Jump to content
News Ticker
Benvenuto su Autopareri!

Search the Community

Showing results for tags 'tesla'.

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Autopareri Answers
    • Autopareri On The Road - Emergency while driving
    • Consigli per l'Acquisto dell'Automobile
    • Riparazione e Manutenzione dell'Automobile
    • Assicurazioni RCA - Contratti e Finanziamenti - Garanzie
    • Codice della Strada e Sicurezza Stradale
    • Tecniche e Consigli di Guida
  • Scoop e News about cars
    • New Car Models
    • Rumors and Spies Cars
    • Funzionamento della sezione Novità ed Anteprime
  • Mondo Automobile
    • Prove e Recensioni di Automobili
    • Tecnica nell'Automobile
    • Mercato, Finanza e Società nel settore Automotive
    • Car Design e Automodifiche
    • Vintage Car​
  • Case Automobilistiche
    • Auto Italiane
    • Auto Tedesche
    • Auto Francesi
    • Auto Britanniche
    • Auto del resto d'Europa
    • Auto Orientali
    • Auto Americane
  • Mondo Motori
    • Due Ruote
    • Veicoli Commerciali-Industriali e Ricreazionali
    • Altri Mezzi di Trasporto
    • Sport Motoristici
    • Motori ed Attività Ludiche
  • Mobility
    • Mobility and Traffic in the City
    • Traffic on Highways
  • Off Topic on Autopareri
    • Off Topic
    • TecnoPareri
  • Venditori Convenzionati
    • Vuoi farti pubblicità su Autopareri?
  • Il sito Autopareri

Product Groups

There are no results to display.

