenta la rigidità della parte frontale della vettura. Nuovi pneumatici a velocità limitata a 305 km/h I pneumatici standard sulla BMW M5 M xDrive sono in misura 275/40 R 19 davanti e 285/40 R 19 sul retro, installati su nuovi cerchi dal design specifico. Design a cinque razze in alluminio spazzolato con misure 9,5 J x 19 anteriore e posteriore: 10,5 J x 19. Cerchi da 20 pollici a sette doppio raggio in nero o opzionalmente disponibili in nero lucido (anteriore: 275/35 R 20, sul retro:285/35 R 20). Tutte le ruote hanno velocità nominale ZR, rendendole adatte ad una velocità di 305 km / h raggiunta dalla nuova BMW M5 con M Driver Package (versione standard: 250 km / h / 155 mph). La BMW M5 First Edition Primi a scegliere, prima disponibile: la BMW M5 First Edition è una edizione limitata in tutto il mondo in appena 400 esemplari. La vendita partirà nell’autunno 2017. Le consegne della BMW M5 First Edition inizieranno nella primavera del 2018 e la produzione continuerà fino al giugno 2018. La nuova BMW M5 First Edition ha l’esclusiva tinta Frozen Dark Red Metallic e comprende anche particolari Shadow Line BMW Individual con pacchetto esteso. Ciò significa che la griglia del rene, gli splitter e le quattro uscite dello scarico sportivo, sono tutte realizzate in nero lucido. La BMW M5 First Edition è dotata di serie con cerchi in lega leggera a 7 doppi raggi da 20 pollici con finitura nera. E’ un esemplare speciale, grazie anche agli interni BMW Individual con inserti in Piano Black che recano al centro della consolle una targa commemorativa che indica il numero di produzione dell’auto (“M5 First Edition 1/400“). La BMW M5 First Edition ha di serie i sedili standard BMW M Individual multifunzione con pelle in pieno fiore Smoke White con cuciture a contrasto in tinta rossa. L’esclusiva BMW M5 First Edition è disponibile con un sovrapprezzo di 19.500 euro rispetto alla BMW M5 di serie. Cartella stampa completa BMW M5 First Edition (limitata a 400 esemplari) Spy: BMW M5 - Prj. G80 (Spy)
  8. MotorPassion

    BMW X2 2018

    Articolo con galleria completa: http://www.carscoops.com/2017/10/new-bmw-x2-is-funkier-take-on-x1.html (scusate non so mettere le foto come miniature ) Ma perchè quel taglio diagonale alle griglie laterali presenti sul muso? Io lo trovo incoerente con tutto il resto. Nella vista laterale di queste foto non è malaccio però in quella Giallo Metalizzato, l'inserto nella parte bassa del brancardo la rende veramente molto pesante stilisticamente. Spy: http://www.autopareri.com/forums/topic/50648-bmw-x2-prj-f39-spy Concept: http://www.autopareri.com/forums/topic/62013-bmw-x2-concept-2016/
  9. eccoci ! https://www.fcagroup.com/it-IT/media_center/fca_press_release/FiatDocuments/2017/august/FCA_si_unirà_al_gruppo_BMW_Intel_e_Mobileye_nello_sviluppo_piattaforma_guida_autonoma.pdf
  10. Pandino

    BMW Serie 1 Facelift 2015

    Messaggio Aggiornato al 26/03/2015 3 Porte 5 Porte M135i carscoops Press Release: BMW Prezzi: 3 Porte 5 Porte ----- Niente male
  11. Touareg 2.5

    BMW X1 2015

    Messaggio Aggiornato al 13/10/2015 carscoops Press Release: BMW Prezzi: ----- Per me, davvero molto riuscito! Il migliore tra i suv BMW.
  12. Beckervdo

    BMW Serie 7 2015

    Eh che cazzo...dovevano uscire il 10 -.-
  13. Morgan festeggia i 50 anni di nascita al Salone di Ginevra 2018 con un modello celebrativo basato sulla sua Plus 8. Accostamento cromatico con un blue elettrico ed il bordo della mascherina, contorno cofano e baule in "giallo". Solo 50 esemplari saranno realizzati. Il propulsore è il sempreverde V8 4.8 aspirato donato da BMW con relativa trasmissione automatica a 6 rapporti. 367 CV su 1100 kg fanno sorridere molto.
  14. lukka1982

