Jump to content
News Ticker
Benvenuti su Autopareri!

Recommended Posts

  • Replies 75
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

l'hanno tirata fuori alla fine? bah... Il progetto è coevo della 4c, stessa base ma doveva montare il 1.4 mjet, alla fine non venne giudicata profittevole (e neanche tanto riuscita) e rimase una

Posted Images

Posted (edited)
Cita

Prende forma l’evoluzione in chiave contemporanea dell’Abarth nata per far vincere i clienti.


Questa è una storia che ha tre inizi.

Il primo corrisponde al 1966. Dopo l’esperienza dell’Alfa Romeo Abarth 1000 Bertone e la successiva nomina di Mario Colucci a direttore tecnico della Casa dello Scorpione, Carlo Abarth incarica l’ingegnere milanese di lavorare ad un progetto ambizioso e rivoluzionario: è la Abarth 1000 SP – dove la sigla SP indica Sport Prototipo, la tipologia di vetture a ruote coperte realizzate esclusivamente per partecipare alle competizioni sportive e costruite in pochissimi esemplari. Il risultato è una spider leggera e potente caratterizzata da linee semplici, basse e filanti. Il pregio tecnico e stilistico di quest’auto si traduce ben presto in un’importante serie di vittorie - anche di scuderie e clienti privati - che contribuiranno ulteriormente a consolidare il prestigio sportivo del marchio Abarth.

Il secondo inizio racconta la storia di due sorelle separate alla nascita. Ancora una volta torna il legame tra Abarth e Alfa Romeo. È il 2009. Dopo il lancio della Fiat 500 e della nuova 500 Abarth, al Centro Stile Fiat & Abarth – all’epoca diretto da Roberto Giolito – si studiano nuove soluzioni per allargare la gamma della Casa dello Scorpione. Tra le diverse alternative, si valuta di lavorare su una reinterpretazione della 1000 SP immaginando un’auto sportiva di taglia media, dalla silhouette accattivante e dalle linee essenziali: caratteristiche che senza dubbio potrebbero interessare il cliente Abarth contemporaneo. Quest’idea di vettura, leggera e dall’eccellente rapporto peso/potenza, diventa la base di due progetti distinti, che vengono sviluppati in parallelo. Il primo è quello della nuova Abarth 1000 SP, mentre il secondo riguarda un’altra vettura che di lì a breve avrebbe continuato la tradizione delle sportive a marchio Alfa Romeo: la 4C. E se l’Alfa Romeo 4C raggiunge il battesimo della strada, il progetto della 1000 SP resta allo stadio di bozza.

Ma solo momentaneamente, perché il disegno tecnico rimasto metaforicamente piegato nel cassetto viene rielaborato e perfezionato nel 2021; arriviamo quindi al terzo inizio di questa storia.

 

Il progetto della nuova Abarth 1000 SP nasce in piena coerenza con l’antesignana: punti e linee del design della vettura originale vengono rispettati per garantire la continuità tra la sportiva degli anni Sessanta e la concept car del nuovo millennio. In mezzo ci sono il processo creativo e la riscoperta di un’idea ambiziosa.


Oltre a raccontare un progetto automobilistico di grande fascino per stile, innovazione e design, questa storia ci permette di esplorare uno spaccato di vita aziendale. Una vita che si muove a un ritmo tutto suo, dove i progetti spesso germogliano l’uno dall’altro e le idee circolano senza sosta; o, se rimangono sopite, lo fanno solo in attesa di trovare la strada che in futuro potrà premiarle. E così è avvenuto per la nuova Abarth 1000 SP.

Tutto nasce dalle matematiche del prototipo immaginato nel 2009, che diventa oggetto di un lavoro di remastering: il progetto viene ulteriormente aggiornato, in modo da perfezionare il disegno definitivo della vettura. La nuova Abarth 1000 SP è un’auto organicamente in equilibrio, in cui sono stati rispettati tre principi di design tanto cari all’antesignana degli anni Sessanta. Innanzitutto la leggerezza: nelle forme, nei volumi e ovviamente anche nel peso, quest’auto si distingue per la sua grande efficienza, un tema assolutamente contemporaneo. Il secondo principio è quello dell’aerodinamica: se per la 1000 SP del 1966 questa disciplina trovava applicazione in una serie di test empirici, le moderne tecnologie di progettazione hanno permesso di coniugare le iconiche linee di partenza della 1000 SP con un coefficiente aerodinamico all’altezza di una sportiva dei tempi moderni.