Blogs

  • Autopareri News

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


Car's model


City


Professione


Interessi


Biografia


Quotes


Website URL


Facebook


Twitter


YouTube


Skype


AIM


ICQ

  1. Che la rivoluzione dell'auto elettrica abbia inizio? Tesla raggiunge una capitalizzazione di 20 miliardi di dollari: qual è il segreto della Apple dell'auto? - Il Sole 24 ORE In verità non capisco come possa avere così tanto credito in borsa; ma forse è solo una nuova bolla speculativa. É anche vero che già nel 2009 la Daimler era entrata in Tesla con una quota significativa Daimler acquista il 10% di Tesla - Il Sole 24 ORE e poi c'è anche lo zampino di Google Google e Tesla trattano per la vettura «senza autista» - Il Sole 24 ORE. Qualche bene informato può illuminarci col suo sapere?
  2. Ciao a tutti, apro questa nuova discussione per correttezza in quanto la precedente era basata sulla Long Range Performance. Ho finora percorso circa 1100 km e sebbene mi manchi ancora un percorso autostradale lungo ed un percorso di montagna per chiudere il cerchio, credo comunque di averla compresa, capita ed in grado di esprimermi in merito. La frase che riassume principalmente il mio pensiero è “mi aspettavo un’auto mediocre con un software eccezionale ed invece è il contrario”. Ebbene si, sono rimasto alquanto deluso del SW Tesla. Ma procediamo con ordine: 1. Ordine e consegna Tesla basa tutto il suo successo sul passaparola e la “missione” e propone un’esperienza d’acquisto paragonabile tra l’avere un consulente bancario per prelevare denaro e l’avere un Bancomat. Il processo avviene in maniera molto semplice che può spiazzare i più: prenoti un test drive sul sito, ti richiamano, fissi un appuntamento presso un luogo di ritrovo o vengono da te. Stop. Niente concessionari, niente di niente. Ti viene affidato un consulente di zona (generalmente giovanissimi e carichi a molla) che ti mostra la macchina e te ne fa innamorare. Seguono poi preventivi via mail con banalissime proposte economiche da tabella Excel: niente incontro con rivenditore in giacca e cravatta con scrivania e biglietto da visita insomma. Due righe per mail e se sei interessato a proseguire la blocchi sul sito con 100 Euro e la tua carta di credito. Stop. Una volta bloccata ti vengono inviati i vari moduli richiesti fino all’aggiornamento dello status sul sito. Ti viene dato il VIN ovvero il codice telaio assegnato finché non paghi l’acconto e nient’altro. Una volta fatte le dovute carte (a macchina arrivata in EU) ti viene mandata copia del libretto di circolazione: in seguito il tuo consulente ti comunica una data di consegna. Il giorno della consegna si viene contattati dall’autista (!!!) del tir che ti trasporta la macchina solitamente all’uscita dell’autostrada: una firma e la macchina è tua. Non c’è nessuno, basta quel che hai visto durante la prova. L’app ti verrà attivata successivamente, nel frattempo usi le card. Stop. Sarebbe bello per me dire che sia andato tutto liscio ma così non è stato. Il venditore era molto inesperto e ho dovuto rivolgermi al suo superiore: in generale in ogni caso ho scoperto che sanno molto poco e se ti vendono certezze, mentono. 2. L’auto La macchina è di presenza, molto più che in foto. La pelle è ecopelle ma veramente ben fatta e apparentemente indistruttibile: l’assemblaggio è in linea con qualsiasi altra auto in commercio, il vero difetto secondo me (almeno con M3) è dato da scelte non in linea con la concorrenza (prevalentemente tedesca). Non vi sono imbottiture nel cofano frontale. Non vi sono nel cofano posteriore. Le “fughe” tra portiere o tra tetto in vetro e lamiera sono elevate e ciò aumenta l’attrito ed il rumore interno. Non ci sono accessori particolari, non ci sono i ganci per fermare il carico posteriore, ad esempio, o un cassettino interno al tunnel. C’è un mondo di optional di terze parti in vendita, Tesla probabilmente tenta in tutti i modi di mantenere i costi contenuti. Al primo colpo lo schermo unico spiazza. Siamo abituati a cercare informazioni visive immediate davanti agli occhi, a far ricorso a tasti fisici: qui non c’è niente! Basta un’ora per abituarsi, giuro. D’altronde anche la Lancia Ypsilon è così… Come sempre è solo questione di abitudine, ma occorre conoscere il SW. All’inizio non è facile destreggiarsi nei menu per fare qualsiasi cosa, ma si impara in fretta. Se devo muovere una critica avrei montato almeno un hud sul parabrezza per il percorso da seguire, velocità o altre informazioni fondamentali. Gli interni sono minimalisti e con un secondo restyling a sorpresa nel 2021 sono migliorati tantissimo in quanto la radica è stata estesa sulle portiere, aumentando la percezione di qualità. Dal punto di vista qualitativo non posso assolutamente lamentarmi e anzi, la trovo fantastica. Pulita, essenziale, minimalista. Attenzione non intendo vuota! Lo spazio a bordo è tanto. La piattaforma skateboard rende di fatto il tunnel pieno di spazio per oggetti e nessuna trasmissione per i passeggeri dietro. Il bagagliaio è profondo ma quel che fa la differenza sono i pozzetti anteriore e posteriore, nel quale carichi tranquillamente due trolley da viaggio (anche se in parte occupati dai cavi di ricarica purtroppo). Avrebbe fatto comodo una presa 220V nel pozzetto così da poter mettere un frigo o altro. 