Vai al contenuto
Autopareri news
  • Benvenuti sul nuovo tema grafico! Scegli il tuo tema preferito in fondo alla pagina: chiaro (light) o scuro (dark).

Messaggi Raccomandati

 

 

 

Messaggio Aggiornato al 13/04/2011

 

 

 

 

Cita

 

 

fiat-500-hybrid-tech_1.jpg

fiat-500-hybrid-tech_144739.jpg

fiat-500-hybrid-tech_6.jpg

fiat-500-hybrid-tech_14.jpg

 

Ecco la Fiat 500 Hybrid-Tech, anteprima della futura city car ibrida torinese svelata per la prima volta nel corso dell'atteso Fiat Investor Day che annuncia il piano industriale 2010-2014. La 500 ibrida è mossa dal motore TwinAir di 900 cc e da un'unità elettrica inglobata nell'altrettanto innovativo cambio a doppia frizione. Dai pochi dati disponibili, la Fiat 500 Hybrid-Tech si presenta come una full-hybrid con sistema plug-in, in grado cioè di viaggiare indipendentemente in modalità a benzina, elettrica o con la combinazione dei due sistemi, con in più la possibilità di ricaricare le batterie attraverso una normale presa di corrente.

La 500 ibrida utilizza il nuovo e compatto cambio automatico 6 marce a doppia frizione (a secco) sviluppato da Fiat Power Train proprio per essere adattato alla gamma del segmento A e B. Si tratta di un'unità particolarmente leggera e semplificata che prevede già l'inserimento di un motore elettrico, proprio per spingere i nuovi modelli ibridi.

L'abbinamento fra il cambio doppia frizione e l'innovativo propulsore bicilindrico TwinAir in versione Turbo promette la riduzione del 24% delle emissioni di CO2, scendendo a circa 80 g/km di anidride carbonica nel ciclo combinato e fino a 69 g/km in una eventuale versione a metano. La EPMU (Electric Power Management Unit) è un dispositivo integrato che svolge le multiple funzioni di gestire la trazione elettrica, di monitorare lo stato di carica delle batterie, di fornire i servizi di bordo a basso voltaggio e di ottimizzare le fasi di ricarica dalla rete.

Via Omniauto.it

Maxwell61 il 13/04/2011 dice:
Cita
Secondo quanto riportato da “L’Automobile Magazine“, Fiat starebbe sviluppando la versione ibrida della 500 che potrebbe debuttare sul mercato nel 2014. Si tratterebbe della risposta italiana alle giapponesi Honda Jazz Hybrid e Toyota Yaris HSD, la prima già presente sul mercato e la seconda in arrivo l’anno prossimo. Il primo modello ibrido della Casa torinese dovrebbe essere commercializzato come Fiat 500 TwinAir Hybrid.

Infatti, la vettura sarà equipaggiata con il motore 900 bicilindrico aspirato da 65 CV di potenza, abbinato al cambio a doppia frizione TCT a 6 rapporti. Il propulsore elettrico da 4 CV di potenza e 14 Nm di coppia sarà montato proprio in blocco con il cambio ed alimentato da una batteria agli ioni di litio dal peso contenuto di 26 kg, installata nella zona posteriore della 500 TwinAir Hybrid al posto della ruota di scorta, come evidenziato nell’immagine dopo il salto.

 

 

 

fiat_500_ibrida_01.jpg

 

Cita
Il motore elettrico dovrebbe prevedere anche due step di overboost:

- il primo da 14 CV di potenza e 24 Nm di coppia per un massimo di 60 secondi

- il secondo da 27 CV di potenza e 65 Nm di coppia massima della durata massima di 10 secondi.

Il sito della rivista francese riporta che la propulsione ibrida permetterebbe alla Fiat 500 di abbassare del 12% i consumi nel ciclo misto, mentre i consumi in città calerebbero addirittura nell’ordine del 24%.

 

 

fiat_500_ibrida_02.jpg

 

Da: Fiat 500: la versione ibrida nel 2014?

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

stupendo! ci voleva una mossa del genere da fiat!!Quando nelle concessionarie?

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Riporto le due slde inerenti del product plan a piena risoluzione.

 

 

post-1453-145026855163.jpg
 

  post-1453-145026855166.jpg

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Sembra il solito. Forse si sta avvcinando la produzione in serie?

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

mi chiedo come faranno a farci stare utto nel cofano. Meno male che sto bicilindrico è veramente piccolo.

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Finalmente al passo con i tempi! Quando sarà messa in vendita??? Secondo me questa spacca di brutto nelle vendite.

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Finalmente al passo con i tempi! Quando sarà messa in vendita??? Secondo me questa spacca di brutto nelle vendite.

le premesse ci sono però bisognerà vedere quale sarà il prezzo che finora è stato il tallone di achille di tutte le ibride

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
le premesse ci sono però bisognerà vedere quale sarà il prezzo che finora è stato il tallone di achille di tutte le ibride

infatti parlano di soluzione "low cost"

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Tutto molto bello, ma quand'è che la vedremo nei conce?E a che prezzi?

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere iscritto per commentare e visualizzare le sezioni protette!

Crea un account

Iscriviti nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Contenuti simili

    • Da J-Gian
      Un tempo, il metodo di calcolo dei consumi nel ciclo NEDC per un auto ibrida plug-in, era frutto di una formula matematica che teneva conto del presunto utilizzo medio, quindi una buona parte in modalità elettrica ed una piccola parte in modo ibrido. 
       
