Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuti su Autopareri! La community italiana che dal 2003 riunisce gli appassionati di automobili e di motori
  • EMERGENZA COVID-19
  • Rimanete al sicuro! Rispettate le distanze e le misure igieniche
  • Autopareri è sempre attivo e vi è virtualmente vicino per tenervi compagnia durante la fase di lockdown!

Question

Salve a tutti, mi chiamo Gio, apro questa discussione in merito alle auto ibride.

Vorrei condividere con voi qualche consiglio su come allungare la vita della batteria:

una cosa molto importante è la pulizia del sistema di ventilazione del pacco batteria che a lungo andare si riempie di polvere e fa sì che la batteria si surriscaldi: oltre a ridurre le prestazioni, c'è anche il rischio di danneggiare la batteria.

Inoltre è importante sapere che bisogna effettuare il bilanciamento del pacco batterie, tramite un apposito strumento.

 

Io effettuo questo servizio da oltre 5 anni e ho notato che può essere davvero utile.

Inoltre effettuo anche la sostituzione delle singole celle o dell'intero pacco batteria. 

È decisamente più conveniente delle case produttrici.

 

Un saluto, Gio.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Recommended Posts

  • 0

infatti io pensavo alla trasformazione in  PHEV "casalinga" .

Alla fine un pacco batterie di 2 kWh più vari cablaggi peserebbe circa 20 kg*, non un peso da cambiare sostanzialmente le prestazioni

Potrebbe essere ricaricato in tempi brevissimi in autostrada e in tempi brevi a casa  .

E  2kWh  cambierebbero abbastanza il comportamento su strada, aumentando l'autonomia solo elettrica, e soprattutto limitando l'intervento dell'ICE solo nei momenti di massima efficienza di quest'ultimo .

 

 

 

* si veda peso del pacco batterie di Tesla e Skoda Citigo per confronto.


Archepensevoli spanciasentire Socing.

Share this post


Link to post
Share on other sites
  • 0
1 ora fa, Valerio31 scrive:

Inoltre è importante sapere che bisogna effettuare il bilanciamento del pacco batterie, tramite un apposito strumento.

 

Ciao, ci spieghi un po' come effettui questo bilanciamento ed in cosa consiste dal punto di vista strettamente tecnico?

 

Operi solo su batterie del gruppo Toyota, o segui anche altri marchi?

 

 

PS. per tutti: Valerio è stato autorizzato dallo Staff a parlare del tema ;) 

  • I Like! 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
  • 0

Il bilanciamento consiste nell’effettuare dei cicli di carica e scarica molto lenti in modo da non danneggiare le celle della batteria. Si effettuano con appositi strumenti per là batterie NiMh, che sono quelle che compongono il pacco batteria. 

Durante la carica, quando ogni cella raggiunge la sua capacità massima, l’energia extra fornita dal caricatore viene convertita dalle celle in calore (che quindi durante il processo devono essere raffreddate tramite ventola). Le celle che non sono ancora del tutto cariche continuano a caricarsi fino a quando tutte non raggiungono la loro capacità massima. Questo processo aumenta la capacità del pacco batteria utilizzabile e ne prolunga la durata.  

 

Lavoriamo anche su altri marchi, oltre Toyota, come Honda, Lexus...

 

Per qualsiasi ulteriore dubbio, o chiarimenti, chiedetemi pure.

Un saluto.

  • Thanks! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
  • 0

La nuova Corolla ha batterie al Litio. La procedura è valida nello stesso modo?

Edited by 1happydream

Share this post


Link to post
Share on other sites
  • 0

ciao, ho anch'io alcune domande .

 

1) Esistono sul mercato pacchi batterie universali ( e ricaricabili esternamente ) da aggiungere ai pacchi batterie già presenti sull'auto per aumentarne l'autonomia elettrica e/o l'uso dell'elettrico nei transitori . ?

2) Se sì il loro montaggio è tecnicamente possibile sulle hybrid esistenti, magari sfruttando parzialmente il bagagliaio ( pensavo soprattutto alla Yaris Hybrid ) ?

3) Se sì, è legale ( pensando ovviamente ad una modifica fatta a regola d'arte , l'equivalente di un montaggio di un impianto GPL ) ?

4) dopo l'intervento, il sw di funzionamento va adeguato, o si comporta come se avesse il pacco originale sempre carico ( avendo il nuovo pacco in parallelo al primo )

 

Forse è una mia sega mentale, ma dopo aver guidato la Yaris Hybrid mi sono fatto persuaso ( cit. ) che per avere un'auto ibrida ad altissima efficienza basterebbe aumentare i kWh disponibili nella batteria tampone e renderli ricaricabili dall'esterno . 

