Jump to content

Il futuro dei siti produttivi Stellantis


Recommended Posts

il futuro dell'industria italiana dell'automobile sarà una sterminata fila di capannoni vuoti messi in vendita su immobiliare.it (ad eccezione di Maranello in provincia di Modena e probabilmente Sant'agata Bolognese in provincia di Bologna). 

 

Non ci sono piani per Pomigliano dopo la Panda e la Tonale / Hornet.

Per il resto gli stablimenti italiani saranno "impegnati" a produrre le BEV che nessuno vuole se non sono Tesla (aprire gli occhi e guardare le statistiche senza incentivi) a Cassino forse ci saranno le Giulia Stelvio BEV (se le faranno), a Melfi (forse) le medie BEV di Stellantis, a Mirafiori la 500 BEV e le Maserati BEV 😂 più il Luna Park di Tavares. 

 

I Ceo dei marchi, già sapendo che sta roba non si vende, (perchè qualcuno in Fiat, Francois per primo pensa che la 500 e la 600 Abarth si sarebbe potuta vendere? se è così sono pure scemi) tireranno avanti qualche anno con lauti bonus e stipendi, facendo i video per YouTube e le interviste agli influencer.

 

Come finira la storia dell'industria automobilistica italiana? Che fra 5 anni le BEV ai prezzi improponibili di Stellantis rispetto a Tesla o alle cinesi, non si venderanno neanche a spingerle, Tavares o chi per lui darà la colpa ai mancati incentivi e i costi di produzione e uno alla volta gli stablimenti verranno chiusi, togliendosi così la rottura di ca22o della produzione italiana dando la colpa agli italiani. 


Non bisogna essere un genio per capirlo. 

Quanto meno Tavares ci rispiarmasse le interviste sul rilancio di Mirafiori prima di lascare a casa 3000 persone 2 giorni dopo. 

  • I Like! 5
  • Thanks! 2

"quello che della valle spende in 1 anno di ricerca io lo spendo per disegnare il paraurti della punto." Cit.

Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, AlexMi scrive:

Però la Panda a Pomigliano con il rilancio dello stabilimento chi lo ha voluto?

Giorgio a Cassino con il rilancio dello stabilimento chi lo ha voluto?

Renegade, Compass e 500x a Melfi chi li ha voluti?

Masarati Ghibli e Quattroporte a Chivasso con investimenti importanti nel rifacimento dello stabilimento chi li ha voluti?

La stessa 500e a Mirafiori chi la ha voluta?

 

 

Mi pare che Marchionne, pur nell'ovvio perseguimento degli interessi dell'azienda, avesse una attenzione per il suo paese natale che oggi sarebbe grasso che cola. 

 

Panda a Pomigliano e stato un po il contraltare politico dell'avvallo delle chiusura di Termini.

Melfi e passato da Punto a 500x/renegade/compass. quindi in principio, la stessa direzione di riduzione volumi per la quale attaccate Tavares.

La storia di Maserati un po a se. A parte che e Grugliasco e non Chivasso, in ogni caso Fiat prese la ex Bertone (gratis... e magari chissa che altro) principalmente per avere i suoi impianti (verniciatura in primis). in omaggio. Sul rilancio maserati ha investito tanto, assolutamente troppo, come per Alfa, per prodotti che non hanno avuto successo per svariati motivi do contenuti (alfa) e qualita (maserati ghibli) e - opinione personale di scarso appeal di design (maserati).

Cassino, prodotti a scarso volume e abbandono di quello a piu alto volume (Giulietta).

500e, se lo avesse fatto tavares, avreste detto "che a torino danno l'elettrica che non ha volumi ne futuro".

 

2 ore fa, __P scrive:


L’unico e ripeto unico prodotto a margine basso è Panda a Pomigliano. 500L in Serbia e con convenzioni serbe.

500 EV nasce come prodotto premium ed 

Marchionne ha sempre detto che in IT si possono fare SOLO prodotti con elevati margini. Panda a Napoli è stata concordata con le amministrazioni nazionali e locali e dopo che Marchionne ha fatto tabula rasa sulle sigle sindacali! Ha tagliato modelli su modelli suvvia.

