Jump to content

Scelte Strategiche DR Automobiles Groupe


Recommended Posts

16 ore fa, nucarote scrive:

Intanto però la rete si è bella ingrandita in questi ultimi due anni, anche perchè mi sa che erano gli unici ad avere auto nel piazzale da vendere. 

 

sì ma bisogno poi veder cosa c'è dietro alla rete.

qui da me ad esempio il marchio (o per meglio dire i marchi, alla luce degli ultimi sviluppi del band) mi pare sia alla mercé di un balletto non troppo rassicurante, per gli acquirenti. nel senso che un giorno il concessionario è Tizio e il giorno dopo è Caio. laddove in genere Caio è una realtà più piccola di Tizio che forse si è scottato e ha mollato la presa su una roba che pareva un affarone e invece forse è una rogna...

Edited by slego
Link to comment
Share on other sites

3 minuti fa, slego scrive:

 

sì ma bisogno poi veder cosa c'è dietro alla rete.

qui da me ad esempio il marchio (o per meglio dire i marchi, alla luce degli ultimi sviluppi del band) mi pare sia alla mercé di un balletto non troppo rassicurante, per gli acquirenti. nel senso che un giorno il concessionario è Tizio e il giorno dopo è Caio. laddove in genere Caio è una realtà più piccola di Tizio che forse si è scottato e ha mollato la presa su una roba che pareva un affarone e invece forse è una rogna...

Dalle mie parti un grosso ex FCA e soprattutto un grosso gruppo di concessionarie che tra i marchi ha: Toyota, Renault (ha perfino rilevato la ex Filiale Renault di Napoli), BMW hanno preso anche  il mandato DR (ma non quello degli altri marchi del gruppo). Per cui non credo che ci dovrebbero essere grosse sorprese finchè la casa madre si comporterà bene con i loro mandatari.

Comunque a mia memoria da quando DR esiste ha sempre avuto una rete piuttosto "fluida" e malgrado tutto c'è gente che gli da fiducia (anche perchè i piazzali sono sostanzialmente vuoti) e le DR di 15 anni fa camminano ancora... 

Link to comment
Share on other sites

  • 3 weeks later...

DR Automobiles
"Ricambi in ritardo di mesi", ma la Casa non ci sta

Interpellata da Quattroruote, la DR parla del problema dei ricambi in ritardo, "nato in pandemia e successivamente amplificato dall’enorme successo dei nostri marchi. La disponibilità dei ricambi vive un momento ancora difficile: tutte le Case stanno fronteggiando la questione. Da parte nostra, a febbraio abbiamo iniziato a implementare un piano d’azione che prevede l’ottimizzazione del processo di ordine ricambi, con la creazione di un nuovo magazzino (a luglio) e il raddoppio della forza lavoro dedicata al business dei ricambi (a settembre). Più l’organizzazione a doppi turni dell’attività di magazzino e il raddoppio del gruppo di back office dedicato ai magazzini delle reti DR (a ottobre). A dicembre verrà creato un magazzino volano per la gestione di casi critici e, per la seconda metà del 2024, è in programma l’ampliamento del magazzino. Quanto fatto ci ha permesso di incrementare le linee di ordine ricevute dalla rete (+200% sul 2022); inoltre, rispetto all’anno scorso, si è abbassato del 40% il tempo medio di evasione delle linee di ordine, e a ottobre le spedizioni effettuate mensilmente sono salite del 300% su gennaio 2023. In attesa che le cose migliorino ancora realizzando i punti indicati nel nostro piano"

 

https://www.quattroruote.it/news/industria-finanza/2023/11/09/ritardo_ricambi_dr_.html

1486064684650356737.gif.a00f8cace62773a93b9739b2906757ee.gif

Link to comment
Share on other sites

L'ho letto su LinkedIn... se prima nutrivo una buona stima dei prodotti DR/Evo, adesso (anche alla luce di quest'ultimo avvenimento) nutro parecchi dubbi sui suoi prodotti🤔

Ma in tutto questo le vendite di Sportequipe e ICKX non si trovano da nessuna parte, tu che ne sai più di me sul mondo DR sai qualcosa?

Edited by __P
Link to comment
Share on other sites

  • 3 weeks later...

