Jump to content
News Ticker
Benvenuto su Autopareri!

Pawel72

Members
  • Posts

    2,716
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by Pawel72

  1. Comunque ho trovate altre info su questa auto; Huawei Seres SF5 può vantare un telaio in alluminio, con schema sospensivo che prevede un classico McPherson all’avantreno e un multilink al retrotreno. Come avviene su tutte le ultime auto elettriche, le batterie sono state posizionate sotto il pavimento, liberando così spazio nell’abitacolo e abbassando contemporaneamente il baricentro. Come si può vedere dall’immagine sottostante, sull’asse anteriore troviamo un motore termico a quattro cilindri di cilindrata 1.5 litri che funge solo da generatore di energia elettrica più un motore elettrico asincrono. Si tratta quindi di un’auto elettrica di tipo range extender, con il secondo motore elettrico che è collocato sull’asse posteriore. Quest’ultimo dispone del sistema DriveOne, sviluppato da Huawei e composto da sette componenti: micro unità di controllo (MCU), motore, riduttore, convertitore DC, caricabatterie di bordo (OBC), unità di distribuzione della potenza (PDU), unità di controllo della batteria (BCU). Questo sistema sulla carta sarà in grado di pianificare il miglior percorso di trasmissione dell’energia in base alle diverse condizioni di guida del veicolo, in modo che il powertrain operi sempre in condizioni ottimali. La Huawei Seres SF5 dovrebbe poter percorrere 180 km in elettrico, che salgono a 1000 km una volta che entra in gioco il motore termico. Questi numeri si basano sul ciclo NEDC, quindi sono da prendere con le pinze. La potenza combinata è di circa 550 CV, la coppia erogata pari a 820 Nm. Lo scatto non poteva quindi che essere fulmineo, con uno scatto 0-100 km/h in 4,7″ e soprattutto uno scatto 0-50 km/h in soli 1,99″. Si segnala che la vettura è provvista della ricarica inversa, per cui può fornire energia a un altro veicolo oppure a un qualsiasi altro apparecchio elettronico.
  2. Io la trovo un po'.. ''banalotta''.. come del resto altre elettriche con la stella.., poi dentro lasciamo perdere... 🤔
  3. Renault Per quanto riguarda i motori Renault consigliano soprattutto quelli a benzina ,e il 1.5 dCi . 1.2 (Serie D) (58 , 60 ,65 ,73-80, 101-103 cv) semplice e robusto , Renault Clio I, II ,III ,IV , Renault Twingo II , Renault Modus , anni produzione 1996-2018 ,dal 2000 in versione 16 V , dal 2007 turbo (TCe da 100 cv) 1.6 (Serie K) robusto e affidabile (107 ,110 ,116 ,128 cv) Renault Clio III , R. Megane II ,R. Scenic II . Anni produzione 1998-2012. 2.0 (Serie F) robusto e potente (135-138, 163, 170, 197 cv) Renault Clio III , R.Laguna II , R. Espace IV. Anni produzione 2001-2013. 1.5 dCi E’ un motore buono, ma non può essere definito uno dei diesel più affidabili in assoluto. Ha alcuni punti deboli ben conosciuti. La maggior parte dei motori 1.5 l dCi con bassa potenza prodotti prima del 2009 sono dotati del sistema Common Rail marchio Delphi. Quest’ultimo è quello più sensibile e meno affidabile. (75, 88, 90, 110 cv). Renault Clio , R.Megane , R. Scenic . Anni prod. 2001-2019. Motori più sconsigliati 1.9 dCi Si consiglia soprattutto la versione da 130 cv, mentre per quanto riguarda altre versioni sono stati riscontrati soprattutto problemi alla turbina ,e problemi alle bronzine. 2.2 dCi La testata tende a creparsi, la cinghia di distribuzione non troppo riuscita ha una durata imprevedibile (c’è grande rischio di rottura, quindi deve essere controllata spesso e sostituita ad intervalli piccoli). Il carico elevato sulle bronzine aumenta la probabilità di rottura, questo motore non deve essere sforzato a meno di 2000 giri / min. 3.0 V6 dCi (2002-2006) Si tratta di un'unità ISUZU montata anche sulle Opel e Saab e uscito di produzione proprio per problemi di surriscaldamento e di affidabilità..
