Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuto su Autopareri! La community italiana che dal 2003 riunisce gli appassionati di automobili e di motori
  • EMERGENZA COVID-19 - E' un momento particolarmente difficile
  • ma grazie alla collaborazione di tutti
  • ne usciremo sicuramente vincitori! Nel quotidiano occorre rispettare alcune regole ed accortezze
  • ma nel mondo virtuale non c'è pericolo
  • ed Autopareri vi è virtualmente vicino ed attivo
  • per tenervi compagnia!

Recommended Posts

1792646400577722253.jpg

4432119821816237794.jpg

127656551960840147.jpg

8675148781232961796.jpg

288017438560529365.jpg

6709860752845705.jpg

20160660351504489855.jpg

WCF

Press Release :

Lamborghini Egoista – Walter De Silva's homage for Lamborghini's 50th anniversaryAn emotional moment in Sant’Agata Bolognese yesterday at the culmination of the gala celebrating Lamborghini's 50th anniversary: Walter De Silva's incredible vehicle made its entry in front of a thousand invitees, the Head of Designlb_icon1.png for the Volkswagen Group's homage to celebrating the House of the Raging Bull's half century. “I am very attached to this Italian brand, being an Italian myself. I wanted to pay homage to and think up a vehicle to underline the fact that Lamborghinis have always been made with passion, and with the heart more than the head,” said an emotional De Silva.

Indeed the Egoista, as the vehicle has been christened, is a car forged from a passion for innovationlb_icon1.png and alternative solutions, the same passion which has always set the Lamborghini brand apart. “This is a car made for one person only, to allow them to have fun and express their personality to the maximum. It is designed purely for hyper-sophisticated people who want only the most extreme and special things in the world. It represents hedonism taken to the extreme, it is a car without compromises, in a word: egoista (selfish),” De Silva further explained.

The supercar's debut was equally spectacular, with a cinematic entry announced by a trailer projected onto the nine big screens in the room. The stage was transformed into a landing strip, with a top model in a flight suit guiding the Egoista's arrival with ground crew light paddles, and the roar of the V10 engine shaking the 20-meter-tall tensioned event structure: this is the spectacle the VIP guests were treated to when Lamborghini President and CEO Stephan Winkelmann entered at the wheel of the Egoista, before inviting its creator, Walter De Silva, to join him on stage.

Concept and technology

Powered by a 5.2-liter V10 engine supplying it with 600 horsepower, the Lamborghini Egoista is an intentionally extreme and unusual vehicle with absolutely unique characteristics, created by the Volkswagen Group design teamlb_icon1.png – Alessandro Dambrosio responsible for the exterior and Stefan Sielaff for the interior, in particular. De Silva's team chose to create a single-seater, pushing all the characteristics in Lamborghini's make-up meaning pure driving pleasure, performance and style beyond their limits. The cockpit, designed like a tailor-made suit for the driver, is a removable section which, once combined with the rest of the vehicle, creates a perfect technical, mechanical and aerodynamic unit. Inspiration, as per Lamborghini tradition, once again comes from the world of aviation, and in particular the Apache helicopter, where the cockpit can be ejected in an emergency.

“The cockpit, made completely of carbon fiber and aluminum, represents a sort of survival cell, allowing the driver to isolate and protect themselves from external elements,” De Silva explained.“We kept an eye on the future when designing the Egoista, with the idea that its cockpit could have been taken from a jet aircraft and integrated into a road vehicle, to provide a different travel option.”

The design

The exterior is characterized by two fundamental aspects: its architecture, and the materials used. The design is determined by a highly muscular structure, in which empty and solid areas fit together with strength and vigor. The bodywork is dominated, on its sides, by the stylized profile of a bull preparing to charge, its horns lowered. The bull is driving towards the front wheels, conferring a futuristic dynamism and lines which are already, in themselves, highly aggressive. Naturally, this is a homage, a bold stylistic citation which can only be a reworking of the Lamborghini brand icon, the well-known raging bull. The challenge of efficiently inserting the Lamborghini symbol as an integral part of the bodywork was met courageously and artistically. The plan view reveals a trimaran profile, where the central hull forms a unique section with the cockpit, underlined by the carbon-fiber cover on the front hood.

