Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuto su Autopareri - il forum dell'automobile!

Recommended Posts

La Philip Morris ha inventato questa nuova tipologia di sigaretta elettronica, avete esperienze dirette?

Praticamente è un fornetto che porta il tabacco (vero, non liquido) ad una temperatura poco al di sotto di quella di combustione, e promette di far risparmiare un sacco di sostanze nocive. Il prezzo è di circa 70 euro e le sigarette da usare costano esattamente come quelle normali. Prima di provarla volevo sapere se qualcuno qui già la usa e come ci si trova

Share this post


Link to post
Share on other sites

mio zio incallito fumatore che, nonostante diversi bypass e problemi vari di circolazione, non riesce a smettere, dice di trovarsi bene. 

Aveva provato la sigaretta elettronica, ma nulla, abbandonata subito, con questa invece (almeno per ora, è da poco che la usa) sembra andare meglio ed ha eliminato quasi del tutto le sigarette normali

  • Thanks! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

mi spaventa un po' la distribuzione, non è che si trovi ovunque ovunque. Il successo di questi veleni si misura nel lungo periodo, da quante settimane piu o meno la usa?

Share this post


Link to post
Share on other sites

La Iqos è una sigaretta di tabacco trinciato e pressato, che viene scaldato da un "fornelletto" portatile ricaricabile.

La sigaretta viene prodotta negli stabilimenti Philip Morris italiani, a Crespellano (BO).

Non sono fumatore, conoscenti che la hanno provata e fumano hanno riscontrato un gusto di "tabacco bagnato" che a non tutti piace, quindi li gusto è soggettivo, comunque in Giappone sta avendo un successo sopra le previsioni, tanto che una buona parte della produzione di Crespellano viene esportata in Giappone.

Come diffusione del pacchetto vedo che è abbastanza diffuso, l'ho visto anche negli autogrill.

Per il discorso salutistico, non ha i prodotti della combustione del tabacco (in primis catrame), ma altri prodotti:

https://www.fondazioneveronesi.it/magazine/articoli/fumo/sigaretta-che-non-brucia-meno-tossica-ma-non-innocua#section-1

 

Sia la Iqos che le altre tipologie di sigarette elettroniche non sono, attualmente, certificate FDA, quindi, al momento, non esiste un prodotto sicuro.

Attualmente sulle sigarette "a basso impatto" le multinazionali del tabacco stanno investendo molto, su prodotti con diverse tipologie, ma, ancora, non hanno trovato un prodotto con lo stesso gusto della sigaretta tradizionale.

  • I Like! 1
  • Thanks! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Secondo me, perde sia in economicità che in salute, contro una sigaretta elettronica normale..

Anche perchè questa non è una sigaretta elettronica "classica" (cioè in sostanza un vaporizzatore) ma ha un funzionamento diverso

 

Molti purtroppo provano l e-cig classica e poi l'abbandonano perchè non vengono consigliati/guidati nel modo giusto nell'acquisto, e comprano prodotti che non vanno bene per uno che sta cercando di smettere di fumare.. basta trovare il setup giusto e diventa lo strumento migliore per smettere di fumare (io ci sono riuscito con un kit da 35 euro)

 

Prima o poi aprirò un topic sull'argomento, in cui spiegherò un po' di cose

Edited by NikoBellic
  • I Like! 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

e lo leggerò con viva attenzione!

Ho abbandonato le e-cig perché ognittanto bruciava la batteria e fumavo non so quali sostanze tossiche, fatto sta che mi rimaneva il mal di gola per settimane quando succedeva. Ero curioso di provare questa ma visti i precedenti di cui sopra sono molto scettico

Share this post


Link to post
Share on other sites

Probabilmente bruciavi la resistenza, ovvero in sostanza il cotone.. una cosa che può capitare, soprattutto in dispositivi più vecchi, in cui steccare era veramente facile

 

Guarda ora come ora, ci sono kit entry-level veramente completi e ideali per smettere di fumare (Justfog, ego box aio,..)

negli ultimi anni c'è stata una evoluzione notevole nell'hardware.. per dire, queste ormai sono preistoria:

$_35.JPG?set_id=2

 

Un'altra cosa che aiuta molto è un negoziante esperto e volenteroso, che sappia consigliare e aiutare i clienti nel modo giusto, sia per quanto riguardo la scelta del dispositivo, sia per il corretto funzionamento

  • Thanks! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Similar Content

    • By Pawel72
      Dalla Fanta al primo computer , dalla Volkswagen al carburante sintetico , alcune delle invenzioni nate nella Germania nazista e  utilizzate ancora oggi.
       