3. Le prestazioni Beh, sono un fan dell’elettrico. Accelerazione spaventosa, hai scatto istantaneo anche sopra i 100km/h. Ufficialmente sono 478CV alla ruota anche se Tesla notoriamente fa la furbetta e dichiara potenze inferiori. La macchina è fluidissima, un missile terra terra. Sempre silenziosa, la sua trazione 4x4 la trasforma in un treno su binari. Non si scompone mai ma al tempo stesso è molto rigida e percepisci tutti i suoi 1940 Kg così come il suo baricentro bassissimo. La distribuzione pesi è 48-52. Doppio motore che tira fino a 16.000 rpm/minuto, quadrilateri all’anteriore e multilink 5 bracci al posteriore. Monta pneumatici MICHELIN Pilot Sport. La macchina C’E’. Il recupero energetico è poderoso, frena tantissimo e recupera tanto, ma una critica la devo muovere ai freni, non incisivi quanto la performance probabilmente in quanto in Tesla fanno affidamento sulla frenata combinata. 4. Il software (recensito con SW V10 in attesa del V11) Vera amara sorpresa e nota dolente. Uno compra la Tesla e si aspetta un UFO… ed invece non è così. Ci sono molte funzioni utili come il mantenimento della temperatura dell’abitacolo (opzionale), la modalità camp per accamparsi e dormire, la modalità per tenere i cani in macchina e via dicendo. Ma i limiti sono altri. 4.1 La macchina utilizza un processore Intel Atom ed un OS basato su piattaforma Linux che molto spesso non garantisce prestazioni ottimali. Per fare un esempio, la navigazione nel browser è laggosa e lenta, la riproduzione di contenuti video molto spesso incerta. Le app di base vanno bene ma il resto no. Ciò mi preoccupa non poco in previsione del futuro aggiornamento V11 che ha debuttato pochi giorni fa sulle Model S Plaid, modello però supportato da un SoC AMD da ben 10TFLOPS. Tutt’altra caratura e potenza. 4.2 Il menu è molto confuso e la barra delle funzioni è statica e non personalizzabile. Per intenderci, sotto hai l’icona per il menu e controllo dell’auto, tergi, della musica, riscaldamento sedili, passeggero, ecc. Questi non sono modificabili o spostabili. Per intenderci l’icona che ti consente di accedere al telefono è selezionabile solamente selezionando prima la freccia in su e poi il telefono! Questa è ovviamente una assurdità in quanto difficilmente azionerò il riscaldamento dei sedili, mentre il telefono lo userò senz’altro sempre. 4.3 I servizi multimediali sono limitatissimi e senza senso quali videogame base, Netflix, YouTube, l’emanatore di scoregge o meglio dire “emissioni”, babbo natale al posto dell’auto, il caminetto, e altro… tutte cose che non userai mai e poi mai e che comunque (giochi a parte) non sono utilizzabili mentre viaggi per questioni di sicurezza. L’app YouTube non è altro che un redirect della pagina web e non ti consente di fare il login con il proprio account in quanto considerato “browser vecchio o non sicuro”. Male, malissimo. Questo ovviamente restringe le funzioni in fase di guida a quelle di una qualsiasi auto in vendita negli ultimi 10 anni. E’ possibile utilizzare il browser ma è bloccato, i siti di streaming non funzionano in movimento ed è talmente lento da essere esasperante 4.4 La macchina possiede una eSIM che però naviga solo in LTE e presenta banda limitata: gli aggiornamenti SW devono essere eseguite collegando l’auto ad un hotspot Wi-Fi e la riproduzione video da fermo di Netflix qualitativamente è molto limitata a meno che tu non sia collegato tramite hotspot. Il primo anno è incluso il servizio premium che include traffico dati, navigazione browser, utilizzo app da fermo senza hotspot e traffico. Poi sono 9,99 Euro /mese. 4.5 Manca Apple CarPlay e Android Auto. Ed è una grave mancanza. Niente Google Maps, niente WhatsApp, Waze, app per parcheggio, ecc ecc. Il telefono una volta connesso fa solo da telefono e tra l’altro in caso di chiamata da assistente vocale non è in grado di selezionare il telefono predefinito ma ti obbliga a farlo via touch. Assurdo. Per aggirare parzialmente queste limitazioni vi sono degli escamotage quali il sito www.abettertheather.com che consente di visualizzare servizi terzi mentre si viaggia ma lo fa male e non lo usi mai. 4.6 Lo schermo può essere bianco o nero ma in caso di ingresso in galleria questo non cambia modalità in quanto basato sull’orario e non sulla