Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuto su Autopareri - il forum dell'automobile!
vpn

Avvistamenti vari di auto storiche o quasi-storiche

Recommended Posts

22 ore fa, Dodicicilindri scrive:

A me la Tipo non dispiaceva per il periodo in cui e' stata presentata, la vista peggiore secondo me era quella laterale nella parte posteriore, troppi vetri e vetrini, mi sembrava pasticciata e incollata col lego.

La 3 porte, ad esempio, avendo un vetro posteriore intero e un montante C piu' largo, risolveva bene questo problema e mi sembrava molto piu' moderna, mi piace ancora oggi.

vedi il mondo è bello perché vario

io la 3 P l'ho sempre trovata "sfigata" mancava qualcosa vetro posteriore troppo lungo , mi sembrava quasi che dal montante in poi fosse meno massiccia ( ad esempio la delta HPE era IMO + riuscita )

diciamo che era nata 5 P e portarla 3P era un rappezzo

On ‎06‎/‎01‎/‎2019 at 17:07, Mazinga76 scrive:

 

Non è una prova inconfutabile. Teoricamente, in trenta e più anni, la macchina può aver subito interventi di carrozzeria, con la sostituzione di targhette, sigle, stemmi ecc.. Sappiamo bene che molti carrozzieri e proprietari, all'atto del sostituire tali sigle, non vanno a sbattersi più di tanto per trovare la sigla Digit oppure DGT; ci schiaffano quel che trovano e buona notte al secchio. 

Tanto per dire, nel 2000, quando feci riverniciare la mia Uno CS, al momento del ritiro me la ritrovai con la targhetta posteriore "Uno-45", perchè il carrozziere non aveva trovato dal suo ricambista di fiducia la scritta originale "Uno-CS"; nè, per questioni di tempo, potè prendersi la briga di mettersi alla ricerca. Poi, in un secondo momento, la trovai io e gliela cambiai.

forse dico una castroneria ma mi sembra che la differenziazione Digit e DGT fosse anche dovuta alla cilindrata della vettura, perché quando è uscita la Tipo non veniva citata la cilindrata della vettura sul portellone e quindi la variabile era la targhetta laterale

quanto poi alla discrepanza foto "ufficiali" vettura presentata non vorrei che ci sia stata la solita fuga di immagini e la gara a chi ce l'avesse più lungo fra i vari giornali

  • I Like! 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
18 minutes ago, giopisca said:

vedi il mondo è bello perché vario

io la 3 P l'ho sempre trovata "sfigata" mancava qualcosa vetro posteriore troppo lungo , mi sembrava quasi che dal montante in poi fosse meno massiccia ( ad esempio la delta HPE era IMO + riuscita )

diciamo che era nata 5 P e portarla 3P era un rappezzo

 

anch'io la vedo così :-)

 

18 minutes ago, giopisca said:

forse dico una castroneria ma mi sembra che la differenziazione Digit e DGT fosse anche dovuta alla cilindrata della vettura, perché quando è uscita la Tipo non veniva citata la cilindrata della vettura sul portellone e quindi la variabile era la targhetta laterale

 

sorry, castroneria :-)

Le Digit/DGT potevano essere indifferentemente 1.1, 1.4, 1.6, 1.7D e all'estero anche 1.8 per un certo periodo.

 

18 minutes ago, giopisca said:

quanto poi alla discrepanza foto "ufficiali" vettura presentata non vorrei che ci sia stata la solita fuga di immagini e la gara a chi ce l'avesse più lungo fra i vari giornali

 

no, erano immagini ufficiali Fiat pre-lancio. si vede che erano state fatte qualche tempo prima. Una volta la produzione era tutta più lenta e a certe cose non si badava più di tanto (non c'erano forum temperasupposte come questo :-P )

  • I Like! 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, giopisca scrive:

vedi il mondo è bello perché vario

io la 3 P l'ho sempre trovata "sfigata" mancava qualcosa vetro posteriore troppo lungo , mi sembrava quasi che dal montante in poi fosse meno massiccia ( ad esempio la delta HPE era IMO + riuscita )

diciamo che era nata 5 P e portarla 3P era un rappezzo

 

6052_applausi_bender_pontilenews.png

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

a me non piaceva e soprattutto non piacevano gli interni squadrati e senza continuità con i pannelli porta. Però da una decina di anni l'ho rivalutata, auto di assoluta sostanza, solida, robusta, spaziosa, economica, concepita per fare tanti km come nessun'altra media Fiat è stata sino alla Bravo.

