Jump to content
News Ticker
Benvenuti su Autopareri!

Recommended Posts

Non c'è ancora alcun topic riguardo al nuovo 1.2 Turbo da 100 cv...

"Downsizing", ossia diminuire la cilindrata senza rinunciare ai cavalli: questa è una delle possibili strade che si possono percorrere, anche in un futuro molto prossimo, per abbassare i consumi e quindi le emissioni di anidride carbonica.

Il nuovissimo motore che Renault propone sulla sua "Clio Rip Curl", il "TCE 100 HP", segue questa filosofia: è un "1200", ma ha una potenza (100 CV) e una coppia massima (145 Nm a 3000 giri al minuto) da cilindrata superiore. Abbinato a un cambio manuale a cinque rapporti, secondo il costruttore questo "turbo" emette 139 grammi di anidride carbonica al chilometro e consuma nel ciclo combinato 5,9 litri di benzina per 100 km.

Con la stessa filosofia è stato concepito il "1.5 dCi 105 CV", che sulla "Mégane" sarà abbinato a un cambio manuale a cinque marce. Le emissioni dichiarate sono davvero basse, solo 120 grammi al chilometro.

Link to post
Share on other sites
  • Replies 22
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Interessante questo articolo in spagnolo, specie per i video che contiente...

Desde abril de 2007 el Clio se vende con un motor de gasolina de 1.149 cm³ y 101 CV (aunque su denominación comercial es 1.2 TCE 100 CV). Para hacer este motor de 1,1 l de cilindrada, Renault ha partido del bloque del motor de gasolina de la misma cilindrada que, en versión atmosférica, da 75 CV. No obstante, entre los dos motores hay diferencias de diseño y de materiales; el tipo de fundición gris es distinta.

102.jpg

Uno de los objetivos principales al hacer este motor es que su coste de desarrollo y producción fuera bajo. Por esa razón Renault ha descartado la inyección directa y utiliza un turbocompresor de una sola entrada en lugar de uno de doble entrada.

La inyección, por tanto, es indirecta. Tiene cuatro válvulas por cilindro y un árbol de levas movido por correa dentada (animación). Las válvulas de escape están rellenas de sodio para facilitar su refrigeración (animación). Los conductos de admisión provocan una turbulencia de tipo «tumble» (animación), que normalmente facilita el llenado de la cámara a regímenes medios y bajos.

El turbocompresor (de Mitsubishi Heavy Industries) es de inercia baja, con objeto de que alcance rápidamente la presión máxima (animación). Según las condiciones de funcionamiento, puede alcanzar la presión máxima (1,8 bar como valor absoluto) entre 1.500 y 2.000 rpm. La válvula de descarga está accionada mediante vacío y controlada por la centralita del motor (animación). Tiene un intercooler de aire/aire (animación).

Tiene una función de sobrepresión que permite variar la potencia del motor en un cierto margen de revoluciones, por un tiempo limitado (60 s) y en algunas marchas (segunda, tercera y cuarta). Esta función no aumenta la presión máxima (1,8 bar en cualquier caso), sino el margen de régimen en el que se mantiene una cierta presión. En este gráfico se puede ver el aumento de potencia y par, que llega a ser de un cinco por ciento en el primer caso y de un cuatro en el segundo.

El turbocompresor está refrigerado por agua (animación), hay un radiador agua/aceite (animación) y surtidores de aceite dirigidos a la parte inferior de los pistones para enfriarlos (animación).

La relación de compresión es 9,5 a 1 (9,8 en el atmosférico), más bien alta para tratarse de un motor turboalimentado de inyección indirecta.

Renault no ha ido muy lejos ni con la potencia máxima ni con el par máximo, sobre todo si lo comparamos con otros motores turboalimentados de baja cilindrada e inyección directa, como el 1,4 l de Volkswagen (hay una nueva versión con turbocompresor y sin compresor volumétrico que da 122 CV) o el 1,6 de BMW (para MINI y Peugeot). La potencia específica del 1,1 l turboalimentado es 87,9 CV/l; la presión media efectiva llega a 15,8 bar.

