Jump to content
  • 0

Dopo il diesel che si fa?


whitebyzantine53

Question

Grazie a tutti per avermi accolto! Guido da quasi 8 anni una Opel Astra K 1.6 CDTI 110cavalli che ha raggiunto 144mila chilometri. Il mese scorso gli ho rifatto la distribuzione con volano e frizione (un salasso ma me lo aspettavo) in un'ottica di generale incertezza. L'auto va bene sostanzialmente e in 8 anni ha visto l'officina solo per i tagliandi e per quest'ultimo intervento, quindi tutto sommato affidabile. Dall'altro lato però vorrei sostituirla perché comincia a mostrare i segni del tempo e soprattutto perché il suo valore di mercato è ovviamente collassato. In sostanza o la cambio in questi mesi o me la tengo fino ai 200mila per poi rottamarla in concessionaria. Come profilo di guida percorro 20 22 Mila chilometri all'anno fatti di 60 percento extraurbano, 30 percento urbano 10 xcento autostrada. Non vivo in una metropoli ma in provincia e non abito in zone caotiche o con rischi relativi ai blocchi del diesel. Sarei tentato di rimanere in Opel-Stellantis continuando con la nuova Astra, sempre berlina e con il 1.5 HDi. Si possono trovare a km0 a prezzi decisamente accettabili e anche da nuove in pronta consegna lo sconto è importante. Contestualmente però temo per il futuro del diesel, non perché verrà eliminato dall'oggi al domani ma perché potrebbero introdurre extra bolli o altre misure per disincentivare ancora di più il suo acquisto. Quindi mi sono rivolto all'ibrido e ho visto la HR-V di Honda che motoristicamente mi affascina ma che non mi ha catturato più di tanto. Toyota non le amo particolarmente, così come Nissan. Cosa mi converrebbe fare? Acquistare l'Astra diesel ad in prezzo "vantaggioso" alla prima occasione o aspettare l'uscita del mild hybrid 1.2 o buttarmi su un full Hybrid? Honda è sicuramente affidabile ma ha una diffusione inesistente in Italia

Edited by whitebyzantine53
Link to comment
Share on other sites

Recommended Posts

  • 0

Tienila fino a rottamarla. Sono nella tua stessa situazione ho una C Max con 400.000 km (che va come un orologio) e sinceramente di spendere tutti quei soldi in questo periodo di incertezza non me la sentirei. 

Tra l'altro il 1.5 HDi ha problemi congeniti al serbatoio AdBlue e alla catena di distribuzione, quindi eviterei.

Se proprio devi cambiarla, col percorso e i km che fai, andrei facile di ibrido Honda o Toyota.

  • I Like! 2
Link to comment
Share on other sites

  • 0

Essendoci passato anch'io per qualcosa di simile,

 

Posto che secondo me non c'è una risposta giusta in tutti i casi (ovvero, potrebbe valere la pena tenerla ancora come pure no), la domanda da porsi è:

 

Quanto mi serve l'auto? Detto diversamente, ne ho bisogno su base quotidiana, ad es. per andare al lavoro? Se devo tenerla ferma per un intervento di riparazione anche prolungato, ho un'auto "di scorta" da usare nel frattempo?

 

Meno sei dipendente dall'auto in questione, più a mio avviso può valere la pena tenere l'auto attuale e sfruttarla fino alla fine.

 

Al contrario, più ti serve, e più ti può pesare una sua anche momentanea mancanza, più è ragionevole considerare la sostituzione.

 

In quest'ultimo caso, non mi limiterei a considerare solo Opel e Honda, ma allargherei il campo. 

Link to comment
Share on other sites

  • 0

Grazie a tutti per le risposte.

Ho possibilità di utilizzare auto in famiglia in caso di interventi di manutenzione più estensivi, ovviamente però non a tempo indeterminato. Per la sostituzione della distribuzione sono stato senz'auto per quasi 3 settimane a causa di una difficoltà nel reperimento di un componente. Purtroppo Stellantis sta lentamente dismettendo la componentistica GM e questa cosa mi sta facendo preoccupare dato che il veicolo nuovo più non è e ovviamente è entrato nella fase delle "rogne" dettate dall'età. La prima generazione di Euro 6 non è certamente paragonabile ai precedenti diesel in fatto di affidabilità e dubito che riuscirei ad arrivare a 400mila chilometri senza gravi rogne. Consideriamo che ho dovuto sostituire la distribuzione perché ormai cominciava ad esser rumorosa e il volano bimassa era praticamente al limite con 144mila chilometri di uso normale e non intenso. Relativamente all'allargwre il campo quali marchi dovrei considerare?

