Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuti su Autopareri! La community italiana che dal 2003 riunisce gli appassionati di automobili e di motori
  • EMERGENZA COVID-19
  • Rimanete al sicuro! Rispettate le distanze e le misure igieniche
  • Autopareri è sempre attivo e vi è virtualmente vicino per tenervi compagnia durante la fase di lockdown!
Gengis26

Ibridi P0 (Mild-Hybrid) - Veleggiamento e curiosità

Recommended Posts

Salve ragazzi, 

Ho un dubbio. Nelle vetture mild hybrid P0, quindi quelle con il BiSG, è possibile "veleggiare" spegnendo il termico fino ad un massimo in alcuni casi di 40 secondi. 

In queste vetture l'alternatore/motore elettrico è direttamente connesso tramite cinghia e non può essere scollegato.

Dunque l'unico motore che ho per scollegare ruote e motore è di fatto la frizione? E' per questo che il mild di fiat fa mettere il cambio in folle per veleggiare, giusto? Non esiste altro modo?
 

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Gengis26 scrive:

Dunque l'unico modo che ho per scollegare ruote e motore è di fatto la frizione? E' per questo che il mild di fiat fa mettere il cambio in folle per veleggiare, giusto? Non esiste altro modo?

 

Esatto, se vuoi far spegnere il motore, devi mettere in folle (non basta premere la frizione) e devi essere al di sotto di una certa velocità, stabilita da costruttore.

 

Se invece hai il cambio automatico, le auto che sono predisposte per il veleggiamento fanno aprire la/le frizione (se DSG), oppure mettono in folle al rilascio del gas, eventualmente facendo spegnere il motore al di sotto di certe velocità.

 

Il senso è quello di sfruttare in decelerazione, l'energia cinetica accumulata in precedenza, ed al contempo spegnere il motore in quanto inutile in quella fase (non andrebbe nemmeno in cut-off, salvo alcune Suzuki).

  • Thanks! 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Da ciò si capisce bene come un mild renda meglio con un cambio automatico. Ti ringrazio, fortunatamente avevo compreso il discorso, ma questa è una conferma!

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 minuti fa, Gengis26 scrive:

Da ciò si capisce bene come un mild renda meglio con un cambio automatico. Ti ringrazio, fortunatamente avevo compreso il discorso, ma questa è una conferma!

 

E quello che pensavo anch'io, però se si vanno a prendere i dati tipo quelli della nuova Suzuki Ignis l'automatica emette molta più CO2 della manuale con lo stesso sistema ibrido, come mai questa cosa?

  • I Like! 1

BYE BYE!

Share this post


Link to post
Share on other sites
21 minuti fa, J-Gian scrive:

 

Il senso è quello di sfruttare in decelerazione, l'energia cinetica accumulata in precedenza, ed al contempo spegnere il motore in quanto inutile in quella fase (non andrebbe nemmeno in cut-off, salvo alcune Suzuki).

In rilascio le auto moderne vanno sempre in cut-off (carburante a zero), il problema è che in quel modo hai freno motore che fa rallentare troppo l'auto e non permette di far durare a lungo il trascinamento, come invece avviene con il veleggiamento.

  • I Like! 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
22 minuti fa, AlexMi scrive:

In rilascio le auto moderne vanno sempre in cut-off (carburante a zero), il problema è che in quel modo hai freno motore che fa rallentare troppo l'auto e non permette di far durare a lungo il trascinamento, come invece avviene con il veleggiamento.

 

Infatti ;) 

 

Il riassunto è che se vuoi andare in folle (per fare più strada) senza consumare, tocca scollegare far spegnere il motore.

  • Thanks! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
On 23/3/2020 at 11:46, J-Gian scrive:

 

Esatto, se vuoi far spegnere il motore, devi mettere in folle (non basta premere la frizione) e devi essere al di sotto di una certa velocità, stabilita da costruttore.

 

Se invece hai il cambio automatico, le auto che sono predisposte per il veleggiamento fanno aprire la/le frizione (se DSG), oppure mettono in folle al rilascio del gas, eventualmente facendo spegnere il motore al di sotto di certe velocità.

 

Il senso è quello di sfruttare in decelerazione, l'energia cinetica accumulata in precedenza, ed al contempo spegnere il motore in quanto inutile in quella fase (non andrebbe nemmeno in cut-off, salvo alcune Suzuki).

 

In termini di "durata" del motore è meglio lo spegnimento o il cut-off?

Scusate è una domanda banale da profano.


Un popolo che ignora il proprio passato non saprà mai nulla del proprio presente. Indro Montanelli

 

Follow me on Instagram

Share this post


Link to post
Share on other sites
10 minuti fa, MotorPassion scrive:

In termini di "durata" del motore è meglio lo spegnimento o il cut-off?

Scusate è una domanda banale da profano.

 

Difficile dire cosa sia meglio o peggio, perché tipicamente un motore nato per spegnersi e riavviarsi di frequente, non dovrebbe soffrire di problematiche, perché sono state considerate tutte le accortezze del caso. Pensa ai motori Toyota ad esempio, che sulle ibride si accendono e spengono di continuo.

 

Se invece provi a fare la stessa cosa artificiosamente (spegnendo ed accendendo tu, con la chiave), con un motore di un'auto di 10 anni fa, spegnendolo nel momento sbagliato (es. dopo una bella tirata), alla lunga potresti compromettere qualcosa, specie se si tratta di un motore turbocompresso.

  • I Like! 1
  • Thanks! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
10 minuti fa, MotorPassion scrive:

 

In termini di "durata" del motore è meglio lo spegnimento o il cut-off?

Scusate è una domanda banale da profano.