The upper part of the vehicle does not have aerodynamic appendages, but rather flaps integrated in the bodywork profile which act automatically depending on the driving conditions. Two rear flaps activate automatically at high speeds to increase stability, while a series of air intakes on the back of the engine hood provides the cooling air flow to the powerful V10 power plant. While the front of the vehicle has a profile intended to increase downforce, the rear is fully open with the mechanics in view, reducing weight but also with the result of creating a more aggressive look. The Lamborghini Egoista's lights are more like an aircraft's than a road vehicle's. It does not have traditional headlights, rather LED clearance lights which determine its position not just on a single plane such as the road, but rather in three dimensions, as is required in airspace. Two white front lights, two red rear lights, a red flashing light in the upper part of the tail, two orange bull's eyes as side markers, and a further two lights on the roof, red on the left and green on the right, make this four-wheeled UFO unique even in the dark. Finally, hidden behind the front air intakes at the base of the join between the central body and the two side sections, are two powerful xenon headlamps, two eagle's eyes able to scan the darkness for great distances. As it is made from lightweight materials such as aluminum and carbon-fiber, the vehicle has no-walk zones, duly marked like on airliners. The parallels with the world of aeronautics do not end here, however, as the body is made from a special antiradar material, and the glass is anti-glare with an orange gradation. The rims are also made from antiradar material, flat and rough, embellished with carbon-fiber plates to improve their aerodynamics.

Interior

The cockpit's interior is extremely rational, its functionality taken to the extreme. There is a racing seat with a four-point seatbelt, each strip a different color, the airbags, and the bare minimum of instruments. The focal point of these is a head-up display, typical of jet fighters. To get out of the vehicle, the driver must remove the steering wheel and rest it on the dashboard, open the dome with an electronic command, stand up in their seat, sit down on a precise point of the left-hand bodywork, then swivel their legs 180 degrees from the inside of the cockpit to the outside of the vehicle. At this point they can set their feet down and stand up. Even in getting out of the vehicle, the Lamborghini Egoista requires a pilot more than a driver, a real top gun.

The philosophy

The Egoista contains, in Walter De Silva's opinion, all the product criteria which are part of Lamborghini's make-up. “It's as if Ferruccio Lamborghini were saying: I'm going to put the engine in the back, I don't want a passenger. I want it for myself, and I want it as I imagine it to be. It is a fanatical vehicle, Egoista fits it well.”

If Lamborghinis are cars for the few, this one goes further. It is a car for itself, a gift from Lamborghini to Lamborghini, resplendent in its solitude. The Egoista is pure emotion, Never Never Land, which no one can ever possess, and which will always remain a dream, for everyone.

Edited by Touareg 2.5

Share this post


Link to post
Share on other sites

La famosa sorpresa per il Cinquantenario? :pen:

Il nome mi fa pensare che sia una monoposto.

P.S.

Egoista, pare un “caccia”

la Lambo di De Silva

egoista.JPG
La Lamborghini “Egoista”, concept car di Walter De Silva

Una supercar estrema monoposto di concezione aeronautica: è l’omaggio del designer al Toro di Sant’Agata

PIERO BIANCO

Grande emozione, al culmine della serata di gala che ha concluso a Sant’Agata Bolognese il Grande Giro per l’Italia dedicato ai 50 anni Lamborghini. Davanti a mille invitati in scena è entrata l’incredibile concept car di Walter De Silva, omaggio al Toro del designer responsabile Stile del Gruppo Volkswagen e realizzata con Alessandro Dambrosio (esterni) e Stefan Sielaff (interni). Si chiama Egoista, pare un caccia militare. Realizzata con tecnologia aeronautica, grande impiego di carbonio e alluminio, ha flap aerodinamici orizzontali e zone “non calpestabili”, proprio come gli aerei. Può ospitare un pilota che vive esperienza da top-gun quando avvia il poderoso motore V10 da 5,2 litri. «Sono affezionatissimo a questo marchio italiano, poiché anch’io sono italiano - ha detto De Silva -. Ho immaginato un’auto con cui sottolineare che le Lamborghini sono fatte con passione e cuore, più che con la testa».

«Si tratta di un’automobile - ha aggiunto - fatta per una persona sola, per divertirsi e per esprimere la

propria personalità all’ennesima potenza. E’ pensata solo per un pubblico ipersofisticato che vuole solo le cose più estreme e più speciali al mondo. Rappresenta l’estremizzazione dell’edonismo, è una vettura senza compromessi, in una parola: egoista».

Molto scenografico il debutto della supercar, con un’irruzione da cinema annunciata da un trailer proiettato sui nove maxischermi della sala. Il palcoscenico è stato trasformato in una pista di atterraggio, una top model in tuta aeronautica a guidare l’arrivo dell’Egoista con i segnali luminosi del personale di terra, il rombo del V10 a scuotere la tensostruttura alta 20 metri: ecco che cosa hanno visto e sentito gli ospiti vip quando il presidente della Lamborghini, Stephan Winkelmann, è entrato alla guida dell’Egoista prima di invitare sul palco il suo creatore.

