Jump to content
News Ticker
Benvenuto su Autopareri!

Recommended Posts

2018-c4.jpg

2018-c4-2.jpg

2018-c4-3.jpg

2018-c4-4.jpg

 

Press release:

 

Cita

Da aprile Citroën ufficializza il cambio di denominazione da “Picasso” a “SpaceTourer” per la sua gamma di monovolume. Una firma unica che identifica un’offerta globale composta da tre monovolume (C4 SpaceTourer, Grand C4 SpaceTourer e SpaceTourer), prodotti moderni e complementari, in grado di ospitare da 5 a 9 persone e che offrono un design valorizzante, un confort eccezionale e tecnologie di ultima generazione.

Citroën C4 SpaceTourer e Grand C4 SpaceTourer introducono nuovi motori Euro 6.2 e il cambio automatico di ultimissima generazione EAT8, garanzie di confort di guida ottimizzato, grandi prestazioni e costi contenuti.  Per l’Italia queste novità saranno disponibili dopo l’Estate.

 

 

UNA NUOVA FIRMA: C4 SPACETOURER E GRAND C4 SPACETOURER

Dal mese di aprile, il Marchio ufficializza la nuova denominazione commerciale SpaceTourer al posto di Picasso. Questa nuova firma unica, svelata al Salone di Ginevra, identifica un’offerta di 3 monovolume (compreso SpaceTourer) che completano l’offerta di berline e SUV, sinonimo di spazio a bordo, luminosità ed evasione senza limiti. Prodotti moderni, conviviali e familiari che permettono a conducente e passeggeri di viaggiare con un confort senza paragoni, a bordo di un veicolo dal design valorizzante, con tecnologie e motorizzazioni di ultima generazione.

C4 SpaceTourer e Grand C4 SpaceTourer beneficiano del savoir-faire di Citroën in termini di stile, spazio, modularità, praticità e benessere a bordo. Qualità che hanno già conquistato più di 500.000 Clienti e che ne fanno il leader del segmento in diversi mercati. Costruiti sulla piattaforma EMP2, propongono tecnologie utili destinate a garantire una sicurezza eccezionale e a facilitare gli spostamenti quotidiani, con un comportamento dinamico e un’efficienza ottimale

 

NUOVO CAMBIO EAT8: IL MIGLIOR COMPROMESSO TRA PERFORMANCE E PIACERE DI GUIDA

Con questi due monovolume, grazie alle nuove motorizzazioni 6.2 e al cambio di ultimissima generazione EAT8, il Marchio dimostra tutto il suo savoir-faire in termini di performance, efficienza e piacere di guida. Inizialmente associato al motore Diesel BlueHDi 160 S&S, il cambio automatico EAT8 sarà proposto anche con altre motorizzazioni nel corso dell’anno.

Concepita e sviluppata in collaborazione con lo specialista giapponese Aisin, la trasmissione automatica Efficient Automatic Transmission a 8 marce (con comandi al volante) è fluida e intuitiva. Garantisce ancora più efficienza e piacere di guida nella vita di tutti i giorni, in particolare con:

- Consumi di carburante ridotti fino al 7 % rispetto all’EAT6, grazie a 2 marce supplementari, rendimento ottimizzato con l’estensione dello Stop & Start a 20 km/h, massa ridotta e maggiore compattezza (fino a 2 kg rispetto all’EAT6).

- Un confort d’utilizzo e un passaggio di marce puntuale e preciso, resi possibili dall’ottimizzazione degli scambi di coppia tra il motore e il cambio e da 2 marce supplementari che riducono il salto di regime ad ogni cambio di rapporto.

 

CITROËN

 

Cambio di denominazione (peccato, secondo me) e nuovo cambio automatico a 8 rapporti.

Edited by Cole_90
  • I Like! 1

My cars...

Autobianchi Y10 1.1 i.e. (1992) - Fiat Bravo 1.4 T-Jet Emotion (2008) - Fiat 500 1.2 Lounge (2017) - Alfa Romeo Mito 1.4 TB GPL Super (2017)

 

Link to comment
Share on other sites

6 minuti fa, KimKardashian dice:

Mi pare di aver letto che pagavano milioni di euro alla famiglia Picasso per utilizzo del nome.

 

PSA ha sempre saputo come spendere bene i soldi dello Stato...