luminosità 4.7 La cosa più assurda è però la seguente. Un’auto elettrica non può essere usata quando si vuole come una termica. Occorre pianificare. Se vado dal punto A al punto B, per esempio, devo fare un calcolo: devo sapere che se parto con il 70% ed arrivo al punto B con il 25% dovrò per forza caricare per rientrare al punto A. Il problema è che se non trovo colonnine rapide il viaggio rischia di diventare della speranza. Si è quindi costretti a pianificare un viaggio mettendo tappe intermedie, ovvero pianificando A > B > A, pianificando rifornimenti rapidi prima di partire: ebbene, la pianificazione per punti intermedi (cosa possibile con qualunque navigatore al mondo) sulle Tesla non è fattibile. Il navigatore è banale all’inverosimile: parti da qua, vai là, arrivi col 10%, cazzi tuoi. Eh no, Elon. Non è così che si fa. Non è possibile una cosa del genere. Ho trovato tweet del 2019 nei quali lui negava questa funzione in futuro, ed è inaccettabile. A quanto pare, dico a quanto pare le cose stanno cambiando e pare con il nuovo SW V11 sarà possibile farlo, ma non trovo video in merito. Per il momento quindi si è costretti a ripiegare su app per smartphone come l’ottima ABRP A Better Routeplanner non avendo però il reale controllo dei consumi o dello stato delle batterie. Ed è una cosa assurda. Ancora più scandaloso è il fatto che, per effettuare una carica rapida se fa freddo (sotto i 15 gradi) le batterie devono essere scaldate. Tesla lo fa solo se da navigatore imposti un Supercharger lungo il percorso. Quindi se non è previsto che tu carichi, se ti fermi a colonnine di terze parti le batterie non le puoi scaldare. Devi quindi impostare un SC vicino alla colonnina di terze parti che vuoi selezionare sperando che sia vicina e che riesca a scaldare le batterie. Partenza da casa con il 77% di batteria, destinazione Riccione e ritorno. Il navi Tesla mi propone una carica di 20 minuti ad Affi ed un arrivo a Riccione con il 15%. Stop. A Riccione praticamente non si trovano colonnine rapide o comunque sono poche e dovrei spostare la macchina di qualche km dal mio hotel, senza contare che mi occorre magari considerare imprevisti, l'uso della sentinella, ecc ecc. Ed ecco un percorso fatto bene con ABRP Considerando da app partenza sempre con il 77% e richiesta di arrivare ai supercharger con non meno di 35% residui onde evitare imprevisti 4.8 Il summon. Beh va quando vuole. Innanzitutto, occorre posizionarsi dal lato opposto di marcia della macchina, mantenere neanche un metro di distanza e camminare al fianco o continua ad interrompersi. Seriamente, se la devo tirare fuori da un posto molto stretto, come faccio?? Non ha alcun senso. 4.9 Il parcheggio autonomo. Va una volta su 30. Nel senso che proprio non individua i parcheggi! Occorre passare quasi a passo d’uomo finché la macchina non ti propone un posto con la “P” sullo schermo. Sempre che accada in quanto funziona solo se ci sono strisce ben evidenti a terra. Se hai la fortuna poi tra tempi, lentezza, stop ed annullamento a causa di persone che ti passano vicine… 4.9.1 La guida autonoma. Un grande meh. Ci sono due livelli, il primo consente di sterzare manualmente lasciando acceleratore e freno alla macchina, il secondo la guida autonoma su strade a scorrimento veloce. Beh il primo livello è comodo tranne per il fatto che il rallentamento del veicolo che precede si trasforma in un andamento abbastanza scattoso e poco fluido con molte correzioni, il secondo va quando decide che può andare… ieri ad esempio in superstrada me l’ha disinserito solo con un avviso leggero sullo schermo (che peraltro non ho di fronte). In pratica lo userò solo su 3 corsie e scarso traffico. 4.9.2 I servizi dell’app. La sentinella è un game changer perché registra ogni movimento intorno all’auto così da individuare atteggiamenti scorretti quali danneggiamenti o incidenti. Il problema è che scarica la batteria, anche il 12% al giorno. E se vai al mare e la parcheggi o prendi un aereo e la lasci 10 giorni ferma semplicemente non lo puoi fare. Devi spegnere tutto come una macchina normale. La qualità del SW in generale. Si è bloccato l’audio delle app, ho dovuto riavviare. Mi si è riavviata la macchina in autostrada, panico di mia moglie, per fortuna il sistema di guida è tecnicamente indipendente dal resto del sistema. Guidi, selezioni ma non vedi cosa. Ma va. E tante altre cose che non mi vengono in mente. 