Jump to content
News Ticker
Benvenuto su Autopareri!

La mia Tesla Model 3 Long Range AWD


Recommended Posts

Aspetto con ansia il resto. Mi considero un petrolhead, ma devo ammettere che dopo una trasferta di lavoro in Norvegia, e un giro (da passeggero) in Model X, ho cominciato ad appassionarmi al genere.

  • I Like! 1

"All truth passes through three stages. First, it is ridiculed, second it is violently opposed, and third, it is accepted as self-evident." (Arthur Schopenhauer)

65540b21bc9c02fae8a50143b3dfab8c.jpg

Automobili

Volkswagen Scirocco 1.4 TSI 160cv Viper Green (venduta)

BMW M4 DKG Competition Package 450cv Sapphire Black

Link to comment
Share on other sites

 

In effetti dopo aver guidato la vettura da solo, avedoci preso un po’ la mano. Regolando e impostandola a mio piacere, per esempio impostando la partenza come un ,automatica convenzionale’ (metti la D e senti come ‘spinge’), regolando la ‘recupazione’ (Recuperation). Cosi dopo 100-150 km mi sono sentito ‘a casa’.

 

Dovendo sostituire la Mini che viene usata in maggioranza da mia moglie, il suo parere e stato molto importante.

 

Lei era davvero scettica, un grande vantaggio e il fatto di poter caricare la Tesla in ufficio, ma questo non serve a niente se non ti trovi bene.

 

nel primo momento non si trovava a suo agio con la recuperazione, il pedale del ‘gas’ viene usato in modo diverso su una E - guidi con il pedale, invece il freno non lo usi praticamente.

 

Dopo ca. 30-40 km, ci abbiamo entrambi preso ‘la mano’.

 

 

Link to comment
Share on other sites

Allega anche qualche foto, se puoi, Xbertone. Che qui ci sono, come avrai notato, solo le foto di 3-4 anni fa del concept che era pure diverso dal modello di produzione, ma non è stato ritenuto abbastanza importante aprire un thread con foto e informazioni quando è uscito il modello di produzione, nè quando ha iniziato a vendere centinaia di migliaia (si viaggia verso le 300,000) di esemplari.

Un segno eloquente che dice tutto. 

 

Cita

In un uso diciamo autostradale (120km/h) la long range che autonomia ha?

Nel frattempo che xbertone ci segnala le sue esperienze e misure, questi sono i dati ricavati dai test EPA delle varie versioni di M3:

 

Colonna verde = autonomia effettiva che tiene conto delle varie ruote

 

3-km-710.png

 

La Long Range AWD 18" con gli aereo di base (xbertone specifica che ruote hai) a 121 km/h dovrebbe avere, in condizioni std di test , 442 km di autonomia, che scendono a 415 km se ha i 19". 

 

PS: i dati di km in 30 min di carica supercharger sono obsoleti e relativi ai V2@120 kW.

 

Ora i V2 sono updatati a 150 kW, i V3 @250 kW e sugli Ionity a 350 kW CCS2 mi pare che Model3 carichi @200 kW.

 

Edited by Maxwell61
  • I Like! 1
Link to comment
Share on other sites

...in effetti dopo averla guidata e stato veramente difficile tornare alle convenzionali.

 

Comunque non ci siamo fatti prendere dal momento, ci abbiamo pensato su molto, valutando bene l’uso e se sarebbe l’acquisto ideale da fare.

 

poi verso fine giugno x ci siamo decisi, avevamo optato per una Long Range con i cerchi da 19” opzionali. Interni neri.

 

Mercoledi 26 giugno chiamo il Tesla Store nel quale avevamo ricevuto un ottimo servizio e volevo passare ad ordinare la vettura. In effetti per Tesla molto Old school - ma sinceramente ci tenevo a fargli fare la vendita dopo essere stato trattato cosi bene.

 

Mentre sono al telefono guardo il sito e vedo le vetture in stock, con sorpresa vedo che ci sono 4 nere come quella che voremo, solo senza i cerchi da 19, con ca. 3000 Eur di sconto. 

 

In 30 minuti 2 sono via, decido sul momento e faccio la riservazione. 2000.- di acconto con carta di credito. 

 

 

 

92CF4EFC-9783-40D1-9B2C-88145F00D183.jpeg

  • I Like! 1
Link to comment
Share on other sites

@xbertone leggo che sei elvetico, quindi ti pongo una domanda: in Svizzera esiste una tassa come il bollo auto, da pagarsi in base alla potenza della vettura?

La domanda seguente è: quanti cavalli di potenza sono indicato sul libretto di circolazione (se esiste da voi)?

