Jump to content

MOTOGP 2022


1happydream
 Share

Recommended Posts

Da motociclista (da strada, ovvero uno per il quale cadere non è contemplato perché significa farsi male molto se va bene, lasciarci le penne se va male) mi è venuta da fare una considerazione "tecnica", ovvero quanto sia sottile oggi il confine tra fare una curva (con un francobollo di gomma sull'asfalto) e la caduta nelle competizioni odierne ...non so se avete fatto caso al replay della scivolata di Bagnaia: gli si è chiuso lo sterzo in una frazione di frazione di frazione (la ripetizione è voluta) di secondo: umanamente impossibile da gestire anche per i fuoriclasse della motoGP, soprattutto se sei inclinato a 60 gradi.

 

Se soffri la pressione dell'avversario tendi a cadere, non è una novità nelle competizioni motociclistiche recenti (una volta restavi in piedi), ovvero da quando gli pneumatici consentono angoli di piega impensabili.

 

Se proprio bisogna fargli una colpa, sapendo del rischio al quale si va sempre più spesso incontro, direi che avrebbe dovuto far passare Bastianini, cosa per niente naturale se sei in lotta per vincere e sei il pilota della squadra che punta al titolo. 

 

Non saprei più dire se l'innovazione sulle gomme abbia ormai più aspetti positivi o negativi ...non so se rammentate la dinamica che ha scatenato l'incidente che purtroppo ha ucciso il Sic 

 

E anche su strada le gomme che oggi abbiamo a disposizione fanno cose impensabili ...se ti sai regolare sono senz'altro un vantaggio perché garantiscono grande tenuta in tutte le condizioni, ma se ti fai prendere la mano possono diventare un boomerang 

 

Scusate, sono andato un po' OT ma è una riflessione che mi è venuta naturale 

BMW Kaiserin E63 630i SMG | Renault Arkana scoiattolo ibrido | Kawasaki zanzarina Z1000SX | Ducati catenaccio Monster S2R 

Link to comment
Share on other sites

15 minuti fa, giopisca scrive:

Domanda la moto del bestia rispetto alle ufficiale quanti step di evoluzione in meno ha? Ducati pramac sono 2022 mentre ducati gresini è 2021?

 

Sì, Pramac GP22 e Gresini ultima evoluzione della GP21 (e pure il "fratello di" ha la GP22, come cliente pagante).

  • I Like! 1
Link to comment
Share on other sites

3 minuti fa, fastfreddy scrive:

Da motociclista (da strada, ovvero uno per il quale cadere non è contemplato perché significa farsi male molto se va bene, lasciarci le penne se va male) mi è venuta da fare una considerazione "tecnica", ovvero quanto sia sottile oggi il confine tra fare una curva (con un francobollo di gomma sull'asfalto) e la caduta nelle competizioni odierne ...non so se avete fatto caso al replay della scivolata di Bagnaia: gli si è chiuso lo sterzo in una frazione di frazione di frazione (la ripetizione è voluta) di secondo: umanamente impossibile da gestire anche per i fuoriclasse della motoGP, soprattutto se sei inclinato a 60 gradi.

 

Se soffri la pressione dell'avversario tendi a cadere, non è una novità nelle competizioni motociclistiche recenti (una volta restavi in piedi), ovvero da quando gli pneumatici consentono angoli di piega impensabili.

 

Se proprio bisogna fargli una colpa, sapendo del rischio al quale si va sempre più spesso incontro, direi che avrebbe dovuto far passare Bastianini, cosa per niente naturale se sei in lotta per vincere e sei il pilota della squadra che punta al titolo. 

 

Non saprei più dire se l'innovazione sulle gomme abbia ormai più aspetti positivi o negativi ...non so se rammentate la dinamica che ha scatenato l'incidente che purtroppo ha ucciso il Sic 

 

E anche su strada le gomme che oggi abbiamo a disposizione fanno cose impensabili ...se ti sai regolare sono senz'altro un vantaggio perché garantiscono grande tenuta in tutte le condizioni, ma se ti fai prendere la mano possono diventare un boomerang 

 

Scusate, sono andato un po' OT ma è una riflessione che mi è venuta naturale 

Non aveva bisogno di far passare bastianini, perchè era già abbondantemente avanti quando è caduto.

La forza dei campioni è quella di sapere quando vale la pena rischiare, e quando no, e visto il campionato 2022 fatto sino ad oggi da Bagnaia, è chiaro che ieri tutto doveva fuorchè rischiare di cadere.

  • I Like! 4
Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, nubironaSW scrive:

Ma per carità, magari è più facile che vinca il mondiale se su una squadra satellite senza la pressione di Ciabatti, Dall'Igna e Domenicali...

 

Gara molto bella per i colori Ducati, poteva essere ancora più bella, ma a Pecco gli si è chiusa la vena quando il Bestia gli ha dimostrato che ne aveva abbondantemente di più. Qui la differenza tra "lascialo andare e porta a casa 20 punti" e "sono io la primadonna, non sottrarmi i riflettori". Non bastano le vittorie, ci vogliono anche i piazzamenti per vincere un mondiale. Mir docet.

