Sign in to follow this  
Followers 0
simonepietro

Muscle car USA anni 60-70

211 posts in this topic

Più o meno le conosciamo tutti dato che sono state sia co che protagoniste di numerosi film e telefilm.

Ma quali sono state le motivazioni che hanno spinto le grandi case usa a lanciarle sul mercato e quali sono i modelli più rappresentativi di tale categoria di super cars ?

Pare che le muscle cars, in realtà all'inizio venivano additate come supercars , siano nate per fornire un prodotto di grande serie agli appassionati delle Hot road (street road se usate comunemente su strada) , automobili elaborate artigianalmente dai propietari.Per tali elaborazioni pare che venissero usati principalmente vecchi modelli della Ford e quindi le altre case USA erano preoccupate dell'eventuale fidelizzazione di tali utenti.Le caratteristiche più salienti di tali modelli erano carrozzeria fast back a 2 porte , tipo di carrozzeria a due volumi, caratterizzata da coda spiovente e rastremata con lunotto molto inclinato e bagagliaio incluso nello stesso "volume" dell'abitacolo ,motove V8 di elevata cilindrata, differenziale

autobloccante. A corollario delle caratteristiche di base, come è noto comuni e ripetitive nei modelli delle varie marche, erano disponibili numerosi accessori meccanici realizzati direttamente dalle case costruttrici per chi non voleva perdere il vizio delle personalizzazione o preparazione.

Iniziamo con i vari modelli del marchio AMC. Modelli che forse sono i meno conosciuti anche se ha avuto in catalogo la muscle cars per eccellenza (AMX), a mio modesto parere.

AMC REBEL MACHINE 1970

Questa auto è stata costruita solo per un anno in 2326 unità, di cui le prime 1000 con la vistosa livrea della foto .

amcrebelmachine.jpg

Il motore di cui era dotata era quello di maggior cilindrata della casa, un v8 da 6,4 litri che era la versione maggiorata di un altro propulsore della casa , il 5,6 litri . Un v8 con monoblocco e teste in ghisa a 2 valvole per cilindro e rispetto al v8 da 5,6 litri aveva l'albero motore e bielle in acciaio forgiato e supporti di banco maggiorati

mopp071203z1970american.jpg

. L' alimentazione avveniva tramite un carburatore quadricorpo che prelevava l'aria dalla grossa presa sul cofano.

c12051106z1970amcrebelm.jpg

Tale presa d'aria, funzionava a depressione e svolgeva effettivamente la sua funzione fornendo aria di alimentazione densa e fresca . Sul retro della medesima , rivolto verso il posto guida ,disponeva del contagiri :pz che pare fosse di difficile lettura durante le accellerazioni .

mopp071206z1970american.jpg

La trasmissione era manuale con leva hurst. Si trattava di un 4 marce borg warner T10. La trazione era rigorosamente posteriore e avveniva tramite un differenziale twin grip con un rapporto finale di 3,54 :1 , però come optional o after market era disponibile con un rapporto fino a 5:1 per impiego agonistico sul 1/4 di miglio.

Sterzo a circolazione di sfere ma senza servocomando. Quest'ultimo era disponibile come optional ma era caratterizzato da eccessiva servoassistenza risultando inpreciso e poco progressivo. A livello stradale dei problemi si avevano pure con le sospensioni. Esse erano le più rigide prodotte da detroit, le balestre ad esempio derivavano da un modello station wagon della AMC ed erano estremamente rigide e le ruote motrici saltellavano durante le partenze veloci da fermo.

Freni a disco anteriori bendix e tamburi dietro

Scheda tecnica.

disposizione e numero cilindri :V8

cilindrata: 6932 cc 390 ci

alesaggio: 105,79 mm

corsa:90,78mm

Rapporto di compressione : 10:1

distribuzione:albero a camme in posizione centrale tra la V e le 2 valvole per cilindro venivano azionate da bilancieri. Punterie idrauliche

Potenza max : 340cv a 5100 giri

coppia max: 59,4 kgm a 3600 giri

0-96 km/ in 6,4 sec

1/4 di miglio in 14,5 secondi

sospensione anteriore: bracci sovrapposti di lunghezza diseuguale , molle elicoidali,barra anti rollio e ammortizzatori telescopici

sospensione posteriore : a ponte rigido , balestre semiellittiche , ammortizzatori telescopici, barra antirollio.