       

      Il primo brevetto di un aereo a reazione risale al 1929, ma il suo progettista, l’inglese Frank Whittle, non trovò alcuna industria disposta a realizzarlo. Così il primo jet a entrare in servizio operativo fu, 15 anni dopo, il Messerschmitt Me.163B Komet. L’aereo era il risultato del lavoro di Alexander Lippisch, esperto di alianti tutt’ala, ed Helmuth Walter, realizzatore del primo motore a razzo a carburante liquido. E in effetti il piccolo intercettore non era altro che un aliante che usava la sua rivoluzionaria forma di propulsione per brevi momenti: poteva salire fino a 10 mila metri in 150 secondi e toccare i 900 km/h, ma la sua autonomia a piena potenza era di soli 10 minuti. Il primo incontro con i bombardieri alleati avvenne il 28 luglio del 1944, e il Komet si rivelò eccezionale: gli armieri dei B-17 non facevano in tempo a ruotare la torretta.
       

      Quando nel 1940 la Coca-Cola venne bandita dal Reich a causa dell’interruzione degli scambi commerciali con gli USA, il responsabile tedesco dell’azienda americana decise di trovare un’alternativa “germanica” alla bibita gassata più famosa del mondo. La soluzione? Una bevanda a base di siero di latte e marmellata di mele, ingredienti facilmente reperibili in Germania. Ci volle un’intensa sessione di brainstorming per trovare all’invenzione un nome adatto ma, a furia di usare la fantasia, l’idea arrivò e la bibita venne battezzata, appunto, “Fanta”. 
       

       
      Nel 1937, l’ingegnere Konrad Zuse progettò e costruì (a casa dei genitori) il primo calcolatore elettronico, un antenato dei moderni computer. Alimentato da energia elettromeccanica e provvisto di un’unità di calcolo in virgola mobile con numeri codificati in binario (sekundal), la macchina programmabile di Zuse (Versuchmuller) era in grado di risolvere lunghe operazioni matematiche in brevissimo tempo, impiegando solo un secondo per ogni ciclo di calcolo. Lo Z1 eseguiva sottrazioni, addizioni, divisioni e moltiplicazioni secondo le istruzioni trasmesse attraverso un sistema di schede perforate.
       

       
      L’ingegnere Werner von Braun fu una delle teste più brillanti del Terzo Reich, e non solo. Le sue ricerche e le invenzioni in campo bellico, in particolare quella dei missili balistici V-2, furono successivamente molto utili alla Nasa che se ne servì per sviluppare i primi razzi per l’esplorazione dello spazio. 
      Al termine del conflitto, von Braun iniziò a lavorare per l’agenzia spaziale statunitense e diresse la progettazione del Saturn V, il razzo multistadio a propellente liquido più grande mai realizzato. Il Saturn V fu utilizzato nei programmi spaziali Apollo e Skylab.|
       

       
      Durante la guerra, lo stoccaggio del carburante era un’esigenza fondamentale dell’esercito tedesco. Così, nel 1936 l’azienda Eisenwerke Müller & Co si mise all’opera per progettare e realizzare delle speciali taniche da 20 litri destinate a conservare la benzina necessaria all’aviazione e agli altri veicoli nazisti. Come richiesto da Hitler, nel luglio del 1937 si diede il via alla produzione in serie di questi resistenti canestri in acciaio (Wehrmachtskanisters) utilizzati ancora oggi.
       
      https://www.focus.it/cultura/storia/invenzioni-nazisti-gallery?gimg=63985#img63985
    • By J-Gian
      A partire da questo mercoledì sera, alle 21.25, ritorna Superquark!
       
      A mio avviso è uno dei programmi che meriterebbero un palinsesto fisso per una buona stagione.
       
      Se v'interessa seguirlo da computer, potrete farlo anche tramite RaiPlay in diretta, oppure vedere le repliche.
       
       
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.