  • I Like! 1
  • Haha! 2

'17 Alfa Giulietta 1.6 120cv JTDm Super

'17 Alfa Giulia 2.2 150cv JTDm AT8

Link to comment
Share on other sites

8 minuti fa, mmaaxx dice:

Dei Cinesi vorrai dire, è Renault che ha partecipazioni statali


Le sovvenzioni ci sono sempre state. Ora che sono entrati i Cinesi guarda caso è arrivato il ben dell'intelletto in PSA distribuito su vari livelli. (niente diesel ibrido, niente modelli infruttuosi...)

'17 Alfa Giulietta 1.6 120cv JTDm Super

'17 Alfa Giulia 2.2 150cv JTDm AT8

Link to comment
Share on other sites

22 minuti fa, gpat dice:


Le sovvenzioni ci sono sempre state. Ora che sono entrati i Cinesi guarda caso è arrivato il ben dell'intelletto in PSA distribuito su vari livelli. (niente diesel ibrido, niente modelli infruttuosi...)

Mah insomma, stanno pompando soldi nel fallimento DS, hanno abbandonato soluzioni tecniche distintive come le idropneumatiche, non hanno benzina sopra i 1600, non hanno diesel sopra i 180cv, non hanno sviluppato l'ibrido diesel ed ora lo fa Mercedes...

 

Mi piacciono le Citroen e le Peugeot ma non posso non vedere la povertà tecnica degli scaffali PSA.

Edited by leon82
  • I Like! 2

1983 Citroen 2CV6 Charleston bordeaux/nera

2019 Citroen C3 1,2 110cv EAT6 Shine

Link to comment
Share on other sites

21 minuti fa, leon82 dice:

Mah insomma, stanno pompando soldi nel fallimento DS, hanno abbandonato soluzioni tecniche distintive come le idropneumatiche, non hanno benzina sopra i 1600, non hanno diesel sopra i 180cv, non hanno sviluppato l'ibrido diesel ed ora lo fa Mercedes...

 

Mi piacciono le Citroen e le Peugeot ma non posso non vedere la povertà tecnica degli scaffali PSA.

Effettivamente PSA  ha abbandonato le grosse cilindrate da un po ' di tempo , vedi i vari PRV V6  dal 1974 al 1998  , poi serie  DT  dalla joint-venture con la Ford, ricordo giusto alcune applicazioni di questo motore

Peugeot 407 Coupé 3.0 HDi (2009-12);

Citroën C5 Mk2 3.0 HDi (2009-13);

Citroën C6 3.0 HDi (2009-12);

Jaguar XF 3.0D (2009-15);

Jaguar XF Sportbrake 3.0D (2012-15).

Nel caso del Gruppo Ford, il motore PSA DT17 è stato incluso nella famiglia dei motori Lion AJD, assieme alla versione V8, riservata solo al colosso americano.

 

Io non ci vedo tutta questa povertà tecnica , se teniamo presente che oggi Peugeot è all'avanguardia (realmente) non come dicono le pubblicità , vedi i vari 1.2 Puretech,  sto parlando del propulsore che ha vinto il premio di “Motore dell’Anno” 2017, coronando un serie di riconoscimenti che si susseguono sin dal lancio nel 2014.

Introduzione di un filtro antiparticolato (GPF- Gasoline Particulate Filter) per ridurre le emissioni di particolato di oltre il 75% e soddisfare in anticipo le future norme Europee e Cinesi  (Euro 6d) che entreranno in vigore nel 2020.

Inoltre vorrei ricordare che il 1.5 BlueHDi 130 cv  in grado di rispettare già ora la normativa anti inquinamento Euro 6d con 3 anni di anticipo..., come del resto il 1.6 Blutech 225 cv ecc.;)

Da quanto ho capito per il momento sono pochissime le macchine che rispettano la nuova normativa 6d .....

 

La felicità è quando ciò che pensi, ciò che dici e ciò che fai sono in armonia.

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, leon82 dice:

 

Mi piacciono le Citroen e le Peugeot ma non posso non vedere la povertà tecnica degli scaffali PSA.

Povertà tecnica imbarazzante del resto.

 

1.2/1.6/1.8 benzina => tutti derivati dal Prince sviluppato con BMW (e ora in mano ai Cinesi di Brilliance)

1.5/2.0 diesel => derivati dal progetto comune con Ford.

