Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuti su Autopareri! La community italiana che dal 2003 riunisce gli appassionati di automobili e di motori
  • EMERGENZA COVID-19
  • Rimanete al sicuro! Rispettate le distanze e le misure igieniche
  • Autopareri è sempre attivo e vi è virtualmente vicino per tenervi compagnia durante la fase di lockdown!
Beckervdo

ZF: automatico 8 rapporti di quarta generazione con modulo ibrido

Recommended Posts

 

Cita

 

Una trasmissione automatica, lo ZF8HP, ritenuta da molti utenti ed appassionati assolutamente spettacolare: dalla piccola vettura di segmento C, passando per i grandi SUV ed ultimamente alle sportive blasonate. Non mancano le sue applicazioni nel motorsport, così come l’utilizzo crescente nella mobilità alternativa.

ZF lancerà la sua trasmissione di quarta generazione che sarà studiata appositamente per veicoli ibridi ed elettrici. Il Gruppo ZF presenterà le sue soluzioni di mobilità di nuova generazione al prossimo Salone Internazionale dell’Auto – IAA, di Francoforte (12 – 22 Settembre 2019).

ZF inizierà a produrre la nuova trasmissione automatica a 8 marce di nuova generazione a Saarbrücken, in Germania, nel 2022. Il lancio sul mercato in Cina e negli Stati Uniti avverrà poco tempo dopo.

Una nuova costruzione modulare ed integrata

Il sistema di costruzione modulare consente azionamenti Mild-Hybrid, Full-Hybrid e Plug-in-Hybrid per raggiungere potenze elettriche tra 24 e 160 kW. L’elettronica di potenza non è più progettata come unità separata, ma è completamente integrata nell’alloggiamento della trasmissione senza aumentare le dimensioni esterne della stessa. Con una nuova centralina idraulica notevolmente più piccola, ZF ha creato lo spazio di installazione richiesto per i componenti elettrici ed elettronici.

ZF 8HP GTD 4th Generation 2022 ZF 8HP GTD 4th Generation 2022

PHEV

ZF stima che il 70% dei veicoli, entro il 2030, sarà ibrido. Ecco che lo ZF8HP di quarta generazione arriverà ad equipaggiare le future vetture, è costituito da un motore elettrico che ha una potenza massima di 160 kW e una potenza continua di 80 kW. La coppia massima, che può essere raggiunta senza azionare il motore a combustione interna, è 450 Nm, consentendo così il passaggio rapido, anche in modalità elettrica. Ciò non richiede un aumento significativo delle dimensioni della carcassa del cambio, poiché ZF fa affidamento su una nuova generazione di motori elettrici sviluppati internamente e utilizza barre di rame saldate anziché fili di rame arrotolati. Questa tecnologia, nota come “tecnica a forcina“, consente di aumentare significativamente il livello di densità in rame, il che ha un impatto decisivo sulla densità di potenza.

Mild-Hybrid e 48 V

Oltre agli ibridi plug-in con alte tensioni (circa 300 volt), anche gli ibridi leggeri avranno un ruolo importante nel prossimo decennio. Questi hanno un livello di tensione di 48 volt e consentono notevoli risparmi di CO 2 generando energia attraverso il recupero della frenata rigenerativa che può essere successivamente utilizzata come plus di potenza per il motore. Le unità a 48 V possono essere installate in diverse posizioni nella trasmissione. L’installazione sull’albero motore all’uscita del motore (“Posizione 1”) e sull’albero di ingresso cambio (“Posizione 2”) è particolarmente efficiente. La nuova generazione di ZF è adatta per entrambi i tipi di installazione. Il motore elettrico può raggiungere una potenza massima di 25 kW e quindi supportare in modo ottimale il motore a combustione interna praticamente in tutti i parametri operativi.

Elettronica di potenza

I motori elettrici devono essere controllati tramite elettronica di potenza, che converte la corrente continua dalla batteria nella corrente alternata necessaria e controlla la potenza e la velocità del motore elettrico. Nelle nuovi trasmissioni di ZF l’elettronica di potenza è inserita all’interno della trasmissione, senza necessità di box esterni. Questo rappresenta un plus per i costruttori, che potranno ibridizzare un modello già in commercio, senza stravolgerne l’architettura.