Statisticamente, il 98% dei ragazzi nel mondo ha provato a fumare qualsiasi cosa. Se sei fra il 2%, copia e incolla questa frase nella tua firma

Link to comment
Share on other sites

11 ore fa, Maxwell61 scrive:

Allega anche qualche foto, se puoi, Xbertone. Che qui ci sono, come avrai notato, solo le foto di 3-4 anni fa del concept che era pure diverso dal modello di produzione, ma non è stato ritenuto abbastanza importante aprire un thread con foto e informazioni quando è uscito il modello di produzione, nè quando ha iniziato a vendere centinaia di migliaia (si viaggia verso le 300,000) di esemplari.

Un segno eloquente che dice tutto.

 

Aoh, e che peso però con 'sti segni eloquenti. Non l'hai aperto manco tu il topic, è un segno che sei un luddista contrario alla diffusione dell'elettrico?  O che la Loggia dell'Idrocarburo ha passato anche a te la mazzetta per non farlo?

Poi fai lo stupito quando la gente dice che vi esprimete da santoni che elargiscono il Verbo ai mortali... :roll: diamoci un po' un taglio, che non siamo tutti degli scimpanzé.


@xbertone Visto che il freno motore si attiva appena si solleva l'acceleratore (giustamente), c'è qualche impostazione rapida per esprimere quanto rallentamento si vuole? Intendo, l'effetto dello scalare una marcia con i motori tradizionali.

Oppure il livello è fisso e per il resto si usa il freno?

  • I Like! 1
  • Thanks! 6

There's no replacement for displacement.

5967677fbce20_autohabenbahnfahren.jpg.4606d45af194e6808929d7c2a9023828.jpg

Anche tu ti ecciti palpeggiando pezzi di plastica? Perché stare qui a discutere con chi non ti può capire? Esprimi la tua vera passione passando a questo sito!

Link to comment
Share on other sites

16 ore fa, Sandro scrive:

@xbertone leggo che sei elvetico, quindi ti pongo una domanda: in Svizzera esiste una tassa come il bollo auto, da pagarsi in base alla potenza della vettura?

La domanda seguente è: quanti cavalli di potenza sono indicato sul libretto di circolazione (se esiste da voi)?

 

Qui in Svizzera trovi le normative cantonali - hai 26 cantoni e 26 tariffe, incredibile.

 

si passa dai cantoni che ti essentano dalla tassa per alcuni anni, altri invece che ti fanno pagare come se avesse 500 cv - nel nostro cantone mi costa 420.- CHF - ca. 1/3 in piu della Mini Clubman con 235 cv....

 

...In altri cantoni si arriva a pagare anche 1200.- - purtroppo.

14 ore fa, Wilhem275 scrive:


@xbertone Visto che il freno motore si attiva appena si solleva l'acceleratore (giustamente), c'è qualche impostazione rapida per esprimere quanto rallentamento si vuole? Intendo, l'effetto dello scalare una marcia con i motori tradizionali.

Oppure il livello è fisso e per il resto si usa il freno?

 

Ci sono 2 varianti, quella standard, piu ‘forte’ e quella piu docile, quasi tipo come su un benzina lasci il pedale del gas.

 

all’inizio siamo andati sul docile, ma dopo poco siamo passati allo standard, il freno lo usi solo in estremis, per il resto fai con il ‘gas’.

  • I Like! 1
  • Thanks! 1
Link to comment
Share on other sites

Continuo la mia esperienza:

 

Dopo l’acconto ricevo Email e telefonata da Tesla, c’e da compilare diversi documenti, poi fare il pagamento o regolarsi per il finanziamento, ma mercoledi sera era già tutto pronto. 

 

Concordiamo per il ritiro per sabato 29.06.

 

venerdi mattina avevo tutti i documenti necessari per immatricolarla. Venerdi mi chiamano per confermare e chiedere se è arrivato tutto. Tutto ok.

 

sabato mattina non stavo nella pelle :-)

 

verso le 13:30 eravamo preso il sito dove era previsto il ritiro: una vecchia fabbrica piena di nuove Tesla. Che differenza dai conce :-) 

 

una fila di gente, tutti con appuntamento per il ritiro, ho sentito parlare di 100 consegne al giorno.

 

sinceramente, tutto ben organizzato ma troppo sterile e poco personale, al Tesla Store ero rimasto molto piu soddisfatto.

 

adesso passiamo al punto dolente: e scrivo con totale onesta, troppa fretta e poca attenzione per i dettagli.

 

sapevo di dover controllare bene la vettura, gli allineamenti, la verniciatura. Poi il nero non metallizzato e delicatissimo. Questo chiaramente non solo da Tesla ma da tutti i produttori. Ricordo ancora la mia Ex Porsche 997 nello stesso colore, una disperazione ogni volta per lavarla...