5. La ricarica Ed eccoci alla croce e vero punto debole di tutte le elettriche… la carica. In primis per chi non lo sapesse la carica non è lineare ma segue una curva. Carichi veloce se parti da poco e man mano questa rallenta sempre più… con 140kW impieghi 20 minuti per passare dal 30 al 70%, per poi impiegarne altri 30 per fare dal 70 al 100… e dal 90 al 100 è molto lento, scendendo fino a 8kW/h. Questo è da tenere in considerazione. Altra cosa i limiti. La batteria la userai sempre nel range 20-80. Sopra l’80 la caricherai preventivamente solo per i viaggi, per l’utilizzo settimanale impari a limitarti. Questo non solo per prevenire il deterioramento ma anche per evitare tempi lunghi e soprattutto perché dal 90 al 100% la batteria dura molto meno perché la frenata rigenerativa semplicemente non funziona o funziona poco. Altra gabola gli standard di carica. Il vero punto di forte di Tesla è la rete dei Supercharger. Arrivi, attacchi e te ne vai. Gli addebiti avvengono sul CC o sulla Carta. Stop. L’agonia è usare colonnine di terze parti… A 11 kW conviene solo per lasciare lì l’auto la notte, e anche qui abbiamo problemi. È illegale e soprattutto scorretto occupare la colonnina più del dovuto. Quindi se arrivi a casa alle 17 con il 30% e la vuoi portare a 100, con 11 kW finirai a mezzanotte. A Mezzanotte scendi in strada a spostarla? Difficile. Foto degli standard europei: Tesla sui SC fa trovare sia in Tesla SC che i CCS2, ma sulle Ionity, Neogy & co. si possono trovare facilmente anche i CHAdeMO (connettore non fornito con l'auto, l'adattatore costa 320 Euro). Le colonnine da 11kW hanno tutte il Type 2 con attacco Mannekes. Per la cronaca, con l'auto è incluso un Mannekes da 3 metri circa che ti costringe a parcheggiare in retromarcia. Il cavo da 7,5 mt sul sito Tesla costa una follia (200 Euro). 6. Le fighetterie! Perché non sono solo note negative! La macchina fa da apripista a comodità che possono sembrare sciocchezze ma di fatto non lo sono. - con l’app installata su smartphone puoi avvicinarti alla macchina ed aprirla senza fare nulla - puoi impostare il mantenimento della temperatura al superamento di una determinata soglia (Ovviamente consuma batteria) - quando è in carica puoi mantenere la temperatura dell’ abitacolo senza impattare sulla batteria - puoi far guidare la macchina da remoto impostando un codice Vallet, la apri da app o la fai aprire e partire da chiunque con il codice - appena la apri la trovi come l’hai lasciata: clima, musica e quant’altro senza tempi morti - se la lasci a qualcuno del quale non ti fidi (figlio, amico, ecc) puoi impostare un limite di velocita - puoi aprire il bagagliaio anteriore o posteriore, clacson o quel che vuoi da remoto - quando in carica puoi impostare la velocità di carica senza impattare sull’impianto di casa - se un tuo amico compra una Tesla ricevete sia tu che lui 1500km gratuiti ai supercharger 7. I punti forti Beh, a differenza delle auto qualsiasi praticamente non devi fare nulla. - non esistono tagliandi - non c’è manutenzione cosa devi fare allora? - cambiare il filtro dell’aria ogni due anni (lo fai da solo e lo compri sul sito a 15 Euro https://shop.tesla.com/it_it/product/filtro-aria-per-model-3 ) - rabboccare il liquido tergicristalli - cambiare l’olio dei freni ogni 2 anni (per sicurezza dato che possono formarsi bolle per l’umidità, vale per tutte le auto) - al cambio gomme equilibrare BASTA. Niente tagliandi di prassi o necessità, cinghie, cambi olio, o altro: neanche le pastiglie dei freni dato che il 90% delle frenate sono garantite alla rigenerazione Concludo temporaneamente per non perdere il testo, ma mi mancano ulteriori informazioni, foto e soprattutto spiegazione dettagliata sui consumi reali e tecniche di carica… intanto vi lascio questo papiro sperando vi sia utile! A presto
  3. Sarà in vendita a partire dal 2020 con una fascia di prezzo tra 47.000 e 60.000 dollari. Sarà disponibile in varie opzioni: Standard Range Long Range Dual Motor AWD Performance Il modello Standard Range ha una autonomia di 370 km, mentre quello Long Range arriva fino a circa 480 km. Nel 2021 sarà disponibile la meno potente Standard Range al prezzo base di 39.000 dollari. Pagina Ufficiale Tesla Model Y: https://www.tesla.com/modely Fonte: https://www.tesla.com/it_IT/presskit#modely Topic Spy -->https://www.autopareri.com/forums/topic/66929-tesla-model-y-2019-teaser
  4. Primo teaser ufficiale del pick-up Tesla in arrivo nel 2021. Presentazione prevista per il 21 novembre. Le specifiche finora dichiarate sono le seguenti: Capacità di carico superiori al Ford F150 Prestazioni superiori rispetto alla Porsche 911 base Autonomia tra i 650 e gli 800 km Top di gamma con configurazione dual motor in grado di trainare -uditeudite- fino a 136 tonnellate di carico. Design futuristico Prezzo a partire dai 50.000 $