Aveva sicuramente una sua visione di prodotto, ed è da ringraziare a vita per aver approvato auto come 4C, la piattaforma Giorgio e tutto ciò che è stato costruito sopra. Però la gestazione di Giorgio, Giulia e Stelvio ha messo con le gamba all’aria Maserati ed i risultati si vedono solo ora, ed ha velocemente rimesso nei cassetti i sogni di una gamma AR realmente competitiva con la triade.

Non ci ha pensato troppo a spostare la sede legale ed amministrativa da Torino a paesi più convenienti.

Ragazzi, Marchionne è stato un grande manager, ha approvato un sacco di belle cose, ma quello che si legge ora su Tav lo si leggeva anche su Marchionne per Pomigliano e Cassino…

 


Scusa ma scrivi senza cognizione di causa…

Non hai la minima idea di cosa voglia dire di progettare una macchina, di quali siano i costi etc

Continuate pure a pensare che giochino con le Lego e che le scelte di prodotto siano capricci di qualcuno.

Io mi taglio fuori dalla discussione, perché significa non accorgersi di cosa sta succedendo da almeno un ventennio in Italia. 👋

 

 

obbiettivamente..

mi si faccia aggiungere, che nonostante la 500e fosse premium, era ancora troppo costosa e a margine ridotto persino verso "generaliste" PSA, anche per soluzioni ingegneristiche non proprio smart. Non parliamo di contenuti visibili ne di sinergie di volumi, ma semplici design to cost di componenti non visibili che Stellantis si e affrettata a correggere risparmiando oggi notevolmente sul costo unitario finale.

Link to comment
Share on other sites

42 minuti fa, Alain scrive:

il futuro dell'industria italiana dell'automobile sarà una sterminata fila di capannoni vuoti messi in vendita su immobiliare.it (ad eccezione di Maranello in provincia di Modena e probabilmente Sant'agata Bolognese in provincia di Bologna). 

 

Non ci sono piani per Pomigliano dopo la Panda e la Tonale / Hornet.

Per il resto gli stablimenti italiani saranno "impegnati" a produrre le BEV che nessuno vuole se non sono Tesla (aprire gli occhi e guardare le statistiche senza incentivi) a Cassino forse ci saranno le Giulia Stelvio BEV (se le faranno), a Melfi (forse) le medie BEV di Stellantis, a Mirafiori la 500 BEV e le Maserati BEV 😂 più il Luna Park di Tavares. 

 

I Ceo dei marchi, già sapendo che sta roba non si vende, (perchè qualcuno in Fiat, Francois per primo pensa che la 500 e la 600 Abarth si sarebbe potuta vendere? se è così sono pure scemi) tireranno avanti qualche anno con lauti bonus e stipendi, facendo i video per YouTube e le interviste agli influencer.

 

Come finira la storia dell'industria automobilistica italiana? Che fra 5 anni le BEV ai prezzi improponibili di Stellantis rispetto a Tesla o alle cinesi, non si venderanno neanche a spingerle, Tavares o chi per lui darà la colpa ai mancati incentivi e i costi di produzione e uno alla volta gli stablimenti verranno chiusi, togliendosi così la rottura di ca22o della produzione italiana dando la colpa agli italiani. 


Non bisogna essere un genio per capirlo. 

Quanto meno Tavares ci rispiarmasse le interviste sul rilancio di Mirafiori prima di lascare a casa 3000 persone 2 giorni dopo. 

 

che per pomigliano non ci sia un futuro e quello che puo leggere su tuttonapoli.it e su torino cronaca qui. chiacchere da bar. come se la strategia industriale di un gruppo automobilistico mondiale fosse lasciata all improvvisazione.

Il resto sono commenti un po banali completamente fuori dal contesto dell automotive erueope e mondiale. Banalita per banalita, si potrebbe rispondere che 50 anni fa tutta la produzione era concentrata a torino e si occupavano 100mila addetti

Link to comment
Share on other sites

19 minuti fa, tenore scrive:

 

che per pomigliano non ci sia un futuro e quello che puo leggere su tuttonapoli.it e su torino cronaca qui. chiacchere da bar. come se la strategia industriale di un gruppo automobilistico mondiale fosse lasciata all improvvisazione.

