Jump to content
News Ticker
Benvenuto su Autopareri!
  • 0

Albino-86
 Share

Question

Ciao a tutti, innanzitutto auguri per un 2012 ricco di felicità e soddisfazioni ( speriamo di godercelo tutto, alla faccia dei Maya:mrgreen: ); volevo chiedervi un parere e sentire le vostre esperienze sull'essere meccanici fai da te. Vorrei sentire il parere dell'autista medio fino a che punto è possibile spingersi negli interventi sulle auto ( sia per un fatto di capacità ed esperienza ( e attrezzatura ), sia dal punto della sicurezza ). Escludendo gli interventi molto complessi ( sostituzione motore, montaggio di un pneumatico nel cerchione ) e quelli troppo semplici ( lampadine, tergicristalli, batteria ), quali sono gli interventi "medi" che si possono affrontare? E' possibile sostituire da soli pastiglie/dischi freni? Oppure i tensionatori delle cinture, passando per i fari, cinghia di distribuzione, devioluci ecc??? Sò che ogni vettura e più o meno complicata ma la mia domanda è generica, è una curiosità per sapere sin dove il coraggio ( o la pazzia:mrgreen: ) dell'automobilista medio si spinge. Un saluto, a presto.

Link to comment
Share on other sites

Recommended Posts

  • 0
Guest EC2277

Se non erro la legge proibisce che gli automobilisti, facciano da soli operazioni di manuntenzione quali la verifica della convergenza e la sostituizione delle pasticche. Ciò per evitare che persone inesperte eseguano interventi oltre le loro capacità, mettendo così a rischio la vita propria e degli altri.

Link to comment
Share on other sites

  • 0
Se non erro la legge proibisce che gli automobilisti, facciano da soli operazioni di manuntenzione quali la verifica della convergenza e la sostituizione delle pasticche. Ciò per evitare che persone inesperte eseguano interventi oltre le loro capacità, mettendo così a rischio la vita propria e degli altri.

Quoto,tra l'altro credo che il regolamento del forum vieti di trattare tali argomenti...:pen:

I motori sono come le donne, bisogna saperli toccare nelle parti più sensibili.(Enzo Ferrari)

Link to comment
Share on other sites

  • 0

Come dice EC non è un problema di coraggio ma di limiti di legge, che non sono lì per dispetto ma proprio perché la manutenzione dei veicoli è un'attività che richiede professionalità e istruzione specifiche. E' il mio lavoro, in ambito ferroviario, è c'è tanta di quella normativa di riferimento da stare a leggere da qui all'anno prossimo.

Sull'automobile, per quanto io me la cavi a smontare e rimontare cose, preferisco appunto lasciar fare a professionisti anche quelle operazioni che potrei fare da solo, per una serie di motivi:

- il fatto che io sappia smontare e rimontare un pezzo non mi dà l'esperienza di una persona che ha fatto la stessa operazione centinaia di volte, e che ha già incontrato e risolto tutti i problemi di procedura che si potrebbero incontrare;

- sempre per una questione di esperienza, ci sono un mucchio di lavori che magari penso di poter fare ma in cui invece nemmeno mi rendo conto dei potenziali errori che potrei fare (la mancata percezione del pericolo è la principale causa del pericolo stesso);

- se per caso arrivo a metà dell'opera e mi accorgo di non sapere continuare, spendo una fortuna per chiamare uno a risolvere i casini: pensate se dopo avere smontato un freno mi accorgo di non saperlo rimontare... carro attrezzi = €€€;

- non voglio assumermi la responsabilità legale dei lavori svolti, in caso di casini, così come se faccio qualche danno non ho garanzie a coprirmi.

Per tutti i lavori che riguardano la stabilità dinamica, la solidità della struttura e la funzionalità del veicolo preferisco scegliere un professionista fidato. Di conseguenza mi limito a quelle operazioni che, nel peggiore dei casi, portano al non funzionamento di componentistica minore:

- sostituzione lampade e fusibili

- riparazione di cavi elettrici e accessori minori (finestrini elettrici, interruttori...)