  5. Prosegue la marcia Tesla verso la guida autonoma (FSD) con i beta tester (clienti selezionati) della versione software V10 in imminente rilascio, quindi forse è il caso di parlarne. Il presupposto per il FSD è che le auto siano dotato nel nuovo hardware potentissimo TESLA HW3, che sostituisce il meglio che NVIDIA aveva da offrire, non sufficiente, e progettato e prodotto ora in casa da Tesla. Il nuovo hardware Tesla HW3 è 21 volte più potente. Ad i clienti che avevano pagato per il FSD come opzione, viene sostituito tutto l'hardware dell'elettronica dell'auto senza costi (in officina ovviamente). Sostituzioni ora appena iniziate, ma riguardano soprattutto le Model S/X, in quanto le Model 3 ce l'hanno già in pancia da aprile. https://cleantechnica.com/2019/09/11/tesla-installs-first-customer-upgrade-to-full-self-driving-hardware-3/ Il nuovo hardware centro di HW3, presentato a giugno, 2 processori per la ridondanza: Articolo completissimo che spiega le prestazioni e il funzionamento di questo hardware, attualmente disponibile sul mercato solo a Tesla. https://cleantechnica.com/2019/06/15/teslas-new-hw3-self-driving-computer-its-a-beast-cleantechnica-deep-dive/ Le incredibili prestazioni di questo hardware hanno costretto NVIDIA a complimentarsi pubblicamente con Tesla, ma anche a difendersi dicendo che anche loro hanno un hardware così veloce. Il problema, ben spiegato da CleanTechnica, è che il collo di bottiglia del loro hardware non consente minimamente di sfruttarlo. Il problema risiede nel fatto che NVIDIA è costretta a fare hardware per uso generico mentre questo Tesla ha come specifico obiettivo l'eleborazione video delle 12 telecamere dell'auto, per la guida autonoma. Tutta Nvidia Detto questo, l'HARDWARE 4 è in preparazione, l'articolo fa qualche ipotesi. Video demo da Tesla Inc.: La presentazione completa di FSD e processore al Tesla Autonomy Day di aprile: Il sistema di Summon per il recupero dal parcheggio è ora evoluto in modo sostanziale col nuovo hardware, ora si chiama ENHANCED SUMMON, ecco un video di prove varie di privati: https://youtu.be/ebii6acduRY Il sistema è in elaborazione continua, anche usando l'enorme massa di dati restituita in automatico da tutte le Tesla, forse la cosa più preziosa e unica per lo sviluppo della tecnologia di guida autonoma, e quindi soggetto ad aggiornamenti e miglioramenti, in alcuni casi integrazioni, via OTA e senza limite di tempo futuro. Un concetto realmente innovativo, a due vie.
  6. Sebbene senza press release, Tesla rilascia gli aggiornamenti della Model 3 che prevedono nuovi cerchioni tra i 18’’ e i 20’’, power trunk finalmente disponibile e nuovi dettagli esterni in nero a sostituire quelli cromati. All’interno nuovo disegno per il tunnel, adesso non più finito in nero lucido e con una nuova sezione per la ricarica wireless degli smartphones. La Model 3 in variante Standard Range Plus adesso ha 423 km di autonomia (+21) mentre la Long Range Dual Motor AWD raggiunge i 568 km (+50); infine la Performance Dual Motor AWD ha un incremento di 26 km sino a 507 km di autonomia a ricarica completa.
  7. Presa da gruppi Tesla su FB, si dice che dovrebbe essere la Model 2 (o più probabilmente Model A). prezzo di partenza stimato in 20.000$. S = Model S 3 = Model 3 X = Model X Y = Model Y C = CyberTruck A = Model A R = Roadster S = Semi presentazione prevista entro l’anno.
  8. Stesse modifiche per Model X. Qui, però, sono disponibili soltanto Long Range e Plaid. Davanti migliora, ma è l’effetto da dolcetto degli all you can eat a forma di coniglio a disgustarmi.
  9. Paradosso italico: FCA pagherà Tesla per evitare multe sulle emissioni di CO2 FCA e Tesla avrebbero trovato un singolare accordo, almeno in Europa, per poter evitare le multe dalla Comunità Europa. Grazie al parco auto a emissioni zero di Tesla, FCA potrà abbassare la sua media di emissioni, senza costruire auto elettriche Fiat Chrysler ha raggiunto un importante accordo con Tesla per l'accorpamento delle flotte. Lo scopo? Rientrare nella nuova normativa europea che impone limiti molto severi all'emissione di CO2 delle auto. Dunque Tesla e FCA convoleranno a nozze? Non esattamente. Di mezzo ci sono enormi vantaggi per entrambi. Tesla ha da offrire il bene più prezioso per i vecchi produttori di auto: una flotta completamente a emissioni zero. FCA, dal suo lato, ha certamente una certa disponibilità di cassa e un'estrema difficoltà nel raggiungere, entro il prossimo anno, quello che richiede la Commissione Europea, ovvero che la media delle emissioni di CO2 per chilometro non superi i 95 g. Cosa c'è di più semplice che mettere insieme il parco veicoli con un produttore che permetta di abbassare la media in maniera consistente? D'altronde si sta parlando di qualcosa che è prassi negli Stati Uniti, anche se ancora inedito in Europa. Cosa ci guadagna Tesla? Soldi, ovviamente. In un periodo non esattamente brillante per le sue casse, Tesla mira a farle rimpinguare dal gigante italo-statunitense. L'accordo, stando alle voci informate, potrebbe portare al produttore elettrico "qualche centinaio di milioni". Non proprio spiccioli, insomma. FCA sborsa e Tesla incassa, qualcuno lo chiamerebbe un win-win. Certamente a FCA costerà meno l'accordo che l'adeguamento di tutta la gamma di auto alle richieste della Commissione Europea. Rimane qualche dubbio sulla correttezza di tutta la faccenda: che senso ha avere in gamma un veicolo che emette 200 g di CO2 se basta metterne in gamma (o meglio, comprarlo da un altro costruttore) uno a 0 emissioni per tagliare la media e uscirne a testa alta con un'emissione media di 100 g? https://www.dmove.it/news/tesla-fca-accordo-emissioni-co2-europa