Como es normal, el rendimiento térmico es mucho mayor que el del motor atmosférico. Lo más interesante es que la ganancia de tendimiento se produce también con un régimen y carga bajos; es decir, en las condiciones de circulación más frecuentes (más información).

Esta versión del Clio tiene un desarrollo en quinta velocidad de 30,5 km/h cada 1.000 rpm. Es decir, tiene el mismo desarrollo que la versión 1,4 l de 98 CV. Es extraño que sea así cuando el motor de 1,2 l da la potencia máxima a un régimen inferior (5.500 rpm en lugar de 5.700 rpm) y tiene más fuerza a un régimen más bajo (el par máximo es 145 Nm a 3.000 rpm, por 127 Nm a 4.250 rpm de la versión 1,4 l de 98 CV).

Esto significa que el 1,2 l tiene unos desarrollos muy cortos, porque alcanza la velocidad máxima (184 km/h) a 6.030 rpm, muy por encima del régimen de potencia máxima.

209.jpg 210.jpg

211.jpg 212.jpg

213.jpg 214.jpg

215.jpg 216.jpg

206.jpg208.jpg

Link to post
Share on other sites
Il nuovo motore TCE è gia in vendita sulla Renault Modus e ha sostituito il 1.4 16v aspirato 100cv (vedi configuratore) entro giugno sarà disponibile pure su Clio e twingo GT

Solo in Italia allora per la Modus? Nessuna traccia in Francia e Svizzera... La prima a averlo dovrebbe essere la Twingo a giugno...

Da 05.2020 - Volvo XC40 T5 Recharge

Consumi Sprintmonitor:  <a href="http://www.spritmonitor.de/fr/detail/1075577.html" target="_blank"> <img  (cliccare per i dettagli)

 

Link to post
Share on other sites
Solo in Italia allora per la Modus? Nessuna traccia in Francia e Svizzera... La prima a averlo dovrebbe essere la Twingo a giugno...

Modus 1.2 16V 75cv

€ 11.800,00

Modus 1.5 dCi 70cv

€ 13.450,00

GRAZIA

Grazia 1.2 16V 75cv

€ 13.200,00

Grazia 1.2 TCE 100cv

€ 14.200,00

Grazia 1.5 dCi 70cv

€ 14.850,00

Grazia 1.5 dCi 85cv

€ 15.650,00

DYNAMIQUE

Dynamique 1.2 16V 75cv

€ 13.950,00

Dynamique 1.2 16V 75cv Quickshift

€ 14.900,00

Dynamique 1.2 TCE 100cv

€ 14.950,00

Dynamique 1.6 16V 110cv Proactive

€ 16.550,00

Dynamique 1.5 dCi 70cv

€ 15.600,00

Dynamique 1.5 dCi 85cv

€ 16.400,00

Dynamique 1.5 dCi 85cv Quickshift

€ 17.350,00

Dynamique 1.5 dCi 85cv FAP

€ 17.400,00

Dynamique 1.5 dCi 105cv

€ 17.600,00

Dynamique 1.5 dCi 105cv FAP

€ 18.500,00

EASY CHIC

Easy Chic 1.2 TCE 100cv

€ 16.300,00

Easy Chic 1.6 16V 110cv Proactive

€ 17.900,00

Easy Chic 1.5 dCi 85cv

€ 17.750,00

Easy Chic 1.5 dCi 85cv Quickshift

€ 18.700,00

Easy Chic 1.5 dCi 85cv FAP

€ 18.750,00

Easy Chic 1.5 dCi 105cv

€ 18.950,00

Easy Chic 1.5 dCi 105cv FAP

€ 19.850,00

questa è la gamma italiana....

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

  • Similar Content

    • By MotorPassion
      Ecco la cartella stampa ufficiale e le foto:
       

       
      Foto della piattaforma CMF-EV e del motore elettrico
       

       
      Sketch Ufficiali

       
       
       
      Allegato trovate anche il PDF Ufficiale.
       
