Jump to content

Smart Escooter Concept (Foto Ufficiali)


MotorPassion

Recommended Posts

Dopo il primo assaggio dei bozzetti diramati qualche settimana fa, smart svela ufficialmente, il suo smart escooter ovvero lo scooter elettrico che il marchio tedesco presenta al al Salone di Parigi (2-17 ottobre) e che pur con due ruote in meno eredita in parte alcuni degli atout che hanno fatto la fortuna della "sorella maggiore" a quattro ruote alla quale si potrebbe affiancare nel progetto di car sharing car2go.

DESIGN SMART

Ad esempio lo stile tondeggiante e la tinta bianco/verde, che ricalca quella della smart ED e la carrozzeria, formata da pannelli in materiale plastico intercambiabili e fissati come la smart a quattro ruote su un telaio in acciaio ed alluminio. Poi ci sono tanti elementi originali, come le protezioni trasparenti ai lati dello scudo che oltre a riparare le gambe fungono da indicatori di direzione ed un sellino aggiuntivo per il passeggero che ricorda tanto quello delle Lambrette anni '60. La parte più originale è il gruppo faro-manubrio, con un voluminoso cupolino che integra il faro a LED e gli specchietti "bar end".

SCOOTER SICURO

Lo smart escooter, nelle intenzioni del marchio tedesco, sarà rivoluzionario dal punti di vista della sicurezza attiva e passiva: nel frontale è stato adottato un airbag, i freni sono dotati di sistema ABS e, come sulle sorelle maggiori Mercedes (ad esempio sulla Classe S), è presente il sistema "Blind Spot Assist" che attraverso una spia intermittente integrata nei retrovisori avverte il guidatore della presenza di altri veicoli nelle zone non visibili per evitare pericolose collisioni nei cambi di corsia.

E' ANCHE SOLARE

Tecnicamente lo smart esccoter è mosso da un motore elettrico integrato nella ruota posteriore da 4 kW che permette una velocità massima di 45 km/h, quindi è ipotizzabile che verrebbe omologato per poter essere guidato anche dai 14enni. Grazie alla batteria agli ioni di litio a 48V da 80 Ah, alloggiata all'interno della pedana poggiapiedi, l'autonomia può raggiungere i 100 km e la ricarica può essere effettuata da prese di corrente standard a 220V in 3-5 ore attraverso il connettore Mennekes posizionato al centro dello scudo anteriore. A mantenere la ricarica provvedono anche i pannelli fotovoltaici, in funzione sia da fermo che in marcia, ma l'energia viene anche recuperata durante la frenata. Dal punto di vista ciclistico le due ruote sono montate su forcella e forcellone monobraccio mentre la frenata è di tipo combinato, attraverso un freno a disco a circuito idraulico tradizionale all'anteriore e l'azione a resistenza del motore elettrico che così diventa un generatore.

SMART ESCOOTER E... SMART PHONE

Sullo smart escooter le funzioni di bordo sono delegate a smart phone tipo iPhone da fissare sul manubrio al posto della strumentazione tradizionale: attraverso una "app" si può navigare online quando si è fermi, si può controllare il livello di carica della batteria, la velocità di marcia e sfruttare le funzionalità di navigatore GPS.

Fonte: OmniAuto.it | Magazine Online del Mondo dei Motori

smart-e-scooter_158156.jpg

smart-e-scooter_158157.jpg

smart-e-scooter_158158.jpg

smart-e-scooter_158159.jpg

smart-e-scooter_158160.jpg

smart-e-scooter_158161.jpg

smart-e-scooter_158162.jpg

smart-e-scooter_158163.jpg

smart-e-scooter_158164.jpg

smart-e-scooter_158165.jpg

smart-e-scooter_158166.jpg

"Qualche emiro che compra una Ferrari lo troverò sempre. Ma se il ceto medio finisce in miseria, chi mi comprerà le Panda?"

Sergio Marchionne

 

Follow me on Instagram

Link to comment
Share on other sites

Carino! :D Stile piuttosto ricercato e piacevole.

Non capisco bene perchè l'abbiano presentato, ma vabbè.

La teoria è quando si conosce il funzionamento di qualcosa ma quel qualcosa non funziona.

La pratica è quando tutto funziona ma non si sa come.

Spesso si finisce con il coniugare la teoria con la pratica: non funziona niente e non si sa il perché.

Link to comment
Share on other sites

Questo è anche uscito carino. Quello a marchio Mini, piuttosto, mi sa tanto di cinesata con sopra dei fari simil-Mini.

Apetto di vedere anche quello.

Vero, quello Mini mi ha dato la stessa impressione.

Comunque ho il terrore che pure questo (una volta levate le fighettate da concept) non sia troppo diverso da una cosa del genere:

oxygen-lepton.jpg

La teoria è quando si conosce il funzionamento di qualcosa ma quel qualcosa non funziona.

La pratica è quando tutto funziona ma non si sa come.

Spesso si finisce con il coniugare la teoria con la pratica: non funziona niente e non si sa il perché.

Link to comment
Share on other sites

Cariiino.. le celle fotovoltaiche su scudo anteriore e parabrezza fanno molto bionave della Specie 8472. :)

Si prospettano anni difficili per i futuri genitori di 14enni. Ora sarai un "pessimo padre" anche se comprerai il motorino a tuo figlio, ma Piaggio piuttosto che Smart o Mini. :|

Alfa Romeo MiTo 1.4 MultiAir TB 135 CV TCT Distinctive, 2012

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...

 

Please, disable AdBlock plugin to access to this website.