Jump to content

Il futuro dei siti produttivi Stellantis


Recommended Posts

Sarebbero confermate le prossime 208 e Corsa su STLA Small a Figueruelas, e 2008 a Vigo. Forse in futuro la Ypsilon non sarà più prodotta in Spagna, ma in Italia. Articolo di fonte abbastanza affidabile:

 

https://www.latribunadeautomocion.es/2024/02/stla-small-208-corsa-zaragoza-2008-vigo/


 

Cita

En la planta aragonesa, el urbano de la firma del león tiene como fecha estimada de lanzamiento mediados de diciembre de 2026 y el de la del rayo, finales de mayo de 2027. Respecto a la proyección de volúmenes de producción, el e-208 figura con 158.000 unidades en 2027, 185.000 en 2028 y superar las 200.000 en 2029; mientras que con el Corsa Electric se calculan 150.000 en su primer ejercicio completo en 2028.

En este sentido, Figueruelas podría ensamblar alrededor de 335.000 coches en ese último curso, en comparación con los 365.739 de 2023. Esta estimación se da considerando que el Lancia Ypsilon, cuya fabricación en serie en el centro zaragozano arrancará el próximo marzo, no continuaría en el futuro, y es que este vehículo podría acabar derivándose a Italia.

 

Link to comment
Share on other sites

Intanto Mirafiori perde anche Levante che esce ufficialmente di produzione il 31/3 ,era l'unica Maserati che qualche numero ancora lo faceva.....

Con Ghibli/4Porte e Granturismo/cabrio credo che non si salvi lo stabilimento...

  • I Like! 1

Guidatore medio di S.w. mi piacciono le auto , fumatore Light e AD INTERIM convivente... questo è nicogiraldi....

875kg - 260+ cv i numeri del mio piacere

Link to comment
Share on other sites

7 minuti fa, nicogiraldi scrive:

Intanto Mirafiori perde anche Levante che esce ufficialmente di produzione il 31/3 ,era l'unica Maserati che qualche numero ancora lo faceva.....

Con Ghibli/4Porte e Granturismo/cabrio credo che non si salvi lo stabilimento...

Ghibli, 4P e GT hanno fatto insieme meno di 3500 globale durante 2023. Con 220 giorni lavorativi sono 16 unite al giorno .... forse non sufficiente completamente per un sito come Mirafiori.

 

 

Link to comment
Share on other sites

28 minuti fa, nicogiraldi scrive:

Intanto Mirafiori perde anche Levante che esce ufficialmente di produzione il 31/3 ,era l'unica Maserati che qualche numero ancora lo faceva.....

Con Ghibli/4Porte e Granturismo/cabrio credo che non si salvi lo stabilimento...

 

Non credo che Ghibli e Quattroruote, esattamente come Levante, sopravviveranno a Luglio 

  • I Like! 4

1486064684650356737.gif.a00f8cace62773a93b9739b2906757ee.gif

Link to comment
Share on other sites

Alcuni messaggi che trattano l'argomento Stellantis, oltre allo specifico sul futuro dei siti, sono stati spostati nella discussione "rumors", dato che sono emerse ipotesi e suggerimenti su come e dove produrre gli attuali e futuri modelli

 

---

 

I post relativi all'andamento delle vendite della 500 e relativi commenti sono stati spostati nel topic ⬇️

 

 

Edited by AleMcGir
  • Thanks! 1
Link to comment
Share on other sites

 

StellantisSzentgotthardHungary.thumb.png.eebaffe9707a09694de19473ccd26959.png

 

Cita
Stellantis incrementa la produzione dei moduli di propulsione elettrica per favorire la crescita della gamma di prodotti elettrificati
  • Stellantis dà nuovo impulso alla realizzazione di motori elettrici attraverso la produzione di moduli di propulsione elettrica (EDM) negli impianti di Tremery-Metz, Francia, Szentgotthard, Ungheria, e Kokomo, Indiana, USA. A questo si aggiunge la produzione di trasmissioni elettrificate a doppia frizione (eDCT) effettuata nel comprensorio di Mirafiori, Italia
  • L’aggiunta dello stabilimento ungherese di Szentgotthard, con un investimento di 103 milioni di euro, è parte della trasformazione dei siti produttivi di Stellantis, mirata al raggiungimento degli importanti obiettivi di elettrificazione del piano strategico Dare Forward 2030

 

AMSTERDAM, 12 febbraio 2024 – Stellantis N.V. ha annunciato oggi che intende aumentare la capacità produttiva di EDM avviandone la produzione anche nell’impianto di Szentgotthard, in Ungheria. L’avvio della produzione è previsto per la fine del 2026.

 

L’investimento, che beneficia dello stanziamento del governo ungherese, ammonta a 103 milioni di euro. L’iniziativa costituisce l’esempio più recente dell’impegno di Stellantis per trasformare i suoi stabilimenti in funzione del proprio futuro elettrificato. L’Azienda potrà così contare su un nuovo sito dedicato alla produzione di EDM, che si aggiunge agli impianti di Tremery-Metz, Francia, e Kokomo, Indiana, USA.

 

Inoltre, nel corso del 2024 il comprensorio di Mirafiori, in Italia, aumenterà la produzione delle trasmissioni elettrificate a doppia frizione (eDCT) di nuova generazione per i veicoli Stellantis ibridi e ibridi plug-in.

 

“Avviare la produzione dei moduli di propulsione elettrica a Szentgotthard accelera la nostra transizione verso l’elettrificazione. Si tratta di un intervento che ci avvicina ulteriormente all’obiettivo di fornire ai clienti una mobilità pulita, sicura ed economicamente accessibile”, afferma Arnaud Deboeuf, Chief Manufacturing Officer di Stellantis. “I dipendenti dello stabilimento possono essere orgogliosi del fatto che il loro lavoro sarà parte integrante del nostro futuro elettrificato, un fattore fondamentale nell’offerta di veicoli elettrici dei nostri brand iconici, leader di settore e sempre più orientati al cliente”.