      La formula era questa: C = (De·C1 + Dav·C2)/(De + Dav)
       
      Dove:
      C = consumo di carburante in l/100 km  
      De = autonomia rilevata in modalità elettrica
      C1 = consumo carburante rilevato con la batteria carica (perché in certe condizioni del ciclo prova potrebbe accendersi il termico)
      C2 = consumo carburante rilevato con la batteria scarica (modalità ibrida)
      Dav = 25 km, presunto utilizzo medio in modalità ibrida, su percorrenze di 100 km
       
       
      Ad esempio, una Prius ibrida plug-in del 2009, il calcolo era questo 2,1 = (25 x 0,5 + 25 x 3,7) / (25+25)
      2,1 l/100 km, corrispondono a 49 g/km di CO2: questo bastava per stare sotto i 50 g/km ed ottenere certe agevolazione in alcuni paesi. Ecco che a quel punto non aveva nemmeno senso eccedere nella taglia della batteria, sarebbero stati solamente costi e peso che poteva incidere su C2.
       
      La fonte di quanto sopra è questa: km77.com - Va de consumos, perdón, emisiones
       
       
       
       
      Con il ciclo WLTP le cose sono cambiate, non a caso alcuni costruttori hanno anche temporaneamente bloccato la produzione di alcune plug-in, perché ritenute non più convenienti, in quanto con il nuovo ciclo avrebbero sforato la soglia utile per godere di certi incentivi e benefici in termini di tassazione.
       
      Riguardo al nuovo metodo di calcolo, non ho ancora trovato informazioni dettagliate. 
      Il ciclo WLTP per una ibrida plug-in comunque prevede questo (fonte: How are plug-in hybrids and electric cars measured? )
       
      inizio ciclo di omologazione WLTP a batteria completamente carica; si tratta delle medesime nuove prove sui rulli che fanno le auto a motore termico, o le elettriche con il nuovo iter;
        ripetere il ciclo fino alla scarica completa della batteria di trazione, misurando costantemente le emissioni di CO2 (quindi complementarmente, i consumi di carburante); 
        notare che durante i test, il motore termico potrebbe accendersi autonomamente per svariate esigenze, dipende dall'auto in oggetto; soprattutto il suo apporto diverrà via via predominante man mano che ci si avvicinerà alla scarica totale; il tutto viene misurato, come detto in precedenza e contribuisce al calcolo finale delle emissioni di CO2;
        a batteria  di trazione totalmente scarica, si effettua un ulteriore ciclo WLTP in modalità totalmente ibrida (termico+frenate rigenerative);
        a questo punto il test si dichiara concluso; si calcolano le emissioni di CO2, pesando il contributo dell'elettrico con la sua autonomia rilevata, ed il contributo del sistema ibrido e l'autonomia teorica consentita con i consumi rilevati durante i cicli di cui sopra. Qui probabilmente la formula dev'essere un po' più complessa rispetto a quanto fatto intuire a parole, infatti non viene riportata. La difficoltà nel restituire un dato realistico con questa tipologia di auto, sta nel valutare quale sia poi l'effettivo uso medio dell'utente, ovvero quanto la utilizzerà effettivamente come elettrica, quanto come ibrida.   
      Sicuramente quindi, i nuovi cicli di omologazione hanno messo un po' a soqquadro i piani delle case che puntavano sulle ibride plug-in come artifizio per farla franca. Tuttavia, una volta trovati i nuovi parametri per far rientrare il conteggio entro la soglia desiderata, le case hanno rapidamente adeguato accumulatori e/o sono ricorse a termici più efficienti, per raggiungere nuovamente un risultato che potrebbe non essere lo specchio reale dei consumi ed emissioni.
       
       
       
    • Da Pandino
      Messaggio Aggiornato il 13/02/2019
       
      Variante Wagon:  Toyota Corolla Touring Sports 2019
       


       




       

       

       

       

       
       
      FOTO LIVE

       

       
      auto.cz
       
       
      Ecco la nuova Auris. Passo avanti enorme per quanto riguarda il design secondo me!
    • Da Beckervdo
      Per ora disponibile solo in Giappone, la Subaru porta al debutto la Subaru XV e-Boxer Hybrid, ovvero una Ibrida convenzionale (non plug-in) che si associa al 4 cilindri Boxer da 2.0 litri da 145 CV e 188 Nm di coppia motrice.  Il piccolo motore elettrico garantisce altri 13.6 CV e 65 Nm di coppia. La Coppia massima di picco è 245 Nm.
      La parte elettrica è alimentata da una piccola batteria da 0.6 kWh che va a limitare lo spazio del serbatoio della benzina: questo scende da 63 litri a 48 litri.
      Grazie alla trazione integrale Subaru ed al cambio CVT, la nuova XV e-Boxer Hybrid limita il consumo da carburante - secondo ciclo WLTP - a 6.7 litri per 100 km. 
       
      In vendita in Giappone da Ottobre 2018, per Europa ed USA c'è ancora da attendere.
       
      È stato comunicato oggi da Subaru che la tecnologia e-Boxer farà il suo debutto al Salone di Ginevra 2019


       
       
       
×

INFORMAZIONE IMPORTANTE

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Termini e condizioni di utilizzo.