Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuto su Autopareri! La community italiana che dal 2003 riunisce gli appassionati di automobili e di motori

Recommended Posts

,.-

I fari autoadattivi secondo Volvo, sono dei normali xenon (quindi ottima efficienza) direzionali che sfruttano la telecamera del City Safety per orientare il fascio in maniera tale da massimizzare l'area illuminata, ed al tempo stesso non abbagliare gli altri automobilisti.

[...] Uno dei vantaggi del sistema Active High Beam Control è che consente di non doversi preoccupare di inserire e disinserire gli abbaglianti durante la guida notturna. Infatti quando si incrocia un veicolo (motocicli inclusi) che proviene dal senso di marcia opposto, o quando ci si avvicina ad un veicolo nello stesso senso di marcia, il sistema riduce automaticamente il fascio di luce quanto basta per evitarne l’abbagliamento attraverso l’uso di una telecamera sita nella parte alta del parabrezza della vettura. La stessa telecamera di cui si servono i dispositivi di frenata automatica in caso di ostacolo davanti alla vettura.

Abbinato con i fari allo xeno

Una volta che la telecamera ha individuato un veicolo vengono inviate le informazioni ad un meccanismo di proiezione posto nel fanale anteriore (allo xeno) che consente di schermare il fascio di luce quanto basta per non disturbarlo. Tale dispositivo si attiva a partire dalla velocità di 15 km/h.

Il sistema Active High Beam Control sarà disponibile sui modelli Volvo S60, V60 e XC60 a partire dalla primavera 2013.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Non è che gli abbaglianti in faccia al pedone siano una bella cosa eh... :|
Vero, ma forse in extraurbano tra il vederlo ed il rischiare d'investirlo, meglio la prima :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

infatti non è che in ambiente urbano ti metti a usare gli abbaglianti, in teoria dove c'è la possibilità che ci siano pedoni ci sono sempre i lampioni, in questo caso se ti capita l'appiedato in una strada buia meglio così asd

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Sign in to follow this  

  • Similar Content

    • By Beckervdo
      Nella primavera del 2018, Volvo Cars ha avviato un progetto pilota insieme a Taxi Gothenburg, che doveva gestire un centinaio di automobili, in primis la V90 con motori D3 e D4, alimentati con HVO100. Il tutto è andato così bene che Volvo ha annunciato in autunno che tutte le compagnie di taxi in Svezia potranno utilizzare il biodiesel rinnovabile nelle versioni D3, D4 e D5 del modello S90 e V90 dal 2018 in poi, così come il modello V60 dal 2019 in poi.
       
      Ora, sei mesi dopo, Volvo ha ricevuto un forte riconoscimento del fatto che l'HVO100 viene ben digerito dai suoi diesel. Pertanto, oggi annunciano che sarà disponibile anche per i conducenti di auto private la possibilità di rifornirsi con il Biodiesel rinnovabile l'HVO100.
       
      - Siamo soddisfatti dei buoni risultati del test con le flotte di taxi in Svezia. Pertanto, possiamo rilasciare liberamente il carburante HVO100 per i clienti privati e aziendali ", afferma Mats Andersson, Vicepresidente di Propulsion Power Systems di Volvo Cars.
       
      I modelli approvati per HVO100
      L'alimentazione con HVO100, tuttavia, non sono disponibili per tutti i modelli Volvo con motore diesel, ma solo per i modelli di auto su piattaforma SPA e CMA attualmente in produzione, ovvero XC90 dal 2015, S90, V90, V90 Cross Country dal 2016 in poi, XC60 dal 2017, V60, V60 Cross Country dal 2018 in poi e XC40 dal 2018 in poi. Le auto più vecchie con la stessa designazione del modello non devono essere riempite con HVO100.
       
      - Riteniamo molto positivo che ora possiamo offrire ai clienti che hanno un'auto Volvo con motore diesel tra i modelli attuali di poter rifornire di carburante un'alternativa senza fossili. Queste macchine hanno un sistema di alimentazione adattato alle caratteristiche leggermente diverse del carburante HVO100, afferma Mats Andersson.
       
      Emissioni più basse
      L'HVO100 omologato per il rifornimento di carburante deve essere classificato secondo lo standard europeo di carburante per il diesel paraffinico EN15940. 
      L'HVO100 riduce le emissioni di anidride carbonica dell'85-90 %. HVO, che sta per Hydatic Vegetable Oil, è anche incluso nel normale diesel ma in quantità notevolmente inferiore rispetto a HVO100 dove 100 rappresenta una quota del 100% di HVO.
       
      Via Teknikensvarld.se
    • By J-Gian
      Volvo introdurrà un sistema di videocamere in grado di riconoscere (grazie all'intelligenza artificiale) distrazioni, malori, ed altri comportamenti sbagliati da parte dei conducenti.
       
      Un utile complemento ai vari sistemi di guida assistita, affinché non si trasformino in un'arma a doppio taglio.
       
       
    • By J-Gian
      Volvo introduce la tecnologia PowerPulse sul diesel più potente, il 2.0 Drive-E da 235 CV.
       
      Il concetto è tanto semplice quanto innovativo: al fine di ridurre la latenza del turbo e quindi migliorare l'erogazione del motore, Volvo ricorre ad un mini compressore elettrico con annesso serbatoio accumulatore, concettualmente simile a quelli che potremmo acquistare in un qualsiasi negozio di ferramenta.
       
      Nel concreto tale soluzione fa sì che - conseguentemente ad una pressione del gas intermedia - la tecnologia PowerPulse agisca iniettando nel collettore di scarico del motore (flusso giallo-verde nella terza immagine) l'aria compressa stoccata in precedenza, sopperendo così all'iniziale mancanza di energia dei gas di scarico stessi.
       
      Grazie all'aria compressa, il turbocompressore (bi-stadio sequenziale in questo caso) acquista giri molto più rapidamente rispetto a quanto farebbe solamente con l'azione dei gas di scarico. In questa maniera turbo-lag e sotto-turbo vengono ridotti al minimo, garantendo una spinta corposa e soprattutto immediata, supportata da un picco di coppia di ben 480 Nm, disponibili tra i 1.750 ai 2-250 giri.
       
      L'energia elettrica usata dal compressore per caricare il serbatoio, viene compensata da quella recuperata dall'alternatore durante le frenate, garantendo quindi anche dei vantaggi energetici che si riflettono positivamente sui consumi.
       
      J-Gian
       

      Video:
       



       
       
       


       
       
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.