- installazione impianto audio e suoi accessori

- rabbocco liquidi (no sostituzione)

- sostituzione batteria e tergicristalli

- smontaggio e rimontaggio di pezzi interni non strutturali (pannelli di copertura, coperchi, plastiche varie)

- sostituzione e pulizia candele

- smontaggio e rimontaggio di parti elettriche con spinotti e attacchi prefissati (quadro elettrico, fanali)

E già con questo abbiamo coperto il 70% delle operazioni di manutenzione di cui un normale veicolo possa abbisognare. Per il resto ho un valido meccanico.

PS: la lista è riferita ad auto pre-2000, con veicoli più recenti il margine d'intervento è talvolta ristretto... per me la fattibilità di quelle operazioni è un importante parametro di acquisto ;)

There's no replacement for displacement.

5967677fbce20_autohabenbahnfahren.jpg.4606d45af194e6808929d7c2a9023828.jpg

Anche tu ti ecciti palpeggiando pezzi di plastica? Perché stare qui a discutere con chi non ti può capire? Esprimi la tua vera passione passando a questo sito!

Link to comment
Share on other sites

  • 0

Andrei anche a specificare quali sono i termini di legge, visto che ci siamo.

La legge (Legge 122 05-02-92) che regolamente l'autoriparazione (ovvero la riparazione dei veicoli, non la riparazione "per conto proprio") ha ormai vent'anni, anche se quasi nessuno se la ricorda o la conosce e stabilisce che:

Articolo 6 Obblighi del proprietario o possessore di veicoli o di complessi di veicoli a motore.

1. Il proprietario o possessore dei veicoli o dei complessi di veicoli a motore di cui al comma 1 dell'articolo 1 deve

avvalersi, per la manutenzione e la riparazione dei medesimi, di imprese iscritte nel registro di cui all'articolo 2,

salvo quanto previsto dal secondo periodo del comma 2 dell'articolo 1 e fatta eccezione per gli interventi di

ordinaria e minuta manutenzione e riparazione.

Link to comment
Share on other sites

  • 0

Quindi oltre che pericoloso cercare di riparare il mezzo da soli lo vieta anche la legge. Ma tutto quello che riguarda i piccoli interventi quindi sono legali? (sostituzione luci interne ed esterne, rabbocco/sostituzione liquidi vari ecc..). Ma per quanto riguarda la sostituzione di parti esterne soggette a danneggiamenti (es. specchietti, fari e plastiche varie) la legge cosa prevede? Si può provvedere da soli o si ci deve affidare al carrozziere? Saluti.

Link to comment
Share on other sites

  • 0
Guest EC2277

Un pezzo esterno (ad esempio uno specchietto retrovisore) montato male, potrebbe cadere mentre sei in viaggio e ciò è un potenziale pericolo.

Link to comment
Share on other sites

  • 0
...

Vorrei sentire il parere dell'autista medio fino a che punto è possibile spingersi negli interventi sulle auto ( sia per un fatto di capacità ed esperienza ( e attrezzatura ), sia dal punto della sicurezza ).

...

Di questi ne vendono a secchiate.

Vedrete.

[scritto in data 18 Luglio 2013 - Riferito a Jeep Cherokee]

Link to comment
Share on other sites

  • 0
Ma per quanto riguarda la sostituzione di parti esterne soggette a danneggiamenti (es. specchietti, fari e plastiche varie) la legge cosa prevede? Si può provvedere da soli o si ci deve affidare al carrozziere? Saluti.

Carrozziere ovviamente.

No si tratta di svitare o riavvitare quattro viti con un cacciavite.

Le probabilità di sbagliare un serraggio (e col tempo far ballare o addirittura staccare un pezzo), sbagliare una regolazione (e sparare i fari in faccia agli altri automobilisit), sbagliare o danneggiare o dimenticare una connessione elettrica e (non ultima) montare qualcosa che non centra nulla e funziona male sono schiaccianti.

Quella non è "minuta manutenzione".

