Jump to content
News Ticker
Benvenuto su Autopareri!

v13

Members
  • Posts

    5,545
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    8

Everything posted by v13

  1. tutti bravi a dare consigli qua dentro e quindi mi accodo 😅 😅 prima di tutto, una cosa che ha detto @Damynavy e che è passata inosservata. Un po' di ansia non è necessariamente una cosa cattiva, aiuta a concentrarsi. E soprattutto non cercare di combattere l'ansia, è impossibile, andrà via da sola dopo un po'. Oltre a tutte le cose giuste che ti hanno detto (Sensori di parcheggio e cambio automatico cambiano parecchio l'esperienza di guida), cercati qualcuno molto paziente e rassicurante che ti dia qualche piccolo consiglio facendoti stare a tuo agio. E ogni tanto cerca di usare la macchina per fare cose piacevoli e senza fretta, tipo una breve gita nei dintorni una domenica.
  2. Come proporzioni e certi dettagli, ricorda molto le Fiat Panda Uno Mobi ecc. brasiliane
  3. ma meno male! Così almeno ha un'abitabilità decente. In fonod è pur sempre un'utilitaria e in più con una guida ragionevolmente appagante. Per me c'è già da baciarsi i gomiti...
  4. beh, su questo ci si potrebbe dare una mossa invece di stare a fare i piagnistei. Si chiama riconversione industriale e non sarà né la prima né (si spera) l'ultima. Purtroppo o per fortuna ci sono problemi simili anche in altri paesi. Le pale eoliche hanno un potenziale molto alto, ma - oltre ai problemi materiali di immagazzinamento - si stanno ricreando velocemente dei monopoli grazie sostanzialmente alla deregolamentazione e alla privatizzazione spinta che praticamente blinda il mercato a chi non ha ENORMI capitali e infrastrutture (= i vecchi produttori di sempre), il che produce altri effetti collaterali come la distruzione di economie locali e di equilibri ecologici necessari per il funzionamento di tutto l'ecosistema. Non sono ragioni per non investirci, al contrario: si tratterebbe di regolamentare in modo sensato in modo da garantirsi uno sviluppo che sia solido e non di facciata o di breve periodo.
  5. diciamo che progettare un sistema MHEV su un'auto in cui non era previsto non è esattamente come ficcarci un motore un po' più potente. E il lavoro di progettazione fatto su Ghibli / Levante dubito che si possa riciclare su un progetto e pianale completamente diverso come quello di Giulia / Stelvio.
  6. la "transizione accelerata" verso cosa? questo è il problema di tanti interventi qui dentro. Date per scontato che questa transizione è verso l'auto elettrica. Deformazione normale su un forum come questo, ma non esattamente aderente alla realtà. La transizione è più complessa e amplia verso un assetto diverso della produzione, del consumo, della mobilità e dell'urbanismo. I problemi sono enormi: poca coordinazione fra paesi (e zero cultura per portarla a termine, grazie anche alla visione a breve termine di molti politici); consumatori viziati (il famoso dopobarba su Amazon Prime); seri problemi di approvvigionamento di materie prime (batterie dalla Cina, ma anche gas da Russia o petrolio da pochi paesi). E non ultimo, l'urgenza: chi sfotte il cosiddetto green new deal (che per altro è poco più di uno slogan rispetto a quello che andrebbe davvero proposto) forse non ha fatto bene i conti di quello che costa già oggi l'imprevedibilità del clima. E quando dico imprevedibilità mi riferisco proprio a problemi matematici e statistici di modelli che all'improvviso non predicono più e su cui ci si basava per rotte marittime, coltivazione, previsioni di approvvigionamento, pianificazione finanziaria, ecc. E c'è qualcuno che comincia anche a fare i conti del costo di migrazioni massicce per spopolamento di interere regioni... Si parla di persone, stato sociale e soldi, non solo di valori astratti. In tutto questo l'auto elettrica è solo una piccola parte a cui si dà molto peso più che altro perché la vediamo e la tocchiamo e perché fa comodo per dire che si sta facendo qualcosa. Nessuno "sta consegnando il continente alla Cina", o almeno non più di quanto sia stato fatto negli ultimi 30 anni. Che poi i tentativi di transizione si stiano facendo in modo disordinato e in balia di ogni tipo di lobbismo, ANCHE di produttori automobilistici (che sono ben lungi dall'essere le vittime, suvvia), beh purtroppo pure questo è vero.
  7. con paraurti delle successive GT e 16v all'inizio la XS era la versione alto di gamma, non sportiva. C'era anche la XT col motore 1.4 ma con mascherina della fase 2 cerchi linea accessori Alfa Romeo, anche se mi pareva fossero disponibili solo per la 75 (su cui li montarono anche per qualche serie speciale verso la fine, tipo la Indy, un classico) Clamoroso il Ducato.
  8. a occhio, perché non ho ben capito la situazione: log out su tutti i computer e verificare user accounts sui cellulari (dai settings > users o da settings > email... a seconda...). fare pulizia di ciò che non va bene. riloggarsi. sui cellulari a volte si incasina il database e quasi quasi conviene cancellare e riscaricare la app.
