Jump to content
News Ticker
Benvenuto su Autopareri!

F1 2021 - GP Gran Bretagna - Silverstone


 Share

Recommended Posts

immagine.png.9cfaea34acc7b15dede965ec3ad0f98f.png

 

Orari
Venerdì 16 luglio
PL1 dalle 15:30 alle 16:30
Qualifiche dalle 19:00 alle 20:00

 

Sabato 17 luglio
PL2 dalle 13:00 alle 14:00
Qualifica Sprint dalle 17:30 alle 18:00

 

Domenica 18 luglio
Gran Premio a partire dalle 16:00

 

Debutto per la "Qualifica Sprint" gara di 17 giri / 30 minuti che determinerà la griglia di partenza della gara "classica" della domenica.

 

Debutto in gara per le nuove gomme Pirelli dopo il test in Austria.

 

-----

 

Orari  - Differita su TV8
Sabato 17 luglio
Qualifica Sprint dalle 20:15

 

Domenica 18 luglio
Gran Premio dalle 19:00

 

 

 

 

Edited by AleMcGir
  • I Like! 1
Link to comment
Share on other sites

  • Replies 172
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Se vince pure questa Verstappen dopo la finale di ieri si buttano tutti nella manica come Lemmings dalla disperazione

  • I Like! 2
  • Haha! 1
  • Adoro! 2

[sIGPIC][/sIGPIC]

Some critics have complained that the 4C lacks luxury. To me, complaining about lack of luxury in a sports car is akin to complaining that a supermodel lacks a mustache.

Link to comment
Share on other sites

Qualcuno potrebbe riassumere le regole del parco chiuso con Gara Sprint?

L'assetto e la mappa motore usati nelle qualifiche del venerdì potranno essere modificate sabato per la Gara Sprint?

Che interventi possono essere fatti sulla vettura fra sabato e domenica?

Per le gomme c'è totale libertà di scelta?

Link to comment
Share on other sites

Posted (edited)
21 minuti fa, AlexMi scrive:

Qualcuno potrebbe riassumere le regole del parco chiuso con Gara Sprint?

L'assetto e la mappa motore usati nelle qualifiche del venerdì potranno essere modificate sabato per la Gara Sprint?

Che interventi possono essere fatti sulla vettura fra sabato e domenica?

Per le gomme c'è totale libertà di scelta?

 

Sprint Qualifying: Pirelli spiega le regole di utilizzo delle gomme

L'azienda italiana ha chiarito i dubbi relativi all'allocazione ed alle regole di utilizzo degli pneumatici nelle 3 Sprint Qualifying. Per il GP della domenica cade l'obbligo di partire con le gomme usate per superare il Q2.

L’annuncio della Sprint Qualifying arrivato nella giornata di ieri ha destato stupore e curiosità in merito alle tre gare da 100 Km che verranno sperimentate quest’anno ed il cui risultato andrà a determinare la griglia di partenza della corsa principale della domenica.

Si tratterà di una vera e propria rivoluzione per la Formula 1, seppur in via sperimentale dato che gli organizzatori del campionato hanno deciso per il 2021 di capire come piloti, team e pubblico reagiranno a questo nuovo format.

Uno dei grandi punti interrogativi emersi dopo l’annuncio di ieri ha riguardato l’allocazione delle gomme disponibili per ogni pilota nei weekend dove la Sprint Qualifying verrà disputata. A dirimere ogni dubbio è intervenuta Pirelli.

L’azienda italiana ha specificato come a Silverstone, Monza e nel terzo appuntamento che sarà individuato in seguito i piloti potranno contare su 12 set di slick invece dei 13 previsti per i weekend “tradizionali”. Ogni pilota avrà a disposizione 6 treni di Pirelli soft, 4 treni di medie e 4 treni di hard.

Per quel che riguarda gli pneumatici da bagnato la Casa italiana fornirà 4 set di intermedie e 3 di wet, in linea con quanto avviene già adesso, ma ogni pilota potrà godere di 1 set extra di Pirelli intermedie qualora le FP1, la FP2 o la qualifica si disputi sul bagnato.