Link to comment
Share on other sites

  • 0

Capisco il potenziale pericolo di montare da soli i fari e di accecare gli altri utenti della strada; o di montare parti pesanti e ingombranti come paraurti con il rischio di perderle per strada...ma mi sembra esagerato non potere montare da soli gli specchietti perchè le vibrazioni potrebbero farlo staccare; lo stesso ragionamento si dovrebbe fare allora per le barre portatutto o i gusci per i bagagli ( che tra l'altro devono sostenere un certo peso ), e che dire dei copricerchi di plastica non fissati con le fascette?? Quante volte mi è capitato di vederle volare via dal cerchio...secondo mè basterebbe un pò di buonsenso nel montare correttamente ciò che è possibile altrimenti saremo sempre in fila dai vari meccanici e carrozieri.

Link to comment
Share on other sites

  • 0
Capisco il potenziale pericolo di montare da soli i fari e di accecare gli altri utenti della strada; o di montare parti pesanti e ingombranti come paraurti con il rischio di perderle per strada...ma mi sembra esagerato non potere montare da soli gli specchietti perchè le vibrazioni potrebbero farlo staccare; lo stesso ragionamento si dovrebbe fare allora per le barre portatutto o i gusci per i bagagli ( che tra l'altro devono sostenere un certo peso ), e che dire dei copricerchi di plastica non fissati con le fascette?? Quante volte mi è capitato di vederle volare via dal cerchio...secondo mè basterebbe un pò di buonsenso nel montare correttamente ciò che è possibile altrimenti saremo sempre in fila dai vari meccanici e carrozieri.

Coi "secondo me" si va poco lontano.

E il buonsenso è troppo spesso preso come scusa.

Il montaggio dello specchietto di un auto recente, tra zona di fissaggio tutt'altro che facile da raggiungere, fissaggi non ottenibili con utensili "da casa" e cavi e cablaggi vari è tutt'altro che un operazione semplice come la pensi.

Quanto agli altri esempi, le barre portatutto, i portapacchi, i gusci... io non le farei mai montare "a casa" al 98 % degli automobilisti, visto il rischio concreto che le montino male.

I copricerchi con le fascette? Ma sai almeno a cosa servono le fascette sui copricerchi? A non farli rubare. Non certo a non farli cadere.

Quelli originali non cadono da soli, a meno di urtare qualcosa o prendere una profonda buca. E quelli "da supermercato", per quanto siano roba molto più traballante, non è che riempiano i bordi delle strade per cadute "spontanee". ;)

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Answer this question...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share

  • Similar Content

    • By Skinny
      Buonasera,
      volevo sapere che tipo di manutenzione va fatta in base al tipo di alimentazione.
      Per chi ha già avuto esperienze, quali sono i problemi più comuni per ogni tipo di alimentazione ?
      BENZINA
      BENZINA-METANO 
      BENZINA-GPL
      IBRIDO (BENZINA-ELETTRICO)
      Il diesel l'ho escluso perché è un carburante che offre grandi prestazioni, ma a livello di manutenzione ho saputo che dà diversi problemi.
    • By The Summarizer
      L'idea è creare una discussione in cui ognuno riporti i costi sostenuti per la manutenzione programmata, meglio nota come TAGLIANDO
       
       
      COSA RIPORTARE IN QUESTA DISCUSSIONE:
       
      - modello auto e motorizzazione - (es. Ford Focus anno 2013 1.6 TDCi )
       
      - ricambi utilizzati - (es. cambio olio, filtro olio/aria/gasolio/climatizzatore)
       
      - costo totale - (es. 290 €)
       
      - costo orario ed eventuali sconti sui ricambi - (manodopera 40 €/ora - sconto 10% sui ricambi)
       
      - tipo di officina e provincia - (ufficiale/meccanico generico)
       
       

       
       
      COS'E' ed a COSA SERVE IL TAGLIANDO?

      Il tagliando consiste in quegli interventi di manutenzione che la casa costruttrice prescrive di effettuare ad intervalli regolari, a seconda della distanza percorsa, e/o del tempo trascorso.
       