  4. Se volete approfondire la storia del motore V6 Busso..;😊 Per gli appassionati il 6 cilindri a V progettato da Giuseppe Busso è il "violino di Arese", il pezzo forte di un'orchestra che chiude una sorta di triangolo immaginario con altri due capolavori di meccanica entrati nel cuore degli alfisti: il quattro cilindri bialbero (opera, a cavallo degli anni 40 e 50, dei tecnici della scuola di Orazio Satta Puliga, tra i quali spicca proprio il nome di Busso) e il boxer, sempre quattro cilindri, messo a punto alla fine degli anni 60 dal team capitanato da Rudolph Hruska e Domenico Chirico. La prima versione del V6 "Busso" da 2.5 litri , ha esordito sull’Alfa 6. Nato per sostituire i 6 cilindri in linea da 2,6 litri, afflitti da problemi torsionali dell’albero a gomiti che ostacolavano l’aumento di potenza, il 6 cilindri a V di 60° aveva alesaggio di 88 mm e corsa di 68,3 mm per una cilindrata di 2.492 cc e sviluppava una potenza iniziale di 158 CV. Alfa Romeo, 40 anni fa nasceva il V6 Busso - Ruoteclassiche (quattroruote.it) The Story Of Alfa’s Violin. The classic Alfa Romeo V6 engine… | by Matteo Licata | Roadster Life | Medium Motore Periodo di produzione Potenza Modelli 2.5 V6 12v 1978-1996 da 158 a 165 CV Alfa 6, Alfa 90 Q.O., Alfetta GTV6 2.5, 155 V6, Alfa 75 Q.V. 2.0 V6 12v 1983-2001 da 132 a 210 CV 164 V6 Turbo, 164 Super V6 TB, 166 Super 2.0 V6 TB, Gtv 916 V6 TB 3.0 V6 12v 1987-1999 da 175 a 207 CV Alfa 75, 164, 164 Q.V.'90, Spider (916), Lancia Thema, S.Z., R.Z. 2.5 V6 24v 1997-2004 da 188 a 190 CV 156 V6 24v, 166 2.5 V6 3.0 V6 24v 1992-2003 da 210 a 232 CV 64, 164 Q.V.'93, 164 Q4, GTV (916), Spider (916), 166 3.2 V6 24v 2002-2006 da 230 a 250 CV 147 GTA, 156 GTA, GT, 166, GTV (916), Spider (916)
  5. Dovrebbe avere il comando di distribuzione a catena ? Chiediamo a qualche esperto ? KIT CATENE DISTRIBUZIONE BRERA 159 3.2 JTS ?
  6. Mercedes Per quanto riguarda i motori più riusciti vale la pena di ricordare la serie M111 , motori robusti e affidabili , siamo negli anni 90' e si tratta di 1.8 -2.3. Come spesso capita la serie successiva M271 con il turbocompressore ... 1.6 , 1.8 (M271) In generale sono piuttosto affidabili e brillanti , il tipico difetto di questi motori è la catena di distribuzione di media durata ..,di conseguenza potrebbero capitare problemi alla ruota dentata (albero a camme). (143, 163 ,184, 204). Mercedes Classe C (W203), Classe E (W212) , SLK (R171). Anni prod. 2002-2015. 4.3 , 5.0 ,5.4 (M113) (279 ,292, 306, 476 cv) non consumano poco però sono robusti e affidabili. Mercedes Classe E (W210) , ML (W163), SL (R230), Classe S. Anni prod. 1997-2007. 2.1 (OM646) fino al 2008 ,(122, 136 ,150, 170 cv) piuttosto affidabile , anche se (soprattutto) sulla Mercedes Sprinter ha avuto qualche problema.. Mercedes Classe C (W203), Classe E (W211) , Sprinter. anni prod. 2002-2010. 3.0 CDI (190, 211, 224, 265 cv) moderno , potente e affidabile , attenzione se qualcuno lo vuole acquistare oggi , è piuttosto costosa la manutenzione ..( albero motore..), Mercedes CLS , GL I , G. Anni prod. 2005-2015. Motori più sconsigliati; 2.1 CDI (OM651) dal 2008 C’è da sapere che sugli esemplari dal 2008 si montavano iniettori piezoelettrici Delphi. Questi iniettori erano problematici , potevano perdere o funzionare irregolarmente. A causa di questi problemi potevano comparire danni molto gravi ( per esempio la distruzione dei pistoni a causa delle perdite ). Solo la versione più debole si era salvata perché montava iniettori semplici. Dopo il 2011 gli iniettori piezoelettrici sono stati sostituiti con quelli elettromagnetici. Attenzione ai motori M272 e M273 cioè il 2.5 , 3.0 , 3.5 V6 , poi il 4.7 e 5.5 V8. Dopo il restyling , gli affidabili motori M112 e M113 sono stati sostituiti dai nuovi V6 M272 e V8 M273 . Questi motori possono avere problemi con la centralina di gestione. Il motivo dei malfunzionamento di centralina sono le grandi temperature sotto al cofano che portano ad una perdita di impermeabilità e di conseguenza corrosione e perdita di contatti. Altri punti deboli dei motori benzina delle serie M272 e M273 sono : piccola longevità delle parti meccaniche , distribuzione poco longeva e suo grande costo , collettore d’aspirazione problematico , catalizzatori deboli , comparsa di perdite con il tempo e il rischio di comparsa di graffi sulle pareti dei cilindri e sul gruppo pistoni.
