Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuto su Autopareri - il forum dell'automobile!
Sign in to follow this  
Dodicicilindri

Bentley diesel? Perchè no

Recommended Posts

Ulteriore dimostrazione che certi discorsi nostalgici non sono più adatti al mercato moderno, ecco che anche la Bentley si dichiara pronta a passare al diesel:

Lo ha fatto Porsche, perché non potrebbe farlo anche Bentley? La risposta è nella dichiarazione rilasciata dal presidente del gruppo Volkswagen, Martin Winterkorn, ad "auto motor und sport": "Non ho nessun freno mentale nell'immaginare un prodotto di tale fascino con un propulsore diesel biturbo".

Presto, quindi, anche il marchio britannico pobrebbe avere un modello equipaggiato con un motore a gasolio. Sotto il cofano potrebbe rombare il 3.0 biturbo da oltre 300 CV che debutterà presto sulla nuova Audi A8.

fonte: quattroruote.

Share this post


Link to post
Share on other sites

In Bentley dicono che un motore diesel potrebbe essere l'ideale per garantire l'elevata coppia e l'utilizzo a basso numero di giri, caratteristica distintiva delle loro auto.

però l'utilizzo di un V6 la porterebbe davvero troppo in basso imho, se ne venderebbero molte però l'immagine del marchio precipiterebbe.

se proprio hanno intenzione di usare un motore a gasolio, ci vorrebbe il V12. stiamo sempre parlando di un marchio ultra-esclusivo...

Share this post


Link to post
Share on other sites

In un periodo come questo, in cui si hanno tante difficoltà a guadagnare e a vendere, si punta su tutto ciò che possa consentire di aumentare il numero di auto vendute, senza preoccuparsi troppo dell'immagine.

Share this post


Link to post
Share on other sites
In un periodo come questo, in cui si hanno tante difficoltà a guadagnare e a vendere, si punta su tutto ciò che possa consentire di aumentare il numero di auto vendute, senza preoccuparsi troppo dell'immagine.

si, questo è indubbio... però c'è pur sempre un limite. un V8 TDI è anche accettabile imho, però un V6 lo considero davvero troppo riduttivo...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Sign in to follow this  

  • Similar Content

    • By Beckervdo
      Bentley celebra il suo centenario con la Bentley EXP 100 GT Concept, la prima vettura della "B Alata" completamente elettrica. La piattaforma è la PPE del gruppo Volkswagen su cui nascono già la Porsche Taycan e la Audi e-Tron.
      Misura 5,8 metri di lunghezza e quasi 2,4 metri di larghezza . D'altra parte, le porte del guidatore e del passeggero sono larghe due metri e aperte verso l'esterno e verso l'alto per facilitare l'accesso e l'uscita dall'abitacolo. Il corpo vettura è dipinto in colore Compass creato appositamente per l'occasione e ispirato ai colori autunnali. Né dovremmo perdere di vista i disegni di entrambi i gruppi ottici e la forma generale della parte posteriore.
      La massiccia griglia in rete (composta da 6.000 lampadine a LED), separate da un sottile pezzo di rame, conferisce alla fascia anteriore un'espressione inconfondibile. I fari smussati arrotondati abbattono la tradizionale configurazione Bentley a due roundel per qualcosa di più snello. Ma attraverso tutto ciò, rimane una caratteristica identificativa: il Flying B montato sul cofano.
       