 

“Questo investimento dimostra l’importanza crescente dell’Ungheria nel favorire la transizione dell’industria automobilistica verso l’elettrificazione”, ha affermato il ministro Péter Szijjártó. “Adesso, la produzione di propulsori tradizionali sarà affiancata da quella di moduli di propulsione elettrica. Con questo investimento proteggiamo i posti di lavoro e assicuriamo il futuro dello stabilimento di Szentgotthárd”

 

Gli EDM prodotti a Szentgotthard saranno utilizzati nei veicoli assemblati su una nuova piattaforma STLA dedicata ai BEV. La produzione di EDM avverrà nelle strutture già esistenti dello stabilimento. Le nuove attività di produzione di moduli di propulsione elettrica presso l’impianto includeranno la lavorazione di componenti chiave, nonché l’assemblaggio finale e il collaudo di EDM 3 in 1, la soluzione che riunisce in una singola unità il motore elettrico, il gruppo riduttore e l’inverter.

 

Attualmente, lo stabilimento di Szentgotthard assembla motori a combustione a 3 cilindri turbo da 1,2 litri e a 4 cilindri da 1,6 litri, utilizzati su un’ampia gamma di veicoli Stellantis. I dipendenti di Stellantis parteciperanno a sessioni di formazione e aggiornamento, così da ottenere le competenze necessarie alla lavorazione e all’assemblaggio di EDM.

 

Nei prossimi 10 anni, Stellantis ha in programma di investire oltre 50 miliardi di euro nell’elettrificazione per raggiungere gli obbiettivi del piano strategico Dare Forward 2030, che prevedono di arrivare entro il 2030 al 100% del mix di vendite con veicoli elettrici a batteria (BEV) per il trasporto passeggeri in Europa ed al 50% con autovetture e veicoli commerciali leggeri BEV negli Stati Uniti. Per raggiungere questi obiettivi di vendita, l’Azienda si sta assicurando circa 400 GWh capacità pianificata di batterie, grazie al supporto di sei impianti di produzione di batterie in Nord America e in Europa. Stellantis è sulla buona strada per diventare un’azienda a zero emissioni di carbonio entro il 2038, tutti gli ambiti inclusi, con una compensazione a una cifra delle emissioni rimanenti.

 

 

Edited by j

1486064684650356737.gif.a00f8cace62773a93b9739b2906757ee.gif

Link to comment
Share on other sites

 

 

Cita

Stellantis, un’auto cinese per il rilancio di Mirafiori. Allo studio la produzione di vetture Leapmotor

Secondo Automotive News il sito torinese potrebbe partire nel 2026 con una produzione di 150 mila vetture  elettriche di prossimità urbana

 

Carlos Tavares

 «In Stellantis abbiamo fatto una grande mossa strategica con la partnership con Leapmotor – ha detto scorsa settimana il ceo di Stellantis  Carlos Tavares durante la call con i giornalisti italiani presentando i risultati del gruppo – se avremo l’opportunità di produrre vetture di Leapmotor in Italia lo faremo, se avesse senso dal punto di vista economico, è uno dei grandi asset che portiamo e che potremmo portare sul mercato europeo». 

Auto cinesi a Mirafiori

Secondo il settimanale Automotive News Europe, il piano di Stellantis potrebbe portare a Mirafiori una produzione di 150 mila vetture Leapmotor a partire dal 2026.

https://torino.corriere.it/notizie/economia/24_febbraio_19/stellantis-un-auto-cinese-per-rilancio-di-mirafiori-allo-studio-la-produzione-di-vetture-leapmotor-683f25a4-a57c-4960-aaf4-438773d19xlk.shtml

Edited by AleMcGir
Formattazione testo
  • I Like! 1
  • Wow! 3
Link to comment
Share on other sites

Era chiaro che l'avrebbero fatto dal giorno dell'accordo con i cinesi.

. “There are varying degrees of hugs. I can hug you nicely, I can hug you tightly, I can hug you like a bear, I can really hug you. Everything starts with physical contact. Then it can degrade, but it starts with physical contact." SM su Autonews :rotfl:

Link to comment
Share on other sites

Le domande sono tre: che tipo di vettura far produrre, quanto differenziarla dall' originale ed a chi potenzialmente venderla

La prima per capire a quale altra del gruppone possa dar fastidio e come integrarla nella gamma

La seconda per capire quali costi aggiuntivi avrai in base a quanto la cambierai

La terza serve per capire il posizionamento come prezzo e su che mercato venderla: se fai una super low cost per venderla in italia devi comunque tener presente che l' italia non è pronta per l' elettrico mentre per l' estero farla troppo low cost potrebbe non essere presa in considerazione

  • I Like! 2

Link to comment
Share on other sites

11 minuti fa, TONI scrive:

Le domande sono tre: che tipo di vettura far produrre, quanto differenziarla dall' originale ed a chi potenzialmente venderla

La prima per capire a quale altra del gruppone possa dar fastidio e come integrarla nella gamma

La seconda per capire quali costi aggiuntivi avrai in base a quanto la cambierai

La terza serve per capire il posizionamento come prezzo e su che mercato venderla: se fai una super low cost per venderla in italia devi comunque tener presente che l' italia non è pronta per l' elettrico mentre per l' estero farla troppo low cost potrebbe non essere presa in considerazione

Beh, quella nella foto dell'articolo sembra tanto FIAT :)

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×
×
  • Create New...

 

Please, disable AdBlock plugin to access to this website.