  7. Per quanto riguarda il 1.9 JTS , 3.2 JTS ,vedi la foto , inoltre il V6 Busso hanno avuto qualche problema alla tendicatena e alla catena di distribuzione .., dicono che sono meno consigliati... Per quanto riguarda il 1.6 8V Audi , dicono che sia un buon motore , anche se piuttosto fiacco e consuma abbastanza , e sconsigliato a coloro che cercano una guida dinamica .😉
  8. I motori diesel 2.0 l HDi della serie DW10 si sono presentati molto bene. Sulla Peugeot 407 si montano le versioni con sistema di iniezione Bosch che non da problemi e vive per molti chilometri. Il punto debole è prevedibile : i pezzi di ricambio per il sistema di iniezione sono molto costosi. Questi investimenti però sono da fare solo a grandi chilometraggi ( più di 250.000 km ). Capitano problemi con l’ammortizzatore dell’albero a gomiti. Se trattati bene il motore puoi arrivare anche a 1.000.000 di km ! 🙂 Une Peugeot 406 passe le million de kilomètres (caradisiac.com)
  9. Toyota 1.0 (R3) (68, 69) semplice , rumoroso e affidabile ! Toyota IQ, Aygo II, Yaris II . Anni produzione 2005-2018. 1.4 D-4D (75, 90 cv) piccolo e robusto , Toyota Yaris III, Corolla (E140), Auris I, anni prod. 2001-2018. 1.6 , 1.8 , 2.0 VVT-i (ZR) (124, 132, 147, 151 ,158 CV) affidabile , adatto piuttosto per una guida rilassata. Toyota Auris II, Avensis III, Rav4 IV. Anni prod.2007-2018. 3.5 /4.0 GR (242, 250 , 270, 280 cv) affidabile e robusto ,Toyota Land Cruiser , FJ Cruiser , Tacoma II . Anni prod. 2004- Motori più sconsigliati; 2.0 D-4D 2.2 D-4D (AD) insieme al suo fratello minore 2.0 l D-4D hanno problemi con la guarnizione della testata che non regge. Inoltre su alcuni esemplari si scoprono anche consumi maggiorati di olio. Visto che il blocco motore e la testata sono il alluminio , spesso l’unica soluzione per risolvere i problemi è cambiare il motore. Questa è una dichiarazione ufficiale del produttore stesso.. 3.0 D-4D (KD) cede la pompa del liquido refrigerante già a 100.000 km. ... Il problema più grave che può capitare su questo motore verso i 100 – 150.000 km è la rottura del pistone ( generalmente nel terzo e quarto cilindro).