      E che dire degli interni? Nel interno della Bentley EXP 100 GT è dove la mano degli artigiani della società mostra tutta la sua maestria. I materiali di primo livello sono stati lavorati con cura per raggiungere un ambiente in cui si respira lusso e comfort. Legno e pelle sono molto presenti in tutto l'abitacolo. L'assistente personale di Bentley occupa uno spazio privilegiato nella console centrale, dove può essere visualizzato grazie alla luce proiettata su un vetro.
      I sedili intelligenti biometrici adattivi in tre modi, possono essere configurati a seconda se il conducente sta guidando o se utilizza la tecnologia della guida autonoma. L' intelligenza artificiale è in grado di scegliere tra cinque diverse modalità per i passeggeri di godere di una buona esperienza di viaggio: Enhance, Cocoon, Capture, Re-Live  e Personalizzato.
      Per quanto riguarda la sezione meccanica della Bentley EXP 100 GT, dobbiamo nuovamente sottolineare che si tratta di  un'auto elettrica. È alimentata da quattro motori elettrici che sviluppano una coppia massima di 1.500 Nm e consentono al veicolo di accelerare da 0 a 100 km / h in meno di 2,5 secondi e raggiungere una velocità massima di 300 km / h. Il peso del veicolo è fissato a 1.900 chilogrammi anche con carrozzeria in alluminio e fibra di carbonio. La linea del tetto spiovente e inclinata (ispirata in parte dall'iconico R-Type Continental) si estende senza soluzione di continuità nella lunetta posteriore, gli inserti in rame e argento coprono i bordi della finestra, il parabrezza e le parti delle ruote "Active Aero" a raggi spessi e Il tetto argentato compensa la sorprendente nuova finitura "Compass" di Bentley.
       
      Il sistema di trazione consente un controllo mediante la vettorizzazione della coppia, poiché trasmette il 50% di potenza in più così da affrontare una curva in modo più efficace. Sebbene Bentley non abbia approfondito i dettagli, afferma che la batteria agli ioni di litio consente di realizzare un'autonomia di 700 chilometri. Bentley sottolinea inoltre che la batteria può essere ricaricata fino all'80% della sua capacità in soli 15 minuti (CCS).
       




       
    • By Beckervdo
      La terza generazione della Bentley Contintental Flying Spur è leggermente più lunga della sua progenitrice: la lunghezza cresce fino a 5304 millimetri e con un passo esteso di 130 mm (ben 3195 mm). Lo stile esterno è ispirato dalla Coupe' Continental GT ed adattato alla forma a quattro porte, dove le porte posteriori sono maggiormente estese, così da consentire un facile accesso nel lussuoso abitacolo. Sin dall'inizio, la Flying Spur è equipaggiata con fari a matrice LED e cerchi da 21 pollici, mentre Mulliner ha anche preparato un paio di set da 22 pollici opzionali.
      Il gigantesco tetto apribile panoramico darà maggior luce all'abitacolo e si completa con un pannello frontale inclinabile elettricamente che scivola all'indietro sul pannello posteriore fisso sul retro. Per la prima volta su un Flying Spur reinterpreta lo stile della "B Alata", fornendo anche una versione retrattile ed è persino illuminata; questo fa parte della sequenza di illuminazione di benvenuto quando l'autista si avvicina alla vettura.
      Anche la griglia è stata rinnovata, con un design che si ispira alla Continental S1 del 1957, mentre la carrozzeria sarà disponibile in 17 tinte esterne accoppiate a finiture scure o cromate. Infinita la personalizzazione offerta da Mulliner. I fari saranno dotati di accenti cromati standard per farli brillare anche quando non sono illuminati, mentre i fanali posteriori sono decorati con il motivo "B" ed hanno un design che imita la zigrinatura a diamante delle prese d'aria all'interno.
      All'interno, l'abitacolo è disponibile in 15 tinte differenti e migliaia di combinazioni tra pellami pregiate, inserti in legno dalle varie essenze e trapuntature "diamond" per sedili e pannelli porta.
       
      Il touchscreen rotante da 12,3 pollici occupa il centro della scena sul cruscotto, ma può rimanere completamente nascosto dietro la sezione di rivestimento. In alternativa, il pannello rotante mostra tre quadranti analogici che raffigurano un cronometro, una bussola e la temperatura esterna per coloro che preferiscono un aspetto da vecchia scuola. Il sistema audio standard a 10 altoparlanti può essere aggiornato con un impianto Bang & Olufsen da 16 altoparlanti da 1500 watt o al sistema Naim da 2200 watt a 19 canali con trasduttori di bassi attivi incorporati nei sedili anteriori.
       
      Il cuore della nuova Flying Spur è un motore W12 TwinTurbo da 6,0 litri che produce 467 kW / 635 CV e 900 Newton-metri di coppia, lo stesso che equipaggia la Bentley Bentayga Speed, che vengono scaricati al suolo attraverso un cambio automatico ad otto rapporti a doppia frizione . Anche se l'auto ferma le bilance a 2.435 chilogrammi,  è in grado di coprire il classico 0-100 km/h in solo 3,8 secondi prima di arrivare alla punta massima di 333 km/h.
       