      Solitamente ad un tagliando si sostituiscono l'olio motore e alcuni/tutti i filtri presenti nell'auto, a seconda di quanto previsto dalla casa costruttrice e dallo stato in cui si presenta l'auto al momento dell'intervento. Al termine, con un'apposita strumentazione elettronica, vengono resettati gli eventuali contatori del service, spegnendo spie e reimpostando gli intervalli.
       
      Viene fatta anche un'ispezione generale con una check-list di verifiche da fare in punti solitamente non accessibili, un rabbocco dei liquidi (raffreddamento/lavavetri/freni) ed un controllo ai dispositivi di illuminazione, talvolta una diagnosi elettronica.
       
      A seconda dello stato del veicolo, può essere integrato con la sostituzione di componenti soggetti ad usura, quali freni, spazzole tergicristallo, gomme, ecc.
       
      Sulle auto con cambio automatico, può essere prevista la sostituzione dell'olio della trasmissione. Inoltre, sempre più spesso i costruttori prevedono il cambio olio freni a cadenza biennale: intervento da non ignorare!
       
      E' evidente quindi, come il tagliando sia vitale per mantenere in salute l'auto e per la sicurezza!
      Inoltre è fondamentale attenersi alle prescrizioni della casa madre, soprattutto nel periodo di garanzia dell'auto, onde evitare che la stessa decada!
       
       
      OGNI QUANTO SI FA?
       
      Gli intervalli li trovate sul libretto di uso e manutenzione dell'auto. Se avete un'auto recente, spesso c'è una spia (chiave inglese) o un messaggio che vi ricorda di fare la manutenzione prescritta.
       
      Anche se fate poca strada, ne consigliamo almeno un tagliando all'anno, con sostituzione olio motore e relativo filtro, più filtro climatizzatore (l'aria in strada è sporchissima!). In ogni caso, fatevi consigliare dal vostro meccanico, con il quale è sempre bene instaurare un rapporto di fiducia: solo così vi seguirà meticolosamente e senza intenti di puro lucro!  
       
       
      DOVE FARE IL TAGLIANDO?
       
      Il tagliando lo si può fare da un meccanico generico, o presso un officina officiale del marchio dell'auto.
       
      Per la legge BER del 2002 gli interventi effettuati secondo quanto prescritto dal produttore dell'auto - ovvero rispettando intervalli, tipologia d'interventi e usando ricambi originali o qualitativamente equivalenti - sono equiparati a quelli effettuati presso la casa madre. Permettono pertanto di assicurare la valenza della garanzia legale dei 2 anni dal momento della vendita, risparmiando parecchi soldi, soprattutto nella tariffa oraria.
       
      Se però avete acquistato un'auto assieme a speciali pacchetti assicurativi o ad "estensioni di garanzia" oltre i 2 anni, è bene informarsi presso la casa madre, o meglio leggere le eventuali clausole del contratto. 
       
       
      E LA REVISIONE? E' la stessa cosa? (NO!)
       
      La revisione consiste in una serie di verifiche/prove fatte da un tecnico autorizzato (in un centro revisioni), per garantire che il veicolo sia nelle condizioni idonee per circolare. Riguarda l'idoneità meccanico/funzionale ed un controllo delle emissioni del veicolo.
       
      Su un'auto privata va fatta obbligatoriamente per legge ogni 2 anni. Se l'auto è nuova, la prima revisione si fa al 4° anno, le successive ogni 2 anni. Su auto particolari, come i Taxi, va fatta una volta all'anno.
       
       
       
       
    • By Tinypic
      Salve a Tutti, ,
      volevo sapere se cortesemente qualcuno sa indicarmi dei links
       
      dove posso acquistare  quell'interfaccia , collegabile  alla presa  ODB2,
       
      per poter fare la diagnosi ad una vecchia Opel Corsa B 1000 cc 3 cilindri 12V.
       
      Mi sembra di aver capito che di solito sono composti da cavo collegamento, da collegare ad un PC  , ed un CD a corredo: 
      Ho detto giusto?
       
       
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.