Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuto su Autopareri! La community italiana che dal 2003 riunisce gli appassionati di automobili e di motori
  • EMERGENZA COVID-19 - E' un momento particolarmente difficile
  • ma grazie alla collaborazione di tutti
  • ne usciremo sicuramente vincitori! Nel quotidiano occorre rispettare alcune regole ed accortezze
  • ma nel mondo virtuale non c'è pericolo
  • ed Autopareri vi è virtualmente vicino ed attivo
  • per tenervi compagnia!

infallibile_GF

Members
  • Content Count

    1,478
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

1,100 Excellent

About infallibile_GF

  • Rank
    Pilota Ufficiale
  • Birthday 08/13/1973

Profile Information

  • Car's model
    Nissan Micra
  • City
    Bergamo
  • Interessi
    Fotografici
  • Professione
    sfruttabile al 100%
  • Biografia
    Nacqui, vissi e per poco non ci lasciai le penne
  • Quotes
    Si guida una volta sola
  • Gender
    Maschio

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Aggiungerei anche la mancanza della SW, visto che le concorrenti vendevano soprattutto con questo tipo di carrozzeria. 166 se avesse avuto la variante station avrebbe venduto il doppio. Poi certo ci sta il design non particolarmente riuscito del frontale della 166, specialmente se paragonato alla 156 che era uscita un anno prima, nel 97. In realtà la 166 era pronta prima della 156 e avrebbe dovuto uscire nel 1996. Quattroruote infatti quell'anno pubblicò le foto pressochè definitive della 166, ma poi l'esordio sul mercato fu rimandato per concentrare le risorse sulla 156 del '97. E così la 166 uscì solamente nel 1998, quando si vedeva benissimo che il suo design fosse più vecchio di quello della 156 e infatti non ne riprendeva gli stilemi.
  2. Non so se questa, o la Nardò, anzi quest'ulòtima stabilì numerosi record di velocità sulla pista omonima di Nardò. Credo tutt'oggi imbattuti.
  3. Ecco possiedo anche io una ibrida Yaris. Quello che sostengo è che per risparimiare carburante è totalmente inutile cercare di far funzionare l'auto il più possibile in elettrico, tanto poi quello che hai risparmiato veleggiando col motore termico spento, poi lo devi spendere, con gli interessi, per ricaricare la batteria ibridida, che non son sufficienti le frenate a rigenerarla. Perchè quando la batteria ibrida si è scaricata, il motore a benzina si accende e deve fare un doppio lavoro: spingere avanti la macchina e in più fornire energia per ricaricare la batteria. Dalla mia esperienza posso dire che quindi dosare l'accelaratore, cercando di funzionare il più possibile in elettrico, accelerando molto blandamente e procedere a velocità bassa e costante, per non far accendere il motore a benzina finchè la batteria non si scarica, non riduce i consumi. All'inziio guidavo in questo modo, stando molto attento e poi l'auto la prendeva la mia compagna, che non ci pensa per niente a fare queste attenzioni, anzi è una che schiaccia l'acceleratore spesso a fondo e frena bruscamente all'ultimo istante. Risultato: la media consumi di quando guido io è stata uguale alla media consumi di quando guida lei. Si può affermare che l'brido è piuttosto indifferente allo stile di guida del pilota, perchè ci pensa l'elettronica a gestire il funzionamento dei vari sistemi per ottenere la massima efficienza. Secondo me per ridurre i consumi con una dibrida è utile concentrarsi non tanto su come si spende l'energia della batteria, ma su come ricaricarla durante le deaccelerazioni.
  4. La model 6 mi pare proprio che sia diventata la SF90. Devo dire che la versione di serie ha la coda più brutta tra tutte queste proposte.
  5. Tappo serbatoio fiat Coupè Ecco. Però volevo anche fare una considerazione: nella auto moderne, soluzione tecniche, o stilistiche particolari ed originali, sono smepre più rare. Ci sta un appiattimento ed un'omologazione stilistica esagerati. Per motivi di costi, o di normative, o perchè i designers non hanno voglia di sbattersi, soluzioni dettagli originali non se ne vedono più. Gaurda caso tutte le foto postate in questa discussione, riguardano auto di qualche anno fa e non recentissime. Prendiamo il caso delle maniglie esterne delle portiere: anni fa ogni modello aveva la sua maniglia che si integrava bene con le linee dell'auto, oggi invece su modelli diversi ci montnao lo stesso orribile maniglione antipanico, senza nessun sforzo di design per integrarlo.