  10. Honda Honda è unica casa automobilistica di cui si consigliano tutti i motori ..,😀 però io comunque ho trovato qualche lamentela , problema per quanto riguarda soprattutto il motore 2.2 i-CTDi. 1.2 / 1.3 (L) (78, 90 ,83, 99 cv) motore affidabile però il sistema i-DSI non si è rivelato la soluzione perfetta , la modifica della testata (a 16V) ha contribuito a migliorare le prestazioni. Honda Jazz I ,II , Honda Civic VIII. Anni produzione 2002-2017. 2.0 / 2.4 i-VTEC (K20) (150, 155, 201, 223 cv) robusto , affidabile e molto apprezzato. Honda Civic VIII Typer R, Honda Accord VII , CR-V II. Anni produzione 2001-2010. 1.8 / 2.0 (R) (140, 142, 150, 156cv) robusto e affidabile , Honda Civic IX, Honda Accord VIII, Honda CR-V III. Anni produzione 2005-2017. Attenzione al cambio aut. i-SHIFT sulla Civic 1.8 (2005-2009) non funziona perfettamente , problemi di elettronica e frizione ! 2.2 i-CTDi (N) (140, 150, 180) uno dei migliori motori diesel , però ha avuto qualche problemino alla pompa alta pressione 2003-2004. Honda Civic VIII, Accord VII , CR-V II. 3.5 V6 (J) (295, 507 cv) un 6 cilindri robusto affidabile e ben fatto ! Honda Legend , Honda NSX . Anni produzione 1998-
  11. Citroën / Peugeot 1.6 (TU5) (109, 115, 118 ,122 cv) motore semplice, buona affidabilità se non si trascurano cambi olio e tagliandi. Citroën C3 , C4 , C-Elysée , anni produzione 2000-2009. 1.8 / 2.0 (EW) (115, 125 ,136 ,140 cv) , ''provengono'' dai vecchi e affidabili motori (R4) senza la turbina. I migliori sono prodotti dopo il 2004 ; il 1.8 da 125 cv e il 2.0 da 140 cv. , attenzione alla versione ''HPI'' da 140 cv, problematica e costosa la riparazione. Citroen Xsara Picasso , Citroen C5 I , Citroen C8 , anni produzione 2001 -2010. I motori EW sono stati realizzati per sostituire i motori XU quasi del tutto , fanno tesoro anche delle doti di robustezza dei motori XU, ereditando alcune caratteristiche, come per esempio l'albero a gomiti che però è stato ricostruito utilizzando una lega più leggera. Peugeot 406 Mk2 1.8 16V (2001-2004) Peugeot 407 1.8 16V (2001-2006) La seconda variante del motore EW7 è stata introdotta nel 2006, montata su; Peugeot 407 1.8 16v (2006-10); Citroen C4 Picasso 1.8 16V (2006-08); Citroen C5 Mk2 1.8 16V (2008-10) EW10 J4 È stato il primo 2 litri EW a vedere la luce, montato su ; Peugeot 206 2.0 16VGTI (1999-04) Peugeot 206 2.0 16V GT (1999-01) Peugeot 206 CC 2.0 16V (2001-05) Peugeot 307 2.0 16V XS (2001-05) Peugeot 307 CC 2.0 16V (2004-05) Peugeot 406 2.0 16V (1999-04) Peugeot 406 Coupé 2.0 16V (2001-02) Peugeot 806 2.0 16V ST (1999-02) Peugeot 807 2.0 16V (2002-05) Citroën Xsara berlina 2.0 16V (1999-03) Citroën Xsara Picasso 2.0 16V (2003-07) Citroën C4 2.0 16V (2004-05) Citroën C5 2.0 16V (2000-04) EW 12 Questo motore è quello più grande come cilindrata fra i tre motori EW e va così a sostituire il motore XU10 da 2 litri. Peugeot 406 2.2 16V (2001-04) Peugeot 406 Coupé 2.2 16V (2002-05) Peugeot 407 2.2 16V (2004-08) Peugeot 407 Coupé 2.2 16V (2006-09) Peugeot 607 2.2 16V (2000-08) Peugeot 807 2.2 16V (2002-05) Citroën C8 2.2 16V (2002-05) 1.4/ 1.6 (TU) (73,88 ) ,1.6 (109, 115, 118, 125 cv) semplice ,buono e affidabile, le prime generazioni hanno debuttato negli anni 80 .., oggi purtroppo non esiste più questo tipo di motore.. Peugeot 206 , 207 ,307 , il 1.4 16V (ET3) ha debuttato sulla Peugeot 206 nel 2004. Anni produzione 1998-2018. 