Infine l’ergonomia finalizzata a migliorare l’esperienza d’uso: il design per sua natura ha a che fare con la gestualità perché induce dei comportamenti che devono essere in completa armonia con l’oggetto. Per un’automobile sportiva, questo concetto si traduce nell’ottimizzazione del controllo del mezzo e nel come ci si “sente” a proprio agio a bordo, in termini di percezione degli ingombri e guidabilità. Tutti elementi che hanno rivestito un’importanza fondamentale nella progettazione di questa one-off.

 

Nella nuova Abarth 1000 SP riecheggiano linee ed elementi estetici che caratterizzavano la sua “progenitrice”. Il corpo vettura – sinuoso, con le superfici morbide dei parafanghi che evidenziano la posizione delle ruote – riprende lo schema della spider a motore centrale. La vetratura del cockpit, che protegge anche i piloti più alti dai flussi d’aria, è caratterizzata dagli immancabili deflettori laterali sagomati, con il profilo ribassato verso il roll-bar. Quest’ultimo elemento è rigorosamente “a vista”, sottolineando ulteriormente che siamo davanti a una spider “senza compromessi”.


Sempre sotto il profilo del design, le geometrie del posteriore della nuova Abarth 1000 SP sottolineano un’armonia perfetta tra i gruppi ottici e gli scarichi, con le asole aperte per il raffreddamento motore analoghe a quelle della sua antesignana. La livrea è rigorosamente rossa e, citazione che riecheggia nel tempo, su tutto il corpo vettura compaiono le caratteristiche prese d’aria, dalla bocca a “fessura” sul cofano anteriore fino agli slot di raffreddamento su quello posteriore.  Anche la fanaleria rispetta lo schema minimalista della 1000 SP storica, con proiettori puntiformi sul muso e una sola coppia di fanali rotondi a sottolineare la notevole larghezza dell’auto dalla vista posteriore.

La nuova Abarth 1000 SP, quindi, mantiene un’identità del tutto simile all’antesignana – anche nell’essenziale ergonomia da cockpit d’aereo degli interni, nei quali vige solo la regola del connubio tra funzionalità e leggerezza. Merito dell’attento lavoro di attualizzazione dalla Abarth 1000 SP storica che non ha lasciato spazio a compromessi.

Sotto la “pelle”, invece, il telaio tubolare della storica Sport Prototipo lascia il posto a un telaio ibrido, con la cellula centrale in fibra di carbonio e l’avantreno in alluminio.

 
 
ABARTH 1000 SP
 
MOTORE: in alluminio, 4 cilindri, sovralimentato, centrale trasversale 1742 cm³
POTENZA: 240 CV a 6000 giri/minuto
VELOCITÀ: oltre 250 km/h
PESO: a secco 1074 Kg
SOSPENSIONI: anteriori a triangoli sovrapposti, posteriori MacPherson evoluto
FRENI: anteriori: dual-cast autoventilanti forati 305 mm x 28 mm con pinza fissa a 4 pistoncini Brembo. Posteriori: autoventilanti forati 292x22
DESIGN: Centro Stile Fiat e Abarth (Roberto Giolito - Ruben Wainberg)
 
Un tratto ereditario inconfondibile è rappresentato, inoltre, dalle prestazioni. La nuova Abarth 1000 SP dispone di un potente motore centrale 4 cilindri sovralimentato in alluminio, da 1742 cc: un vero e proprio cuore pulsante capace di erogare fino a 240 CV di potenza massima. La raffinata meccanica della concept vanta sospensioni a triangoli sovrapposti all’anteriore, mentre al posteriore sono presenti sospensioni con schema MacPherson evoluto. I freni sono dual-cast autoventilanti forati 305x28 con pinza fissa a 4 pistoncini Brembo all’anteriore e autoventilanti forati 292x22 al posteriore.