 

..torniamo al ritiro: piccoli graffi sul parafango posteriore, alcune imperfezioni sulla vernice, porta targa anteriore montato alla ‘k’, per il resto tutto ok. Peccato che non abbiamo caricato al massimo la vettura, si sono scusati, ma sinceramente non considero questo servizio il massimo. Comunque gentili e ogni pecca e stata documentata e viene corretta. Senza discussione.

 

comincia perciò l’esperienza su strada....

 

 

 

 

171DB300-63DD-47DC-AC7E-46F6303469AB.jpeg

  • I Like! 2
  • Thanks! 2
Link to comment
Share on other sites

  • J-Gian changed the title to La mia Tesla Model 3 Long Range AWD

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share

  • Similar Content

    • By Fabione90
      Perché l’ho comprata o provata?
       
      Incuriosito dal guidare un’auto elettrica, ho noleggiato per circa un’ora una 500e con una società di car sharing di Milano e sono rimasto molto colpito dalle prestazioni della 500e.
      Data la mia esperienza positiva con la guida della 500e, ho voluto provare ad avere una Tesla Model 3 per un weekend fuori porta (eravamo in due persone a viaggiare).
      Avendo trovato un’azienda che, tra le altre cose, noleggia Tesla a breve termine, abbiamo deciso di fare questa operazione e utilizzare la Tesla per il seguente tratto: Milano – Arezzo – Siena – Varese (casa) – Milano. Totale 1000km percorsi circa.
       
      L’esemplare noleggiato è una Model 3 Standard Range, cioè la versione ad oggi più economica del listino Tesla.
       
       
      Gli interni
       
      L’auto si apre appoggiando una card alla portiera e l’impulso di apertura (sia interno che esterno) è di tipo elettrico.
      Gli interni sono lontani dalla triade Audi Bmw Mercedes, sono meno appariscenti e decisamente più minimalisti.
      I sedili in pelle, non traforata, sono di buona fattura, riscaldabili e ben profilati.
      Al centro domina il tablet da 15 pollici tramite cui si governa l’intera auto: radio, climatizzazione, infotainment, internet e qualche gioco (puzzette e simulazione camino).
      Fa strano non avere un cruscotto davanti al volante, o perlomeno un head-up display per visualizzare autonomia e velocità, informazioni che vengono visualizzate sul tablet anche se non con il corretto risalto.
       
      Per richiamare le funzioni più usate, esistono tasti di scelta rapida che evitano di far smanettare troppo per regolare la temperatura.
      Molto importante il navigatore per un lungo viaggio: una volta impostata la meta, è l’auto a suggerirti in quale/i Tesla Supercharger fermarti e per quanto tempo, facendo in modo da arrivare a destinazione con almeno il 10% di carica residua (viene data per scontato la possibilità di ricaricare a destinazione, se così non fosse occorre organizzarsi diversamente anche fuori dalla rete dei supercharger).
       
       
      L’esperienza supercharger
       
      Questo merita un paragrafo a parte, perché la rete di Supercharger è il vero valore aggiunto di Tesla rispetto ad altri costruttori più o meno blasonati. Per chi non lo sapesse, si tratta di una rete di ricarica ultra rapida (arriva a 150kwh o 250kwh) dedicata esclusivamente a Tesla.
       
      In particolare, ho utilizzato i supercharger di Melegnano, Modena, Firenze e Arezzo.
       
      Non si inseriscono né soldi, né carte, né pin, né password. Semplicemente, si collega l’alimentatore alla presa di ricarica e la colonnina riconosce immediatamente l’auto e l’account Tesla ad essa associato e, di conseguenza, addebita su CdC o conto corrente l’importo di ogni ricarica (visualizzato sul display).
      A proposito di costi, mentre le colonnine ultrafast generiche billano fino a 60-75 cent per kwh (salvo convenzioni e abbonamenti per specifici costruttori), la rete Supercharger addebita ad oggi 30 cent per kwh e, per ripristinare 240km di autonomia, la spesa è di circa 14€. Quindi si parla di circa 6€ per 100km.
       
      Per passare dal 20 all’ 80% di carica ci vogliono circa 30 minuti. Per caricare oltre l’80% il tempo aumenta sensibilmente per preservare la batteria. Inoltre, fare il pieno non serve perché si perderebbe tempo inutilmente nel viaggio. Il pieno è meglio farlo da casa. Più aumentano i kwh ricaricati, più diminuisce la velocità di carica.
       
      I supercharger generalmente sono collocati entro 1km circa dalle uscite autostradali, sono disponibili h24 e vengono installati presso alberghi e ristoranti. Non è necessario essere clienti di queste strutture, tuttavia è come se fossero autogrill specifici per Tesla perché sono previste convenzioni per chi ricarica l’auto (10% sconto in genere) e vengono offerti i servizi che in genere offre un’area ristoro autostradale.
       