1.6 HDi (DV6) (90, 109, 112, 120cv) molto diffuso ,robusto e affidabile , soprattutto in versione 1.6 HDi 8V , invece il 1.6 HDi 16V meglio scegliere in versione da 90cv .Citroen C3, C3 Picasso, C4 II, Peugeot 207 , 508 , 5008. Anni produzione 2002-2019. 2.0 HDi (DW10)(136, 140, 150, 163, 180 cv) uno dei migliori motori diesel , consigliato e affidabile , ha debuttato nel 1998 sulla Peugeot 406 , dal 2003 esiste in versione a 16V . Citroën C4 II, C4 Picasso , C5 II, Peugeot 308II , 3008 , 5008 , 508 I. 3.0 V6 (ES)* (190, 207 ,211 cv) E’ un motore progettato da Renault e PSA negli anni 90 per sostituire il V6 3 litri PRV. Il motore ha il blocco in alluminio , le pareti dei cilindri in ghisa , cinghia distribuzione , 4 valvole per cilindro e non ha l’albero di bilanciamento. Questa è una costruzione semplice e resistente che non ha tanti problemi. Peugeot 406 , 407, 605 , 607 ,805, Citroen Xantia , XM, C5 ,C6 ,C8 Anni produzione 1997-2009 3.0 V6 (ES9 J4S)* 2000-2005 Questa è la versione rivista dalla Porsche, grazie al cui intervento il motore ha beneficiato di prestazioni migliori. In particolare, questo motore ha beneficiato di: camere di scoppio ridisegnate, nuovo collettore di aspirazione, assi a camme dal nuovo profilo, variatore di fase VTC (Variable Timing Camshaft) sul lato aspirazione e testate di tipo crossflow. Motori più sconsigliati: 1.6 THP , nel primo periodo di produzione si potevano verificare perdite di olio dalla valvola elettromagnetica della pompa olio. Non sono rari i problemi con la catena distribuzione che si allunga e il suo tenditore che cede. 1.6 VTi non può essere definito perfetto.. Non sono rari i casi in cui si allunga la catena distribuzione verso i 50 – 60.000 km . Allo stesso chilometraggio potrebbe verificarsi un’usura degli alloggiamenti dell’albero a camme ... 2.7 HDi rotture albero motore che in poche parole ha avuto la cura dimagrante .., è decisamente più consigliato il 3.0 HDi .
  12. BMW Sono più consigliati i motori più vecchi... 2.0 (N46) ,(143, 150 ,170 CV) dicono che sia riuscito.., BMW Serie1 (E87) , BMW Serie 3 (E90) , X3 (E839 , Z4 (E85) anni produzione 2003-2012. Hanno comunque ''qualche punto debole'' tipo tendicatena distribuzione .., a causa delle alte temperature si rovina velocemente l’olio e gli elementi in gomma.. però lo consigliano ... 2.8 (M52) (150 ,170 ,193 cv)dicono che sia robusto.., BMW Serie 3 II (E46) , BMW Serie 5 (E39) , BMW Serie 7 (E38). anni produzione 1994-2001. Anche qui ..questo motore ha qualche punto debole.. può spaccarsi la testata motore. 2.5 e 3.0 (M54) (170, 192, 231 cv) BMW Serie 5 (E60) , X3 (E83) ,X5 (E53) anni produzione 2000-2007.. I proprietari apprezzano l'efficienza e l'affidabilità , i grossi problemi capitano raramente e possono essere causati dalla negligenza di servizio ..? Consumano parecchio olio.., valvole rumorose .. 3.0 (M57) (184,197 ,218, 235) BMW Serie 3 II (E46) , BMW Serie 5 (E60) , X5 (E53) uno dei migliori motori diesel BMW e anche robusto , dal 2002 esiste anche in versione (M57N) con turbocompressore nuovo. Dal 2007 quando hanno introdotto nuovi motori benzina a iniezione diretta , come del resto I motori diesel con la catena di distribuzione dalla parte del cambio sono aumentati notevolmente problemi ... Motori più sconsigliati 1.6 (116cv) N45 , 2004-2007 , 2.0 (173CV) N45 2006-2007, 2.0 (M47) , 2.0 (N47)... Problema catena di distribuzione propulsore N47: ecco le procedure - BMWnews