Con lo spegnimento hai una successiva accensione in più, che però nelle vetture mild hybrid è nella loro natura e non logora in nessun modo la meccanica e la sua durata.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

Quindi riassumento:

 

Cut-off è presente su tutte le auto in fase di rilascio, personalmente lo uso spesso come soluzione per ridurre i consumi.

Inoltre viene usato come sistema nelle mild-hybrid.

 

Lo spegnimento del motore avviene sempre sulle full-hybrid e nel caso dell'ibrido Fiat presente su 500/Panda/Ypsilon.

 

Edited by MotorPassion

Un popolo che ignora il proprio passato non saprà mai nulla del proprio presente. Indro Montanelli

 

Follow me on Instagram

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Similar Content

    • By J-Gian
      Le ibride plug-in iniziano ad essere sotto la lente d'ingrandimento degli ecologisti e degli enti governativi: l'uso che ne viene fatto, non risulta essere conforme a quello previsto (andrebbero usate prevalentemente in elettrico) e quindi penalizza l'ambiente. 
       

      Le "ibride alla spina", si presentano con un eccellente biglietto da visita: sono auto termiche con bassissime emissioni di CO2. Questo risultato è conseguenza della curiosa procedura matematica, che da molto peso all'utilizzo in modalità elettrica.
       

       
      A beneficiare di questo "trucchetto" sono soprattutto le auto di una certa caratura (ovvero quelle più grosse, pesanti e potenti), le quali improvvisamente sembrano emettere meno anidride carbonica di quasi la totalità delle utilitarie.
       
      Ma non è tutto: al momento, vendere un'ibrida plug-in consente ai costruttori di avere un "supercredito", un bonus che consentirà di compensare le maggiori emissioni di altri veicoli inquinanti, eventualmente in gamma.

      I vantaggi però non sono solamente dal lato produttori, diversamente - visto gl'importanti costi all'acquisto - tali auto rimarrebbero in concessionaria. Essendo ritenute ecologiche, le plug-in godono d'importanti incentivi, detassazioni e vantaggi assicurativi, talvolta parcheggi gratuiti e possibilità di accesso ad area a traffico limitato. 
       
      Anche per tali ragioni, in Europa ne sono state vendute circa 220.000 nel 2019 e si stima di raggiungere le 590.000 nell'anno in corso, per arrivare a coprire una quota di mercato del 5,2 % nel 2025.
       

      Finalmente però, qualcuno d'influente si è accorto di quanto possano essere controproducenti dal punto di vista ecologico ed economico. Transport&Environment (T&E), che da anni si occupa di analisi sulla mobilità sostenibile, ha portato alla luce i controsensi di tali tipologie di veicoli: people often get plug-in hybrids as a company car for which they get fuel paid on a fuel card, but they don't get electricity paid so there's no incentive to charge" - riferisce Julia Poliscanova, direttrice di T&E.
       
       
      Quindi una semplice analisi delle carte carburante, ha dimostrato come i conducenti non ricarichino praticamente mai le batterie delle auto Plug-in (sarebbe a loro spese..), preferendo invece utilizzarle in modalità termica. Il tutto con importanti dispendi di carburante e consistenti emissioni, solitamente superiori a quelli di un'auto tradizionale.
       
      Sono infatti auto significativamente più pesanti di un'equivalente non plug-ing, quindi poco efficienti, soprattutto nel momento in cui funzionano solamente in modalità termica. La tecnologia ibrida che utilizzano poi, nella maggior parte dei casi non è delle più evolute, quindi non fornisce un'ottimizzazione sufficiente a compensare la maggiorazione della massa.
       
      Come se non bastasse, l'attuale venduto riguarda mezzi molto potenti e quindi di loro già molto energivori, scelta che probabilmente consente ai costruttori di giustificare più facilmente i listini molto alti e garantire prestazioni apprezzabili, nonostante lo svantaggio sulla bilancia.
       
       
       

      Tutte queste incongruenze hanno portato paesi come l'Olanda alla rimozione di ogni forma d'incentivazione, seguita a ruota dall'Inghilterra e probabilmente in futuro anche da altri stati.
       
      Ciò ovviamente sta terrorizzando i costruttori, perché a quanto pare le svariate forme di incentivazione, sono il "doping" che alimenta le vendite di tale tipologia di modelli, tanto dispendiosi, quanto àncora di salvezza in vista dell'introduzione del tetto dei 95 g/km di emissioni medie di CO2.
       
       
      Resto curioso di vedere come andrà a finire. Perché è abbastanza antipatico assistere a come questi mezzi, non di certo alla portata di tutti, spesso dati come benefit aziendale a personale con impieghi abbastanza ben remunerati, drenino risorse destinabili altrove, magari a fasce più penalizzate e numerose. 
       
      Il tutto senza raggiungere lo scopo d'impattare meno sull'ambiente, anzi, penalizzando utilitarie che emettono "il giusto" e che tornerebbero molto utili al rinnovo di un parco auto vetusto ed inquinante.
       
       
      Se volete approfondire, vi indico un articolo da cui ho preso spunto: https://europe.autonews.com/automakers/plug-hybrids-give-automakers-emissions-compliance-lifeline
       
    • By Touareg 2.5
      Fuori Produzione; per il Nuovo Modello cliccate sul seguente link:
      Peugeot 508 RXH Facelift 2014 (Topic Ufficiale)
















      es.autoblog - carscoop
      Press Release :
      auto.it
      Non dovrebbe essere un concept ma la versione di serie.
      Molto bella ed interessante, imho.
    • By lukka1982
      Nel seguente profilo Instagram appaiono 3 foto di una 5ooX camuffata nel frontale e nel posteriore oltre che alla sempre più classica pellicola optical. La descrivono come Hybrid...
       
       
       



       
      Il doppio scarico si è già visto in qualche modello nella gamma del restyling? 🤔
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.