 

Un collega di mio padre fu inviato in una città del sud: lui non digerì il trasferimento e cercò di fondere l'auto aziendale, una Tipo 1.7d andando in terza in autostrada furigiri.... bene ci provò per un mese e non ci riuscì e dovette desistere...

 

Ora se compri una VW o una merda simile ci riesci tranquillamente facendo tagliandi ogni 15.000 col Castrol da 30 euro/litro in concessionaria e trattandola con i guanti ...🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣

Edited by Tempra Veloce
  • Haha! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 ore fa, v13 scrive:

..

sorry, castroneria :-)

Le Digit/DGT potevano essere indifferentemente 1.1, 1.4, 1.6, 1.7D e all'estero anche 1.8 per un certo periodo.

 

...

 

 

Esatto. La denominazione cambiò pochi mesi dopo la presentazione, non vorrei sbagliarmi ma credo che nell'estate dell'88 fosse già diventata DGT.

Quanto alla 1.8 per i mercati esteri non so, nel senso che non ho esperienza diretta. Ma da noi la targhetta sul parafango diceva semplicemente "1.8 i.e", anche se l'allestimento era a tutti gli effetti il DGT.

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 hours ago, Tempra Veloce said:

a me non piaceva e soprattutto non piacevano gli interni squadrati e senza continuità con i pannelli porta. Però da una decina di anni l'ho rivalutata, auto di assoluta sostanza, solida, robusta, spaziosa, economica, concepita per fare tanti km come nessun'altra media Fiat è stata sino alla Bravo.

 

era bella (un salto enorme rispetto alla Ritmo) e robusta, ma onestamente non durava bene nel tempo e anche da nuova dava una sensazione di solidità inferiore, per esempio, alla coeva Kadett, specialmente la restyling, per non parlare della Golf che all'epoca era granitica.

 

3 hours ago, Tempra Veloce said:

 

Un collega di mio padre fu inviato in una città del sud: lui non digerì il trasferimento e cercò di fondere l'auto aziendale, una Tipo 1.7d andando in terza in autostrada furigiri.... bene ci provò per un mese e non ci riuscì e dovette desistere...

 

pessima scelta. quel motore lo lanci da un dirupo e funziona ancora :-D

 

3 hours ago, Tempra Veloce said:

 

Ora se compri una VW o una merda simile ci riesci tranquillamente facendo tagliandi ogni 15.000 col Castrol da 30 euro/litro in concessionaria e trattandola con i guanti ...🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
12 ore fa, v13 scrive:

 

era bella (un salto enorme rispetto alla Ritmo) e robusta, ma onestamente non durava bene nel tempo e anche da nuova dava una sensazione di solidità inferiore, per esempio, alla coeva Kadett, specialmente la restyling, per non parlare della Golf che all'epoca era granitica.

 

 

pessima scelta. quel motore lo lanci da un dirupo e funziona ancora :-D

 

 

 

A costo di sfatare una leggenda la granicità della Golf II ( un pesante restyling della I ) era legata alle motorizzazioni asmatiche ( escluse GTI e GTD , che facevano immagine , ma non erano le principali vendute ) e la quasi assoluta mancanza di accessori di serie od a richiesta ( ciò che non c'è non si rompe/guasta ) .

Toccata con mano su una Golf II GL del 1991 , motore 1.6 carburatore , potenza 75 CV .

Dotazione : equivalente a quella di una Fiat Ritmo di 10 anni prima . in pratica l'unica cosa esotica era la chiusura centralizzata , optional tra l'altro.  Non aveva neppure gli alzacristalli elettrici  

 

Per quanto riguarda la Kadett E ( auto alla fine bella ) metto una foto per far vedere tutta la superiorità rispetto alla Tipo .

 

opel-kadett-ope_geb_297_2.jpg

 

 

Piaccia o meno, la Tipo nel 1988 rivoluzionò il segmento .  esattamente come Golf IV 9 anni dopo , fece invecchiare immediatamente le altre .  