  13. Si tratta di un giornale cartaceo non credo che esista una homepage di questo articolo ? 😊
  14. Si tratta di 75 motori consigliati dalla rivista Auto Swiat , member of Auto Bild Group ..: Alfa Romeo , Audi ,BMW ,Citroën ,Fiat ,Ford ,Honda, Hyundai /Kia, Mazda ,Mercedes ,Nissan ,Opel ,Peugeot , Renault ,Škoda ,Toyota ,Volkswagen, Volvo. Come potete immaginare spesso e volentieri le novità purtroppo non sono all'altezza dei ''vecchi'' motori .., soprattutto per quanto riguarda l'affidabilità .. Anni di produzione +- : 2000 - 2020 .., pregi e difetti , dati tecnici e modelli equipaggiati con motori a benzina e diesel. Naturalmente sono graditi vostri commenti , suggerimenti , eventuali correzioni e curiosità. 😉 Alfa Romeo 1.4 T-Jet (105, 120, 155) piccolo , solido e affidabile , consumi abbastanza alti . Alfa Romeo Mito , Alfa Rome Giulietta , anni 2009-2020. 1.75 TBi (200, 235, 240) moderno , potente e robusto , consumi alti :Alfa Romeo Brera , Alfa Romeo 159 , Alfa Romeo 4C , anni 2009-2019. 1.9 JTD/JTDm (115, 120, 140, 150) uno dei migliori motori diesel .., in particolare in versione 8Valvole da 120 cv. Alfa Romeo 156,159 ,Alfa Romeo GT , anni produzione 2001-2010. 2.4 JTD meglio 10 valvole , fino a 2005 , la versione da 20 valvole richiede più cura per quanto riguarda i tagliandi ecc. Alfa Romeo 156 , 166, Brera , anni produzione 1997 - 2006. Motori più sconsigliati : 1.9 JTS , 2.2 JTS , 0.9 8V Turbo 105 CV. Fiat 1.2 8V /16V Fire (60, 69, 80 cv) il 1.2 8V fino al 2005/2006 è più affidabile. Fiat 500 II , Fiat Panda II,III , Fiat Punto II / Classic , anni produzione 1999-2020. Versioni 1.2 16V (80-86cv) sono quelle meno affidabili., Fiat Stilo , Idea , Punto II. 1.4 8/16 V , 1.4 Starjet (fino al 2010) (77, 95 ,100 cv) semplice , affidabile , Fiat Grande Punto/Evo , Qubo , Bravo II , anni produzione 2005 -18 (1.4 8V) , 1.4 16V 2003- 1.6 16V Multijet si basa sul vecchio e affidabile 1.9 però ha la testata nuova , Fiat 500X , Bravo II, Doblò II , anni produzione 2008-2015 e dal 2008 1.6 M-Jet da 120 cv. Bisogna tenere d 'occhio filtro DPF. 2.0 Multijet affidabile , robusto e pastoso, ha sempre le stesse origini (il vecchio 1.9 turbodiesel) Fiat Sedici , Doblò II , Freemont , anni produzione 2009 -2019. Motori più sconsigliati : 0.9 Twinair , 1.3 Multijet valvole EGR , guarnizioni di testa difettose ,distribuzione (attorno ai 200.000 km) 1.4 Multiair (modulo multiair) , Attenzione al 1.9 MultiJet la valvola EGR che smette di funzionare, ci possono essere anche problemi con il regolatore di pressione del carburante e la valvola di controllo della turbina. La manutenzione non richiede particolari sforzi. Audi 1.8 T (150, 163, 180, 225) potente e robusto , ogni cilindro ha 5 valvole, Audi A3(8L), Audi TT(8N), Audi A4 II (B7), anni produzione 1995 -2008. 1.9 TDI (90, 105, 115, 130) affidabile e consuma poco, (attenzione Audi A3 motore BXE 2006-2008) Audi A3 II , A4 II , A6 II, anni produzione 1991. -2009. 3.0 TDI V6 (204, 225, 240, 313) silenzioso e piuttosto brillante , Audi A5 I, Audi Q7 I, Audi A8 II , anni produzione 2004-2015 . Motori più sconsigliati : 1.4 TSI/TFSI ,sembra avere gravi problemi strutturali anche a bassissimi chilometraggi con grippaggi e sfondando pistoni. 2.0 TDI PD 136- 170 cv (2003-2009) rotture testata motore, 2.0 TFSI serie EA888, 2.5 TDI (150-180cv) albero a camme , pompa ad alta pressione.