Qualora la Sprint Qualifying del sabato si dovesse disputare sotto la pioggia verrà fornito un ulteriore set addizionale di intermedie.

Per quanto concerne l'utilizzo degli pneumatici nel corso del weekend di gara, il regolamento prevede attualmente le seguenti disposizioni:

  • Prove libere: per le FP1 ciascun pilota dovrà utilizzare 2 set di libera scelta e restituirne 1 a Pirelli al termine della sessione, mentre per le FP2, prevista al sabato, i piloti avranno libera scelta sul numero di set da utilizzare.
  • Qualifiche: dovranno essere utilizzati esclusivamente pneumatici P Zero Red Soft fino ad un massimo di 5 set, di cui 1 da utilizzarsi solo in Q3. I piloti non saranno obbligati a prendere il via al Gran Premio di domenica con gli pneumatici con cui hanno superato il Q2 ma avranno scelta libera di pneumatici al via.
  • Sprint Qualifying: ciascun pilota potrà scegliere liberamente gli pneumatici da utilizzare restituendo a Pirelli il set che avrà effettuato il maggior numero di giri al termine della Sprint Qualifying. A differenza del Grand Prix della domenica, per la Sprint Qualifying non vige l’obbligo di pit-stop. Se la Sprint Qualifying si dovesse correre in condizioni di bagnato i piloti dovranno restituire un set di pneumatici wet o intermedi e Pirelli fornirà loro un extra set di pneumatici Cinturato Green Intermediate.
  • Gran Premio: dopo aver iniziato la gara con pneumatici di libera scelta, quindi senza il vincolo di partire con quelli utilizzati per superare la Q2, ciascun pilota potrà scegliere la strategia che preferisce, fermo restando l'obbligo di fare almeno un pit-stop e di utilizzare almeno due mescole diverse. Resta comunque valida, come per tutti i Gran Premi, la regola dei 2 set obbligatori indicati da Pirelli e che ciascun pilota deve tenere a disposizione per il Gran Premio.

https://it.motorsport.com/f1/news/sprint-qualifying-pirelli-spiega-le-regole-di-utilizzo-delle-gomme/6490823/

 

 

Edited by AleMcGir
Link to comment
Share on other sites

3 minuti fa, AleMcGir scrive:

 

Sprint Qualifying: Pirelli spiega le regole di utilizzo delle gomme

L'azienda italiana ha chiarito i dubbi relativi all'allocazione ed alle regole di utilizzo degli pneumatici nelle 3 Sprint Qualifying. Per il GP della domenica cade l'obbligo di partire con le gomme usate per superare il Q2.

L’annuncio della Sprint Qualifying arrivato nella giornata di ieri ha destato stupore e curiosità in merito alle tre gare da 100 Km che verranno sperimentate quest’anno ed il cui risultato andrà a determinare la griglia di partenza della corsa principale della domenica.

Si tratterà di una vera e propria rivoluzione per la Formula 1, seppur in via sperimentale dato che gli organizzatori del campionato hanno deciso per il 2021 di capire come piloti, team e pubblico reagiranno a questo nuovo format.

Uno dei grandi punti interrogativi emersi dopo l’annuncio di ieri ha riguardato l’allocazione delle gomme disponibili per ogni pilota nei weekend dove la Sprint Qualifying verrà disputata. A dirimere ogni dubbio è intervenuta Pirelli.

L’azienda italiana ha specificato come a Silverstone, Monza e nel terzo appuntamento che sarà individuato in seguito i piloti potranno contare su 12 set di slick invece dei 13 previsti per i weekend “tradizionali”. Ogni pilota avrà a disposizione 6 treni di Pirelli soft, 4 treni di medie e 4 treni di hard.

Per quel che riguarda gli pneumatici da bagnato la Casa italiana fornirà 4 set di intermedie e 3 di wet, in linea con quanto avviene già adesso, ma ogni pilota potrà godere di 1 set extra di Pirelli intermedie qualora le FP1, la FP2 o la qualifica si disputi sul bagnato.