 

 

 

 

  • I Like! 5
  • Thanks! 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
13 minutes ago, stev66 said:

 

A costo di sfatare una leggenda la granicità della Golf II ( un pesante restyling della I ) era legata alle motorizzazioni asmatiche ( escluse GTI e GTD , che facevano immagine , ma non erano le principali vendute ) e la quasi assoluta mancanza di accessori di serie od a richiesta ( ciò che non c'è non si rompe/guasta ) .

Toccata con mano su una Golf II GL del 1991 , motore 1.6 carburatore , potenza 75 CV .

Dotazione : equivalente a quella di una Fiat Ritmo di 10 anni prima . in pratica l'unica cosa esotica era la chiusura centralizzata , optional tra l'altro.  Non aveva neppure gli alzacristalli elettrici  

 

mi spiace, ma su Golf stai rispondendo con un'altra cosa. Accessori di serie ne aveva sicramente meno e i motori avevano un'indole molto tranquilla, però la sensazione di solidità era innegabile, sarà per il design di pochi e grossi pezzi o per il montaggio ben realizzato. L'effetto quello era. E i miei ricordi sono di una diesel aspirata (con 54 potentissimi somari :-D ) GL dell'88, non certo di una GTI (che per altro era più rigida e nervosa delle normali, oltre ad avere un motore molto più invasivo in abitacolo per rumore e vibrazioni residue).

 

13 minutes ago, stev66 said:

 

Per quanto riguarda la Kadett E ( auto alla fine bella ) metto una foto per far vedere tutta la superiorità rispetto alla Tipo .

 

opel-kadett-ope_geb_297_2.jpg

 

proprio questa foto di questa Kadett restyling dimostra il contrario: tolto il volante tristarello, il resto era costruito in modo quasi impeccabile, con plastiche solide e comandi con movimenti altrettanto sicuri. E soprattutto, una volta in marcia era silenziosa e priva di vibrazioni, anche a velocità autostradali. Lo dico perché all'epoca viaggiavo spesso da passeggero su Tipo 1.1, Tds e Kadett 1.4.

Dico questo per onestà :-) A me la Tipo piaceva molto come design, sia dentro che fuori.

 

 

13 minutes ago, stev66 said:

 

Piaccia o meno, la Tipo nel 1988 rivoluzionò il segmento .  esattamente come Golf IV 9 anni dopo , fece invecchiare immediatamente le altre .  

 

 

 

 


 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il difetto principale di Tipo era l'eccessiva povertà ( reale e percepita ) delle versioni base, e le prestazioni letargiche del 1.1 .

 

Per il resto ,  a mio parere superiore a Golf II ( ma lì ci voleva poco , aveva già 6 anni al lancio di Tipo )  .

Per Kadett E ho ricordi diversi : prestazioni superiori, ma le plastiche ed in generale gli interni mi sembravano di qualità inferiore delle DGT ed equivalenti alla base .

 

Renault 19 lanciata poco dopo, grosso modo equivalente a Tipo, ma con meno abitabilità ( Tipo dietro era più larga di un A6 ) 

Ma fino al 1990 ( Escort Mk4 ) e 1991 ( Golf Mk3 ed Astra Mk1 ) rivali ne ebbe pochi .

 

 

 

 

 

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
41 minutes ago, stev66 said:

Il difetto principale di Tipo era l'eccessiva povertà ( reale e percepita ) delle versioni base, e le prestazioni letargiche del 1.1 .

 

il 1.1 era scandaloso, complici anche gli interni enormi ma "vuoti", sembrava di essere su una Uno 45 gigante :-)

 

 

41 minutes ago, stev66 said:

 

Per il resto ,  a mio parere superiore a Golf II ( ma lì ci voleva poco , aveva già 6 anni al lancio di Tipo )  .

Per Kadett E ho ricordi diversi : prestazioni superiori, ma le plastiche ed in generale gli interni mi sembravano di qualità inferiore delle DGT ed equivalenti alla base .