 

Non hanno trazioni integrali, per i cambi si affidano (era ora) agli Aisin (Toyota), non hanno una gamma elettrificata (se non l'affare antiquato Mitsubishi con le batterie Duracell e la Bollore da spiaggia).
Sono una scatola che tenta di sopravvivere (meglio di alcuni gruppi italoamericani, a dire il vero) proponendo linee barocche che stanno stancando facilmente.
Senza i cinesi avrebbero chiuso da un paio d'anni.

Edited by Guest
Link to comment
Share on other sites

  • Cole_90 changed the title to Citroën Grand C4 SpaceTourer 2018
  • superkappa125 pinned this topic

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share

  • Similar Content

    • By sonicwp7
      primi muli,su S-coupè accorciata, per la futura SL





    • By Beckervdo
      Addio Flat Six aspirato, arriva il turbo e continua il PDK ad esser offerto di serie.


    • By __P
      Chi acquista una vettura del calibro della DB11 Volante sarà felice di sapere che i tecnici della Aston Martin hanno prestato grande attenzione all’LCD. Che non è la tecnologia per illuminare gli schermi nel cruscotto, ma una serie di test (LCD è l’acronimo di Life Cycle Durability) per mettere alla prova l’affidabilità e la robustezza della capote, ovvero la principale novità della DB11 Volante rispetto alla coupé da cui deriva: i tecnici del costruttore inglese hanno effettuato oltre 100.000 cicli di test in laboratorio e compresso 10 anni di utilizzo reale nell’arco di un mese, stando a quanto dichiarato dalla Aston Martin, che in questo modo vuole testare la capote e assicurarsi che rispetti gli standard qualitativi del costruttore inglese. L’Aston Martin DB11 Volante viene mostrata oggi in anteprima e sarà consegnata da fine marzo 2018, a un prezzo che in Germania sarà di 199.000 euro.
      Alla capote bastano 14 secondi per ripiegarsi
      Non a caso la DB11 Volante è la vettura scoperta più avanzata costruita dalle parti di Gaydon, secondo quanto afferma il costruttore, in grado di abbinare un comportamento su strada al livello delle migliori coupé granturismo con la sportività tipica delle Aston Martin e il fascino di una cabriolet 2+2 con la capote in tela. Il nuovo modello è basato sulla DB11 Coupé, ma al posto del tetto in metallo è presente una capote in tela con 8 strati di tessuto ripiegabile elettricamente fino a 50 km/h, comandabile attraverso un tasto nel cruscotto o il telecomando per aprire le portiere. Al motorino bastano 14 secondi per chiuderla e 16 per aprirla. La capote occupa il 20% in meno dello spazio nel bagagliaio rispetto alla vecchia DB9 Volante, basata su un telaio meno evoluto ed efficace rispetto alla DB11 Volante: la casa inglese parla di un aumento della rigidità nell’ordine del 5% e di una riduzione del peso pari a 26 chili.
      Con il V8 ha prestazioni di riferimento
      L’assenza del lunotto posteriore e dell’originale tetto a goccia rendono l’Aston Martin DB11 meno appariscentedella coupé, ma in compenso le fanno guadagnare una dose maggiore di eleganza, complice la possibilità di scegliere per la capote i colori bordeaux, nero o grigio. La cabriolet inglese è disponibile con il motore V8 biturbo 4.0 da 510 CV, adotta il cambio automatico a 8 marce (collocato al posteriore) e assicura prestazioni da sportiva vera, che secondo il costruttore inglese si riassumono nell’accelerazione 0-100 km/h in 4,1 secondi e nella velocità massima di 300 km/h. Questo nonostante pesi a secco 1.870 chili. L’equipaggiamento comprende ruote in lega da 20 pollici, il differenziale posteriore a slittamento limitato e dotazioni come la telecamera di parcheggio a 360°, utile al pari degli attacchi Isofix posteriori (al debutto su un’Aston Martin priva del tetto).
       
      da OmniAuto.it 
       
       





















       
        Spy: http://www.autopareri.com/forums/topic/61935-aston-martin-db11-volante-spy
      Versione chiusa: http://www.autopareri.com/forums/topic/60603-aston-martin-db11-2016
       

×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.