Il cockpit della vettura, disegnato come un abito sartoriale su misura per il pilota, è un innesto removibile che unito con il resto della macchina crea una perfetta unità tecnica, meccanica e aerodinamica. L’ispirazione, come nella tradizione Lamborghini, viene ancora una volta dal mondo dell’aviazione, in particolare dagli elicotteri Apache, dove la cabina del pilota può essere espulsa in caso di emergenza. «Il cockpit, realizzato interamente in fibra di carbonio e alluminio, rappresenta una specie di cellula di sopravvivenza che permette al pilota di isolarsi e proteggersi dagli agenti esterni», ha spiegato ancora De Silva.«Con uno sguardo al futuro, la cabina dell’Egoista potrebbe essere sganciata da un jet e innestarsi su un’automobile per seguire un altro percorso».

Edited by Regazzoni

Share this post


Link to post
Share on other sites

non mi piace la piega da Transformers che sta prendendo il design Lambo

da gazzetta.it

Le nuove auto – La Gazzetta dello Sport

Lamborghini: la concept Egoista per festeggiare i 50 anni

Milano, 11 maggio 2013

Walter de Silva, il designer italiano responsabile dello stile del Gruppo Volkswagen spiega il suo "regalo": "Auto fatta per una persona sola, per divertirsi ed esprimere la propria personalità all’ennesima potenza". L'ispirazione, come consuetudine, deriva dal mondo dell'aviazione: per uscire il pilota deve rimuovere il volante appoggiandolo sulla plancia strumenti... Come un Top Gun

Una grande bella vera “ciliegina” sulla torta dei 50 anni della Lamborghini. Ci ha pensato Walter de Silva, il designer italiano responsabile dello stile del Gruppo Volkswagen che nonostante i tanti modelli di successo realizzati non finisce di stupire. E' lui stesso a spiegare questo suo particolare "regalo" alla Lamborghini. “Sono affezionatissimo a questo marchio italiano perchè anch’io sono italiano. E ho voluto fare un omaggio e pensare ad un automobile con la quale sottolineare che le Lamborghini sono sempre state fatte con la passione e con il cuore, più che con la testa”.

egoista di nome e di fatto — E non è un caso che la concept car, perchè di questo si tratta non di un’auto vera, sia stata ribattezzata Egoista. “Si tratta di un’automobile fatta per una persona sola, per divertirsi e per esprimere la propria personalità all’ennesima potenza. Ed è pensata solo per un pubblico iper sofisticato che ama le cose più estreme e speciali al mondo. Rappresenta, dunque, l’estremizzazione dell’edonismo, è una vettura senza compromessi, in una parola: egoista” ha spiegato lo stesso De Silva. Sotto al cofano della Egoista c'è il V10 di 5200 cmc della Lamborghini Gallardo e alla realizzazione ha lavorato il team di designer del Gruppo Volkswagen coordinato da Walter De Silva e coi contributi in particolare di Alessandro D’Ambrosio, un altro italiano, per gli esterni e di Stefan Sielaff per gli interni. L’idea di base del gruppo di lavoro è stata sin da subito di progettare una monoposto, non una Formula 1, ma il riferimento alla massima espressione dell'automobilismo sportivo e ad un possibile ritorno della Casa del Toro non sembra del tutto casuale.

dagli apache alle 4 ruote — L’ispirazione, come da sempre nella tradizione di Lamborghini, è, invece, venuta dal mondo dell’aviazione, in particolare dagli elicotteri Apache, dove la cabina del pilota può essere espulsa in caso di emergenza. “Il cockpit, realizzato interamente in fibra di carbonio e alluminio, rappresenta una specie di cellula di sopravvivenza che permette al pilota di isolarsi e proteggersi dagli agenti esterni" ha poi aggiunto De Silva. “Con uno sguardo al futuro, la cabina dell’Egoista potrebbe essere sganciata da un jet e innestarsi su un automobile per seguire un altro percorso”. Entrando nei dettagli, il design della concept presenza una struttura molto muscolare, dove vuoti e pieni si incastrano con forza. Il profilo della carrozzeria è dominato, sui fianchi, dalla sagoma stilizzata di un toro in posizione di carica, con le corna abbassate. Il toro spinge verso le ruote anteriori, conferendo un dinamismo unico ad una linea già di per sé molto aggressiva. Nella parte superiore la vettura non presenta appendici aerodinamiche visibili bensì flap integrati nel profilo carrozzeria che intervengono automaticamente a seconda delle condizioni di guida.