 

 

 

 


Archepensevoli spanciasentire Socing.

Share this post


Link to post
Share on other sites
  • 0
5 ore fa, stev66 scrive:

2) Se sì il loro montaggio è tecnicamente possibile sulle hybrid esistenti, magari sfruttando parzialmente il bagagliaio ( pensavo soprattutto alla Yaris Hybrid ) ?

3) Se sì, è legale ( pensando ovviamente ad una modifica fatta a regola d'arte , l'equivalente di un montaggio di un impianto GPL ) ?

4) dopo l'intervento, il sw di funzionamento va adeguato, o si comporta come se avesse il pacco originale sempre carico ( avendo il nuovo pacco in parallelo al primo )

 

Hai una centralina che monitora i singoli moduli, diventa pressoché impossibile apportare modifiche alla configurazione pensata dalla casa. Ecco alcuni dei parametri che vede:

9XywZW_Fh8ISXL02_jvtnubV1qqBikdD64lSJ5rM

 

Poi devi fare i conti anche con la complessità dei sistemi di sicurezza che si preparano a sezionarla nel momento in cui qualcosa dovesse andare storto: 3 grossi relé, cablaggi HV con schermatura ad impedenza calibrata (per rilevare danneggiamenti o tagli). Senza considerare che poi dovresti pensare anche ad un caricatore esterno ;)  Perché nell'uso normale, a parte in discesa, è praticamente inutile avere una batteria più grossa.

Share this post


Link to post
Share on other sites
  • 0

E' su questo ultimo punto che ho dei dubbi .

 

Comunque non pensavo a qualcosa di  enorme, ma 1/2 kWh da mettere in parallelo  alla batteria tampone . La cui carica comanda l'accensione dell'ICE ai bassi regimi , per esempio .  Ed anche l'intervento nei transitori .

 

 

 

 

 

 


Archepensevoli spanciasentire Socing.

Share this post


Link to post
Share on other sites
  • 0
4 ore fa, stev66 scrive:

Comunque non pensavo a qualcosa di  enorme, ma 1/2 kWh da mettere in parallelo  alla batteria tampone . La cui carica comanda l'accensione dell'ICE ai bassi regimi , per esempio .  Ed anche l'intervento nei transitori .

 

Ma questo lo fa già la batteria HV esistente :) 

 

Se ci fai caso, in frenata non è che rigeneri chissà quanto.

 

E non arriva praticamente mai alla carica completa (a display, perché quella effettiva è ancora meno) nemmeno quando subentra il termico a caricarla durante la sua attività.

 

Quindi, una batteria più grossa è solo peso in più, almeno che non la si voglia trasformare in una PHEV.

 

E se vai a confrontare i consumi di una Prius normale e di una PHEV a batteria "scarica", noterai come il risultato sia simile, senza particolari vantaggi per la PHEV che ha la batteria più grossa.

 

Idem su Ioniq PHEV e normale.

Share this post


Link to post
Share on other sites
  • 0
On 23/5/2019 at 17:05, stev66 scrive:

E' su questo ultimo punto che ho dei dubbi .

 

Comunque non pensavo a qualcosa di  enorme, ma 1/2 kWh da mettere in parallelo  alla batteria tampone . La cui carica comanda l'accensione dell'ICE ai bassi regimi , per esempio .  Ed anche l'intervento nei transitori .

 

 

 

 

La Enginer vende kit  da 2/4 o 8kWh

 

On 22/5/2019 at 22:06, 1happydream scrive:

La nuova Corolla ha batterie al Litio. La procedura è valida nello stesso modo?

Si è possibile anche sulle batterie al litio.

 

 

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Answer this question...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Similar Content

    • By J-Gian
      Le ibride plug-in iniziano ad essere sotto la lente d'ingrandimento degli ecologisti e degli enti governativi: l'uso che ne viene fatto, non risulta essere conforme a quello previsto (andrebbero usate prevalentemente in elettrico) e quindi penalizza l'ambiente. 
       

      Le "ibride alla spina", si presentano con un eccellente biglietto da visita: sono auto termiche con bassissime emissioni di CO2. Questo risultato è conseguenza della curiosa procedura matematica, che da molto peso all'utilizzo in modalità elettrica.
       