  10. Stanotte durante il battery day Tesla ha annunciato nuove batterie in grado di surclassare le attuali. Con l’occasione ha introdotto la Model S Plaid, una bestia da 1100CV, 320km/h, 0-100 in meno di 2 secondi ed una autonomia stimata superiore agli 840km. Dicono che sia l’auto di serie più veloce al mondo sullo 0-100 e sul quarto di miglio. Bomba. A partire da 140.990€, già configurabile sul sito italiano https://www.tesla.com/it_IT/models/design#battery
  11. Messaggio Aggiornato al 30/09/2015 carscoops Press Release: Tesla
  12. A sorpresa, Musk annuncia e presenta in pista il prototipo dei nuovi powertrain "PLAID MODE" e nuovi chassis, specificando che andranno non prima di un anno su Model S/X e su ROADSTER 2, ma non su Model 3 e Y. Si attendono ulteriori notizie di tipo tecnico e cosa sia presente a livello batterie. Il giro a Laguna Seca del prototipo è stato fatto quindi per presentare questa innovazione. Battutto il record per berline sedan di 1 secondo, (P.S. Detenuto dalla Jaguar Project 8 ) ottenendo il record della pista a 1:36:55. Accluso video del giro nel tweet di Musk: ? https://electrek.co/2019/09/11/tesla-model-s-plaid-powertrain-chassis-prototype/
  13. Con l'annuncio di Tesla Shangai di inizio consegne a Marzo 2020 degli ordini Model 3 in Cina fatti ora, qualche foto e notizia di questa grossa fabbrica, costruita a tempo di record lavorando 24hr/7gg, a partire da gennaio 2019, superando anche le aspettative di Musk. Investimento 2 miliardi di $. Una serie di droni e curiosi con videocamera stanno documentando fin da gennaio la costruzione di questa fabbrica. Nell'ultima ripresa con drone, si è scoperto l'inizio di un altro grosso edificio alle spalle della fabbrica, di cui non si sapeva nulla. Al 12 settembre: Un paragone con le altre fabbriche Tesla, dove Freemont era in realtà la fabbrica Nummi di Toyota. In giallo le espansioni massime previste e possibili. Le uniche foto ufficiali (sfocate) provenienti da Tesla erano queste, che dimostravano l'installazione delle macchine all'interno, a fine luglio: https://electrek.co/2019/07/24/tesla-first-pictures-inside-gigafactory-3/ Quella che sembra una nuova pressa enorme forse in realzione a un brevetto recente Tesla: https://electrek.co/2019/07/24/tesla-first-pictures-inside-gigafactory-3/ Le foto trapelate in agosto con le scocche per la calibrazione dei macchinari (linee incomplete): https://twitter.com/KelvinYang7/status/1165981688117235714/photo/1?ref_src=twsrc^tfw|twcamp^tweetembed|twterm^1165981688117235714&ref_url=https%3A%2F%2Finsideevs.com%2Fnews%2F367172%2Ftesla-gigafactory-3-leaks-model-3-preparations%2F La prima pre-serie prodotta in Cina mostrata al convegno sull'Intellegienza artificiale in Cina: https://insideevs.com/news/367744/tesla-shows-first-model-3-made-china/ Certificati governativi e ispezioni per l'avvio di produzione, appena ottenuti: https://electrek.co/2019/08/20/tesla-gigafactory-3-official-govt-certificate/ https://electrek.co/2019/09/17/tesla-gigafactory-3-passes-inspection-neede-production/ L'annuncio di Tesla Shangai delle prime consegne a marzo 2020 e la lista dei prezzi: https://insideevs.com/news/368029/tesla-model-3-deliveries-gf3-march/ Previsto inizio produzione per fine anno, 3000 auto/settimana per 150,000 auto/anno inizialmente, fino a 500,000. Verrà prodotta qui anche Model Y. Al contrario che in USA, in questa fabbrica verrano prodotte anche le batterie/pacchi batteria. Foto spia di una batteria incompleta di preproduzione. Non si sa chi saranno i fornitori delle celle, ma pare non Panasonic ma LG e CATL: https://www.teslarati.com/tesla-model-3-china-battery-gigafactory-3-interior-pics-leaked/
  14. Presentata Autonomia: 215 miglia, quindi 345 km. Abilitazione ai Supercharger Autopilot 0-100 km/h in circa 6 secondi Tetto panoramico prezzo 35.000 $ t E sui sistemi di sicurezza Spy: http://www.autopareri.com/forums/topic/53275-tesla-model-3-mid-size-sedan-notizie