(Adnkronos) – Nel 2024 DR diventa 'maggiorenne' (il debutto al Motorshow del 2006) ma "dopo anni difficili, pensiamo di essere a un buon punto nel nostro percorso: siamo al 2% di share, e continuiamo a crescere. Dopo un 2022 a quota 25 mila unità, per quest'anno prevediamo una crescita di circa il 70% a 35 mila unità e altrettanto nel 2024 per arrivare intorno a quota 50 mila unità" con un fatturato che va verso quota un miliardo di euro. Lo conferma all'Adnkronos Massimo Di Risio, l'imprenditore molisano fondatore di DR Automobiles, a margine della presentazione della nuova SportEquipe 8 Hybrid Plug-in, un Suv che rappresenta non solo l' 'ammiraglia' del brand più premium ma anche il modello tecnologicamente più avanzato del gruppo. "Peraltro – aggiunge – negli ultimi mesi la nostra crescita è avvenuta soprattutto nel mercato retail, sacrificando un po' la quota delle flotte: è stata una scelta deliberata, che ci da' maggiore redditività ma anche una maggiore certezza del valore residuo" con benefici anche per il cliente privato. Di Risio anticipa che "abbiamo una politica di vendita e comunicazione molto importante nel 2024 soprattutto su DR con nuovi modelli e nuove formule di acquisto. Presto arriveranno formule di acquisto e finanziamenti personalizzati DR, con un modello che si avvicinerà a una formula che dia tutti i servizi del noleggio ma lasciando al cliente la proprietà della vettura e quindi il valore residuo". Con la 'scommessa' Sportequipe – aggiunge – "entriamo in un mercato diverso, più difficile e competitivo, finora appannaggio di marchi più blasonati: crediamo di avere a disposizione un prodotto con le carte giuste, tecnologicamente avanzato, con grande piacere di guida a un prezzo contenuto rispetto alla concorrenza, ma senza sacrifici ne' in termini di stile che di qualità". Certo, ammette Di Risio, "i volumi continueremo a farli con Evo, il marchio entry level, e DR, con un rapporto di vendita di 1 a 2. Ma vogliamo avere un ruolo anche nel premium perché crediamo che questo avrà una ricaduta d'immagine per tutto il gruppo". Gruppo che – forte di una crescita a 3 cifre nei primi sei mesi dell'anno ora guarda apertamente a una espansione in Europa. "La Spagna sarà il nostro secondo mercato: in passato abbiamo venduto molte vetture ad agenzie di noleggio ma ora stiamo lavorando alla realizzazione di una rete che abbia tutti i nostri marchi".  Nel frattempo, Di Risio conferma l'impegno per il territorio di origine: "Siamo l'azienda più grande del Molise – ricorda – dove abbiamo in progetto una espansione degli stabilimenti di assemblaggio: nei mesi scorsi abbiamo realizzato un nuovo magazzino ricambi completamente automatizzato, stiamo scontando la fase di passaggio verso questo nuovo servizio ma puntiamo a offrire un servizio di eccellenza" anche per quanto riguarda l'assistenza. "Continuiamo a ricevere manifestazioni di interesse da altre regioni ma – conclude – pensiamo di avere un impegno sociale nei confronti della nostra terra di origine". 

1486064684650356737.gif.a00f8cace62773a93b9739b2906757ee.gif

Link to comment
Share on other sites

che sia plateale o mimetizzata come in questo caso, la presenza dell'automotive cinese è sempre più importante. mi chiedo se il nostro sistema paese ci guadagni qualcosa con l'operazione dr. quasi quasi ho il dubbio che, facendo passare l'idea che dr sia  un marchio nostrano, ci andiamo a perdere. detto questo nelle mie zone se ne vedono anche troppe per  miei gusti.

Link to comment
Share on other sites

Novità in casa DR: 

 

👉 Ritorna la EVO 6 

👉Ritorna nei listini anche la DR F35

👉DR potrebbe lanciare un nuovo modello top di gamma, la 9.0, basato sul Chery Tiggo 9

👉 In arrivo a metà 2024 Sportequipe 8 plug-in GPL 

 

https://it.motor1.com/news/698688/dr-evo-sportequipe-auto-novita-2024/

Edited by j
  • Thanks! 1
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×
×
  • Create New...

 

Please, disable AdBlock plugin to access to this website.