Qualora la Sprint Qualifying del sabato si dovesse disputare sotto la pioggia verrà fornito un ulteriore set addizionale di intermedie.

Per quanto concerne l'utilizzo degli pneumatici nel corso del weekend di gara, il regolamento prevede attualmente le seguenti disposizioni:

  • Prove libere: per le FP1 ciascun pilota dovrà utilizzare 2 set di libera scelta e restituirne 1 a Pirelli al termine della sessione, mentre per le FP2, prevista al sabato, i piloti avranno libera scelta sul numero di set da utilizzare.
  • Qualifiche: dovranno essere utilizzati esclusivamente pneumatici P Zero Red Soft fino ad un massimo di 5 set, di cui 1 da utilizzarsi solo in Q3. I piloti non saranno obbligati a prendere il via al Gran Premio di domenica con gli pneumatici con cui hanno superato il Q2 ma avranno scelta libera di pneumatici al via.
  • Sprint Qualifying: ciascun pilota potrà scegliere liberamente gli pneumatici da utilizzare restituendo a Pirelli il set che avrà effettuato il maggior numero di giri al termine della Sprint Qualifying. A differenza del Grand Prix della domenica, per la Sprint Qualifying non vige l’obbligo di pit-stop. Se la Sprint Qualifying si dovesse correre in condizioni di bagnato i piloti dovranno restituire un set di pneumatici wet o intermedi e Pirelli fornirà loro un extra set di pneumatici Cinturato Green Intermediate.
  • Gran Premio: dopo aver iniziato la gara con pneumatici di libera scelta, quindi senza il vincolo di partire con quelli utilizzati per superare la Q2, ciascun pilota potrà scegliere la strategia che preferisce, fermo restando l'obbligo di fare almeno un pit-stop e di utilizzare almeno due mescole diverse. Resta comunque valida, come per tutti i Gran Premi, la regola dei 2 set obbligatori indicati da Pirelli e che ciascun pilota deve tenere a disposizione per il Gran Premio.

https://it.motorsport.com/f1/news/sprint-qualifying-pirelli-spiega-le-regole-di-utilizzo-delle-gomme/6490823/

 

 

Ok per le gomme.

Per gli assetti quando varrà il parco chiuso?

Link to comment
Share on other sites

Posted (edited)
5 minuti fa, AlexMi scrive:

Ok per le gomme.

Per gli assetti quando varrà il parco chiuso?

 

Sprint Qualifying: ecco tutto quello che non è stato detto

La F1 ha deciso un cambiamento di regolamento epocale a stagione in corso; andiamo a scoprire cosa cambierà nella gestione dei tre weekend di gara destinati al nuovo format (Silverstone, Monza più un terzo appuntamento da definire). La gara del sabato sullo Stradale di 17 giri durerò solo 25 minuti! Per i team sarà fondamentale arrivare da casa con i setup giusti perché non ci sarà tempo per lavorare alla messa a punto delle monoposto.

 

Sprint Qualifying il giorno dopo. L’annuncio congiunto di FIA e Formula 1 sull’unità di intenti che porterà all’approvazione della gara di qualifica (perché di gara si tratta) è stato subito oggetto di grande attenzione da parte degli appassionati.

Al di là del successo che il nuovo sistema di qualifica potrà riscuotere, vediamo nel dettaglio quali sono i cambiamenti che comporterà per squadre e piloti nei tre weekend che saranno disputati con questo nuovo format.

Il primo impatto sarà sulla giornata del venerdì, tradizionalmente dedicata alle prove libere. Nel 2021 le due sessioni sono state già ridotte da 90 a 60 minuti ciascuna e, considerando che nei weekend con la gara sprint ci sarà una sola sessione di free-practice, squadre e piloti avranno a disposizione una sola ora di attività in pista prima di ritrovarsi in qualifica.

Un tempo molto ridotto rispetto alle quattro ore a disposizione fino allo scorso anno, e alle tre confermate nei weekend tradizionali del 2021.