Per far ciò si è dovuto riprogettare il sistema di dissipazione del calore: nello specifico i semiconduttori di potenza, in particolare gli IGBT per il modello ad alta tensione, producono una quantità relativamente elevata di calore di scarto. Questo viene dissipato collegando l’elettronica di potenza al circuito del refrigerante dell’impianto di climatizzazione del veicolo. Tuttavia, lo sviluppo più importante è stata la notevole diminuzione delle dimensioni della centralina idraulica (meccatronica), che innesca spostamenti meccanici nella trasmissione.

L’attuale meccatronica dello ZF8HP ha un volume di fluido pari a 3.1 litri, mentre nella quarta generazione scenderà ad appena 1.8 litri. Ciò è reso possibile principalmente dall’uso di valvole a spostamento diretto. A differenza degli attuatori di pressione elettrici precedentemente utilizzati, questi attuatori elettromagnetici non richiedono più pistoni e boccole aggiuntivi.

Un’unica power-split tra motore elettrico e termico

In precedenza, sono state utilizzate due pompe dell’olio: una pompa a cella a palette molto efficiente azionata direttamente dal motore a combustione interna ed una seconda pompa elettrica e / o memoria a impulsi per il funzionamento elettrico. In futuro, verrà utilizzata una singola pompa split-power.

Quando il motore a combustione interna viene spento, viene azionato da un piccolo motore elettrico direttamente collegato ad esso. I meccanismi del nuovo sistema di trasmissione contribuiscono anche a un funzionamento ibrido efficiente.

Sebbene il corpo della trasmissione rimanga lo stesso, con quattro gruppi di ingranaggi planetari e cinque elementi del cambio, l’efficienza è stata ulteriormente aumentata regolando con precisione la potenza di attrito.

 

 

Via BMWNews

  • I Like! 8
  • Thanks! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

non posso che essere d'accordo, l'8HP (ignoro la versione) che monta la mia M140 è uno spettacolo. Così come quello che monta la 530d di mio fratello, che presumo essere la prima serie di questo cambio.

Share this post


Link to post
Share on other sites

... 

Mi pare di aver letto che FCA ha fatto un'ordine gigante molto vicino a quello di BMW 

Edited by pixhell

Non ti curar di loro, ma sgomma e sorpassa....

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, gilerak scrive:

Ma anche la versione attuale prevede l'elettrificazione...

 

Si, per esempio in versione di 530e o 745e

Share this post


Link to post
Share on other sites

Qualche anima pia mi chiarisce il discorso del raffreddamento dell'elettronica? Non ho capito come funziona

☏ SM-A530F ☏

Share this post


Link to post
Share on other sites
On 8/7/2019 at 10:07, Beckervdo scrive:

Non sbagli, ma questa evoluzione è più compatta ed ha motori più potenti all'interno.

Ma questa attuale o la nuova finirà su Giulia/Maserati/Jeep? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 ore fa, milalor scrive:

Qualche anima pia mi chiarisce il discorso del raffreddamento dell'elettronica? Non ho capito come funziona

☏ SM-A530F ☏
 

Ha un raffreddamento a liquido, anziché ad aria o con corpi alettati. Un po' come sta accadendo su alcuni desktop ad elevate prestazioni che hanno l'elettronica raffreddata a liquido.

5 ore fa, KimKardashian scrive:

Ma questa attuale o la nuova finirà su Giulia/Maserati/Jeep? 

Prima sui nuovi modelli Ibridi, poi piano piano entrerà anche sui modelli "convenzionali".

La prima in BMW a montarla dovrebbe esser la 520d G30 LCI e le 545e

  • Thanks! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 ore fa, KimKardashian scrive:

Ma questa attuale o la nuova finirà su Giulia/Maserati/Jeep? 

 

Certo! Ma solo dopo il 2022...

Edited by severinsch

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Similar Content

    • By J-Gian
      Le ibride plug-in iniziano ad essere sotto la lente d'ingrandimento degli ecologisti e degli enti governativi: l'uso che ne viene fatto, non risulta essere conforme a quello previsto (andrebbero usate prevalentemente in elettrico) e quindi penalizza l'ambiente. 
       

      Le "ibride alla spina", si presentano con un eccellente biglietto da visita: sono auto termiche con bassissime emissioni di CO2. Questo risultato è conseguenza della curiosa procedura matematica, che da molto peso all'utilizzo in modalità elettrica.
       

       
      A beneficiare di questo "trucchetto" sono soprattutto le auto di una certa caratura (ovvero quelle più grosse, pesanti e potenti), le quali improvvisamente sembrano emettere meno anidride carbonica di quasi la totalità delle utilitarie.
       