  6. Mi pare di ricordare che, quel pannello solare servisse per alimentare la ventola del climatizzatore, quando nelle calde giornate estive si lasciava l'auto sotto il sole, per far circolare l'aria nell'abitacolo e reffreddarlo un po' Il cambio ad innesti frontali della Abarth Biposto Gli strambi specchietti retrovisori della Opel Vectra. In verità mi piacevano molto
  7. Una piccola critica a questi post, che secondo me sono OT. Nel senso che: le discussioni della serie "mai nate" dovrebbero comprendere modelli e concept che sono stati vicinissimi ad essere prodotti in serie, magari anche testati su strada sotto forma di muletti. Invece qui si postano qualsiasi concept e prototipi abbia presentato citroen. Allora cambiamo il titolo della discussione in : "Prototipi e concept Citroen"
  8. Una hypercar non omolagata per la strada e nemmeno per la pista, con "soli" 840cv. Roba che la Ferrari fa dai tempi della Fxx. Sinceramente mi aspettavo qualcosa di più estremo, visto l'assenza di vincoli legati all'omologazione stradale.
  9. Salve! Qualcuno ha da consiglairmi dei prodotti specifici per la cura dei sedili in pelle. In particolare volevo sapere, se esiste un prodotto che prevenga l'invecchiamento e le screpolature degli interni in pelle e li mantegna morbidi. Grazie
  10. Quando si parla di preferenze degli automobilisti bisogna stare bene attenti. Vorrei capire bene una cosa: quanto siano veramente gli automobilisti a preferire a tutti i costi il SUV, oppure sono le case che con pubblicità e marketing stanno spingendo sempre di più questa tipologia di auto, perchè, come ha già fatto notare qualcuno, le vendono a prezzi più alti di un'auto normale e quindi ci guadagnano di più? Chiaro se dai listini delle case spariscono le monovolumi, spariscono le berline, le coupè e vengono sostituite dai SUV, alla fine il cliente non ha più molta scelta. Gli rimane se secieglere una crossover, o SUV. Questo vale per le auto, ma vale per qualsiasi altro prodotto di massa. Il cliente ha una limitata capacità di condizionare il mercato con le proprie scelte e sono sempre di più le grandi aizende ad imporre ai consumatori, ciò che fa comodo vendere.
  11. Con il diesel ho sempre cambiato marcia ad un regime compreso tra i 1700 e i 2200 giri e in 240mila km non ho mai avuto un problema ne al motore, ne al cambio, ne al volano e nemmeno ho mai cambiato la frizione, anche se alla fine era molto usurata.
  12. E ci credo che oggi la fiat non ha un family feeling! PEr averlo è necessario rinnovare la maggior parte dei modelli in gamma, in un tempo di anni relativamente breve. Mi spiego meglio: se vuoi che i modelli di un determinato marchio abbiano uno stile comune, o elementi stilistici simili fra di loro, è necessario che siano stati lanciati sul mercato a pochi anni di distanza l'uno dall'altro. Così aveva fatto Fiat negli anni 80 e un po' anche 90. Fiat dal'83 al 89, cioè in 6 anni circa, rinnovò completamente la sua gamma, partendeo dalla Uno nel'83 e proseguendo fino alla Tempra del '89. Così le auto lanciate in questi 6 anni potevano avere un family feeling, uno stesso linguaggio stilistico iniziato con la Uno e proseguito fino alla Tempra. Ma oggi...sarebbe impossibile per Fiat un family feeling. Tra la 500 che è il modello più vecchio in gamma, al restyling della 500X ci passano 12 anni in mezzo: impossibile creare uno stile comune fra auto presentate così lontane nel tempo. Family feeling è tipico dei marchi tedeschi, che sfornano modelli a raffica, con impressionante regolarità e tempismo, che nel giro di 6 anni ti rinnovano completamete tutta la gamma dei modelli. Risulta facile quindi che i modelli della stessa generazione possano avere un family feeling.
  13. Questa situazione che si sta creando per il corona virus, sta penalizzando tantissimo Ferrari, mentre avvantaggia le suqadre inglesi. A sto punto io annullerie tutto il mondiale 2020. Ferrari e altri marchi non inglesi hanno sospeso, o ridotto el attività dei loro reparti corse, mentre gli inglesi se ne fregano e non hanno chiuso niente e continuano tutte le az8iende a lavorare come se niente fosse. Quindi quando riprenderà il mondiale, i team inglesi saranno molto più avanti con lo sviluppo delle loro auto e mentre Ferrari e gli altri team non inglesi, avendo sospespo, o ridotto le attività, saranno molto più indietro con lo sviluppo delle auto. Si creerà una situzione sbilanciata e falsata, a favore delle sqaudre che non si sono fermate per il corona virus. Bisognerebbe correre lo stesso i gran premi, ma senza assegnare il titolo pilota e il titolo costruttori.
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.