Jump to content

Scelte strategiche Tesla


Recommended Posts

image.png.dd5eaa33fe7c653296d9e522615ece21.png

 

BERLIN -- Tesla has come under fire from German union IG Metall and politicians over allegations by workers of unreasonable working hours at the automaker's plant near Berlin.

At its annual news conference, IG Metall said a growing number reported longer working hours with little free time. IG Metall has an office near the plant and says it is in regular contact with workers.

Workers are also increasingly fearful about discussing their working conditions openly because of non-disclosure agreements they were told to sign along with their work contracts, IG Metall said.

A new role advertised on Tesla's career website for a "Security Intelligence Investigator," who will partner with legal and human resources departments to carry out "collection of on-the-ground information both within and beyond Tesla walls in order to protect the company from threats,” exacerbated these concerns.

"Workers started at Tesla with great enthusiasm for the project. Over time we are observing that this enthusiasm is withering," Irene Schulz of IG Metall Berlin-Brandenburg-Sachsen said.

"Tesla is not doing enough to improve working conditions and is leaving too little time for leisure, family and recovery."

Tesla was not immediately available for comment.

Tesla China has also asked some staff to sign non-disclosure agreements, according to two sources with knowledge of the matter.

Reuters found several people on LinkedIn with the title of "Security Intelligence Investigator" working for Tesla in Austin, San Francisco and Shanghai.

German business newspaper Handelsblatt reported on Monday that local politicians from the center-left SPD to the center-right CDU expressed concern about the allegations, calling for inquiries both by Tesla and the local government.

"The state government of Brandenburg must enforce occupational safety through close controls at Tesla," Christian Baeumler of the Christian Democrats (CDU) said to Handelsblatt.

The Brandenburg government was not immediately available for comment.

 

(Reuters)

 

  • Thanks! 1
Link to comment
Share on other sites

On 13/1/2023 at 20:05, AlexMi scrive:

Saranno felicissimi quelli che ne hanno comprata appena una, che di botto perdono migliaia di € 

Successe anche a me quando presi nel 2020 la M3 LR e quando la vendetti dopo 5 mesi, mi ritrovai che avevano abbassato il prezzo di 4000 eur di un botto a inizio 2021. Ovviamente influì su quanto riuscii a prendere, glie vegna n'chencher.

 

Ma con sto ribasso hanno proprio distrutto il valore dell'usato dei clienti, queste cose non fanno bene al marchio, creano perdita definitiva clienti.

 

Ecco un'amarcord della consegna a casa in pieno lockdown:

 

1673950016827.jpg

1673950016835.jpg

Edited by Maxwell61
  • Sad! 1
Link to comment
Share on other sites

35 minuti fa, Maxwell61 scrive:

Ma con sto ribasso hanno proprio distrutto il valore dell'usato dei clienti, queste cose non fanno bene al marchio, creano perdita definitiva clienti.

Molti anni fa nei lezioni di economia alla universita si ha imparato, che cambiare prezzi in brevi periodi in entrambi i direzione e una cosa bruttissima per una azienda, sua prodotti e sua reputazione...ma forse non e piu cosi, per me personale rsta una cazz.. e una ignoranza al cliente.

 

 

  • I Like! 3
Link to comment
Share on other sites

8 minuti fa, AlexMi scrive:

Infatti solitamente si usa la flessibilità giocando sugli sconti, aumentandoli o diminuendoli in base alla domanda/offerta.

Abbassare i listini è molto pericoloso.

 

vero, però c'è da dire che quelle robe lì - sconti, promozioni, per non parlare delle km zero - son cose che puoi fare bene se hai una rete vendita che le gestisca (e si faccia in parte carico dei costi relativi).

Tesla non ha una rete di vendita e l'unico modo efficace che ha per modulare i prezzi è appunto intervenire sul listino.

 

certo che tagli del 15-20% son botte mica da ridere. vedremo cosa succede.

 

Link to comment
Share on other sites

....non sucederà niente. Sia chiaro che chiaramente non e bello per chi ha appena preso un'auto - ma alla fine chi la rivende dopo 1 mese? Nessuno.  Percio 

 

Alla fine i prezzi erano saliti nel 2022. Chi comprava a fine 2021 una Model 3 Long Range AWD la pagava (qui in Svizzera, senza alcun incentivo) CHF 49990.-, a metà 2022 55900.- e adesso a gennaio 2023 53990.-

 

Io nel giugno 2019 la pagai 54990.-

 

Ad alcuni piace raccontare le cose a metà, dati alla mano una Model 3 a una tenuta del valore veramente alta - qui in Svizzera anche con piu di 100'000 km non trovi praticamente niente sotto i 36-37000.-

 

Tesla ha aumentato e diminuito piu volte i prezzi, alcune volte anche in maniera sostanziale (anche di 20mila e piu su Model S).

Link to comment
Share on other sites

5 minuti fa, xbertone scrive:

....non sucederà niente.

 

dicevo "vedremo" proprio perché Tesla ha una politica di vendite totalmente avulsa dal resto del mercato auto. e le oscillazioni del listino ne sono la prova.

il taglio attuale fa clamore, perché anomalo nel settore auto, ma altrettanto anomali erano certi aumenti avuti in passato, con salti (in aumento) anche sostanziosi.

 

poi che non abbia ripercussioni sull'usato non ne sarei certo: di fatto una sforbiciata così pesante è una novità pure per Tesla. ma appunto, "vedremo".

Edited by slego
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×
×
  • Create New...

 

Please, disable AdBlock plugin to access to this website.