      The Renault MÉGANE eVISION Show car.pdf

    • By Pawel72
      La storia di questo motore si può fare risalire al primo accordo, stipulato nel 1966 tra Peugeot e Renault per la progettazione e la costruzione in comune di componentistica per autovetture.
      La joint-venture scaturita da tale accordo mosse il primo passo nel 1969 a Douvrin , nelle vicinanze di Lens con il nome di Compagnie Française de Mécanique (abbreviata in FM); due anni dopo, nel 1971 si associa pariteticamente anche la Volvo con il cambio di denominazione nel definitivo PRV.
      Nello stesso stabilimento di Douvrin, verranno in seguito costruiti ed assemblati anche i motori Douvrin.
      Dopo un progetto iniziale di un motore V8 si decise di ripiegare su un più economico V6.
      Un’idea di metà anni ’30
      La progettazione di un motore V8 marchiato Peugeot prese forma da due unità impiegate sulla storica 402. Furono assemblate sullo stesso basamento, spronate da uno stesso e dedicato albero motore. Due serie di cilindri, pistoni, teste e bielle delle citate unità a quattro cilindri. Si era a metà degli anni ’30. Dopo averne definito l’ossatura, si passò alla sperimentazione su strada tramite alcuni muletti, intanto i tecnici stavano studiando un nuovo potenziale modello. Una vettura disegnata seguendo i presupposti del cosiddetto “Fuseau Sochaux”, conosciuto nel periodo, sino a dare forma a un esemplare non troppo diverso dalla già nota 402, sebbene più voluminoso. Un modello chiamato 802, considerando il tipo di cuore impiegato, come già fatto nel caso della 601 dotata di un’unità a sei cilindri. Il numero 2 segnalava la seconda generazione di queste vetture denominate con uno 0 centrale. Tutto era già definito, nome e marchiatura compresa, ma la forte somiglianza con la 402 frenò la sua introduzione, quindi scoppiò anche la guerra che bloccò ogni altra decisione.
      Che ne fu dei motori di pre serie prodotti? Probabilmente andarono tutti distrutti poco prima dell’occupazione degli stabilimenti da parte dell’esercito tedesco, per evitare che cadessero nelle mani del nemico. Uno di essi però non fece questa fine e fu ritrovato molti anni dopo all’interno di una funivia ed oggi è in bella mostra all’interno del Museo de l’Aventure Peugeot di Sochaux.
       
      Nella seconda metà degli anni cinquanta, Peugeot si era accordata con Renault per esportare le vetture dei due marchi sul suolo americano utilizzando un’unica rete di distribuzione ed assistenza. Ciò si rivelò un’impresa ardua da realizzare, soprattutto a causa della notevole diversità negli standard per dimensioni e cilindrata delle vetture europee rispetto a quelle americane.
      Peugeot decise quindi di fare un passo avanti studiando una versione “USA” della 404 che oltre a rispettare tutte le stringenti normative sulla sicurezza e sull’inquinamento (già all’epoca presenti in molti stati come la California) disponesse anche di un motore V8. Come per la 802, anche per la 404 il motore V8 fu sviluppato partendo dal quattro cilindri della 404 stessa.
       
      WM Peugeot Le Mans 1988 record di velocità 
       
      Dal 1976 al 1989 la WM è stata regolarmente in gara nella classicissima, con Welter e Meunier concentrati su quel sogno della prestazione assoluta. Il progetto 400 prese il via nel maggio del 1987, quando la più recente WM, un capolavoro di aerodinamica, con Francois Migault a volante, raggiuse l’incredibile velocità di 416 km/h sul tratto tra Saint Quentin e Laon della nuova autostrada Calais-Reims, non ancora aperta al traffico.
      È il via libera per la VM P88 che segnerà l’exploit alla 24 Ore dell’anno seguente. Aerodinamica e un “cuore” Peugeot, il V6 PRV, dotato di due turbocompressori e capace di 600 CV, sono gli ingredienti dei 405 km/h, che resterà in assoluto la massima velocità registrata a Le Mans dove, per evitare “decolli”, sono state poi introdotte le chicane sul lungo rettilineo delle Hunaudieres!
       