  15. All’India va il triste primato di Paese più inquinato al mondo: delle prime 50 città con i livelli più elevati di anidride carbonica nell’atmosfera, 22 si trovano nel subcontinente e di queste 7 sono tra le prime 10. Nel complesso, su oltre 3mila città analizzate, i due terzi superano i livelli massimi di esposizione alle polveri sottili (Pm2.5) fissati dall’Organizzazione mondiale della sanità. A sforare sono tutte le città di Medio Oriente e Africa, Asia meridionale e sudorientale. In particolare emerge: Nell’Asia meridionale: su 20 città più inquinate del mondo, 18 sono in India, Pakistan e Bangladesh Nel sud-est asiatico: Jakarta e Hanoi sono le due città più inquinate. Con il miglioramento della qualità dell’aria di Pechino, Jakarta rischia presto di superare la famosa capitale inquinata della Cina In Cina: le concentrazioni medie nelle città sono diminuite del 12% dal 2017 al 2018. Pechino è ora la 122a città più inquinata al mondo nel 2018 Nei Balcani occidentali: 10 città – Bosnia Erzegovina, Macedonia e Kosovo – e quattro in Turchia hanno livelli di PM2,5 più di 3 volte le linee guida dell’OMS Negli Stati Uniti e in Canada: mentre la qualità dell’aria media è buona nel confronto globale, gli incendi boschivi colossali hanno avuto un impatto drammatico sulla qualità dell’aria ad agosto e novembre, con 5 delle 10 città più inquinate al mondo nel mese di agosto in Nord America Le città più inquinate d’Italia Traffico, riscaldamento domestico, agricoltura, industrie. Sono queste le principali fonti di inquinamento delle nostre città che possono essere nocive per la nostra salute. Parliamo di caldaie, stufe e caminetti che troviamo in quasi tutte le nostre metropoli e cittadine. Attive solo da metà ottobre a metà aprile, sono responsabili di più del 60% della produzione di polveri sottili. Le particelle di dimensioni inferiori costituiscono un pericolo maggiore per la salute umana, in quanto possono penetrare in profondità nell’apparato respiratorio. È per questo motivo che viene attuato il monitoraggio ambientale di PM10 e PM2.5 che rappresentano, rispettivamente, le frazioni di particolato aerodisperso aventi diametro aerodinamico inferiore a 10 µm e a 2.5 µm Scopriamo insieme quali sono le 10 città italiane più inquinate secondo la classifica 2019 di Legambiente. In questo caso, Legambiente ha stilato la classifica prendendo in considerazione le particelle PM10, polveri sottili con un diametro più grosso rispetto a PM2,5: . 10. Cremona, Lombardia 9. Bergamo, Lombardia 8. Padova, Veneto 7. Torino, Piemonte 6. Milano, Lombardia 5. Alessandria, Piemonte 4. Venezia, Veneto 3. Monza, Lombardia 2. Lodi, Lombardia 1. Brescia, Lombardia La Pianura Padana è maglia nera a livello europeo I fattori orografici e meteorologici contribuiscono in modo significativo alle elevate concentrazioni di inquinanti atmosferici che fanno della Pianura Padana una delle zone più inquinante d’Europa, nonostante le emissioni siano paragonabili, in realtà, a quelle di altre aree sviluppate. Il motivo è la conformazione orografica: il catino padano è circondato dalla catena montuosa alpina che influenza il regime dei venti, la cui intensità risulta generalmente molto debole. Un altro importante fattore è l’elevata frequenza di situazioni meteorologiche caratterizzate da stabilità atmosferica. Queste condizioni, tipiche del semestre invernale in caso di alta pressione, hanno origine dal fenomeno meteorologico dell’inversione termica. In pratica in atmosfera la temperatura non diminuisce salendo di quota, come ci si aspetterebbe. Di fatto, a un’altezza di 800/1.000 metri si riscontra una temperatura più alta di quella dello strato inferiore. Si modifica così la circolazione locale dell’aria, in particolare i moti verticali: l’aria più fredda dei bassi strati, essendo più densa e più pesante, non può sollevarsi verticalmente oltre la quota dell’inversione e resta intrappolata nei bassi strati. Si viene a creare, quindi, un vero e proprio tappo che impedisce il ricambio d’aria, con un accumulo degli inquinanti in prossimità del suolo, dove la loro concentrazione, giorno dopo giorno, non potrà che aumentare. La classifica aggiornata delle città più inquinate del mondo I principali stati che presentano il più alto tasso di inquinamento si trovano in Asia (espressa in PM2.5). 10. Jakarta, Indonesia – 45.3 µg/m³ 9. Abu Dhabi, Emirati Arabi Uniti – 48.8 µg/m³ 8. Pechino, Cina – 50.9 µg/m³ 7. Kathmandu, Nepal 54.4 µg/m³ 6. Kuwait City. Kuwait 56 µg/m³ 5. Ulan Bator, Mongolia – 58.5 µg/m³ 4. Manama, Bahrein – 59.8 µg/m³ 3. Kahbul, Afganistan – 61.1 µg/m³ 2. Dacca, Bangladesh – 97.1 µg/m³ 1. Nuova Delhi, India – 113.5 µg/m³ Penisola avvelenata ..
