Vai al contenuto
vpn

Avvistamenti vari di auto storiche o quasi-storiche

Messaggi Raccomandati

Al Momento è l'unico "Avvistamento" che ho effettuato nel 2018.

Maserati Shamal 1989-1995

L'immagine può contenere: auto e spazio all'aperto

 

 

  • Like! 6
  • Wow! 5

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Di' niente...e' una delle auto più affascinanti del mondo (mio parere), e rara da vedere.

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
1 ora fa, FurDaiMarùns dice:

Di' niente...e' una delle auto più affascinanti del mondo (mio parere), e rara da vedere.

Nella mia città, Civitanova Marche (Macerata), non è l'unica Shamal in circolazione: in un rivenditore della zona è in vendita un'altro esemplare, ma in colorazione Nera :) 

 

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Oggi avvistamento molto particolare: un Range Rover Mk1 convertito in pickup, ovviamente di realizzazione artigianale. Si tratta della versione Turbo D, mossa dal 2393 prodotto da VM Motori che ha vinto svariati record di velocità per propulsori diesel; ciò significa che è stato prodotto tra il 1986 e il 1989, anche se la targa è del 1993.

 

landroverrangerovertub5sfq.jpg

landroverrangerovertupesil.jpg

 

  • Like! 4

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Hai provato a fare una ricerca della targa sul sito dell'Agenzia delle Entrate? Lì dovresti vedere che motore ha

Mi e venuto in mente dopo aver modificato le foto

Quello sì, non so dire se sia una GTI vera o una normale Golf personalizzata: ho cercato di sbirciare i sedili ma erano completamente ricoperti con foderine e coperte, forse per preservare il materiale originale.

Gli scatti li ho fatti abbastanza di fretta alcuni giorni fa: se riesco a trovare anche quella del posteriore la posto

Sono riuscito a recuperare la foto del posteriore, già occultata e ho fatto una piccola scoperta: la targhetta posteriore indica come denominazione Rabbit, con tanto di famoso emblema a forma di coniglio.

7310433a3a081af8772a486382d1b30e.jpg

Accodo gli ultimi avvistamenti.

Ford Fiesta Cayman Blue, serie speciale anni ‘90

561f37d05003e952601ba6676711c8b6.jpg

Altra Fiesta, stavolta in versione SX:

f31a43cfc41c23c853d84410fcfc2b93.jpg

Chiudo con una Suzuki Alto GL:

1d6123aae22ad075c2122708925f265a.jpg

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
18 ore fa, MarcoGT dice:

 

Sono riuscito a recuperare la foto del posteriore, già occultata e ho fatto una piccola scoperta: la targhetta posteriore indica come denominazione Rabbit, con tanto di famoso emblema a forma di coniglio.

 

...

 

 

Rabbit è stata per molto tempo la denominazione per il mercato USA.

Ma ricordo di aver visto dalle mie parti non pochi esemplari della serie in foto, con la targhetta Rabbit anzichè Golf. Non sono mai riuscito a scoprire l'origine di questa "particolarità". Di sicuro non erano versioni USA perchè non ne avevano le caratteristiche estetiche e all'epoca c'erano molti meno controlli in fase di immatricolazione (erano frequenti, a Torino, i casi di Fiat ex mercato USA che venivano targate e mantenevano le caratteristiche dell'omologazione nordamericana, vale a dire in primo luogo i paraurti ad assorbimento di energia e le sidemarkers)

  • Like! 2

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
 

Rabbit è stata per molto tempo la denominazione per il mercato USA.

Ma ricordo di aver visto dalle mie parti non pochi esemplari della serie in foto, con la targhetta Rabbit anzichè Golf. Non sono mai riuscito a scoprire l'origine di questa "particolarità". Di sicuro non erano versioni USA perchè non ne avevano le caratteristiche estetiche e all'epoca c'erano molti meno controlli in fase di immatricolazione (erano frequenti, a Torino, i casi di Fiat ex mercato USA che venivano targate e mantenevano le caratteristiche dell'omologazione nordamericana, vale a dire in primo luogo i paraurti ad assorbimento di energia e le sidemarkers)

Esatto, Rabbit era il nome della Golf I (ma anche altre serie, tra cui la 5a) negli USA dato dalla particolarità (per l’epoca è il mercato) dell’assenza della coda.

Concordo in pieno con te: per me potrebbe essere un modello importato parallelamente, in quanto (in alcuni paesi europei) la Golf I è sopravvissuta per qualche tempo nei listini, affiancandosi alla Golf II.

La denominazione della Golf I, a questo punto, cambiava in Golf Rabbit (o solo Rabbit, a seconda) e la gamma era composta da 3 versioni: Junior (base), Rabbit (intermedia) e Rabbit GTI.

I motori erano i 1.1, 1.5 e 1.8 benzina e 1.6 Diesel e TurboDiesel.