Freni: a disco anteriori, tamburi dietro

sterzo. a circolazione di sfere. servosterzo a richiesta.

ruote: 7X 15" con good years polyglas E-60.

lunghezza: 5,05 m

larghezza :1,97m

altezza .1,43m

peso:1656 kg

Gli interni

976325000.jpg

la plancetta della climatizzazione e i comandi radio erano direttamente accessibili al guidatore essendo posti ai lati della plancetta porta strumenti . I comandi climatizazione più o meno in tale posizione ,a sinistra in prossimita della portiera lato guida,verranno riproposti su altre AMC. Visibile pure la leva cambio Hurst in versione più tradizionale e non a vera e propria cloche

Livrea canonica.

bretts20rebel201.jpg

Immagini da Motor trend

Edited by simonepietro

Share this post


Link to post
Share on other sites

AMC AMX .

La mia preferita My 1970-1971 .

646495f520.jpg

dsc00549q.jpg

Derivata direttamente dalla contemporanea Javelin, ne parleremo dopo, aveva la medesima piattaforma ma con passo ridotto di 30 cm e quindi perdeva pure i 2 posti di fortuna della sorella maggiore,. Con tale passo contendeva alla corvette la palma di muscle car più compatta . In totale a partire dal 1967-68 fino a quasi il 1971 furono prodotte 19140 unità, di cui 4116 dell'ultimo modello.

Amx versione 1968-1969

amcamx1968b.jpg

Come possiamo vedere il modello in vendita nel 1970 ricevette alcune modifiche alla calandra, i fari potevano scomparire in essa tramite un dispositivo a depressione , presa d'aria effettivamente funzionante ( pack GO ), eliminazione delle 2 bande di colore contrastante che percorrevano al centro la carrozzeria,introduzione profili cromati sottoporta con finti sfoghi d'aria.

Motore, sospensioni:

Condivideva molto con la Rebel machine e pure con la javelin . Comunque la motorizzazione d'ingresso era un 8v di 4752 cc e 225 cv na disponeva come optional di altri 2 v8 , rispettivamente di 5622 cc (343 c.i) e del 6392 cc (390 c.i) con 315cv , restava comunque una o la più potente auto made in USA del periodo e . Nel 1971 uscì di produzione ma la sigla AMX verrà riproposta sulla javelin in presenza di un v8 opzionale , infine a partire dal 1973 tale sigla contraddistinguerà solo un pacchetto estetico

Scheda tecnica.

disposizione e numero cilindri :V8

cilindrata: 6932 cc 390 ci

alesaggio: 105,79 mm

corsa:90,78mm

rapporto di compressione : salito a 10,2:1 rispetto al 390 c.i della rebel

distribuzione:albero a camme in posizione centrale tra la V e le 2 valvole per cilindro venivano azionate da bilancieri. Punterie idrauliche

alimentazione: carburatore quadricorpo carter, collettore aspirazione in alluminio,Presa d'aria funzionante opzionale (Go pack)

Potenza max : 315 cv a 4600 giri, 340 cv con GO PACK

coppia max: 59 kgm a 3200 giri

velocità massima :201 km/h

0-96 km/h:6,6 sec prestazioni con 315cv

0-1/4 di miglio:15,2 sec

sospensione anteriore: quadrilatero , molle elicoidali,barra anti rollio e ammortizzatori telescopici

sospensione posteriore : a ponte rigido , balestre semiellittiche , ammortizzatori telescopici, barra antirollio.