  9. vabbé, a te non piace la democrazia e invece io penso che stai facendo una caricatura della democrazia, oltre a contraddirti palesemente quando parli degli USA. Ma non continuo perché sarebbe lungo e pure off topic. torniamo a parlare di scatolette di latta a batterie e su ruote.
  10. il governo cinese ha ben chiaro che il suo ritmo di sviluppo non è sostenibile, fra le altre ragioni, anche per questioni ecologiche. Discorso pieno di semplificazioni. La storia è ben più complessa. Tanto per dire, in Venezuela il petrolio è stato gestito coi piedi dall'epoca della dittatura, poi della democrazia liberale, poi in parte dell'epoca chavista e finalmente usato come bancomat dai vari governi Maduro. Problema strutturale legato alla struttura della società venezolana, non della forma di governo in sé. Se poi a te piace la monarchia e la gerarchia degli illuminati, buon per te, ognuno ha i suoi gusti e li può infilare nell'urne elettorale ogni tot anni.
  11. beh ne ho vista una di recente ed è invecchiata malissimo, secondo me. La 155 bella non era, ma il suo design spigoloso e teso è invecchiato mooooolto meglio, sempre secondo me, di questa Mazda, oltre che delle sorelle Lancia Dedra e Fiat Scorfan... Tempra
  12. esatto. dare la colpa a un presunto "green new deal" è veramente miope e infantile. e lungi da me difendere la burocrazia europea, ma qualcosa va fatto. il problema è che ci vorrebbero visioni di lungo termine (per esempio sulla mobilità, sul lavoro, sull'urbanismo), solo che si tratta di questioni incredibilmente complesse che si scontrano con interessi enormi e in settori in cui TUTTI sono abituati a barare e bluffare con tutti. Se poi aggiungiamo che la politica attuale è strutturalmente portata a fare casino sul breve e ignorare completamente il lungo, che la geopolitica è un mare infestato di piranhas e che l'industria una visione di medio termine ce l'avrebbe anche ma le manca la missione pubblica, beh siamo messi male. nel bene e nel male questo dibattito è ormai una cosa del passato. In Cina il governo non rivendica più queste cose ed è cosciente dell'impatto della sua stessa crescita. In Africa hanno capito che sono molto lontani e preferirebbero almeno gestire una parte delle loro risorse senza armi, ignoranza, malattie e corruzione (spesso straniera) tra le palle, ma forse solo il nord Africa rivendica certe diritti al consumo sfrenato. L'India+Pakistan è un mezzo casino, ma per mille altri fattori mescolati insieme.
  13. qualcuno ha sotto mano una buona spiegazione e ragionevolmente obiettiva (del tutto obiettivi è difficile esserlo) sui meccanismi della formazione del prezzo dell'elettricità in Europa? E già che ci siamo, sulle origini del problema di fornitura dei microchip?
  14. a proposito di consumi, l'anno scorso con guida normale (qualche tirata ogni tanto, di cui una per star dietro a una coppia di MB 190 2.3 16V ) su statale di collina ho fatto questo:
  15. Non saprei, so solo che è un problema arcinoto. Magari spulcia o chiedi in qualche foro di auto Fiat degli anni 80.
  16. scusa, ma non potevi fare la foto 3 km dopo? Cazzate a parte, complimenti!
  17. su Tipo 1.3 le marce corte si apprezzano perchè sono ben scalate e il motore non va mai in affanno (tranne a freddo in 1ª in partenza, in cui va un po' on-off). Il motore in velocità non si avverte e i consumi rimangono molto bassi nonostante i giri un po' altini. Poi ce ci fosse una sesta di riposo, tanto di guadagnato.
  18. questo impallinava anche me da bambino/ragazzino, ma questa soluzione non era certo nuova. Il catadiottro che fungeva anche da luce di posizione ce l'avevano anche la 131 1a serie e la Beta 2a serie, oltre se non sbaglio alla BMW serie 3 E21 e poi E30, e da inizio anni 80 molte altre auto.
  19. non tutti, andava a lotti. il più problematico era il 105 CV. per quel che vale, io ho avuto un 65 CV, venduto a quasi 200k km. Unico problema l'alternatore brasato a 150k km. Nient'altro di meccanica. Per il resto era decisamente il miglior piccolo diesel, era elastico ma gradiva anche prendere giri, consumava niente ed era pure gradevole da usare, a differenza per esempio del primo 1.3 multijet che era al limte dell'inguidabile (guidato su Panda)
  20. a parte la cancellata sul muso pesante e barocca, la coda avrebbe avuto una sua leggiadria e dinamismo, che nella versione di serie onestamente si persero a favore di linee da brioche alla crema. La porta a libro era fine a se stessa e industrialmente inutile e complicata, però bastava aggiungere un po' di passo per metterci una porta normale e mantenere buone proporzioni. Poi sarebbe assomigliata all'Astra? Boh, possibile, e comunque non sarebbe stato poi così tanto peggio di quella specie di sformato allungato della versione effettivamente deliberata. PS: Scusate gli insistenti paragoni culinari, ma a quest'ora comincio ad avere fame
  21. va bene tutto, ma qui siamo in uno spazio pubblico, magari ci sono ragazzini, e con certe immagini bisognerebbe andarci cauti
  22. e niente, anche stavolta persi per un nonnulla tanti clienti col libretto degli assegni in mano...
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.