  15. Iniziano gli annunci ufficiali e i primi dati delle celle per batteria concepite da Tesla, secondo la filosofia già mostrata con i suoi motori a riluttanza e con i microprocessori, solo per citare gli esempi più importanti: quello che c'è sul mercato non è ancora abbastanza buono, efficiente ed economico e ce lo facciamo da noi in casa. La cronistoria vede l'acquisizione da parte di Tesla a maggio 2019 della MAXWELL Technologies, una ditta con brevetto per celle a stato semi-solido con varie particolarità: - tecnologia immettibile subito nell'esistente ciclo industriale di creazione delle celle - realizzazione di forti economie togliendo apparecchiature per l'asciugatura e "maturazione" dell'elettolita liquido delle celle - eliminazione dei tempi morti e della necessità di imponenti spazi di stoccaggio per tale "maturazione". - pronta tecnologia da 300 Wh/kg (attuale migliore Panasonic su Model 3 è circa 240 Wh/kg) con sviluppi fino a 500 Wh/kg - Durata vita batterie oltre il raddoppio Per inciso, Maxwell Tech. è famoso per la sua produzione di Supercapacitori di cui però Tesla non fa cenno. Sapendo che non possono essere un sostituto di batterie sic et simpliciter, per ragioni fisiche, vedremo cosa se ne farà Tesla. A mio sospetto, qualcosa per aumentare le capacità di rigenerazione, come un buffer... Articoli in cronistoria: https://electrek.co/2019/02/04/tesla-acquires-ultracapacitor-battery-manufacturer/ https://electrek.co/2019/06/12/tesla-battery-cell-production-maxwell-tech/ https://electrek.co/2019/07/25/tesla-plans-massive-production-battery-cells-delays-unveiling/ https://electrek.co/2019/09/04/tesla-battery-cell-manufacturing/ Per finire, l'ultimo recente parzialissimo annuncio con la pubblicazione di dati sperimentali sulla durata ricercata delle celle, 1,600,000 km (devono andare anche sul SEMI che è ben chiaro che è stato rimandato proprio per attendere queste celle.. ) ma ben lontano ancora dallo svelamento di tutte le caratteristiche tecniche, che si terrà, come annunciato da Musk, al "Battery day" entro la fine dell'anno. https://electrek.co/2019/09/07/tesla-battery-cell-last-1-million-miles-robot-taxis/
  16. Presentata ieri la prima stazione beta dei nuovi Supercharger V3 da 250 kW, potenza raddoppiata rispetto ai V2. Tra un mese inizio costruzione rete V3 non-beta. - Cavi raffreddati a liquido più sottili, flessibili ed efficienti degli attuali non raffreddati. - Rendimento di conversione portato dal 92% della rete V2 a 96% delle rete V3 con nuovi inverter dedicati. - Rete a 250 kW sfruttabile da Model 3 che possiede le batterie con celle 2170 - Update via software OTA a tutte le Model 3 prodotte finora - Con update dovrebbe essere sfruttabile anche tutta la rete CSS da 350 kW (con tetto limitato a 250 kW) - Pre-Warmup batteria (se necessario) in tempo per l'arrivo al SC programmato nella navigazione. - Capacità di carica singola, carica non condivisibile. - 1609 km di range in 1 hr - 26,8 km in 1 min. - Ricarca completa su Model 3 da 0 a 100% in (range EPA min/max) M3 50kWh = 384 km in 14.3 min. M3 75kwh = 522 km in 19.5 min. Nota: nessuno carica mai da 0% a 100%, i vlori reali saranno ancora inferiori... - Update rete esistente V2 a 145 kW - Update di Model S/X via software OTA a velocità non specificata Battuta la velocità di recupero range delle tedesche: - Tesla Model 3 a 250 kW = 107 km in 4 min. - Porsche Taycan a 350 kW = 100 km in 4 min - Audi Etron a 150 kW = 53 km in 4 min. Questo perchè ovviamente quanti km di range recuperi nell'unità di tempo, dipende dall'efficienza, ovvero dal consumo al km, dell'auto. Ad esempio, la Kia Niro EV che carica al max a 75 kW, ottiene lo stesso range con 30 min. di carica della E-tron che carica a 150 kW. Il 90% delle ricariche elettriche tuttavia c'entra poco con questi dati, perchè si fanno a casa di notte in ricarica lenta, non bisogna fissarsi troppo con questi caricatori veloci che non sono affatto il punto centrale. Così come non bisogna fissarsi che ogni volta si debba fare il pieno (non lo si fa sempre nemmeno con le ICE) perchè anche qui nella maggior parte dei casi il Pieno a casa + rabbocco di pochi minuti, copre ormai distanze elevatissime. Ma bene, si va tutti avanti rapidamente e la concorrenza tra case non può che far bene a tutti. https://electrek.co/2019/03/06/tesla-supercharger-v3-kw-capacity-efficiency/ La comunicazione ufficiale di Tesla, con interessanti elementi commerciali aggiuntivi: https://www.tesla.com/it_IT/blog/introducing-v3-supercharging?redirect=no
  17. prima immagine del venturo SUV compatto completamente elettrico della Casa americana, realizzato su una piattaforma inedita http://www.carscoops.com/2017/06/tesla-teases-new-model-y-compact-suv.html
  18. Un pò di roba nuova, di tutto, dal pickup al bus, passando per una città
  19. Primo teaser del quarto modello di Tesla, la Y Presentazione probalbimente oggi 23:00 CET - interpretazione di un tweet di musk "Giovedi - 14:00"
  20. http://www.dday.it/redazione/19609/tesla-produrra-in-europa-francia-e-germania-in-pole-position-italia-non-pervenuta
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.