Freni : a tamburo sulle 4 ruote , disco anteriori con Go pack

ruote: in acciaio da 14 ", 15 "come optional

Lunghezza:4,50 m

larghezza :1,82m

passo:2,46m

altezza:1,31m

peso:1542kg

trasmissione: cambio automatico a 3 rapporti o manuale a 4 rapporti , differenziale autobloccante opzionale Twin grip (Go pack).

sterzo:a circolazione di sfere,servocomando opzionale

interni 1968

16002561968amcamx2doorf.jpg

interni 1970

tnfullimg00102jpgthumbn.jpg

]

Edited by simonepietro

Share this post


Link to post
Share on other sites

".... bro bro bro bro bro bro...."

Ma che bel topic. :D (dì la verità, tu non vuoi farmi dormire stanotte :D)

Quoto comunque per la AMC, che fra tutte è forse una delle meno considerate.

La AMX però mi è sempre sembrata un po' infelice.... quei 30 cm di passo levati imho le facevano un gran male esteticamente... forse 30 eran troppi.

(effetto Ducato-Talento.... anche se siamo in tutt'altro settore).

Cmq tu scrivi scrivi che io leggo leggo :D anzi... avrei una storiella riguardante una delle cause (su ruote) scatenanti di tutto ciò... ma è un po' avanti nell'alfabeto, e mi sembra tu stia seguendo un bel filo logico... quindi non vorrei impicciare.

Scrivi.... scrivi.... :D

".....bro bro bro bro bro....."

Share this post


Link to post
Share on other sites

Curve? Quali curve? :D Ah già, le curve... beh, non si poteva mica avere tutto. :D

Penso sia per quello che è nata la definizione "Cruisin'"... :D che molti spiegano come "cazzeggiare in bro bro bro" :D

Il cazzeggiare in bro bro bro era un elegante stratagemma per giustificare certe andature cui si era obbligati quando la strada diventava di un certo tipo.

"Si si, tu davanti con la compatta europea tutta nervi e tenuta... vai vai, maniaco del tempo in prova... io me la spasso, guardo la natura e mi ascolto il bro bro bro...."

Però bisogna essere credibili quando lo si dice eh? :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cmq tu scrivi scrivi che io leggo leggo :D anzi... avrei una storiella riguardante una delle cause (su ruote) scatenanti di tutto ciò... ma è un po' avanti nell'alfabeto, e mi sembra tu stia seguendo un bel filo logico... quindi non vorrei impicciare.

Scrivi.... scrivi.... :D

".....bro bro bro bro bro....."

Effettivamente sarà una discussione che andrà per le lunghe. Ho ricevuto una pubblicazione dal cugino americano :b35 che pare interessante. Se tu hai del materiale, come altri del resto, siete invitati a integrare il tutto :b26.

Ho dei dubbi sull'inserire le varie versioni della corvette ,anche se citerò il memo Zora arkus -duntov ,nella discussione. La considero più una sportiva classica, idem per la A.c cobra, che un esponente di queste vetture ad estrogeni.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Che muscoli, ma in curva come andavano?

Oddio. Alcune ,come avrai notato, all'anteriore montavano il quadrilatero e al posteriore il differenziale autobloccante ma come ha già scritto GTC non erano fatte per lo slalom. Se vuoi avere un idea dell'handling di queste ho trovato un video d'epoca.

http://www.youtube.com/watch?v=4u_8tTV_J2E

Edited by simonepietro

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ah, la AMC, la 4a casa automobilistica americana... Dopo essere stata assorbita dalla Chrysler è praticamente scomparsa del tutto e se non fosse per la Pacer non se la ricorderebbe nessuno... (Vabbeh, rimane la Jeep come ultima riminiscenza della casa, ma ormai non la collega piu nessuno con la AMC).

Non sapevo che anche loro producevano Muscle Cars. Oggi nelle publicazioni e trasmissioni sui Muscle Cars parlano solo di Mustang, Fairlane, Charger, Challenger, Camaro, Chevelle, GTO, etc. ma mai di modelli AMC.

Grazie per il topic, ho imparato qualcosa.

Share this post


Link to post
Share on other sites

bellissima ma assolutamente inguidabile per i canoni europei

anche se una muscle car rimane uno dei miei sogni

giovanni sportZ 1600

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!


Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.


Sign In Now
Sign in to follow this  
Followers 0