    BMW M4 Cabriolet Edition 30 Jahre 2018

    BMW festeggia i trent’anni della M3 Cabrio con un’edizione speciale 30 Jahre dell’attuale M4 Cabrio, limitata a 300 esemplari. Era il 1989 infatti quando la prima M3 Cabrio venne lanciata sul mercato, in tiratura limitata a 783 esemplari ed equipaggiata con il propulsore da 200 CV delle prime versioni coupé del 1986. Tinte dedicate e pelle bicolore La BMW M4 Cabrio 30 Jahre è ordinabile in due tinte dedicate per la carrozzeria: il blu notte metallizzato Macao Blu riprende la colorazione della prima M3 del 1986, mentre il giallo Mandarin II ricorda il Dakar Yellow della quarta generazione. In nero lucido le cornici che bordano il doppio rene anteriore e le prese d’aria laterali, scure come i cerchi da 20” in grigio Orbit Grey molto simili, se non uguali, a quelli montati sulla M4 GTS. All’interno, prendendo la vettura in Macao Blu, è possibile scegliere tra rivestimenti in pelle bicolore nero/grigio o nero/blu, mentre l’opzione nero/giallo è in dotazione esclusiva degli esemplari in Mandarin II. Inserti in carbonio adornano la plancia, mentre cuciture a contrasto e loghi M su poggiatesta e tappetini completano il quadro. Più potenza con il Competition Package Tutti e 300 gli esemplari montano di serie il pacchetto M Competition, che porta il sei cilindri in linea a quota 450 CV - per potenza a metà tra una M4 standard ed una M4 CS - ed include l’impianto di scarico M Sport e una configurazione più sportiva del sistema di controllo di stabilità DSC e del differenziale Active M. Questo, ideato da ZF con i tecnici BMW, riduce le perdite da attriti interni, a beneficio di potenza e coppia. Di serie le sospensioni adattive M, regolabili in tre configurazioni: Comfort, Sport e Sport+. Omniauto.it
  15. Pandino

    BMW X3 2017

    Spy: http://www.autopareri.com/forums/topic/57893-bmw-x3-iii-prj-g01-spy
  16. MotorPassion