Le squadre saranno forzate a dedicare la sessione FP1 alle simulazioni di qualifica, al netto delle condizioni delle piste che spesso il venerdì mattina si presentano sporche e poco gommate, ma sarà ovviamente una difficoltà uguale per tutti.

La forte riduzione del tempo a disposizione per lavorare sull’assetto renderà ancora più cruciale la preparazione dei weekend sui sistemi di simulazione, poiché diventerà fondamentale arrivare in pista con un setup di base già buono. I cambiamenti di direzione che abbiamo spesso visto deliberare nei lunghi briefing del venerdì sera, non saranno più possibili.

Nel pomeriggio sarà la volta della sessione di qualificazione, che presenta delle novità rispetto a quella tradizionale nella gestione degli pneumatici. I piloti dovranno obbligatoriamente utilizzare mescole soft (ne avranno a disposizione 5 set) e non dovranno fare i conti nella sessione Q2 con la regola del set di gomme da dover poi utilizzare al via del Gran Premio.

Le simulazioni di gara saranno posticipate a sabato mattina, nella sessione FP2, ma sarà un turno di prove (sempre di 60 minuti) nel quale gli ingegneri avranno un margine ridotto di intervento sulle monoposto.

Al termine della qualifica scatterà infatti il regime di parco chiuso, con pochissime eccezioni concesse. I dettagli non sono ancora tutti noti e, ovviamente, saranno garantiti i ‘cooling adjustments’, ovvero le modifiche ai sistemi di raffreddamento qualora la temperatura dell’aria dovesse variare (tra venerdì e sabato) di una finestra maggiore di dieci gradi.

Restano però dei dubbi sull’attività in pista che si vedrà in questa sessione, considerando proprio l’impossibilità di poter intervenire sull’assetto delle monoposto se non con parametri che alcuni addetti ai lavori hanno definito ‘marginali’.

Soprattutto nella seconda parte di stagione, quando le squadre iniziano a dover fare i conti con i chilometraggi delle power unit, c’è da considerare la possibilità che la sessione FP2 si esaurisca con pochi run a serbatoi pieni.

Nel pomeriggio arriverà la gara di qualifica, che sarà di 16 giri a Silverstone e 17 a Monza, pista sulla quale la corsa non dovrebbe superare una durata di 25 minuti.

La dotazione di gomme sarà di dodici set complessivi per il fine settimana (2 hard, 4 medie e 6 soft), e l’utilizzo in vista delle due gare non presenta differenze rispetto a quelle già in vigore. Senza il vincolo (per i primi dieci piloti in griglia) di dover utilizzare al via del Gran Premio il set di pneumatici utilizzato in Q2, sarà lasciata libertà alle squadre di scegliere la mescola con cui prendere il via.

 

https://it.motorsport.com/f1/news/f1-sprint-qualifying-ecco-tutto-quello-che-non-e-stato-detto/6494050/

 

Qualifica Sprint F1, che cos’è, come funziona, regolamento

...

Durante i weekend con la Qualifica Sprint le squadre devono rispettare le norme da Parco Chiuso, a partire alla partenza delle Qualifiche del venerdì, dove è proibito cambiare i componenti principali delle monoposto.

L’obiettivo del Parco Chiuso è quello di evitare la costruzione di vetture speciali da qualifica, di limitare il numero di ore necessarie per la preparazione dell’auto per il giorno successivo e per consentire una sufficiente riconfigurazione delle vetture per rendere le prove libere del sabato mattina una sessione utile.

Sotto il regime di Parco Chiuso i meccanici sulle monoposto possono solo cambiare la distribuzione dei pesi, intervenire sul raffreddamento delle power unit. Il cambio potrà essere regolato modificando le uscite del cofano motore o le prese d’aria a condizione che le temperature ambientali dichiarate registrate dal fornitore di servizi meteo nominato dalla FIA un’ora prima dell’inizio delle qualifiche e un’ora prima dell’inizio della Sprint Qualifying possano variare di 10° centigradi o più.

 

https://www.newsauto.it/racing/qualifica-sprint-f1-come-funziona-regolamento-2021-313483/

Edited by AleMcGir
Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share


×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.