Vai al contenuto

Messaggi Raccomandati

Mi sembrano un po troppi sti motori, probabilmente avranno avuto le loro buone ragioni, ma così senza saper ne leggere ne scrivere, avrei tolto di mezzo il vecchio 1.5 k9k, ridotto un pò di cilindrata il 1.6 R9N fino a circa 1.5cc con potenza fino a 120cv, e il 2.0 da 150cv in su.

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
4 ore fa, RiRino dice:

Mi sembrano un po troppi sti motori, probabilmente avranno avuto le loro buone ragioni, ma così senza saper ne leggere ne scrivere, avrei tolto di mezzo il vecchio 1.5 k9k, ridotto un pò di cilindrata il 1.6 R9N fino a circa 1.5cc con potenza fino a 120cv, e il 2.0 da 150cv in su.

con l'Euro6D e Euro7, se non vuoi imbrogliare serve la cilindrata, come ai vecchi tempi, c'è poco da fare...

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
con l'Euro6D e Euro7, se non vuoi imbrogliare serve la cilindrata, come ai vecchi tempi, c'è poco da fare...

Non è proprio così, o meglio non solo... e comunque un 1.5 da 120cv(il nuovo Psa ne ha 130 ad es.) avrebbe una potenza specifica più bassa del nuovo 1. 7 150cv, e solo 10cv in più del vecchio 1. 5 k9k, che è stato aggiornato alle più recenti norme sulle emissioni con l'Scr.  

 

Comunque sia, continuando a parlare di fantaversioni, andrebbe bene anche senza ridurlo di cilindrata il 1. 6 R9n per me, solo che 1. 5 cc la trovo una cilindrata più baricentrica anche per potenze inferiori per chi ha la fobia della cilindrata, vedi il nuovo 1.5 Ford.

 

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Buongiorno a tutti!

 

possiedo un Espace IV e stavo valutando il passaggio alla quinta versione ma non mi convincono principalmente due cose:

 

1) la motorizzazione troppo poco potente il diesel al punto che stavo valutando il benzina, ma poi ho letto la notizia in questo thread di un probabile motore 2.0 dci. LA CONFERMATE?  Se si c'è qualche notizia sulla data di eventuale uscita? oppure  Renault ha accantonato l'idea?

 

2) l'assetto!!! ho provato la versione diesel ma per le mie abitudini la macchina beccheggia davvero tanto, mi sembrava di rimbalzare su strade sconnesse, gli ammortizzatori sono davvero troppo morbidi. Cosi ho contattato Renault Italia per sapere se l'assetto della motorizzazione a benzina 225 cv è piu rigido visto il motore. Mi hanno detto che cercheranno di soddisfare la mia richiesta, ma per ora non ho ancora saputo nulla. Voi sapete qualcosa?

 

Grazie

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

i motori qui sono stati dichiarati da Renault, quindi ci saranno.

 

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Speriamo bene. Grazie

 

Per quanto riguarda invece gli ammortizzatori della motorizzazione a benzina non sapete se l'assetto è piu rigido?

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
On 5/7/2018 at 09:47, Beckervdo scrive:

i motori qui sono stati dichiarati da Renault, quindi ci saranno.

 

Mi sembra son uscite le Latitude 1.3 benzina e 1.7 diesel

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
On 5/2/2018 at 19:32, Gianlu96 scrive:

Desumo quindi, chei il glorioso 1.5 dCi sarà progressivamente destinato a scomparire, dato che non si parla di alcun incremento (nemmeno AdBlue).

 

 

 

 

Noooo il motore della mia auto, che ha già fatto 220mila km senza nessun problema. Me sa che me lo terrò stretto ancora per un bel po'

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere iscritto per commentare e visualizzare le sezioni protette!

Crea un account

Iscriviti nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Contenuti simili

    • Da Davialfa
      Scusate la domanda un po' ingenua
       
      Mi chiedevo da cosa dipende la qualità costruttiva, specialmente negli assemblaggi di un automobile. Mi spiego meglio, è assodato che alcune marche, vedi ad esempio gruppo Vag (con Audi e Vw) ma più in generale marchi tedeschi o giapponesi sono riconosciuti ovunque per un ottima qualità costruttiva, sopratutto da un punto di vista degli assemblaggi, mentre ci sono altri brand come ad esempio Fiat o Alfa che sono da anni indietro rispetto ai primi della classe in questa specifica cosa. Mi chiedo come, in un mondo molto automatizzato come quello automotive, esistano ancora queste grandi differenze e da cosa dipendano. Cioè non credo che ad esempio in Fiat i progettisti o gli operai siano più "scarsi" che in vw o che se ne freghino se l'assemblaggio di un auto è fatto male.
       
      Dipende dalla qualità dei materiali? Dipende dalle risorse disponibili in fase di progettazione ( più progettisti che si occupano di verificare 100 volte che il progetto è ok)? differenze risorse per le fabbriche (robot più precisi, più operai, migliori macchinari etc)? 
      Perché se Vw dovesse fare una punto, con le stesse caratteristiche della punto e lo stesso design, questa verrebbe di qualità costruttiva di una punto made in fiat?
       
      Non so se mi sono spiegato, scusate per le domande un po' stupide
    • Da Beckervdo
      ZF introduce una trasmissione manuale con attuatori elettronici per le vetture micro e mini-ibride.
      eAMT (electrified Automated Manual Trasmission) per l'impiego su vetture con propulsori trasversali. 
      Il sistema combina l'asse elettrico motorizzato (eVD) con la trasmissione manuale (AMT) in un unico sistema, questo gli consente di non avere interruzione di continuità nel passaggio dalla trazione elettrica a quella "convenzionale".
      In aggiunta a tutte le funzioni peculiari dell'ibrido, quali il recupero dell'energia in frenata e boost, è in grado di rendere le piccole vetture convertibili all'ibrido ad un costo ridotto. Resta solo da definire lo spazio all'interno dello chassis.
       
      —Norman Schmidt-Winkel, functional developer of electric drives at ZF   ZF afferma che la nuova eAMT è al pari di funzionamento di un moderno automatico a convertitore di coppia o di un doppia frizione.  Essendo un manuale automatizzato, ci sarà un minimo distacco di potenza nel passaggio da una marcia all'altra, ma questo è ampiamente superato dall'unità elettrica, che limita la mancanza di continuità.  La centralina di gestione dell'unità elettrica sull'asse posteriore, capisce quando è stato richiesto un cambio marcia, o quando è richiesto un plus di potenza - magari in fase di sorpasso - e la trazione viene aggiunta anche dall'asse posteriore.  Valido anche per quando si percorrono sterrati leggeri e fondi a bassa aderenza, sfruttando un integrale on-demand in piena regola.   ZF l'ha dimensionato sulla SUV Duster, proponendo anche un funzionamento - per brevi km - in modalità esclusivamente elettrica, rendendo di fatto la vettura una micro-hybrid.   Utilissimo per gli start/stop cittadini e per il traffic Jam, mentre nelle fasi di gas costante in autostrade è possibile disaccoppiare la trasmissione manuale e veleggiare (Coasting) riducendo i consumi.   


       
      Via Green Car Congress
×