 

Renault 19 lanciata poco dopo, grosso modo equivalente a Tipo, ma con meno abitabilità ( Tipo dietro era più larga di un A6 ) 

Ma fino al 1990 ( Escort Mk4 ) e 1991 ( Golf Mk3 ed Astra Mk1 ) rivali ne ebbe pochi .

 

 

 

la Golf 2 restyling ebbe un'altra ondata di vendite dopo il restyling dell'89, quello dei paraurti avvolgenti (per le versioni GL). Tra l'altro cominciò allora l'epoca delle auto ipergommate

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Similar Content

    • By Beckervdo
      L'ottava generazione della Porsche 911 debutta al Salone di Los Angeles con un design evoluto, interni totalmente ridisegnati e nuove dotazioni tecniche: caratteristiche che indicano con precisione gli obiettivi della Casa tedesca, intenzionata a proporre un prodotto rinnovato sotto molteplici aspetti ma al tempo stesso fedele all’impostazione originale. La Porsche ha già comunicato i prezzi di lancio della 992 per il mercato italiano: 123.999 euro per la Carrera S e 132.051 euro per la Carrera 4S.
       
      Senza tempo, ma con tante novità stilistiche. Come ampiamente anticipato dalle foto spia, la Porsche ha voluto mantenere le proporzioni e gli stilemi tipici del modello, rivoluzionando però la zona posteriore con un nuovo gruppo ottico Led che si sviluppa in senso orizzontale. L'aumento importante delle carreggiate, con 45 mm in più all'anteriore, coda larga per tutte le versioni e l'adozione di cerchi di lega da 20" anteriori e 21" posteriori, ha reso ancora più sensuale la fiancata. Qui troviamo per la prima volta anche le maniglie a filo carrozzeria, mentre il frontale è caratterizzato dai gruppi ottici Led ridisegnati e dal profilo del cofano anteriore che cita apertamente le 911 classiche. In coda si fanno notare anche i nuovi scarichi integrati nel paraurti e l'appendice aerodinamica attiva cresciuta in dimensioni rispetto al passato.
       
      Le Carrera S e 4S da 450 CV con il Pdk otto marce. Quando una nuova 911 si affaccia sul mercato il primo sguardo va sempre alla scheda tecnica. In questo caso la Porsche ha evoluto senza rivoluzionare e senza dare spazio, per il momento, all’elettrificazione, ma ha voluto introdurre per prima solo la Carrera S nelle versioni a due e quattro ruote motrici. Il propulsore 3.0 boxer biturbo è stato aggiornato rispetto alla 991 lavorando sulla sovralimentazione e sul sistema di iniezione, passando da 420 a 450 CV. Ma la vera novità è l'introduzione del cambio automatico doppia frizione Pdk a otto marce, comandabile, oltre che dai paddles, anche dalla piccola leva verticale integrata nel tunnel centrale. Per il momento non si parla di una variante manuale, ma sono già noti i dati prestazionali: 3,7 secondi per toccare i 100 km/h da fermo (3,6 per la Carrera 4S) e 308 km/h di velocità massima (306 per l'integrale), con ulteriori due decimi limati in accelerazione (3,4 secondi) optando per il pacchetto Sport Chrono opzionale, che include anche il selettore rotativo sul volante. I consumi medi si attestano a quota 8,9 l/100 km secondo il ciclo Nedc ricalcolato (9,0 per la 4S). Debutta infine la modalità di guida Wet, pensata per le condizioni stradali più difficili e per i guidatori meno smaliziati.
       
