Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuto su Autopareri - il forum dell'automobile!

J-Gian

Administrator
  • Content Count

    46,127
  • Joined

  • Days Won

    24

J-Gian last won the day on April 20

J-Gian had the most liked content!

Community Reputation

6,258 Excellent

About J-Gian

  • Rank
    ADMIN
  • Birthday June 20

Profile Information

  • Car's model
    Fiat Grande Punto 1.3 M-Jet 90 CV Emotion 2006
  • City
    Treviso
  • Interessi
    Auto - Tecnica - Tecnologia - Trasporti - Scienza - Debunkin
  • Professione
    Tecnico Automotive
  • Quotes
    «Condividere la tua conoscenza è un modo per raggiungere l’immortalità»
  • Gender
    Maschio

Recent Profile Visitors

13,602 profile views
  1. Ho cancellato gli ultimi messaggi, perché trasudavano "antipatia personale". Ecco, questo cose alle persone che leggono non interessano Continuiamo a parlare di Golf 7 e delle sue caratteristiche/novità che ha portato in campo: apprezzabili o meno, ma comunque sono interessanti da conoscere.
  2. A volte aiuta, ma indirettamente. Questo perché in presenza di un cat. SCR, si gradisce installare un cat. ossidante molto performante, a monte dell'SCR. Questo cat. ossidante, ha anche lo scopo di convertire gli NO in NO2, favorendo poi il lavoro del SCR, dato che la reazione degli NO2 con l'ammoniaca è particolarmente efficace. [rif] Qualora il DPF si trovasse subito a valle del cat. ossidante, gli NO2 diventano molto utili nell'ossidazione spontanea del PM trattenuto all'interno del filtro antiparticolato. Inoltre tali sistemi ormai sono sempre più compatti, quindi ben gestibili termicamente (le temperature elevate dovute al cat. ossidante fanno comodo al DPF), ed ecco che le problematiche al filtro antiparticolato sono effettivamente molto meno frequenti, ma non del tutto scomparse. Ne insorgono altre dovute alla presenza dell'impianto AdBlue, che è più complesso ed ha molti nuovi sensori, tra cui la tanto "cara" (in tutti i sensi) sonda NOx, che talvolta si guasta. Capitano anche dei casi d'intasamento dovuti alla cristallizzazione dell'urea, che con le sue incrostazioni può ostruire alcuni passaggi.
  3. Purtroppo non possiamo farti una stima, perché solamente il carrozziere (con l'auto lì presente), potrà valutare l'entità del danno: se sia "solamente" quello, oppure se ci sia qualche danno occulto sotto, o a livello di attacchi. Quindi in base a questo valuterà se sia riparabile e verniciabile, o se occorra sostituire l'intero paraurti e parti accessorie, più verniciatura. Tieni conto che la sola verniciatura può costare qualche centinaio di euro. Se il preventivo non ti convince, fattene fare un altro da un secondo carrozziere. Poi verifica siano confrontabili, non limitarti al solo prezzo finale. Casomai mostraceli occultando l'intestazione
  4. Sul discorso consumi in inverno, avete ragione un po' tutti. Però per molti utenti il cui utilizzo dell'auto si limita a percorsi tendenzialmente brevi, la fase di riscaldamento, per quanto ormai molto accorciata, va incidere sul consumo. Se avete un'ibrida il freddo penalizza ulteriormente, sia per la resa inferiore delle batterie (incide di più su un'elettrica pura o una PHEV), ma soprattutto perché il continuo accendi/spegni del termico non giova al mantenimento della temperatura ideale di lavoro. E le necessità di confort in abitacolo (riscaldamento), vanno ad inficiare ulteriormente sul risultato, in quanto il termico segue le richieste dell'impianto di climatizzazione.
  5. A livello pratico non si può, perché l'auto dev'essere predisposta di tutta una sensoristica e centralina di gestione. Per quanto riguarda gli ipotetici costi, occorre avere i listini di tutta la ricambistica necessaria, cosa difficile da reperire. Si parla di alcune migliaia di euro comunque.
  6. Questi contengono bario, trizio, stronzio e prepuzio... E via a "sciare" nei cieli!!!1!
  7. Le razze così ampie devono essere abbastanza scomode
  8. Perché la velocità è sì costante, ma il carico varia di continuo, dato che le strade non sono mai perfettamente pianeggianti Perciò, nel momento in cui varia la richiesta di potenza, dalla sua l'ibrido può venire in soccorso con l'elettrico. Oppure - in caso di e-CVT - variare il regime in modo svincolato dalla velocità effettiva, trovando un punto di lavoro del motore più efficiente rispetto ad un auto tradizionale.
  9. Gli interni sembrano veramente curati. Fuori vabbé... Mi ricorda un po' la storia della Thesis
  10. Sono dei render 3D Chiediamo conferma ad @naviossab
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.