    BMW Serie 2 Active Tourer - Gran Tourer Facelift 2018

    Active Tourer Gran Tourer Gallerie Complete: https://www.netcarshow.com/bmw/2019-2-series_active_tourer/ https://www.netcarshow.com/bmw/2019-2-series_gran_tourer/ Fonte: www.carscoop.blogspot.com iPerformance Galleria Completa: https://www.netcarshow.com/bmw/2019-225xe_iperformance/ Topic SPY: BMW Serie 2 Active Tourer e Gran Tourer Facelift -
  17. Klaus Fröhlich, Chief of Development di BMW Con questo "presenta-t'armi" del responsabile capo dello sviluppo del BMW Group, non abbiamo da interpretare nulla. La rivoluzione BMW eDrive: un'unica unità modulare (e-Machine) che racchiuda motore elettrico, cambio ed elettronica di potenza. Questo consentirà di ridurre le masse, aumentare l'efficienza, ridurre i costi finali ed essere personalizzabile per il modello da equipaggiare. C'è spazio per BMW X7, X8, X9 e BMW iX9 Attualmente abbiamo nella gamma BMW iPerformance, veicoli ibridi-plug-in con nomenclatura 30e e 40e in funzione della loro potenza complessiva e della loro autonomia. La rivoluzione manterrà la medesima distinzione, ma la estenderà fino ai futuri modelli 50e. Klaus Fröhlich, ha continuato: "BMW è il leader del mercato delle auto elettriche - non è Tesla - e quest'anno il mercato è aumentato del 30%. Chi guida un'auto elettrica attualmente continuerà a farlo in futuro. Siamo alla quinta generazione di veicoli elettrici e abbiamo bisogno di spingerci oltre, sopratutto dopo il 2020". Il Dr Krueger ha affermato che la BMW iNEXT, che entrerà in produzione nel 2020, sarà il primo tassello della rivoluzione BMW eDrive. L'ammiraglia BMW Serie 7 saranno affiancata dalle rispettive BMW i9, mentre ci sarà spazio anche per altri due MAXI-SUV sia a marchio BMW sia a brand BMW i. Adrian Van Hooydonk ha dichiarato che, mentre la BMW X7 è stata confermata per la vendita in Nord America e Cina nel 2018, le prenotazioni dei badge indicano che BMW sarebbe pronta a lanciare le nuove X8 e X9, la futura BMW X7 "non è poi così grande per gli standard americani". Di contro altare anche un SUV grande completamente elettrico iX9 debutterà dopo il 2020 quando andrà in vigore nel 2023 la norma Euro7. Nuove batterie modulari per vetture modulari: arrivano le nuove 40e e 50e Così come la futura architettura sarà modulare, anche le batterie seguiranno lo stesso andazzo. Harald Krueger ha proseguito: "Ora lavoriamo sullo sviluppo di tutti i propulsori per le vetture con trazione anteriore e trazione posteriore, ma entro un paio d'anni non avremo più bisogno di farlo di nuovo. Una volta che le vetture sono su quell'architettura, non ne abbiamo più necessità. Se vogliamo essere leader tecnologici dobbiamo investire in R & S, dobbiamo risparmiare quei soldi da qualche altra parte. Siamo nel bel mezzo di una competizione tecnica in questo momento." Si parte con le varianti 30e e 40e che saranno utilizzate nei veicoli di classe "Compatta" ed "Executive" e dispongono di un pacco batterie da 60 kWh che è in grado di garantire circa 450 km di autonomia o un pacco batterie da 90 kWh che aumenta l'autonomia a circa 550 km. I veicoli di classe "Luxury" utilizzeranno il pacco batterie 40e o 50e con quest'ultimo che vanta una potenza di 120 kWh ed un'autonomia di circa 700 km. I veicoli elettrici a trazione anteriore tradizionali avranno un motore elettrico che svilupperà più di 136 CV (100 kW). Allo stesso modo, i modelli a trazione posteriore tradizionali avranno più di 272 CV (200 kW). I veicoli elettrici orientati alle performance sono più interessanti in quanto avranno un motore elettrico anteriore con più di 272 CV (200 kW). Può essere supportato da due motori elettrici aggiuntivi che producono ciascuno più di 272 CV (200 kW). Quindi trazione integrale "on demand" e la possibilità di avere un sistema Torque Vectoring con i due motori elettrici a fare da differenziale. Il tempo da fermo a 100 km/h dovrebbe essere inferiore ai 3 secondi. La competizione sull'elettrico È una sfida completamente diversa sia per il gruppo Volkswagen sia per Daimler, entrambi con architetture uniche per le loro auto elettriche che saranno costruite parallelamente ai loro tradizionali propulsori. Volkswagen ha vantaggi in termini di dimensioni, vendendo 10 milioni di auto all'anno contro i due milioni di BMW, quindi può farla franca investendo sia nella produzione di massa MEB sia nelle architetture elettriche J1 premium sviluppate da Porsche. Anche Daimler ha le sue piattaforme ad hoc per le auto elettriche per il suo prossimo marchio EQ, ma continua a sviluppare piattaforme di auto a combustione interna in maniera separata. BMW prevede di vendere la sua 100.000 ° auto elettrica entro questo Natale, ma Fröhlich ha ammesso di aver provato a lungo la sua produzione contro i diversi tassi di utilizzo di BEV consegnando architetture che possono assumere propulsori benzina, diesel, ibridi e BEV. Krueger ha continuato: "Stiamo apportando una modifica ad una società tecnica. Stiamo spendendo per arrivare a quel traguardo, spostando il nostro rapporto di ricerca e sviluppo dal 6,5 per cento delle nostre entrate al 6,7 per cento l'anno prossimo. Ci sono due o tre ragioni fondamentali: investimenti nell'e-mobility, autonomia e digitalizzazione dei processi. Vogliamo farcela da soli. Non si tratta solo della batteria, ma si tratta di aggiungere valore alla mobilità elettrica. Il BMW Group ha maggiori possibilità di valore aggiunto rispetto ai nostri concorrenti." Via BMWNews
  18. Beckervdo

    BMW i3 2017 e BMW i3s 2017

    Via BMWNews BMW i3 Specifiche tecniche Spy: http://www.autopareri.com/forums/topic/62696-bmw-i3-facelift-spy
  19. 4200blu