      Interni ridisegnati per il display da 10,9”. Gli interni riflettono l'impostazione dei più recenti modelli Porsche con un marcato sviluppo orizzontale e introducono un’impostazione incentrata sul display da 10,9” dell'infotainment, che ora sovrasta le bocchette di aerazione. Oltre alla funzione touch sono disponibili cinque pulsanti fisici per accedere alle principali aree. Inoltre, funzioni come la navigazione, la connettività e gli altri servizi del Porsche Connect Plus sono di serie. La nuova strumentazione, con contagiri analogico centrale e due display laterali inseriti in una lunga palpebra ispirata alle 911 classiche con cinque strumenti affiancati, integra per la prima volta il sistema Night Vision con le immagini proiettate dalla telecamera con sensore termico. Sono infine previsti anche altri Adas aggiornati: il Cruise Control adattivo con funzione stop & go e l'Emergency Assist.  
        Tre app per il lifestyle Porsche. La Porsche ha diffuso anche le prime informazioni su alcune nuove iniziative dedicate ai clienti: si tratta di tre diverse applicazioni che offrono contenuti dedicati agli appassionati e che coinvolgono il tempo trascorso dentro e fuori della propria 911. Con l’app Porsche Road Trip è possibile ricevere suggerimenti per organizzare un viaggio abbinando punti di interesse, hotel e ristoranti esclusivi. Con l’applicazione Porsche 360+ viene messo a disposizione un assistente digitale per ogni esigenza, mentre con la Porsche Impact si può rimanere informati sulle attività della Porsche dedicate all'ambiente: di fatto la Casa di Stoccarda vuole dimostrare ai propri clienti di adoperarsi per ridurre le emissioni CO2 attraverso investimenti in progetti legati alle energie rinnovabili e alla protezione della natura per bilanciare il proprio impatto sull'ambiente.
       
      Quattroruote.it
       









       
       
      Spy topic ⤵️
       
       
    • By Beckervdo
      Ecco la nuova Porsche 911 RSR che parteciperà al campionato WEC 2020.
      Come la precedente RSR, il motore Boxer 6 cilindri  da 4.2 litri è posizionato centralmente, e non più a sbalzo sul posteriore. La potenza, ufficiosa, è di 384 kW / 522 CV e dipende dai restrittori che saranno utilizzati sui tromboncini di aspirazione. Ovviamente, trazione posteriore e cambio sequenziale a 6 rapporti. 

    • By Pawel72
      Quanti di noi si sono chiesti.., ma il grande Drake oltre alle sue magnifiche Ferrari , quali automobili apprezzava e guidava nella vita privata ? 
      La E-Type  è rimasta in vendita per 14 anni, e ne sono stati assemblati oltre 70 mila esemplari.
      Ma quando si parla di macchine così eleganti i numeri non contano. Le parole però sì, come quelle di Enzo Ferrari, che nel 1961 vedendo una E-Type Roadster disse che era “l’auto più bella mai costruita”.
      Enzo Ferrari aveva una Renault 5 Turbo e ora va all’ asta per un prezzo base di 80.000 euro.
      Si tratta di un’ unità prodotta nel 1982, anno in cui “il commendatore” l’ha acquistata. E’ dotata di un quattro cilindri da 1,4 litri di cilindrata e turbocompressore. Associato ad un cambio manuale a cinque marce, eroga 160 CV e accelera da 0 a 100 km/h in 7,7 secondi. La velocità massima è 218 km/h.
      Una caratteristica speciale di questo modello è che Enzo Ferrari ha ordinato l’installazione di una radio Pioneer Ferrari originale. Inoltre, ha ordinato con la vernice rosso granata e tappezzeria dello stesso colore, e tappeti blu.
      Era 1960 all’epoca Ferrari aveva l’abitudine di viaggiare sei mesi su una Fiat, poi sei mesi con una Lancia e sei mesi su un’Alfa Romeo. Guidava anche una Peugeot 404, di proprietà di un suo cognato che viveva in Francia. Inoltre, aveva una Ferrari regolarmente acquistata e per la quale il direttore commerciale Gardini gli aveva praticato uno sconto, peraltro contenuto.
      Il grande Drake ha sempre apprezzato le Peugeot per il loro comfort, il design e la qualità costruttiva, al punto che aveva diverse 404 e 504 per uso personale e addirittura una versione Sw per l’assistenza in pista. Era anche un modo per stuzzicare i vertici della Fiat – erano gli anni successivi alla famosa trasformazione dell’accordo di collaborazione tecnica del 1965 in partecipazione societaria paritetica – che ovviamente non apprezzavano per nulla la cosa…
      Ma Ferrari era caparbio, si sa, e continuava ad andare con una Peugeot 404 all’Autodromo di Modena per assistere ai test di collaudo delle sue macchine… La Fiat, però, fingeva con eleganza di non accorgersi delle divertite provocazioni del Grande Vecchio. E in tanti anni di passeggiate in Peugeot a Ferrari non venne mai contestato nulla…
       






×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.