       
      A beneficiare di questo "trucchetto" sono soprattutto le auto di una certa caratura (ovvero quelle più grosse, pesanti e potenti), le quali improvvisamente sembrano emettere meno anidride carbonica di quasi la totalità delle utilitarie.
       
      Ma non è tutto: al momento, vendere un'ibrida plug-in consente ai costruttori di avere un "supercredito", un bonus che consentirà di compensare le maggiori emissioni di altri veicoli inquinanti, eventualmente in gamma.

      I vantaggi però non sono solamente dal lato produttori, diversamente - visto gl'importanti costi all'acquisto - tali auto rimarrebbero in concessionaria. Essendo ritenute ecologiche, le plug-in godono d'importanti incentivi, detassazioni e vantaggi assicurativi, talvolta parcheggi gratuiti e possibilità di accesso ad area a traffico limitato. 
       
      Anche per tali ragioni, in Europa ne sono state vendute circa 220.000 nel 2019 e si stima di raggiungere le 590.000 nell'anno in corso, per arrivare a coprire una quota di mercato del 5,2 % nel 2025.
       

      Finalmente però, qualcuno d'influente si è accorto di quanto possano essere controproducenti dal punto di vista ecologico ed economico. Transport&Environment (T&E), che da anni si occupa di analisi sulla mobilità sostenibile, ha portato alla luce i controsensi di tali tipologie di veicoli: people often get plug-in hybrids as a company car for which they get fuel paid on a fuel card, but they don't get electricity paid so there's no incentive to charge" - riferisce Julia Poliscanova, direttrice di T&E.
       
       
      Quindi una semplice analisi delle carte carburante, ha dimostrato come i conducenti non ricarichino praticamente mai le batterie delle auto Plug-in (sarebbe a loro spese..), preferendo invece utilizzarle in modalità termica. Il tutto con importanti dispendi di carburante e consistenti emissioni, solitamente superiori a quelli di un'auto tradizionale.
       
      Sono infatti auto significativamente più pesanti di un'equivalente non plug-ing, quindi poco efficienti, soprattutto nel momento in cui funzionano solamente in modalità termica. La tecnologia ibrida che utilizzano poi, nella maggior parte dei casi non è delle più evolute, quindi non fornisce un'ottimizzazione sufficiente a compensare la maggiorazione della massa.
       
      Come se non bastasse, l'attuale venduto riguarda mezzi molto potenti e quindi di loro già molto energivori, scelta che probabilmente consente ai costruttori di giustificare più facilmente i listini molto alti e garantire prestazioni apprezzabili, nonostante lo svantaggio sulla bilancia.
       
       
       

      Tutte queste incongruenze hanno portato paesi come l'Olanda alla rimozione di ogni forma d'incentivazione, seguita a ruota dall'Inghilterra e probabilmente in futuro anche da altri stati.
       
      Ciò ovviamente sta terrorizzando i costruttori, perché a quanto pare le svariate forme di incentivazione, sono il "doping" che alimenta le vendite di tale tipologia di modelli, tanto dispendiosi, quanto àncora di salvezza in vista dell'introduzione del tetto dei 95 g/km di emissioni medie di CO2.
       
       
      Resto curioso di vedere come andrà a finire. Perché è abbastanza antipatico assistere a come questi mezzi, non di certo alla portata di tutti, spesso dati come benefit aziendale a personale con impieghi abbastanza ben remunerati, drenino risorse destinabili altrove, magari a fasce più penalizzate e numerose. 
       
      Il tutto senza raggiungere lo scopo d'impattare meno sull'ambiente, anzi, penalizzando utilitarie che emettono "il giusto" e che tornerebbero molto utili al rinnovo di un parco auto vetusto ed inquinante.
       
       
      Se volete approfondire, vi indico un articolo da cui ho preso spunto: https://europe.autonews.com/automakers/plug-hybrids-give-automakers-emissions-compliance-lifeline
       
    • By Touareg 2.5
      Fuori Produzione; per il Nuovo Modello cliccate sul seguente link:
      Peugeot 508 RXH Facelift 2014 (Topic Ufficiale)
















      es.autoblog - carscoop
      Press Release :
      auto.it
      Non dovrebbe essere un concept ma la versione di serie.
      Molto bella ed interessante, imho.
    • By Renault
      Vedo che nessuno ha ancora aperto il topic della nuova super monovolume di casa Toyota.
      Lo faccio io, solo per dirvi che con questo design è identica ad Ornella Vanoni.
       
       
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.