Il resto sono commenti un po banali completamente fuori dal contesto dell automotive erueope e mondiale. Banalita per banalita, si potrebbe rispondere che 50 anni fa tutta la produzione era concentrata a torino e si occupavano 100mila addetti


manche a me piacerebbe svegliarmi nel 2028 con mirafiori che esplode di ordini di Maserati elettriche e della 500 e 500 Abarth BEV, Melfi e Casino a ciclo continuo per le nuove full BEV e a Pomigliano la nuova Panda, Tonale, e le loro sorelline di Stellantis. 
 

ho l’impressione però che non andrà così, ma sarò felicissimo di essere smentito!

  • I Like! 1

"quello che della valle spende in 1 anno di ricerca io lo spendo per disegnare il paraurti della punto." Cit.

Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, M86 scrive:

Puoi continuare a dire che è giusto così, ma è grazie a chi la pensa così che l'industria italiana sta morendo.


Ragazzi io non vedo le piazze di gente che si lamenta della deindustrializzazione del paese!

Troppo facile lamentarsi seduti davanti ad un pc o allo schermo di uno smartphone.

 

Link to comment
Share on other sites

A me sta bene che riducano la forza lavoro ma, se libero mercato deve essere, che lo sia in entrambe le direzioni, non puoi fare certe scelte e poi pretendere soldi dallo Stato...

 

Marchionne ha chiuso Termini ma non ha mai piagnucolato per avere l'elemosina.

Edited by itr83
Link to comment
Share on other sites

11 minuti fa, itr83 scrive:

A me sta bene che riducano la forza lavoro ma, se libero mercato deve essere, che lo sia in entrambe le direzioni, non puoi fare certe scelte e poi pretendere soldi dallo Stato...

 

Marchionne ha chiuso Termini ma non ha mai piagnucolato per avere l'elemosina.

Ehm... 

https://www.ilsecoloxix.it/la-spezia/2009/09/29/news/marchionne-al-governo-no-incentivi-no-fabbriche-1.33229162

 

Ma rimango sempre del parare che la suddetta Buonanima ci abbia visto bene e alla lunga* e credo che tale visione sia in qualche modo condivisa anche dall'attuale gestione di Stellantis.

 

*E lo dico ben sapendo che è stato il killer della Punto che ancora oggi potrebbe dire la sua nel mercato nostrano e forse forse anche EU.

Edited by nucarote
Link to comment
Share on other sites

50 minuti fa, nucarote scrive:

Ehm... 

https://www.ilsecoloxix.it/la-spezia/2009/09/29/news/marchionne-al-governo-no-incentivi-no-fabbriche-1.33229162

 

Ma rimango sempre del parare che la suddetta Buonanima ci abbia visto bene e alla lunga* e credo che tale visione sia in qualche modo condivisa anche dall'attuale gestione di Stellantis.

 

*E lo dico ben sapendo che è stato il killer della Punto che ancora oggi potrebbe dire la sua nel mercato nostrano e forse forse anche EU.

 

visit i numeri delle B low roof ancora molto alti in assoluto, assolutamente si

Link to comment
Share on other sites

 j. E. è veramente un personaggio oscuro, probabilmente odia l'Italia(io personalmente  ho sempre amato Marchionne ).

Da notare 2 fatti. 

1= il signore Francois va a parlare di nuovi modelli da Fedez evitando invece sindacati e ministri. Direi che c'è poco da commentare. Stendo un velo pietoso sugli osceni video pubblicitari che ha creato per la fiat. 

2= industria italiana autobus è in difficoltà e loro come si muovono? Ovviamente fanno partire la produzione di autobus elettrici tra Torino e Foggia. Che tempistica!! Iveco non produceva autobus in Italia da decenni e loro si mettono in mezzo proprio ora. 

Ci sono italiani che odiano altri italiani e per metterli in difficoltà si alleano a paesi stranieri. È un atteggiamento secolare purtroppo. 

  • I Like! 1
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×
×
  • Create New...

 

Please, disable AdBlock plugin to access to this website.