La nuova Abarth 1000 SP è prossima a prendere la sua strada. Magari la vedremo ripercorrere quei tracciati già calcati mezzo secolo fa dalla sua antesignana, che si distinse nelle competizioni di mezza Europa, dal Nürburgring alla Targa Florio. Così da andare incontro al destino di ogni discendente: ricongiungersi con il proprio passato.
 
 

 

A44911BF-D97B-447D-969C-05EF90AD716C.thumb.jpeg.67df1834be3ef2cc6aca653671439941.jpeg
 

2CB22979-C934-44E8-9E84-8DE2506EE664.thumb.jpeg.64a2989230f43138e75da22fa99734fa.jpeg

D_01.jpg.2f31c5fc39a6b2a80140f18dae2d3510.jpg

 

D_02.jpg.2692e02aadba741bfc9405da2db4f502.jpg


DC66EC5D-5BD4-40AB-A9A4-99D16A821CF2.thumb.jpeg.e4076f884bcc9d67b96bbe649913f2a2.jpeg

 

D_03.jpg.1c7946784c77d5af599e58422bb16d07.jpg

 

D_04.jpg.2a32fbdf8d07e04a828135619fa1fd62.jpg

 

via FCA Heritage


Edited by __P
  • I Like! 2
  • Confused... 1
  • Adoro! 2
Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

Non mi dispiace devo dire anche se il posteriore è un bel pò da rivedere... però è un peccato che come sempre Fiat non creda in questi progetti...

Edited by The.Doc
  • I Like! 1
Link to post
Share on other sites

Dopo quasi 10 anni possiamo finalmente vedere la "cugina" Abarth della 4C. 

Il design seppur molto ricercato per lo scopo della vettura, non mi pare entusiasmante, specie dietro. Comunque sono felice che esista, e si spera che possa servire alla nuova dirigenza per fare comprendere le opportunità che lo scorpione può offrire.

 

 

Link to post
Share on other sites

eh certo che ci vorrebbe!!! 

 

Abarth fatta cosí come continuazione del telaio+meccanica di 4C 

mentre Alfa sale di grado con una 6C parallela alla Maser MC20, questo ci vorrebbe!!!

  • I Like! 2
Link to post
Share on other sites

Non mi piace, sembra troppo vecchia di estetica, 4C vince alla grande.
non ho capito se è una concept in esemplare unico o ne fanno qualche modello da vendere tipo one off

Link to post
Share on other sites
  • Cole_90 changed the title to [One-Off] Abarth 1000 SP 2021
  • Cole_90 featured this topic

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

  • Similar Content

    • By j
      Alfa Romeo Announces 4C Spider 33 Stradale Tributo
      Homage to a Legend 
      Handcrafted in Modena, Italy, the 4C Spider 33 Stradale Tributo honors the 1967 Alfa Romeo 33 Stradale, the brand's legendary mid-engine sports car Inspired by the original, the limited-edition 4C features exclusive Rosso Villa d’Este tri-coat paint, gray-gold 5-hole alloy wheels and black-and-tobacco interior In a first for 4C Spider, the 33 Stradale Tributo utilizes a red-finish carbon-fiber monocoque Designed under the direction of Centro Stile Alfa Romeo, the 4C Spider 33 Stradale Tributo comes with commemorative badging, plaques and book Available at select dealers, the 4C Spider 33 Stradale Tributo pricing starts at $79,995 U.S. MSRP, excluding destination December 14, 2020 , Auburn Hills, Mich. - Alfa Romeo today unveiled the 4C Spider 33 Stradale Tributo, inspired by the 1967 Alfa Romeo 33 Stradale, the brand's legendary mid-engine sports car. Only 33 units of this limited-edition 4C Spider will be produced for North America. 