  16. Lexus 2054 (Minority Report 2002) GM Ultralite 1992 (Demolition Man)
  17. Beh ebbe comunque parecchio successo sia come cantante che l'attrice..😉 Una bellezza disarmante..
  18. Vanessa Lynn Williams prima Miss America (1983) afroamericana !
  19. Brutta non è.. i coreani come spesso succede hanno diverse ''fonti d'ispirazione'' .., però hanno fatto i passi da gigante .., mentre probabilmente le altre case ''si sono sedute sugli allori''...😉
  20. Pawel72

    Orologi

    ''Amore a prima vista'' ..😍 Audemars Piguet Royal Oak
  21. In poche parole : un piccolo 3 cilindri 2.0 turbo che pesa solo 70 kg ed è capace di una potenza straordinaria per la cilindrata: 600 CV a 7.500 giri, con la zona rossa a 8.500 giri. È montato in posizione posteriore-centrale, ma trasferisce il moto alle ruote anteriori tramite un albero di trasmissione. Sull’asse posteriore ci sono due motori elettrici, uno per ruota, ognuno dei quali ha 500 CV e 1.000 Nm di coppia. C’è poi un terzo motore elettrico da 400 CV e 500 Nm collegato all’albero motore del 3 cilindri. Il risultato è un sistema ibrido capace di erogare 1.700 CV e 3.500 Nm di coppia ! 😃
  22. Beh devo dire che dal 1998 ad oggi (la Koenigsegg nasce ufficialmente nel 1994).., la casa svedese ( che ha solo300 dipendenti )''ne ha fatto di strada''.., chapeau ! Anche se non sono proprio un appassionato delle automobili estreme , sportive ecc , tutto questo è il frutto della passione del fondatore Christian Erland Harald von Koenigsegg. I primi modelli non mi facevano impazzire..., mentre la Gemera mi piace parecchio !
  23. Sono curioso di vedere che cosa si inventeranno Bottas e Hamilton nella prossima gara , quale trucchetto per '' far fuori '' Verstappen..!? Comunque sono felicissimo che non abbia vinto Hamilton !😄
  24. Molto bene nell’intera area europea, dove Stellantis ha concluso il primo semestre 2021 con un complessivo di 1,664 milioni di veicoli consegnati, un +41% di ricavi (32,04 miliardi di euro) e profitti operativi nell’ordine di 2,93 miliardi di euro, laddove la medesima “voce” era, nei primi sei mesi 2020, di appena 194 milioni di euro. Il margine operativo delle attività Stellantis nel “Vecchio Continente” è dell’8,8% dallo 0,9% del periodo 1 gennaio-31 luglio 2020. La quota di mercato nell’Europa allargata si attesta al 23,1%. Fiat Panda è in testa alle vendite in Italia, con Fiat Nuova 500 elettrica nel ruolo di leader per alimentazione in dieci Paesi. Peugeot, con una quota di mercato del 7,1%, occupa nel primo semestre dell’anno il secondo posto per “major brand” nell’EU30. Nel segmento B, prima posizione di Opel Corsa in Germania e (a marchio Vauxhall) nel Regno Unito. Più contenuti i risultati operativi nelle altre macroaree di mercato: poco più di 2,5 miliardi di euro i ricavi complessivi messi a segno in Africa e medio oriente, e poco meno di 1,9 miliardi i ricavi registrati in Cina, India e Asia-Pacifico. Da segnalare i segnali positivi che giungono da Maserati: il marchio del “Tridente” ha quasi raddoppiato il proprio giro d’affari (il fatturato è cresciuto a 885 milioni di euro dai precedenti 445 milioni), ed ha concluso il primo semestre con un margine operativo del 3,3% (era a -23,4% nel primo semestre 2020).
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.