      Nel corso degli anni Peugeot propose i seguenti abbinamenti per le sue vetture:
       
      504 coupé e cabriolet    2.664 cm3 136 CV con alimentazione a carburatori
      504 coupé TI                 2.664 cm3 144 CV con alimentazione a iniezione meccanica
      604 SL                           2.664 cm3 136 CV con alimentazione a carburatori
      604 TI  –  STI                2.664 cm3 144 CV con alimentazione a iniezione meccanica
      604 GTI                         2.849 cm3 155 CV con alimentazione a iniezione meccanica
      505 V6                           2.849 cm3 170 CV con alimentazione a iniezione elettronica
      605 3.0 V6                     2.975 cm3 169 CV con alimentazione a iniezione elettronica
      605 3.0 V6 24V             2.975 cm3 200 CV con alimentazione a iniezione elettronica
       
      Le moteur PRV a été monté en série sur les modèles suivants :
      AMC/Renault/Eagle : Premier et Medallion. Alpine : A310, GTA et A610 Citroën : XM Dodge : Monaco DeLorean : DMC-12 Lancia : Thema Renault : R30, R25, Safrane, Laguna I, Espace II, Espace III Peugeot : 504 Coupé, 504 Cabriolet, 505, 604, 605 Talbot : Tagora SX MVS Venturi : 210, 260, 300 Atlantique et 400 GT Volvo : 264, 262C, 760, 780 https://www.passionepeugeot.it/il-progetto-8-cilindri-di-peugeot-e-il-motore-prv-v6-lotto-cilindri-mancato/
       






       

    • By J-Gian
      Assieme alla nuova Clio, Renault ha presentato anche il sistema ibrido che equipaggerà alcuni dei futuri modelli, tra cui la Clio stessa, per l'appunto.
       
      Le informazioni non sono ancora chiarissime, sappiamo che si tratta di un powertrain nuovo in cui trovano applicazione 150 brevetti. 
       
      Come unità termica, abbiamo un 1.6 aspirato dalla potenza per ora ignota, abbinato ad una trasmissione automatica a 4 rapporti. Non è specificata la tipologia di cambio, ma da ciò che si è visto nei video, la configurazione sembra essere quella tipica di un robotizzato, ma privo di frizioni: le cambiate avverranno previo un meticoloso gioco di sincronismi e riduzione di coppia dei motori.
       
      Perché solo 4 marce? Probabilmente perché verranno utilizzate principalmente in crociera, quindi rapporti equivalenti ad una 3a-4a-5a e 6a marcia. A bassa velocità, il movimento dovrebbe essere garantito da motore elettrico ad inserimento meccanico e 2 rapporti (frizione a denti dritti) che, qualora venga chiamato all'opera in movimento, subentra dopo una sincronizzazione con il resto della trasmissione.
       
      Presente, sempre all'interno della trasmissione (quello più piccolo, in alto a sinistra), anche un generatore elettrico per caricare la batteria, fornire corrente al motore elettrico in alcune fasi, avviare il termico.
       
      Secondo quanto asserito da Renault, il sistema  E-TECH Hybrid sarebbe in grado di garantire un funzionamento in modalità elettrica per l'80% delle percorrenze urbane, grazie anche ad una batteria HV da 1,2 kWh.
       
      A proposito di batteria, su alcuni modelli arriveranno anche delle versioni Plug-in Hybrid, quindi con sistema di ricarica da presa elettrica, abbinate ad una batteria HV di capacità tale da permettere percorrenze dell'ordine di qualche decina di km in modalità puramente elettrica.
       
      Aggiorneremo il messaggio quando arriveranno ulteriori informazioni.
       

       

       
       
       
       

×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.