      Per enfatizzare la manovrabilità, per la prima volta su Bentley, è presente un sistema di quattro ruote sterzanti (AWS). Il sistema AWS dirige le ruote posteriori nella direzione opposta rispetto alle ruote anteriori quando l'auto viene guidata a basse velocità per ridurre il raggio di sterzata e farlo sembrare più "piccola" durante la guida in città, quando parcheggiare una berlina dalle generose dimensioni può essere un po' una seccatura. 
      Evitando il sistema di trazione integrale fisso a 60:40 della precedente generazione, la nuova Bentley Continental Flying Spur vanta un sistema di trazione integrale AWD attivo che adatta automaticamente la distribuzione della coppia in base allo slittamento delle ruote ed alle condizioni della strada.
      Inoltre, grazie al sistema sospensivo ad aria riprogettato (60% di volume d'aria in più nelle sospensioni pneumatiche), in associazione al controllo continuo dello smorzamento per regolare gli ammortizzatori delle sospensioni pneumatiche, si viaggia su un cuscino. 
      I freni anteriori da 420 mm sono più grandi di quelli della vecchia Flying Spur; operazione necessaria per far fronte all'aumento di potenza derivante dal motore W12. 
      Bentley inizierà a prendere ordini questo autunno e darà il via alle consegne dei clienti all'inizio del prossimo anno.

       
       
      Cartella stampa Bentley Continental Flying Spur
       
      Via Bentley
       
      Topic Spy --> https://www.autopareri.com/forums/topic/62150-bentley-continental-flying-spur-iii-spy/
       
    • By Beckervdo
      Nella primavera del 2018, Volvo Cars ha avviato un progetto pilota insieme a Taxi Gothenburg, che doveva gestire un centinaio di automobili, in primis la V90 con motori D3 e D4, alimentati con HVO100. Il tutto è andato così bene che Volvo ha annunciato in autunno che tutte le compagnie di taxi in Svezia potranno utilizzare il biodiesel rinnovabile nelle versioni D3, D4 e D5 del modello S90 e V90 dal 2018 in poi, così come il modello V60 dal 2019 in poi.
       
      Ora, sei mesi dopo, Volvo ha ricevuto un forte riconoscimento del fatto che l'HVO100 viene ben digerito dai suoi diesel. Pertanto, oggi annunciano che sarà disponibile anche per i conducenti di auto private la possibilità di rifornirsi con il Biodiesel rinnovabile l'HVO100.
       
      - Siamo soddisfatti dei buoni risultati del test con le flotte di taxi in Svezia. Pertanto, possiamo rilasciare liberamente il carburante HVO100 per i clienti privati e aziendali ", afferma Mats Andersson, Vicepresidente di Propulsion Power Systems di Volvo Cars.
       
      I modelli approvati per HVO100
      L'alimentazione con HVO100, tuttavia, non sono disponibili per tutti i modelli Volvo con motore diesel, ma solo per i modelli di auto su piattaforma SPA e CMA attualmente in produzione, ovvero XC90 dal 2015, S90, V90, V90 Cross Country dal 2016 in poi, XC60 dal 2017, V60, V60 Cross Country dal 2018 in poi e XC40 dal 2018 in poi. Le auto più vecchie con la stessa designazione del modello non devono essere riempite con HVO100.
       
      - Riteniamo molto positivo che ora possiamo offrire ai clienti che hanno un'auto Volvo con motore diesel tra i modelli attuali di poter rifornire di carburante un'alternativa senza fossili. Queste macchine hanno un sistema di alimentazione adattato alle caratteristiche leggermente diverse del carburante HVO100, afferma Mats Andersson.
       
      Emissioni più basse
      L'HVO100 omologato per il rifornimento di carburante deve essere classificato secondo lo standard europeo di carburante per il diesel paraffinico EN15940. 
      L'HVO100 riduce le emissioni di anidride carbonica dell'85-90 %. HVO, che sta per Hydatic Vegetable Oil, è anche incluso nel normale diesel ma in quantità notevolmente inferiore rispetto a HVO100 dove 100 rappresenta una quota del 100% di HVO.
       
      Via Teknikensvarld.se
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.