      Essendo una rete dedicata a Tesla ed essendoci (nella maggioranza dei casi) 8 postazioni per struttura, difficilmente si rimane in coda ad aspettare che qualcuno termini la ricarica (tranne nei periodi di punta forse, ma non sono un proprietario Tesla che ha potuto testare a fondo la rete..).
       
      Ciò non toglie che si può ricaricare l’auto presso le colonnine di tutti gli altri provider, ma bisogna avere la tessera di ciascun provider.
      Quando eravamo a fare un giro per Siena, volevo caricare alla Enel per evitare una sosta al supercharger, ho provato a fare un account Duferco ma non sono riuscito ad avviare la carica. Forse se avessi avuto la tessera sarei riuscito a ricaricare.
       
      Sulla Standard Range l’autonomia è di 320km reali in media, ma in autostrada precipita a 250 circa. La batteria ha una capienza di 50kw, la long range arriva a 75kw ma deve alimentare 2 motori (consuma di più e pesa di più) e l’autonomia non aumenta in proporzione.
       
      Alla guida
       
      Non c’è molto da dire: le prestazioni sono semplicemente da supercar!!! Anche con il modello base della gamma Tesla.
      L’auto scatta veramente rapidamente e terrebbe testa a berline di segmento C da 250cv. Lo 0-100 viene chiuso in meno di 6 secondi e la ripresa è fulminea.
      Certo, non ha il telaio e l’assetto di una MB A35 AMG / Audi RS3 / BMW M135i. Però teniamo conto che qua abbiamo un costo del carburante di 6€ per 100km (caricando al Supercharger), non di 13€ per 100km. Senza contare l’esenzione bollo.
      Lo sterzo l’ho trovato abbastanza preciso, ma senza infamia e senza lode.
       
      Funziona come un interruttore della luce: la potenza è tutta disponibile subito ed è veramente silenziosa (si sente giusto il rotolamento dei pneumatici)
       
      La compreresti?
       
      E’ veramente una gran bella auto, però non sono pronto per questo tipo di acquisto.
      Prima di tutto, non ho al momento la possibilità di caricare a casa e poi nella zona di Varese non ci sono supercharger.
      Forse, se si abita in una zona con i supercharger a portata di mano, si può tentare un acquisto di questo tipo anche senza poter caricare a casa e se con le percorrenze si riesce ad andare al supercharger massimo 1 volta a settimana.
      Inoltre, non è l’auto da utilizzare per la traversata Milano – Salento / Sicilia nel periodo di bollino rosso / nero. Già è un viaggio mica da ridere, se poi aggiungiamo i tempi legati al rifornimento…
       
      Però se si è in un nucleo famigliare con 2 auto, una di queste può essere una Tesla model 3 Standard range e la seconda un’auto a benzina (utilitaria o monovolume, nuova o usata a seconda delle esigenze di spazio e budget).
      Ricordo inoltre che nello scenario descritto sopra, è conveniente la standard range: rispetto alla long range il listino è più basso di ben 9000€ (non bruscolini, anche in rapporto al valore dell’auto) e l’autonomia media rimane mediamente di 320km invece di 410km (da prove 4R / al volante).
       
      Se parliamo di rata NLT, è probabile che la LR risulti in proporzione più conveniente, ma bisogna valutare caso per caso.
       
      Sicuramente se elettrico deve essere, Tesla avrà la priorità.



    • By Cole_90
      Sebbene senza press release, Tesla rilascia gli aggiornamenti della Model 3 che prevedono nuovi cerchioni tra i 18’’ e i 20’’, power trunk finalmente disponibile e nuovi dettagli esterni in nero a sostituire quelli cromati.
      All’interno nuovo disegno per il tunnel, adesso non più finito in nero lucido e con una nuova sezione per la ricarica wireless degli smartphones.
      La Model 3 in variante Standard Range Plus adesso ha 423 km di autonomia (+21) mentre la Long Range Dual Motor AWD raggiunge i 568 km (+50); infine la Performance Dual Motor AWD ha un incremento di 26 km sino a 507 km di autonomia a ricarica completa.
       





    • By A.Masera
      Presentata
       
      Autonomia: 215 miglia, quindi 345 km. Abilitazione ai Supercharger Autopilot 0-100 km/h in circa 6 secondi Tetto panoramico prezzo 35.000 $  
       
       

       
      t
       

       




       
      E sui sistemi di sicurezza
       

       
      Spy: http://www.autopareri.com/forums/topic/53275-tesla-model-3-mid-size-sedan-notizie
       

×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.