Jump to content

Il futuro dei siti produttivi Stellantis


Recommended Posts

Ho provato a cercare un topic adatto, ma non ne ho trovato uno dedicato, per non spezzettare le informazioni su più topic ne apro uno nuovo..

Ieri sera su una rubrica di Nuvolari Tv, Coppini ha dedicato un servizio di qualche minuto sul futuro della produzione Fiat.

L'articolo corrispondente è anche sul sito Nuvolari:

Termini Imerese: Dalla Ypsilon al trattore... | Nuvolari TV

Con la ripresa autunnale l'attenzione torna a concentrarsi sul riassetto della produzione Fiat. In gioco c'è il futuro di Termini Imerese, che attualmente assembla la Lancia Ypsilon e di quello di Pomigliano d'Arco che può contare solo sulla Alfa Romeo 159 e sulla 147, ormai giunta a fine commessa. Nuvolari è in grado di anticipare alcune delle scelte definite durante la stagione estiva dal costruttore torinese. Lo stabilimento siciliano, terminerà la produzione della Ypsilon nel 2012 per passare alla realizzazione di cabine per trattori. A Pomigliano d'Arco la missione produttiva verrà ampliata con una linea dedicata alla nuova Panda.

La Fiat 500 abbandonerà lo stabilimento polacco di Thyci in favore dell'impianto Chrysler di Toluca in Messico.Ed è qui che verranno realizzate le Fiat 500 per gli Stati Uniti, per l'area del Mercosur e per l'Europa. Una decisione che potrebbe mettere in urto la nuova Chrysler con l'amministrazione Obama perchè finirebbe per utilizzare i soldi dei contribuenti americani al fine di salvare posti di lavoro in Messico proprio nel momento in cui vengono ridimensionati numerosi impianti sul territorio degli Stati Uniti. Forse anche per questo i motori della Fiat 500 verranno realizzati nello Stabilimento Americano di Trenton nel Michigan.

Nello stesso tempo alla Fiat si lavora per una vettura compatta di dimensioni superiori alla 500 da produrre sul territorio americano. In Polonia rimarranno la nuova Panda e la Ford Ka. A Cassino verranno prodotte le vetture realizzate sul pianale della Bravo e cosí alla stessa Bravo ed alla Delta si affiancherà la Alfa Romeo 149 destinata a sostituire tra breve la 147. Alla Bertone, alla quale potrebbe affiancarsi tra breve la Pininfarina, sarebbe trasferita la produzione dei modelli Chrysler destinati all'Europa, Gran Voyager , Jeep e Chrysler 300 e attualmente realizzati nell'impianto di austriaco di Graz di proprietà della Magna.

Alcune notizie erano già note qui su Autopareri, altre sono ( almeno per me ) nuove e sorprendenti...

La parola agli insider...8-)

"Bene non va, comunque non mi fermo".

( Tazio Nuvolari )

Link to comment
Share on other sites

Anche a me suona strano lo spostamento completo di 5oo in Messico. Improponibile per i costi di trasporto.

Di certo ci sarà un riassetto dei modelli su piattaforma Panda/5oo, perchè arriveranno anche la Ypsilon/846, la5oo Giardiniera e la Micro, ma tra Polonia e Serbia c'è abbondanza di spazio per tutta la produzione Europea.

Link to comment
Share on other sites

mah sinceramente trovo poco attendibili queste indiscrezioni per vari motivi:

1) è insensato spostare la produzione della 500 per l'Europa in Messico, parliamo di auto dai margini di guadagno ridotti. In Messico verranno prodotte a quanto pare le 500 per le americhe.

2) Per Pomigliano penso che siano previsti nuovi prodotti, non penso proprio Panda che sta benissimo a Ticky con 500 e Ka e al massimo, dovesse esserci bisogno, potrebbe essere assemblata in Serbia assieme alla futura Topolino.

niente da dichiarare...

Link to comment
Share on other sites

  • __P changed the title to Il futuro dei siti produttivi Stellantis

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share


×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.