 

...ma a carene piene anche.... :-D

 

Ma basta con sta pressione di ducati...la pressione ce l'han tutti (quelli che lottano per il titolo)

pensate a fabietto che se canna la partenza poi non passa manco se le altre vanno a 3 cilindri...eppure sta li a prendere punti

2 ore fa, giopisca scrive:

Il problema è che pecco non la becco ha detto chiaramente che per lui Miller è il compagno ideale e ieri il bestia ha detto altrettanto chiaramente gli sono andato sotto per mettergli un po' di pressione

con che risultato? pecco non la becco steso

probabilmente il buon francesco da chivasso è un buon pilota ma da poche gare anno ( li sento ancora quelli che massacravano dovi per le gare no ) ma non un top rider su cui puntare per il mondiale

 

Domanda la moto del bestia rispetto alle ufficiale quanti step di evoluzione in meno ha? Ducati pramac sono 2022 mentre ducati gresini è 2021?

 

1 ora fa, fastfreddy scrive:

Da motociclista (da strada, ovvero uno per il quale cadere non è contemplato perché significa farsi male molto se va bene, lasciarci le penne se va male) mi è venuta da fare una considerazione "tecnica", ovvero quanto sia sottile oggi il confine tra fare una curva (con un francobollo di gomma sull'asfalto) e la caduta nelle competizioni odierne ...non so se avete fatto caso al replay della scivolata di Bagnaia: gli si è chiuso lo sterzo in una frazione di frazione di frazione (la ripetizione è voluta) di secondo: umanamente impossibile da gestire anche per i fuoriclasse della motoGP, soprattutto se sei inclinato a 60 gradi.

 

Se soffri la pressione dell'avversario tendi a cadere, non è una novità nelle competizioni motociclistiche recenti (una volta restavi in piedi), ovvero da quando gli pneumatici consentono angoli di piega impensabili.

 

Se proprio bisogna fargli una colpa, sapendo del rischio al quale si va sempre più spesso incontro, direi che avrebbe dovuto far passare Bastianini, cosa per niente naturale se sei in lotta per vincere e sei il pilota della squadra che punta al titolo. 

 

Non saprei più dire se l'innovazione sulle gomme abbia ormai più aspetti positivi o negativi ...non so se rammentate la dinamica che ha scatenato l'incidente che purtroppo ha ucciso il Sic 

 

E anche su strada le gomme che oggi abbiamo a disposizione fanno cose impensabili ...se ti sai regolare sono senz'altro un vantaggio perché garantiscono grande tenuta in tutte le condizioni, ma se ti fai prendere la mano possono diventare un boomerang 

 

Scusate, sono andato un po' OT ma è una riflessione che mi è venuta naturale 

Ok...ma le altre ducati (non tutte visto che Martin è abbonato alla rivista "Ghiaia") sono arrivate al traguardo...la gemella di pecco in seconda posizione :D

  • I Like! 1
  • Haha! 1

PETIZIONE 125 in Superstrada e Autostrada

La Desmosedici è una moto difficile, quando dai gas vibra e si muove, ma è una sua prerogativa perchè se non ti fai spaventare vedi che tutto funziona. [Casey Stoner]

Link to comment
Share on other sites

ferma, da quel che si dice, le vere Gp22 le hanno Pramac + Marini, il team ufficiale per volere di Bagnaia ha voluto il motore "frankestain" tra 21 e 22.

Bastianini ha una Gp21 ultimo step evolutivo di fine anno scorso.

 

secondo me è fondamentale quello che detto Pernat , ossia Bastianini (e i suoi tecnici..)hanno in tasca un contratto da driver Ducati,quindi ben pagato  e biennale,  ha quindi la certezza di avere una Gp23 factory l'anno prossimo.

Detto questo per me gli converebbe andare in Pramac, oppure al più  rimanere con Gresini, non avrebbe senso andare in factory team, dove per forza di cose andrebbe in conflitto con un Bagnaia a cui scadrà il contratto a fine anno....

 

 

  • I Like! 1

Guidatore medio di S.w. mi piacciono le auto , fumatore Light e AD INTERIM convivente... questo è nicogiraldi....

875kg - 260+ cv i numeri del mio piacere

Link to comment
Share on other sites

Posted (edited)

Intervista di zamagni a Johann Zarco... Tutto il tempo a sottolineare la sensibilità e l'intelligenza del pilota... Ma si capisce benissimo che il pilota francese si senta finito..

 

PS Martin si deve fare operare di Sindrome compartimentale... È caduto poiché non sentiva più la mano. Mi sembra assurdo che un pilota corre nel mondiale con un problema del genere senza risolverlo

Edited by 1happydream
Link to comment
Share on other sites

16 ore fa, nicogiraldi scrive:

ferma, da quel che si dice, le vere Gp22 le hanno Pramac + Marini, il team ufficiale per volere di Bagnaia ha voluto il motore "frankestain" tra 21 e 22.