Secondo me potrebbe trattarsi di una di queste.

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

le scritte Rabbit o cose simili negli anni '80 erano spesso degli aftermarket c'era tutta una linea accessori di queste simpatiche cosettine se non ricordo male c'erano pure due conigli che si ingroppavano

 

si su torino ognitanto qualche USa spec saltava fuori si favoleggiava pure di guida dx che venivano convertite in guida sx con costi che andavano a  compensare il mibni costo di acquisto ma qui secondo me entriamo nelle leggende metropolitane

  • Like! 5

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
21 minuti fa, giopisca dice:

...

 

si su torino ognitanto qualche USa spec saltava fuori si favoleggiava pure di guida dx che venivano convertite in guida sx con costi che andavano a  compensare il mibni costo di acquisto ma qui secondo me entriamo nelle leggende metropolitane

Posso dirti che le auto con guida a dx le ho viste personalmente :mrgreen:

In particolare, avevo un compagno di classe in 1a superiore il cui padre aveva una 131 Supermirafiori 2a serie con guida a dx. Il padre lavorava in Fiat e secondo quanto aveva detto questo mio compagno di classe, l'aveva comprata semplicemente perchè gli avevano fatto un prezzaccio...

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
7 minuti fa, Abarth03 dice:

Posso dirti che le auto con guida a dx le ho viste personalmente :mrgreen:

 

Anche io, a Parma vedevo sempre una 156 Giugiaro Selespeed con guida a destra, credo fosse l'auto di un invalido, così come la Golf II che fino a qualche anno fa vedevo al mio paese, anch'essa era di un disabile. Ovviamente entrambe con targa italiana.

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere iscritto per commentare e visualizzare le sezioni protette!

Crea un account

Iscriviti nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Contenuti simili

    • Da DJTaurus
      Messaggio Aggiornato al 27/07/2010


















    • Da Beckervdo
      Il V8 4.0 litri TwinTurbo di Porsche sale a 338 kW / 460 CV e 620 Nm di coppia, che lo pone a metà strada tra la Panamera S e la Turbo. Le sospensioni sono con molle ad aria su tutte e quattro le ruote, è stata ridotta l'altezza dal suolo (-10 mm) ed il sistema PSM (Porsche Suspension Management) ha subito un aggiornamento specifico per questa versione.
      Di serie i cerchi Porsche Panamera Design da 20", nuovi paraurti anteriori e posteriori ed il badge GTS sulle fiancate. 
      Il V8 così "accordato" fa scattare la Porsche Panamera GTS da ferma fino a 100 km/h in 4.1 secondi e raggiunge una velocità massima di 292 km/h (per la Sport Turismo la v-max è di 289 km/h).
      In Germania è già disponibile e parte da 138'493 Euro per la Porsche Panamera GTS, mentre ne occorrono 2'856 Euro in più per portarsi a casa la declinazione Sport Turismo.
      7
       
      New GTS models: two athletes join the Porsche Panamera family

       
       
      Via Porsche
    • Da lukka1982
      La Porsche ha ufficializzato a Parigi il debutto in serie limitata della 911 Speedster. Dopo aver presentato la Concept in occasione dei festeggiamenti per i propri 70 anni, la Casa tedesca ha svelato un secondo prototipo più vicino al modello definitivo, annunciandone una produzione di 1.948 unità. Il prezzo, per il momento, non è stato reso noto.
       
      Debuttano gli Heritage Design Packages. La 911 Speedster è il frutto del lavoro congiunto della Porsche Motorsport, del centro stile e del reparto Exclusive e porterà al debutto gli Heritage Design Packages dedicati alla personalizzazione della vettura e ispirati ai modelli vintage e non ancora svelati nel dettaglio. Il propulsore è il 4.0 aspirato da 500 CV e 9.000 giri della versione GT con scarico di titanio, abbinato al cambio manuale a sei marce. 
       
      La seconda concept sfoggia dettagli inediti. La nuova concept sfoggia alcuni dettagli comuni alla prima versione presentata, come gli specchietti retrovisori compatti e il tappo del serbatoio sul cofano con una diversa finitura superficiale, ma introduce anche soluzioni inedite come i cerchi di lega da 21" diamantati ispirati alla RSR da competizione, le luci diurne Led arancioni e gli interni di pelle bicolore con sezioni traforate. La 911 Speedster nasce sulla base della scocca della GT3, mentre la carrozzeria deriva in parte dalla Carrera 4 Cabriolet e adotta nuovi cofani di carbonio e l'inedito parabrezza ad altezza ridotta e i cristalli laterali ribassati. L'elemento posteriore con la classica doppia gobba è totalmente inedito ed è di fibra di carbonio, mentre al posto della capote è previsto un tonneau con fissaggi a bottone. 
       
      Quattroruote.it
       
       
       





×