      “Since its introduction in 2014, the 4C has been a halo vehicle for Alfa Romeo, exciting enthusiasts around the world and spearheading the relaunch of the brand in North America,” said Tim Kuniskis, Global Head of Alfa Romeo. “The 4C Spider 33 Stradale Tributo is an instant Alfa Romeo classic that passes the torch to the next generation of iconic Alfa Romeo vehicles, including the upcoming Tonale PHEV crossover that will start production next year.”  

      The 4C Spider 33 Stradale Tributo comes exclusively in Rosso Villa d’Este tri-coat exterior color, with gray-gold 5-hole alloy wheels (18-inch front/19-inch rear) and composite sport seats covered in black Dinamica® suede and tobacco leather. Prominently displayed in the cockpit, the 4C Spider 33 Stradale Tributo features dedicated plaques on the dash, side sills and center console, the last of which is progressively numbered. Customers also get treated to a matching, numbered book designed by Centro Stile (Design Center) that chronicles the 4C’s design concept, technology, materials and Modena assembly facility as well as the history of the 33 Stradale.

      The 4C’s racing pedigree is evident in its state-of-the-art Formula One-inspired carbon fiber monocoque chassis, presented for the first time in a red transparent finish. Further, much of the 4C Spider 33 Stradale Tributo’s equipment, previously optional, comes standard, including an Akrapovic dual-mode center-mounted exhaust, race-tuned suspension, bi-xenon headlamps, battery charger, car cover, suede/leather seats and carbon fiber halo, rear wing and Italian flag mirror caps. A similarly specified 4C Spider would carry an MSRP of thousands more. Completing the refined exterior treatment are new “Centro Stile Alfa Romeo” badges and available piano-black front air intake and rear diffuser.

      The 4C Spider 33 Stradale Tributo’s advanced technologies include a 6-speed Alfa twin-clutch transmission and all-aluminum 1750cc turbocharged engine with direct-injection, dual intercoolers and variable-valve timing, producing 237 horsepower and 258 lb.-ft. of torque. Weighing less than 2,500 pounds, the 4C Spider 33 Stradale Tributo delivers an impressive power-to-weight ratio of 10.4 lb/hp, and achieves 0-60 mph in 4.1 seconds and a top speed of 160 mph. The 2020 Alfa Romeo 4C Spider 33 Stradale Tributo marks the final production run of the 4C Spider for North America.

      Customers interested in learning more or reserving a 4C Spider 33 Stradale Tributo can contact sales@alfaromeo.com. 

      The 33 Stradale
      The 1967 33 Stradale is an iconic Alfa Romeo that made its public debut at the Monza circuit on August 31, 1967, on the eve of the 1967 Formula One Italian Grand Prix.

      Italian for “road-going,” and boasting a top speed of 162 mph, the 33 Stradale was a hand-built Franco Scaglione-penned mid-engine exotic based on the Tipo 33 race car that won its class at the 1968 24 Hours of Daytona. To this day it represents a singular blend of leading-edge technology, racing mechanics and inspirational design, a fitting forebear to the 4C Spider. Only 18 chassis were ever produced, with most completed cars painted in Alfa’s signature red, with gray-gold wheels and black-and-tobacco interior.

       
      Alfa Romeo
      Celebrating 110 years of heritage, Alfa Romeo has designed and crafted some of the most stylish and sporty cars in automotive history. That tradition lives on today as Alfa Romeo continues to take a unique and innovative approach to designing automobiles. The Alfa Romeo Stelvio sets a new benchmark in performance, style and technology in an SUV. The award-winning Alfa Romeo Giulia delivers race-inspired performance, advanced technologies and an exhilarating driving experience to the premium midsize sedan segment. The Giulia Quadrifoglio and the Stelvio Quadrifoglio feature Alfa Romeo’s most powerful production engine ever with unsurpassed 0-60 mph times of 3.8 and 3.6 seconds, respectively. Rounding out Alfa Romeo’s world-class lineup is the handcrafted Alfa Romeo 4C Spider. Alfa Romeo is part of the portfolio of brands offered by global automaker Fiat Chrysler Automobiles. For more information regarding FCA (NYSE: FCAU/ MTA: FCA), please visit www.fcagroup.com. 
         

×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.