      Ma non è tutto: al momento, vendere un'ibrida plug-in consente ai costruttori di avere un "supercredito", un bonus che consentirà di compensare le maggiori emissioni di altri veicoli inquinanti, eventualmente in gamma.

      I vantaggi però non sono solamente dal lato produttori, diversamente - visto gl'importanti costi all'acquisto - tali auto rimarrebbero in concessionaria. Essendo ritenute ecologiche, le plug-in godono d'importanti incentivi, detassazioni e vantaggi assicurativi, talvolta parcheggi gratuiti e possibilità di accesso ad area a traffico limitato. 
       
      Anche per tali ragioni, in Europa ne sono state vendute circa 220.000 nel 2019 e si stima di raggiungere le 590.000 nell'anno in corso, per arrivare a coprire una quota di mercato del 5,2 % nel 2025.
       

      Finalmente però, qualcuno d'influente si è accorto di quanto possano essere controproducenti dal punto di vista ecologico ed economico. Transport&Environment (T&E), che da anni si occupa di analisi sulla mobilità sostenibile, ha portato alla luce i controsensi di tali tipologie di veicoli: people often get plug-in hybrids as a company car for which they get fuel paid on a fuel card, but they don't get electricity paid so there's no incentive to charge" - riferisce Julia Poliscanova, direttrice di T&E.
       
       
      Quindi una semplice analisi delle carte carburante, ha dimostrato come i conducenti non ricarichino praticamente mai le batterie delle auto Plug-in (sarebbe a loro spese..), preferendo invece utilizzarle in modalità termica. Il tutto con importanti dispendi di carburante e consistenti emissioni, solitamente superiori a quelli di un'auto tradizionale.
       
      Sono infatti auto significativamente più pesanti di un'equivalente non plug-ing, quindi poco efficienti, soprattutto nel momento in cui funzionano solamente in modalità termica. La tecnologia ibrida che utilizzano poi, nella maggior parte dei casi non è delle più evolute, quindi non fornisce un'ottimizzazione sufficiente a compensare la maggiorazione della massa.
       
      Come se non bastasse, l'attuale venduto riguarda mezzi molto potenti e quindi di loro già molto energivori, scelta che probabilmente consente ai costruttori di giustificare più facilmente i listini molto alti e garantire prestazioni apprezzabili, nonostante lo svantaggio sulla bilancia.
       
       
       

      Tutte queste incongruenze hanno portato paesi come l'Olanda alla rimozione di ogni forma d'incentivazione, seguita a ruota dall'Inghilterra e probabilmente in futuro anche da altri stati.
       
      Ciò ovviamente sta terrorizzando i costruttori, perché a quanto pare le svariate forme di incentivazione, sono il "doping" che alimenta le vendite di tale tipologia di modelli, tanto dispendiosi, quanto àncora di salvezza in vista dell'introduzione del tetto dei 95 g/km di emissioni medie di CO2.
       
       
      Resto curioso di vedere come andrà a finire. Perché è abbastanza antipatico assistere a come questi mezzi, non di certo alla portata di tutti, spesso dati come benefit aziendale a personale con impieghi abbastanza ben remunerati, drenino risorse destinabili altrove, magari a fasce più penalizzate e numerose. 
       
      Il tutto senza raggiungere lo scopo d'impattare meno sull'ambiente, anzi, penalizzando utilitarie che emettono "il giusto" e che tornerebbero molto utili al rinnovo di un parco auto vetusto ed inquinante.
       
       
      Se volete approfondire, vi indico un articolo da cui ho preso spunto: https://europe.autonews.com/automakers/plug-hybrids-give-automakers-emissions-compliance-lifeline
       
    • By Touareg 2.5
      Fuori Produzione; per il Nuovo Modello cliccate sul seguente link:
      Peugeot 508 RXH Facelift 2014 (Topic Ufficiale)
















      es.autoblog - carscoop
      Press Release :
      auto.it
      Non dovrebbe essere un concept ma la versione di serie.
      Molto bella ed interessante, imho.
    • By MikeMito
      Update 13.05.2020
       
       

       

       

       

       

       
       
      Update 06.03.2020
       


       

       

       

       
       
      Update 20.02.2020
       
       
       
      Update 20.11.2019

      Spy photos ufficiali ⤵️


       



       

       

       

       

       
       
      Update 03.10.2019
       
       

×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.