Vai al contenuto
Autopareri news
  • Benvenuto su Autopareri - il forum dell'automobile!
  • Autopareri era presente al Salone di Ginevra 2019 nelle giornate stampa del 5-6 marzo
  • Guarda le numerose immagini e video sulla nostra pagina Facebook!
ninja750

Cosa ne pensano gli autopareristi dei paddle del cambio sul volante?

L'utilità dei paddle secondo gli autopareristi  

38 voti

  1. 1. Come valuti l'utilità del paddle del cambio?

    • Utile
      23
    • Poco utile
      11
    • Inutile
      4


Messaggi Raccomandati

Posso mettere la leva in posizione M/S ma l'avrò fatto 3 volte in un anno. Se è automatico, che faccia lui e lo ZF8 fa bene. :D 

  • Mi Piace 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Inviato (modificato)

A mio avviso i paddle sono utilissimi nella guida sportiva, nella guida tranquilla sono invece davvero un impiccio, così come utilizzare la leva del cambio automatico in manuale (anche in guida sportiva). 

Per cui su auto normali o senza alcuna velleità corsaiola, averli sarebbe effettivamente superfluo, lasciando la possibilità di inserimento manuale delle marce dalla leva del selettore del cambio.

 

Un appunto sui paddle. Trovo esteticamente molto più belli quelli in alluminio che ho sulla Maserati (quelli solidali con il piantone per capirci), ma preferisco di gran lunga quelli BMW che sono solidali con il volante, che trovo molto più facili da gestire in curva, oltretutto li trovo perfetti anche come dimensione ed impugnatura. Parlo dei paddle montati sui volanti M performance, i paddle dei cambi DKG BMW sono brutti e troppo "smilzi". Esteticamente sembrano buttati lì.

 

Penso sia una questione di abitudine, ma con la Maserati quando mi diverto un po', all'inizio mi trovo sempre spiazzato quando ti trovi con il volante "curvato" a 90 gradi a devi scalare o salire di marcia, poiché devi staccare una delle due mani in presa.

Modificato da VuOtto

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
1 hour ago, VuOtto said:

A mio avviso i paddle sono utilissimi nella guida sportiva, nella guida tranquilla sono invece davvero un impiccio, così come utilizzare la leva del cambio automatico in manuale (anche in guida sportiva). 

Per cui su auto normali o senza alcuna velleità corsaiola, averli sarebbe effettivamente superfluo, lasciando la possibilità di inserimento manuale delle marce dalla leva del selettore del cambio.

 

Un appunto sui paddle. Trovo esteticamente molto più belli quelli in alluminio che ho sulla Maserati (quelli solidali con il piantone per capirci), ma preferisco di gran lunga quelli BMW che sono solidali con il volante, che trovo molto più facili da gestire in curva, oltretutto li trovo perfetti anche come dimensione ed impugnatura. Parlo dei paddle montati sui volanti M performance, i paddle dei cambi DKG BMW sono brutti e troppo "smilzi". Esteticamente sembrano buttati lì.

 

Penso sia una questione di abitudine, ma con la Maserati quando mi diverto un po', all'inizio mi trovo sempre spiazzato quando ti trovi con il volante "curvato" a 90 gradi a devi scalare o salire di marcia, poiché devi staccare una delle due mani in presa.

 

 

Discorso interessante. Quasi tutte le auto serie da pista hanno i paddles solidali al volante, i paddles su;l piantoni invece sono molto più' belli ma meno pratici. Tuttavia, non sono quanto siano lunghi quelli di Ghibli, nel mio caso , in pista con 488, GT-R e Vantage, ricordo che l' istruttore in certi frangenti mi ha insegnato a cambiare con il mignolo 🤣

  • Mi Piace 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Inviato (modificato)

Discorso interessante, perché nella mia esperienza con la modestissima Smart Roadster con i piccoli paddle solidali al volante, mi trovo ad usare la leva per cambiare in curva, perché il paddle finisce troppo in alto o in mezzo alle gambe e non lo segueo con la mano, ma per abitudine con i cambi manuali trovo più velocemente la leva del cambio in basso.

 

Pensavo per questo motivo che le varie Alfa e Maserati avessero quei bei lunghi paddle fissi sul piantone, in modo da poterli agevolmente utilizzare anche quando il volante è molto ruotato, ma sempre li li trovi.

 

Modificato da xtom
  • Mi Piace 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
5 hours ago, xtom said:

Discorso interessante, perché nella mia esperienza con la modestissima Smart Roadster con i piccoli paddle solidali al volante, mi trovo ad usare la leva per cambiare in curva, perché il paddle finisce troppo in alto o in mezzo alle gambe e non lo segueo con la mano, ma per abitudine con i cambi manuali trovo più velocemente la leva del cambio in basso.