Bastianini ha una Gp21 ultimo step evolutivo di fine anno scorso.

 

secondo me è fondamentale quello che detto Pernat , ossia Bastianini (e i suoi tecnici..)hanno in tasca un contratto da driver Ducati,quindi ben pagato  e biennale,  ha quindi la certezza di avere una Gp23 factory l'anno prossimo.

Detto questo per me gli converebbe andare in Pramac, oppure al più  rimanere con Gresini, non avrebbe senso andare in factory team, dove per forza di cose andrebbe in conflitto con un Bagnaia a cui scadrà il contratto a fine anno....

 

 

bagnaia è a posto per il 23\24 con ducati.

la moto di pecco è più gp22 che 21 eh...è solo il motore che ha qualche particolare in comune col 21.

che poi altrimenti non spiegherebbe ilo fatto ch eha dovuto cambiare stile di guida (parole sue) ora che l'ha capita va forte (e anch eper terra)

12 ore fa, 1happydream scrive:

Intervista di zamagni a Johann Zarco... Tutto il tempo a sottolineare la sensibilità e l'intelligenza del pilota... Ma si capisce benissimo che il pilota francese si senta finito..

 

PS Martin si deve fare operare di Sindrome compartimentale... È caduto poiché non sentiva più la mano. Mi sembra assurdo che un pilota corre nel mondiale con un problema del genere senza risolverlo

martin ha avuto diversi (troppi )acciacchi in uesti 2 anni

zarco perchè si sente finito?

  • I Like! 1

PETIZIONE 125 in Superstrada e Autostrada

La Desmosedici è una moto difficile, quando dai gas vibra e si muove, ma è una sua prerogativa perchè se non ti fai spaventare vedi che tutto funziona. [Casey Stoner]

Link to comment
Share on other sites

Posted (edited)
19 ore fa, nicogiraldi scrive:

Bastianini ha una Gp21 ultimo step evolutivo di fine anno scorso

 

in pratica simile a quella con cui Pecco ha vinto 4 gare su sei.

 

19 ore fa, nicogiraldi scrive:

quello che detto Pernat , ossia Bastianini (e i suoi tecnici..) hanno in tasca un contratto da driver Ducati

 

Ni, hanno una stretta di mano... a me farebbe un po' paura...

15 ore fa, 1happydream scrive:

Johann Zarco... Tutto il tempo a sottolineare la sensibilità e l'intelligenza del pilota... Ma si capisce benissimo che il pilota francese si senta finito..

 

Uot? Vero che ha una certa età (31?) ma insomma ultimamente ci sta dando dentro, mi sembra abbastanza costante. quest'anno due podi (3-2) e due ritiri su 7 gare.

 

Poi guardando la classifica piloti per fortuna rappresenta abbastanza bene la situazione con i 3 piloti con più podi al comando (4 A.espargaro, 3 Quarta e Bestia) poi Rins, Miller e Zarco con i 2 ducati a pari punti (Jack ha 2 secondi, Zarco un secondo ed un terzo), per cui non vedo dove Johann sia 'finito'... Forse non è in corsa per il titolo, ma è piazzato molto bene.

Edited by nubironaSW

Fiat 127 - 903 ab | Fiat Regata 100 S i.e. | Daewoo Nubira SW 1600 SX-Fiat Panda Young 750 ab ('89) | Fiat Punto Easy 1.2 Nero Tenore

Camper Adria Coral 655 Sp su Ducato Maxi 2.8 jtd 127cv

Link to comment
Share on other sites

Posted (edited)

Nel podcast di Zam si "percepisce" tra le righe la situazione di Zarco. Anzitutto perché , appunto,si focalizzano sulla sua sensibilità ed intelligenza che , a dire dello stesso Johan , sono antitetiche alla prestazione pura , oggi fondamentale in MotoGP . Lui stesso afferma che i giovani vadano forte senza sapere il perché ...e questo per me è il "nocciolo" della questione... Martin e Q20 , ma anche MM93 sanno benissimo quello che stanno facendo... Sono sempre attorno al 100%. Lui si rappresenta come il "vecchio saggio", stile Dovi, ma in realtà lo stesso Aleix ESP dimostra che si può essere attempati , veloci e RAZIONALI. Inoltre Johan dichiara molto onestamente che non pensa di essere in grado di sopportare lo STRESS di dover sempre dare il 100% 

 Infine ammette  di aver provato di  tutto x limare quei 2/3 decimi ( ha pure ingaggiato JM Bayle!), ma ha continuato a dire che Q20 e MM93 siano superiori .... Alieni... PS ciò detto è un eccellente collaudatore , e probabilmente sarà bravissimo come Team  Manager . Ma il sacro fuoco dentro (necessario x vincere) non lo ha... Guardate come guida Q20 o Aldeguer/Canet .

PS Stesso discorso si potrebbe fare x Miller che è sempre vicino al podio , ma non riesce a vincere. Però Jackass ha un altro carattere ,più Easy... meno debole

 

 

Edited by 1happydream
Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share


×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.