    BMW i Vision Dynamics Concept 2017

    Munich. Just a year on from the presentation of its future-focused NEXT 100 vision vehicles, the BMW Group is introducing the electric mobility of the much more immediate future at the IAA Cars 2017 show in Frankfurt. The BMW i Vision Dynamics is a four-door Gran Coupe with a range of 600 km (373 miles), a top speed of over 200 km/h (120 mph) and acceleration of 0-100 km/h (62 mph) in four seconds, and offers a look ahead to the e-mobility experience of the future with a new level of sporting elegance. “At the BMW Group, the future of electric mobility has already arrived,” says Harald Krüger, Chairman of the Board of Management at BMW AG. “We have more electrified vehicles on the road than any established competitor and are committed to expanding our activities in the field of electric mobility as part of our NUMBER ONE > NEXT strategy. By 2025 we will be offering 25 models with an electrified drive system – of which 12 will be pure-electric. With the BMW i Vision Dynamics we are showcasing how we envisage future electric mobility between the i3 and i8: a dynamic and progressive, four-door Gran Coupe. We are therefore electrifying the heart of the BMW brand and, at the same time, elevating BMW i into a totally new dimension.” BMW i sets the pace of innovation. BMW i is a byword for visionary vehicles and a new understanding of premium mobility focused squarely on sustainability. “BMW i is the innovation driver for the BMW Group,” explains Klaus Fröhlich, Member of the Board of Management at BMW AG, Development. “Here, visionary solutions and future-ready concepts become reality for the first time. But BMW i also acts as a spearhead of innovation for our other brands. The BMW i Vision Dynamics allows us to show right now what another electric BMW might look like. And BMW has demonstrated its talent for turning visions into real life throughout its history.” The inspirational design of BMW i models is particularly effective in both flagging up the brand’s pioneering role visually and making it something people can experience. “With the i3 and i8 we have designed a revolutionary city car and a revolutionary sports car,” says Adrian van Hooydonk, Senior Vice President BMW Group Design. “And now the BMW i Vision Dynamics is combining electric mobility with the core values of BMW: dynamism and elegance. We are therefore demonstrating how the product range and the design language of BMW i can be evolved further into other concepts.” “I do more with less” – the design identity of BMW i. The outline of the BMW i Vision Dynamics represents a further evolution of the classical BMW proportions; a long wheelbase, flowing roofline and short overhangs create a basic profile brimming with elegance and dynamism. This silhouette is fleshed out by large, fluently contoured surfaces, the exterior appearing as if cut from a single mould. Aerodynamic requirements define the car’s progressive appearance down to its details. Barely visible joins and the flush integration of glass into the main body lend the study a modern and technical overall impression. The tension between large surfaces and finely worked details points to the innovative technology at the heart of the car in an understated yet intuitively appreciable way, rather than advertising it in grandiose fashion. And that is very much in keeping with the identity of BMW i: “I do more with less”. Iconic window graphic symbolises the interior experience of the future. Within the smoothly flowing, neatly aligned progression of the surfaces along the car’s flanks, the new characterisation of the window profile is a standout feature of the BMW i Vision Dynamics. This iconic styling cue, which made its debut on the first wave of BMW i models, is depicted here in a fresh, likewise function-led interpretation and also sharpens the identity of the car’s flanks. Their virtually symmetrical form allows all passengers an equally good view out, highlighting the attention paid to the passengers and the shared driving experience in the interior. This is something that will gain further in importance in the future, in particular as far as (semi-) autonomous and connected driving is concerned. The distinctive driving experience is further enhanced by the full-length glass surface running from the windscreen to the rear window. This heightens the sensation of room and enables a feeling of spaciousness and freedom inside the car that belies its dynamic exterior silhouette. Viewed from the outside, the unbroken roof graphic reinforces the enclosed, modern feel of the exterior thanks to seamless transitions through the front and rear end. Familiar icons at the front gain new significance. The prominent, enclosed “kidneys” in the minimalist front end bring together the past and the future of BMW in more than just styling terms. Where the BMW kidneys have previously acted as a symbol for the company’s expertise in drive system development, the BMW i Vision Dynamics deploys them as declarations of technological know-how. Indeed, underlying sensors turn the kidneys into an “intelligence surface”. The headlights similarly combine tradition and the future. The classical BMW four-eyed front end is reprised here in a very modern and pared-back interpretation, two intricate, freestanding LED light elements on each side of the car’s nose integrating all the necessary lighting functions, yet also providing an extremely striking look characteristic of BMW. Poise and dynamic allure at the rear as well. Smooth curves guide the car’s horizontal profile when viewed from the rear and add poise and power. The tapering of the passenger cell creates broad shoulders and a muscular presence. The most eye-catching feature of the rear end are the L-shaped lights. Their slim cut underscores the dynamic efficiency of the vision vehicle on a detailed level, while at the same time accentuating its wide stance on the road. The BMW i Vision Dynamics exudes modernity, progressiveness and an appealing technical aesthetic from every angle. As a trailblazer for the BMW brand, it showcases very clearly the BMW Group’s future vision of emotionally engaging electrified mobility. Indeed, BMW will continue to focus its attentions on sporty and elegant vehicles in the years ahead. Spy: http://www.autopareri.com/forums/topic/62052-bmw-i5-spy
×