 

Pensavo per questo motivo che le varie Alfa e Maserati avessero quei bei lunghi paddle fissi sul piantone, in modo da poterli agevolmente utilizzare anche quando il volante è molto ruotato, ma sempre li li trovi.

 

 

Nella guida in pista (e nella guida  su strada a parte alcune eccezioni) non dovresti mai muovere le mani dalla posizione 9:15. Per questo i paddles solidali al volante sono la soluzione ottimale. 

  • Mi Piace 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
7 ore fa, poliziottesco scrive:

 

Nella guida in pista (e nella guida  su strada a parte alcune eccezioni) non dovresti mai muovere le mani dalla posizione 9:15. Per questo i paddles solidali al volante sono la soluzione ottimale. 

 

Esatto, solo che in strada, soprattutto in città, con uno sterzo non molto diretto ti trovi a fare delle curve che ti costringerebbero ad incrociare le braccia, tipo tornante di Montecarlo sulle F1, per cui le mani si spostano sul volante per comodità. A quel punto se sei in accelerazione, anche solo modesta, con passaggio da prima a seconda, il paddle potrebbe essere scomodo da raggiungere.

 

Comunque è questione di una lunga serie di fattori, tra cui tipologia d'auto, tipologia di strada, abitudini di guida.

  • Mi Piace 2

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Tutto vero quello che dite. Poi bisogna anche tener presente come uno si è abituato a guidare. Io sono passato dal cambio manuale a quello automatico con la BMW quindi magari mi trovo meglio con i paddle al volante poiché il "battesimo" l'ho avuto con quelli. Penso che sia un fattore che incide molto.

 

 

  • Mi Piace 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere iscritto per commentare e visualizzare le sezioni protette!

Crea un account

Iscriviti nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Contenuti simili

    • Da Pawel72
      Premetto che non sono un ingegnere .., però mi affascina enormemente la storia dell'automobile e tutte le invenzioni  ..., mi sono documentato un po' , in rete si rtrovano comunque articoli interessanti in merito.
      Se avete qualche informazioni , curiosità  ecc, postate senza scrupoli ...
       
      L'invenzione del cambio automatico risale al 1904 e precisamente ai fratelli Sturtevant di Boston. Il rudimentale sistema proponeva due marce, una per le basse velocità ed una per le alte.L'automatismo che permetteva di passare da un rapporto all'altro era basato su dei pesanti volani in metallo che, in base alla velocità di marcia, andavano ad innestare la marcia alta o bassa. In quegli anni la metallurgia non era molto precisa e di conseguenza, gli innesti delle marce avvenivano con modalità e tempi differenti e senza preavviso. Nel 1908 fu Henry Ford ad ottenere un inaspettato successo con il rivoluzionario modello 'T'. La vettura, oltre ad essere economica ed affidabile per gli standard di quel tempo, era equipaggiata con un cambio automatico a due rapporti più retromarcia. Il cambio marcia avveniva con l'ausilio di pedali comandati dal guidatore. Nel 1934, furono la REO e la General Motors a sviluppare una trasmissione semi-automatica, meno difficile da gestire di una unità completamente manuale. Il sistema, denominato "Sistema automatico di sicurezza", darà un notevole apporto per lo sviluppo futuro dei servomeccanismi idraulici, utilizzati per l'innesto automatico dei rapporti durante la marcia del veicolo. La Chrysler, negli anni 30, fu l'unica a studiare e realizzare il "giunto a fluido" che permetteva di mantenere la marcia inserita anche a veicolo fermo. Nel 1939 la General Motors divenne il primo produttore in serie della trasmissione automatica Hydra-Matic.
      In un'epoca in cui  i cambi automatici erano in fase pionieristica, la Peugeot 402 (1935) automatica fu la prima vettura del Vecchio Continente a montare un cambio automatico veramente valido, cambio elettromagnetico Cotal a 4 rapporti realizzato da Gaston Fleischel, uno dei più valenti pionieri nell'ambito appunto delle trasmissioni automatiche.
       
      http://www.mctrasmissioni.it/storia.htm
       
       

       

      GM Hydramatic 6L80/90

    • Da crabble
      http://www.autoevolution.com/news/chevrolet-says-the-camaro-zl1-s-10-speed-automatic-is-faster-than-porsche-s-pdk-107388.html#
×

INFORMAZIONE IMPORTANTE

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Termini e condizioni di utilizzo.