parallelismi — L’impianto luci della Lamborghini Egoista, poi, è più simile a quello di un aereo che di un’auto. Non ha proiettori tradizionali, ma luci d’ingombro a Led finalizzate a determinarne la posizione non su un asse solo come può essere la strada, ma su tre assi come nello spazio aereo. Realizzata in materiali leggeri come alluminio e carbonio, la concept Lambo prevede zone da non calpestare, appositamente segnalate come sugli aerei. I parallelismi con il mondo aeronautico però non si fermano qui, perché la carrozzeria è realizzata con uno speciale materiale antiradar e i vetri sono antiriflesso di gradazione arancione. L’interno del cockpit è veramente razionale e portato all’estremo quanto a funzionalità. Al centro c’è un sedile racing con la cintura a quattro punti, dove ogni fascia è caratterizzata da un colore diverso, gli air bag e la strumentazione sono invece ridotti all’essenziale. Il punto focale del cockpit è l’head up display, tipico dei caccia aeronautici.

top gun? quasi — Per uscire, invece, il pilota deve rimuovere il volante appoggiandolo sulla plancia strumenti, aprire il cupolino con un comando elettrico, salire con i piedi sul sedile, sedersi sul lato sinistro della carrozzeria e quindi ruotare la gambe di 180 gradi. A questo punto può appoggiare i piedi per terra e alzarsi. Anche in questa manovra la Lamborghini Egoista pretende un pilota d’eccezione, insomma un “top gun”. L’Egoista racchiude, secondo Walter De Silva, tutti criteri che fanno parte del DNA Lamborghini. “E’ come quando Ferruccio Lamborghini disse: io il motore lo metto dietro e il passeggero non lo voglio. La voglio per me, la voglio come me la immagino io. E’ una macchina fanatica, la Egoista e il nome le calza bene”. Se è vero che le Lamborghini sono delle auto per pochi, la Egoista si spinge anche oltre, perché è un modello che forse nessuno potrà mai possedere, ma che rimarrà sempre e solo un sogno. O forse no.

Share this post


Link to post
Share on other sites

A me lascia perplesso come, da una architettura e impostazione potenzialmente molto facile da rendere filante e aggressiva sia venuta fuori un auto piuttosto sproporzionata e tozza. :pen:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma perchè???

Questa era rivoluzionaria, spregiudicata, scorbutica e fuori di testa

1-1.jpg

Ma questa sopra sembra un waffel riuscito male.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma ad ogni nuovo modello e/o concept devono tirare in ballo la similitudine coi caccia, la tecnologia aeronautica ecc?

Comunque non mi piace per niente

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'avevo già previsto e annunciato nel 3d della Veneno ma nessuno ha voluto credermi....

http://www.autopareri.com/forum/concept-anteprime/59855-lamborghini-veneno-foto-ufficiali-6.html

Gente, notizia bomba. Uomini interni del reparto R&D si sono lasciati scappare lo scoop: questo è solo il primo di 5 modelli speciali che usciranno di qui a 3 anni...

La collezione finale dovrebbe somigliare a questa...

gattiger1.jpg

P.S. A S.Agata non stanno bene.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Sign in to follow this  

  • Similar Content

    • By PaoloGTC
      E questa? Morta nel dare alla luce la Murcielàgo di Donkerworke.
      Lamborghini Canto, realizzata da Zagato, codice interno P147. Motori V12 da 5.7 litri e 6.0 litri, da 510 a 640 CV
       
       
      Ho sempre pensato che in quelle prese d'aria, una volta parcheggiato, si potessero ritirare i caschi del pilota e navigatore.
      Fine della carrellata sulle "mai nate". Al momento non ho altro.








    • By PaoloGTC
      Inauguro questo topic perchè ho visto che specifico Porsche non c'era, cominciando con una rara immagine del progetto 902, che ovviamente era variante del 901 (che come si sa, era il primo nome della 911, prima che Peugeot facesse notare di aver depositato tutti i numeri di tre cifre con lo zero al centro).
      Questa era la 902. Cos'era? Una 911 (o 901 che dir si voglia) allungata e ampliata, a quattro comodi posti.

      Proseguendo, una 924 Targa. Se non erro i tempi erano antecedenti l'avvento della 944 e della sua versione scoperta.

      E per ora chiudo con questo stranissimo muletto Porsche che apparve nel 1992 insieme alla notizia di un interessamento a Zuffenhausen per un nuovo modello spider di gamma inferiore alla 911, che si concretizzò poi ovviamente nella Boxster prima serie.
      Non saprei dire se questo accrocchio fosse un muletto di collaudo per la Boxster o una specie di laboratorio mobile per test avanzati.
      Di sicuro, di un'auto definita aveva ben poco.

×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.