Link to comment
Share on other sites

  • 0

A suo tempo vissi 15 giorni degni di un film tragicomico :-).

 

La vicenda dei ricambi Opel di era GM è in effetti seccante.

 

Se consideri mild hybrid, anche le Ford (Puma e Focus), le Mazda (3 e Cx30), le Hyundai (Kona) e le Kia (Stonic e Xceed) sono interessanti.

 

Tra le ibride full compatte, in alternativa a Toyota e Honda, invece, puoi trovare qualcosa sempre in Hyundai (e sempre Kona) o Kia (Niro).

Edited by led zeppelin
Link to comment
Share on other sites

  • 0

Eventualmente qualche Audi A3 2.0 TDI o Classe A Mercedes a gasolio usata di uno o due anni?

La Bosch cp4 è stata rettificata o è ancora problematica? L'adblue in Volkswagen o Mercedes miete le stesse vittime di stellantis?La corolla non la digerisco particolarmente mentre di Honda apprezzo HR-V e Civic. Quest'ultima introvabile e decisamente costosa. La HR-V non è male anche se un po' arcaica negli interni 

Link to comment
Share on other sites

  • 0

Premettendo che l'acquisto dell'auto spesso e volentieri non segue criteri razionali, perchè ad esempio l'auto diesel di 8 anni e 144mila km, salvo imprevisti sfortunati, può tranquillamente durare altrettanti anni e altrettanti km, basta guardare le nostre strade, ma anche buttando l'occhio tra amici o colleghi.

Poi, e mi collego alla mia esperienza personale, entra in campo anche un pò di amor proprio, ovviamente se si è un po' amanti del mondo auto; lavorando tutti i giorni dalla mattina alla sera, e non parlo solo di me ma praticamente di chiunque lavora, e nel caso di chi ha posto il quesito con questo post percorre più di 20mila km in un anno, penso che sia più che fisiologico togliersi una soddisfazione comprando un'auto nuova. Parlo di soddisfazione e non di capriccio, perchè l'auto in questione ha comunque 8 anni e prossima ai 150mila km. Tra incentivi statali e il valore della sua auto indietro, credo che portarsi a casa la nuova Astra, specie con i finanziamenti che ci sono oggi, non sarebbe proprio un bagno di sangue. Tra l'altro, avendo girato da poco le concessionarie e conoscendo bene una Opel Astra del 2020 station wagon per lavoro, con il nuovo modello sarebbe proprio fare un salto nel futuro. Il nuovo corso del design Opel può non piacere o meno, dal Vizor alle linee più tese, ma visto la rottura con le precedenti generazioni, tutti i modelli non aggiornati inevitabilmente sembrano ancora più datati di quanto non siano. Poi per il discorso diesel, nell'ultimo anno c'è stata la caccia alle streghe, ma per un certo tipo di utilizzo e percorrenze mi permetto di dire che ancora non ha un'alternativa valida, poi nel caso di Astra, la motorizzazione diesel ha un ottimo automatico a 8 rapporti, che a detta dei possessori spinge bene e consuma poco… Visto l'ottimo feeling avuto con la precedente Astra e vista la percorrenza di oltre 20mila km annui, se posso permettermi un mezzo suggerimento è l'attuale Astra, che veramente mi ha colpito tanto quando l'ho vista in concessionaria.

Link to comment
Share on other sites

  • 0
58 minuti fa, nucarote scrive:

Sfrutta l'Astra fino al prossimo problemone. Se proprio vuoi cambiare andrei spedito sulla Corolla, se proprio vuoi un diesel sullo stesso costo di Corolla c'é la Golf 2.0 TDI da 115 CV appena rinnovata.

Non sottovaluterei nel caso specifico i ricambi courtesy by GM di reperibilità difficoltosa. 

 

Specialmente considerato che il mezzo in questione non è più recentissimo.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×
×
  • Create New...

 

Please, disable AdBlock plugin to access to this website.